Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

goky3

goky3

Autori che si fidano di me: 15 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Ciao!!! Spero che troverete interessanti le mie opinioni! Venite a leggerle, vi aspetto.

Opinioni scritte

dal 21/07/2003

107

Chicco Guaina Gravidanza Morbido Supporto Alla Schiena 25/06/2016

Guaina Chicco: grande aiuto negli ultimi mesi di gravidanza

Chicco Guaina Gravidanza Morbido Supporto Alla Schiena Non pensavo di avere bisogno di una guaina per gravidanza e invece mi è servita eccome! Finché lavoravo, costantemente seduta alla scrivania o sul divano, il peso della mia pancia non si sentiva molto. Le cose, però, sono decisamente cambiate quando ho iniziato a camminare di più, ad andare per negozi a fare gli acquisti per la bimba in arrivo, a bighellonare tra i banchi del mercato rionale del mio paese. Sentivo che il pancione di sette mesi mi sbilanciava in avanti e anche la schiena ne risentiva. Mi sono così decisa a recarmi nella parafarmacia più vicina per acquistare una guaina o una fascia per gravidanza. La commessa mi ha consigliato la prima, in quanto più confortevole e più semplice da mantenere in posizione. Aveva ragione. Una guaina per gravidanza è sostanzialmente una mutanda a vita altissima, che copre completamente la pancia. Alla mutanda è cucita una fascia elastica che passa sotto il pancione, per poi fissarsi con del velcro sulla schiena, nella zona lombare. Il velcro e l'elasticità della fascia consentono di stringere la fascia esattamente quanto serve. Indossando questa guaina, meglio se sopra la normale biancheria intima per non essere costrette a cambiarla una se non più volte al giorno, si ha un immediato sollievo: il pancione pesa meno e non carica eccessivamente la schiena. Unico neo il costo, attorno ai 40 euro. Tuttavia, si guadagna sicuramente in comfort e salute. Inoltre, va detto che la guaina per gravidanza di Chicco è di alta qualità: il ...

Neo Baby Coppette Assorbilatte 25/06/2016

Allattamento senza pensieri con le coppette assorbilatte Neo Baby

Neo Baby Coppette Assorbilatte Ora che la mia bimba è cresciuta e mi lascia qualche attimo in più di respiro, voglio ricominciare a scrivere su Ciao con una certa assiduità. E che cosa c'è di meglio che recensire i prodotti che ho scoperto proprio grazie alla sua nascita? Le coppette assorbilatte Neo Baby sono state una bella scoperta. Le ho acquistate in un grande negozio specializzato in prodotti per l'igiene e per la casa puntando al risparmio, in quanto allora non sapevo se ne avrei avuto bisogno oppure no. E mi sono servite eccome! Le coppette assorbilatte Neo Baby hanno un ottimo rapporto qualità prezzo. Tra le varie marche in commercio, infatti, sono le più economiche ma fanno perfettamente il loro dovere. Sono assorbenti e impermeabili ma anche sottili. Io le ho utilizzate in inverno e sparivano completamente sotto i vestiti. All'interno della scatola in cartone, le coppette sono ulteriormente confezionate una ad una, il che consente anche di tenerle in borsa senza che si sporchino o rovinino. Ogni coppetta ha una parte arricciata ed elastica a ciascun lato, per favorire l'aderenza al seno, mentre sul retro ha un piccolo adesivo per assicurarla al reggiseno ed evitare che si sposti. Personalmente, preferivo non attaccarle con l'adesivo e anche così restavano tranquillamente in posizione. La confezione da 30 pezzi, nel punto vendita in cui l'ho acquistata, costa attualmente 5,90 €.

Turkish Airlines (Thk) 21/06/2016

Turkish Airlines: ottimo servizio a un prezzo accessibile

Turkish Airlines (Thk) Dopo un lungo periodo di assenza dovuto a troppi impegni (ho avuto una bambina), rieccomi con una nuova opinione che covavo da tempo. Ho deciso di valutare Turkish Airlines dopo aver volato due volte con questa compagnia e avendo, entrambe le volte, riscontrato un ottimo servizio. In entrambi i casi il mio volo era da Hurghada (Egitto) a Milano Malpensa e ritorno, con scalo a Istanbul. Ora andrò a riassumere, punto per punto, la mia esperienza, sperando di essevi utile. 1) Prenotazione: ho prenotato sempre i miei voli sul sito ufficiale della compagnia. Il processo di acquisto è chiaro e intuitivo. Si impostano i criteri di ricerca del volo, si sceglie la soluzione preferita, si inseriscono i dati dei passeggeri e si paga. Se lo si desidera, è possibile spuntare la casella delle notifiche via SMS per ricevere la conferma della prenotazione. In alternativa, si dovrà trascrivere il numero di prenotazione che servirà per verificare lo stato del volo, apportare eventuali modifiche alla prenotazione, ecc., direttamente dal sito. Tutti i voli elencati riportano il prezzo già comprensivo di tasse, il che consente di risparmiare tempo e di scegliere agevolmente l'opzione più conveniente. 2) Assistenza online: ho richiesto assistenza proprio ieri, dopo aver prenotato un volo dall'Egitto all'Italia per me e mia figlia. Non avevo fatto in tempo a scrivere il numero di prenotazione perché la connessione mi era saltata all'improvviso e non avevo modo di reperire i dettagli del mio ...

Un giorno di gloria per Miss Pettigrew (Winifred Watson) 26/01/2015

Un giorno di gloria per Miss Pettigrew: il potere del caso

Un giorno di gloria per Miss Pettigrew (Winifred Watson) "Un giorno di gloria per Miss Pettigrew" di Winifred Watson è uno dei tanti romanzi inclusi nell'elenco dei 1001 libri da leggere prima di morire. Ne avevo già analizzati dei brani ai tempi dell'università, ma ho acquistato il libro solo di recente. Si tratta di una commedia leggera, divertente e frizzante, ambientata a Londra negli anni '30. Tuttavia, la storia è talmente attuale e lo stile narrativo talmente incalzante da rendere questo romanzo molto moderno, adatto a lettori di tutte le età. Miss Pettigrew è una donna di mezza età, un po' scialba e frustrata. Da tempo è alla ricerca di un lavoro e finalmente, in una fredda giornata dell'inverno londinese, viene inviata dall'ufficio di collocamento da una potenziale datrice di lavoro. Si tratta di Miss LaFosse, una donna giovane, affascinante e benestante che vive nel bel mondo. Le due non potrebbero essere più diverse, eppure vedremo come una serie di incidenti, tanto incredibili quanto spassosi, contribuiranno a creare tra loro un legame particolare. Il libro è suddiviso in capitoli, che descrivono gli eventi in diverse fasce orarie. Copre un periodo di 24 ore che, come dice il titolo, corrispondono all'imprevedibile giorno di gloria di Miss Pettigrew, quel giorno in cui la protagonista potrà dire di aver vissuto davvero. L'opera è molto piacevole e si legge senza grandi sforzi: consigliatissima a tutti, soprattutto a chi ama la buona letteratura condita con un pizzico di humor all'inglese.

Non ti muovere (Margaret Mazzantini) 06/12/2014

Non ti muovere: la confessione senza filtri di un padre

Non ti muovere (Margaret Mazzantini) "Non ti muovere" di Margaret Mazzantini è il genere di romanzo che di solito evito. Personalmente non amo le storie drammatiche e introspettive, ma non posso negare che molte opere di questo tipo siano obiettivamente di qualità. Il motivo per il quale ho deciso di iniziare questa lettura è stato il famoso elenco dei "1001 libri da leggere prima di morire": chi mi segue, qui e sul mio blog, sa che alterno a letture "leggere" i romanzi mediamente più impegnati compresi nella celebre lista e "Non ti muovere" era uno di questi. Il romanzo si apre con un grave incidente in motorino: Angela, figlia di un chirurgo e di una giornalista, si ferisce gravemente alla testa e finisce proprio nell'ospedale in cui lavora il padre, Timoteo. Mentre la ragazza è sotto i ferri, suo padre attende e, nell'attesa, ripercorre tutta la sua vita. Timoteo si apre completamente, in un'immaginaria confessione alla figlia, senza filtri, senza omettere nulla, neppure quei dettagli che una figlia non dovrebbe mai sapere. "Non ti muovere", reso celebre dal film di Castellitto (marito della Mazzantini) con Penélope Cruz tra i protagonisti, ha vinto nel 2002 il Premio Strega e il Premio Grinzane Cavour. Consiglio il libro a chi sa apprezzare il valore letterario di un'opera, a chi sa cogliere il potere di una descrizione e a chi sa stupirsi e sorridere davanti alla forza della parola scritta. Lo consiglio anche a chi riesce a immedesimarsi nelle vicende narrate e a lasciarsi travolgere dai sentimenti dei ...

La freccia nera. Ediz. integrale (Robert L. Stevenson) 17/11/2014

"La freccia nera": classico intramontabile

La freccia nera. Ediz. integrale (Robert L. Stevenson) "La freccia nera" di Robert L. Stevenson è uno dei classici che normalmente si leggono ai tempi della scuola media. Ciò non è valso nel mio caso, perché ho aspettato i 31 anni suonati per fare questa esperienza. Uscito inizialmente a puntate e comparso in volume solo nel 1888, "La freccia nera" è un romanzo storico avvincente e appassionato, ideale per catturare l'attenzione dei ragazzi ma - ve lo garantisco - anche degli adulti. Le avventure del giovane Richard Shelton, ambientate nell'Inghilterra del '400, tengono il lettore incollato alle pagine e lo guidano attraverso foreste e città. Tra scontri e battaglie, amori e tradimenti, sete di vendetta e desiderio di giustizia, Richard continuerà imperterrito il suo cammino, con grande coraggio e senza mai lasciarsi sopraffare e scoraggiare dagli eventi. Come la maggior parte delle letture definite "per ragazzi", "La freccia nera" si legge facilmente e volentieri. Una narrazione pura, piacevole e senza fronzoli non fa che rafforzare questa caratteristica. Consigliato a tutti! ...

Come il mare (Wilbur Smith) 29/10/2014

Come il mare: un tuffo nell'avventura

Come il mare (Wilbur Smith) "Come il mare" è un romanzo di Wilbur Smith che fonde abilmente avventura e romanticismo, insaporendo il tutto con una buona dose di attesa che lo scrittore sa infondere nel lettore. Nick Berg ha alle spalle una carriera sfavillante a capo di una grande compagnia navale, che gli è valsa la fama e una vita agiata, fino a quando non è comparso Duncan Alexander e gli ha portato via tutto, non solo la sua azienda ma anche la moglie e il figlio. Ma Nick Berg non ha gettato la spugna. Gli resta ancora il Warlock, l'amato rimorchiatore al quale quest'uomo di mare affiderà il suo destino: se il Warlock porterà a termine la sua missione, Nick Berg potrà tornare a sperare, in caso contrario sarà la rovina. L'impresa del Warlock, però, è solo l'inizio. In "Come il mare" si intrecciano storie, sentimenti e dinamiche contrastanti: speranza, desiderio di vendetta, amore, attaccamento a un'ideale, passione. Il libro, come la maggior parte dei romanzi di Smith, si legge d'un fiato e non si vede l'ora di finire una pagina per passare alla successiva. Consiglio la lettura a tutti, uomini e donne indifferentemente.

La serie infernale (Agatha Christie) 19/10/2014

La serie infernale: un'altra indagine di Poirot

La serie infernale (Agatha Christie) Nell'ultimo mese ho letto diversi libri e "La serie infernale" di Agatha Christie è quello di cui vorrei parlarvi quest'oggi. Nella sua dimora di Londra, il celebre Poirot riceve una misteriosa lettera, firmata A.B.C., con un macabro annuncio: presto ci sarà un omicidio. L'investigatore, assistito dal fedele Hastings, si mette subito all'opera per cercare di vederci più chiaro con i pochi indizi a sua disposizione. Ma la caccia si farà ancora più serrata con il realizzarsi del triste presagio della lettera e l'arrivo in casa Poirot di una nuova missiva. Ben presto Poirot capirà di avere a che fare con un omicida seriale e intuirà l'esistenza di un legame tra le vittime e i luoghi prescelti e quelle iniziali, A.B.C., che dicono tutto e niente. Come sempre, Poirot non tralascerà alcun particolare e, interrogatorio dopo interrogatorio, riuscirà a smascherare il colpevole. Come sempre, quando recensisco dei gialli, non voglio svelarvi troppo per non rovinarvi il piacere della scoperta, ma ciò che posso fare è consigliarvi questo romanzo con il quale la signora Christie si riconferma l'assoluta regina del genere.

Alice nel paese delle meraviglie. Ediz. integrale (Lewis Carroll) 10/10/2014

Alice nel paese delle meraviglie: un classico

Alice nel paese delle meraviglie. Ediz. integrale (Lewis Carroll) Qualche giorno fa cercavo tra i miei numerosi libri una lettura abbastanza leggera ma allo stesso tempo classica e "necessaria", un romanzo che si leggesse velocemente, prima di dormire e in spiaggia, dove mi sarei recata il giorno successivo. Ed ecco che da un'analisi incrociata dell'inventario dei miei libri e del noto elenco dei 1001 libri da leggere prima di morire mi spunta proprio "Alice nel paese delle meraviglie". Sì, forse a trent'anni suonati è arrivato il momento di leggere questo classico della letteratura dell'assurdo... La maggior parte di noi conosce la storia fantastica di Alice grazie alla trasposizione Disney, a mio parere uno dei film di animazione più riusciti e anche una versione abbastanza fedele del romanzo di Carroll, anche se alcune scene - vedasi quella della cuoca e del maialino - sono state omesse e altre, ad esempio quella delle ostrichette e il siparietto di Pinco Panco e Panco Pinco, aggiunte. I miei coetanei avranno probabilmente visto anche il cartone animato a puntate dell'allora Fininvest, mentre i più giovani si saranno divertiti con la libera interpretazione di Tim Burton del 2010. Pochi, però, avranno letto questo romanzo. Il mio consiglio? Se non l'avete ancora fatto, leggete ora "Alice nel paese delle meraviglie": è divertente, curioso e vivace ma, nella sua leggerezza, assolutamente geniale. Non si è mai troppo vecchi per i classici e non è mai troppo tardi per tornare un po' bambini.

Il delta di Venere (Anaïs Nin) 13/09/2014

Il delta di Venere - Nin ci racconta l'erotismo

Il delta di Venere (Anaïs Nin) Visto che gli ultimi romanzi che ho recensito sono riconducibili alla letteratura erotica, ho deciso di spendere due parole anche per "Il delta di Venere", primo libro di questo genere che ho letto. Sono passati alcuni anni da questa lettura, tuttavia, alcuni ricordi sono ancora vivi e vorrei parlarvene. "Il delta di Venere" esplora le esperienze dei vari personaggi creando un intreccio di sensualità condito con un pizzico di perversione. Il libro è composto da 15 racconti che, tuttavia, si collegano l'uno all'altro e hanno in comune il punto di vista, quello femminile. Più che la descrizione degli atti sessuali, mi sono rimasti impressi i paesaggi e gli ambienti che vi fanno da sfondo e che considero il principale elemento di forza dell'opera. I racconti esplorano vari aspetti della sessualità, alcuni, a mio parere, abbastanza disturbanti, non solo tabù: ci sono, infatti, riferimenti a incesto, pedofilia e zoofilia.

Histoire d'O (Pauline Réage) 13/09/2014

Histoire d'O: il sadomasochismo dal punto di vista della schiava

Histoire d'O (Pauline Réage) "Histoire d'O" è un romanzo erotico pubblicato e ambientato nella Francia degli anni '50 e che tratta il tema del sadomasochismo. La protagonista della vicenda è O, una giovane donna che viene introdotta dal suo amante in una sorta di realtà parallela fatta di sesso e violenza estremi. O diventerà una schiava, cioè una donna che deve sottostare all'assoluto controllo di un padrone, libero di disporne come meglio crede. O accetta la sua nuova condizione con orgoglio, ansiosa di compiacere totalmente il suo amante e padrone René. Con uno stile raffinato, Pauline Réage (pseudonimo di Anne Desclos, nota come Dominique Aury) ci introduce in un mondo crudo, del quale ci fa scoprire i molteplici aspetti. Alla durezza delle immagini corrisponde un linguaggio elegante, che non scade mai nella volgarità. Il romanzo si concentra sul punto di vista della schiava, cioè sulla percezione di O della sua nuova condizione, sui suoi stati d'animo e sulle motivazioni che la portano ad accettare sofferenze e umiliazioni di ogni tipo e, addirittura, a trarne piacere. Lettura breve, Historie d'O guida il lettore alla scoperta di un universo perverso che esisteva allora ed esiste ancora oggi, come una sorta di dimensione parallela sconosciuta a chi non ne fa parte.

Fanny Hill. Memorie di una donna di piacere (John Cleland) 24/01/2014

Fanny Hill: uno scandalo nel Settecento, un po' meno oggi

Fanny Hill. Memorie di una donna di piacere (John Cleland) Non sono un'appassionata di letteratura erotica, anzi, di solito questo genere non mi piace proprio. Allora, vi verrebbe da chiedermi, perché hai letto "Fanny Hill - Memorie di una donna di piacere"? La risposta è semplice: da qualche tempo ho iniziato a leggere i classici della letteratura italiana e internazionale consigliati nel famoso elenco "1001 libri da leggere prima di morire" e "Fanny Hill" è uno dei titoli menzionati. Quando uscì a metà del Settecento, questo romanzo fece scandalo, l'autore venne arrestato e il libro fu ritirato dal mercato, sebbene continuasse a circolare illegalmente. Tale reazione, a quei tempi, era più che comprensibile, dato che il romanzo trattava di prostituzione e descriveva degli atti sessuali. Oggi, tuttavia, il romanzo non si potrebbe definire pornografico, come avvenne invece allora, ma semplicemente piccante: non ci sono dettagli troppo espliciti e mancano, a mio parere, particolari osceni. Proprio per questo motivo, potrei definire questo libro adatto non solo agli estimatori del genere erotico ma anche a chi, come me, solitamente non lo predilige. Il romanzo è scritto sotto forma di lettere, indirizzate da Fanny Hill a un'ignota destinataria alla quale, con estrema sincerità, la protagonista cerca di raccontare gli eventi e spiegare le motivazioni che l'hanno portata, sin da giovanissima, a diventare una prostituta, una donna di piacere. Fanny Hill racconterà di come, rimasta orfana, si affidi a una sua concittadina che la ...

EBI Borsa da Viaggio Traveler 21/11/2013

EBI Borsa da Viaggio Traveler: comoda per i cani e per i padroni

EBI Borsa da Viaggio Traveler Ho acquistato la borsa da viaggio Traveler circa un anno fa per portare in aereo la mia cagnolina. Il mio principale problema a quell'epoca era quello di trovare un prodotto non troppo pesante e che, allo stesso tempo, rispondesse agli standard stabiliti dalla compagnia aerea con cui viaggiavo (Meridiana). Quando su un sito di prodotti per animali ho trovato la borsa da viaggio Traveler, non ho esitato ad acquistarla: sembrava assolutamente perfetta. Prima di tutto, le misure rientravano nei limiti previsti per il trasporto in cabina (L 47 x P 33 x H 29 cm), rendendola al contempo abbastanza ampia per una cagnetta non proprio di piccolissima taglia. Anche il peso, 2,9 kg, sommato a quello della cagnolina, 6,8 kg, mi permetteva di rientrare nei 10 kg concessi. Infine, il prezzo di 34,99 € era molto vantaggioso: alcune mie conoscenti hanno speso per borse simili addirittura 80,00 €! Oltre a soddisfare le mie esigenze principali - dimensioni, peso e prezzo - la borsa da viaggio Traveler offre una serie di vantaggi non indifferenti. La struttura è semi-rigida, con prese d'aria su tre lati sufficienti a garantire il comfort del cane durante il viaggio. Due estremità, una laterale e quella anteriore, sono apribili con cerniera, sul retro c'è lo spazio per inserire la targhetta con i propri dati mentre, nell'estremità laterale opposta a quella apribile, c'è una comoda tasca nella quale riporre il guinzaglio o altri accessori. Un'altra tasca orizzontale si trova nella parte ...

Consigli su come scrivere un'opinione eccellente 22/10/2013

Errore comune nelle opinioni su libri e film

Consigli su come scrivere un'opinione eccellente Ciao a tutti. Oggi stavo leggendo un po' di opinioni su libri e film e mi sono trovata a fare un paio di considerazioni che vorrei condividere con tutti voi. Una tendenza di alcuni utenti del sito è valutare le opinioni dando molta importanza alla lunghezza. Secondo me, parecchie persone non leggono neanche l'opinione per intero e così affibbiano Eccellente ai papiri infiniti mentre valutano con minore generosità le recensioni che, magari, sono più sintetiche ma comunque dense di contenuti interessanti. Di conseguenza, alcuni utenti che mirano all'Eccellente cercano in tutti i modi di allungare l'opinione e in molti casi fanno un errore che, a mio parere, è davvero madornale: raccontano il libro o il film. Per "raccontare" non intendo illustrare la trama, ma proprio raccontare per filo e per segno. Quando si recensisce un libro o un film, in teoria lo scopo è invogliare a leggerlo o a guardarlo. E allora perché me lo racconti dall'inizio alla fine, finale compreso? Così mi passa la voglia di leggerlo/guardarlo. Non capisco perché si debba fare una cosa del genere! Al contrario, si dovrebbe abbozzare la trama spiegando a grandi linee di che cosa tratta il libro o il film, ma fermarsi prima di svelare troppo e, in particolare, fare in modo di non rivelare i colpi di scena o di inserire dettagli che lascino intuire il finale, soprattutto nel caso di gialli o thriller. Sono convinta che molti di voi, soprattutto i lettori appassionati, siano d'accordo con me e vi invito ...

L'isola della paura (Dennis Lehane) 22/10/2013

L'isola della paura... confinati nel terrore

L'isola della paura (Dennis Lehane) "L'isola della paura" è un romanzo di Dennis Lehane ambientato nel 1954 a Shutter Island, un'isola al largo di Boston sede di un istituto per la detenzione e la cura di criminali psicopatici. L'agente federale Teddy Daniels e il collega Chuck approdano sull'isola per far luce sulla scomparsa di una paziente, Rachel Salando, condannata per l'omicidio dei suoi tre figli. Nonostante la sua stanza fosse a prova di fuga e sebbene l'isola sia piccola, Rachel Salando sembra svanita nel nulla. L'impresa di Teddy e Chuck è resa ancora più ardua dall'apparente reticenza del personale dell'istituto, che sembra non voler collaborare. Ben presto la situazione si farà ancor più critica a causa del sopraggiungere di una fortissima tempesta che distruggerà parte degli edifici detentivi e delle strutture difensive, gettando l'Ashecliffe Hospital nel caos. Non posso svelarvi altro della trama, ma ciò che invece posso fare è anticiparvi che ne vedrete delle belle... o forse sarebbe meglio dire delle brutte... perché non mancheranno dettagli macabri e crudi. Scoprirete ben presto come al viaggio del protagonista corrisponda anche un'esplorazione dei recessi della mente umana, in un'epoca in cui l'approccio alla psichiatria non era dei più ortodossi. Il libro mi è piaciuto molto, tanto che l'ho praticamente divorato. La scrittura è piacevole, la vicenda avvincente e densa di colpi di scena, ingredienti fondamentali per un buon thriller. Lo consiglio a tutti. Buona lettura!
Visualizza altre opinioni Torna sopra