Condividi questa pagina su

blu Status blu (Livello 3/10)

guazzetto25

guazzetto25

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 26/11/2006

62

Crispiano 28/05/2008

Crispiano

Crispiano Bena amici, oggi vi voglio portare in una bella cittadina in provincia di Taranto ma sul versante occidentale. Questo centro famoso per le sue carni alla brace è punto di riferimento di noi tarantini quando vogliamo passare una serata godereccia a base di carni e salsicce grigliate, perchè in questo centro molti sono i locali che forniscono queste leccornie. La maggior parte sono macellerie che hanno una sala attigua in cui servono le carni, i formaggi e le verdure del luogo. Se passate da queste parti dovete far un salto per assaggiare il tutto e bere del buon vino rosso di quelli nostri a 16/17° di gradazione alcolica. Dimenticavo di nominare i fegatini una specialità del luogo che viene festeggiato d'estate, a luglio, con il carnevale del fegatino, con carri allegorici,danze e balli sfrenati per strada. Il fegatino altro non è che dei pezzi di fegato di vitello o maiale avvolti da un pezzo di budella e cotto sulla brace, provare per credere,ottimi. Ma Crispiano non è solo questo, anzi è molto di più. In zona sono presenti delle grotte naturali che ogni anno diventano lo scenario meraviglioso per il Presepe vivente a Natale e per la Passione e morte di Nostro Signore nel periodo di Pasqua. Numerosi sono i turisti che accorrono a prendere parte a questi due eventi gestiti in modo spettacolare con giochi di luce e di suoni. Il paese non ha da offrire particolari bellezze artistiche. Crispiano è chiamata anche "La città delle 100 masserie" per la presenza di numerose ...

Francavilla Fontana 27/05/2008

Francavilla Fontana Brindisi

Francavilla Fontana Grosso centro in provincia di Brindisi ad eguale distanza tra il suo capoluogo e Taranto, questo paesone ha nei suoi sobborghi una sviluppata zona industriale con molti mobilifici anche molto noti in tutta Italia. è sede della Fiera dell'Ascensione che si tiene ogni mese di maggio e che permette agli artigiani locali e no di mettere in mostra i loro prodotti. Questa fiera si è andata allargando col passare degli anni ed ora è un punto di riferimento per tutta la zona circostante. Centro creato dai Messapi, antica polazione italica, sembra che fu poi assoggettato dai romani, se dobbiamo dare credito ai ritrovamenti fatti in zona dagli archeologhi della Sovrintendenza di Taranto. Il centro storico, a cui si accedeattraverso una porta antica, è abbastanza interessante e da visitare c'è sicuramente la Chiesa Matrice con la sua bella cupola policroma tipica dell'architettura delle chiese della zona, al suo interno è conservato un dipinto della Madonna che risale al XIII secolo. Notevole è anche il castello oggi sede del Comune di Francavilla ed i resti delle mura che cingevano la città. Le porte 3 di cui una del 1600 e le altre del 1700 ed infine alcuni palazzi antichi che richiamano alla mente le stile barocco e altre chiese. Anche a Francavilla c'è la tradizione pasquale dei riti sacri e vi sono processioni e confratelli incappucciati e scalzi, nel dialetto locale detti "Pappamusci" che girano per le chiese visitando i sepolcri. La zona offre ristorantini interessanti che ...

Anversa 27/05/2008

Anversa

Anversa Anversa o Antwerp come la chiamano da quelle parti è una città che ti accoglie con quell'aplomb tipico dei grandi signori del Nord, che guardano tutti dall'alto in basso. Notevole è la piazza centrale , la Grote Markt, al cui centro, scusate il bisticcio di parole, vi è una bellissima fontana che ha uno strano particolare è senza vasca (vedi foto). tutta la piazza è circondata da palazzi d'epoca con lo stili tipico dell'architettura fiamminga, uno spettacolo per gli occhi. Una caratteristica di questa città sono le carrozze trainate da cavalli e guidate da cocchieri in bombetta, naturalmente servono per fare il giro turistico della città. Oltre a questa magnifica piazza, Anversa possiede un bellissimo castello (vedi foto) che si affaccia sul fiume che la attraversa, non chiedetemi che fiume sia perchè me ne sono dimenticato, ma se non vado errato dovrebbe trattarsi della Schelda, non prendetelo per giusto, controllate. Il castello appare con le sue torri merlate ed all'ingresso vi è una statua di un personaggio con le gambe aperte che rappresenta la fertilità maschile e veniva venerata come cura per la infertilità della popolazione. Notevole la cattedrale che si trova nei pressi della piazza prinicipale. Last but not least ,come usano dire gli anglosassoni, dovete visitare la casa museo del grande Rubens, pittore fiammingo che visse in questa città. Il suo interno conserva quadri ed oggetti appartenuti al grande artista. Se siete amanti dello shopping, Anversa è la città ...

Gent Impressioni 27/05/2008

Gent Gand

Gent Impressioni Questa cittadina si trova nella parte fiamminga del Belgio non distante da un'altra meraviglia belga, Bruges. Come tutte le città fiamminghe ha una architettura particolare e le sue case hanno una grande somiglianza con quelle olandesi. L'attrazione principale, secondo me, è il bel castello, Gravensteen, suo simbolo.Il castello fu iniziato nel 900 ed era,all'epoca in legno, poi si è trasformato in quello che possiamo ammirare oggi. l' edificio fu tribunale e prigione. Il Gravensteen non era solo il luogo per delle crudeli torture ma anche la pena di morte venne applicata qui numerose volte. Solo nel tardo secolo XIX iniziò il restauro che ha dato al Castello l'aspetto attuale.Esso è circondato da un fossato pieno d'acqua e questo contribuisce a dargli un'aura di romanticismo.Per il resto vi sono da vedere chiese, canali edifici particolari, una giornata basta per fare una visita del luogo. Non dimenticate, se siete amanti della pittura, di andare a vedere il capolavoro dei fratelli Van Eyck "L'Adorazione dell'Agnello Mistico" e "L'ingresso di San Bavone al Monastero", opera di Rubens. ...

Hôtel de la Cité, Carcassonne 25/05/2008

Carcassonne

Hôtel de la Cité, Carcassonne se andate in Francia non potete e non dovete dimenticare di visitare questa cittadina che insieme a Mont Saint Michel sono i posti più magici che abbia avuto la possibilità di visitare durante i miei numerosi viaggi in Francia. Carcassonne è un antico sito medioevale le cui mura merlate vi accolgono non appena giungete nei suoi pressi. Si erge sulla spomda del fiume Aude ed in pieno centro cataro nel dipartimento di Aude regione della Linguadoca Rossiglione e che trasuda storia in tutte le sue componenti. Attraversando la porta Narbonese si entra nel borgo antico fatto di viuzze su cui si aprono numerose botteghe che vendono articoli per turisti, qui molto numerosi. Attraversando la via principale si arriva al castello nobiliare che è visitabile. Il castello,così come tutte le mura sono state restaurate in modo egregio. Se volete vedere la città in tutto il suo splendore dovete raggiungere l'autostrada che porta verso la Spagna e fermarvi in una piazzola panoramica da dove vedrete la città al completo con le torri merlate ed i tetti di ardesia a punta. Andate e rimarrete anche colpiti dal fascino che emana questo luogo veramente incantevole. Un consiglio, vi è un negozio che all'ingresso del borgo vende dolcimi di vario tipo non perdete l'occasione di entrarvi ed acquistare unpo' di quele leccornie messe in bella mostra e che stanno lì per essere portati via. All'esterno delle mura vi è un abella area di parcheggio a pagamento e custodita che vi darà la possibilità di ...

Mottola 24/05/2008

Mottola

Mottola Grosso centro in provincia di Taranto, sorge su una modesta collina sulla strtada che da Taranto conduce a Bari. Questo luogo una volta era un sito di villeggiatura per i tarantini che d'estate volevano abbandonare la città e trovare refrigerio dall'afa in quel di Mottola. Il suo nome deriva da "motta" che vuol dire proprio altura e fa parte della Comunità Montana Murgia Tarantina. Ha circa 16000 abitanti ed il suo santo patrono è Tommaso Beckett che viene festeggiato il 28 dicembre con un corteo storico che vede il paese animarsi con l'arrivo di turisti dai paesi limitrofi.Il culto locale verso S. Tommaso affonda le radici nel tempo delle crociate. Forse ad opera di soldati inglesi in viaggio verso la Terra Santa.La tradizione locale fa risalire l'origine cultuale all'episodio storico avvenuto nel 1102, quando Mottola, assediata e devastata dai Tarantini, perse il Vescovo Alimberto, il quale, mentre cercava la mediazione tra vincitori e vinti, venne ucciso da una freccia nemica. Con la successiva ricostruzione di Mottola, si scelse come patrono S. Tommaso, la cui figura ricordava la morte del Vescovo cittadino".Da visitare la Cattedrale (1507) e le chiese rupestri bizantine, risalenti a epoca medievale, tra le quali quelladi San Nicola, Santa Margherita e Sant'Angelo a Casalrotto. Interessanti le manifestazioni religiose legate alla Settimana Santa: quella del Giovedì Santo con la caratteristica Adorazione dei Ripositori da parte delle "paranze", che ...

Oria 23/05/2008

Oria

Oria Piccolo paese in peovincia di Brindisi, ha un bellissimo centro storico che culmina nel suo bel castello medioevale che sovrasta la cittadina. Il castello si presenta intatto ed è possibile visitarlo con o senza guida. Al suo interno troverete stanze addobbate con armi ed armature dell'epoca e dai suoi splati godrete della vista della vallata sottostante. Oria non è un grosso centro ed i suoi abitanti sono dediti all'agricoltura. Qui, come nel resto della Puglia si coltiva la vite e l'olivo che danno origine ai nostri vini e ai nostri oli. Oria si anima d'estate agli inizi di Agosto quando il medioevo rivive in città. Potrete vedre un accampamento medioevale, una sfilata in costume con centinaia di partecipanti, esibizioni di sbandieratori e giocolieri ed infinel'ultimo giorno il palio vero e proprio che si svolge nello stadio e vede coinvolti i vari rioni in attività varie così divise: L'ARIETE due atleti per ogni rione,imbracciano un ariete e lo trasportano per 65 metti fino a sfondare un portone. E' chiaro il riferimento all'assalto di un castello che nel Medioevo avveniva spesso utilizzando pesanti arieti in grado di sfondare anche i portoni più resistenti. IL PONTE Un atleta per ogni rione percorre un tracciato di circa due cento metri durante i quali incontrerà diversi ostacoli che dovrà superare senza esitazioni prima di raggiungere una scala dove dovrà collocare la bandierina del proprio rione ed alzare il braccio in cielo in segno di vittoria. Una prova ...

Cutrofiano 23/05/2008

Cutrofiano

Cutrofiano Paesone dell'entroterra leccese a sud del capoluogo di provincia è famoso per i suoi spacci di scarpe, valigie, capi di abbigliamento griffati e scontati. Oltre a questa caratteristica su cui ritornerò dopo, voglio ricordare la mostra della ceramica cutrofianese che si svolge ogni anno ad agosto e che vede vari ceramisti locali esporre le proprie creazioni all'interno delle aule della scuola elementare sita in pieno centro. Attenti a dove parcheggiate l'auto perchè i vigili urbani di questo paese sono sempre pronti a colpire il turista con multe fantasiose per spillarvi soldi. il sottoscritto ne ha subita una veramente ingusta, ma non vi è stato verso di farmela togliere, ho dovuto pagare il pizzo e andare via. La qualità delle ceramiche esposte non è eccellente se paragonate a quelle di Grottaglie, centro del tarantino o Deruta, ma qualcosa di interessante si riesce a trovare, girando tra gli stands. Ritornando agli spacci, non sempre si trova convenienza ad acquistare la merce che propongono, per cui bisogna avere la fortuna di essere in zona quando c'è uno stock di merce apprezzabile. buona fortuna.

Festa di San Nicola 23/05/2008

Festa di San Nicola da BAri

Festa di San Nicola San Nicola, patrono della città di Bari, viene festeggiato nel capoluogo barese dal 6 al 10 maggio tra le vie del centro storico ed il bel lungomare del capoluogo pugliese. La città si veste a festa e si prepara ad accogliere le migliaia di pellegrini che giungono da tutto il mezzogiorno d'Italia.Una tre giorni di feste, spettacoli e celebrazioni liturgiche per ricordare l´arrivo a Bari, il 9 maggio del 1087, delle reliquie del santo. Già il giorno della vigilia, si svolgono in città una serie di riti tradizionali, come l´ offerta del pane alla basilica ed il corteo storico che rievoca l´arrivo delle preziose reliquie. Questo corteo si apre con i cronisti testimoni dei fatti seguiti da un araldo a cavallo che porta le insegne della città. Segue il clero, i marinai, i bimbi, le ragazze infine la caravella su cui vi è la statua del santo e per chiudere una scorta armata. Belle le luminarie che addobbano una delle piazze più caratteristiche della città. L'atmosfera è quella della sagra paesana con bancarelle di tutti i tipi che espongono le loro mercanzie colorate. Notevoli i fuochi artificiale che illuminano il cielo di bari l'ultimo sera della festa a conclusione di questi 3 giorni di festa. dimenticavo di consigliarvi una visita alla basilica del santo perchè è architettonicamente molto valida. Notevole la cripta in cui sono conservete le reliquie del santo, nonchè il soffitto istoriato. La basilica si trova nella città vecchia in una ampia piazza. ...

Villa FLorida, Dieppe 22/05/2008

Villa Florida Dieppe

Villa FLorida, Dieppe ho avuto la possibilità di essere a Dieppe e di soggiornare presso questa struttura privata gestita da una coppia di simpatici francesi con il gusto dell'oriente. La loro villa nella periferia della città sorge in un quartiere residenziale ed è circondata da tantissimo verde. La casa, moderna architettonicamente parlando, è arredata con gusto con mobili, tappeti e tende orientali. I padroni di casa sono un tantino particolari poichè si spaventarono all'idea che noi si volesse fare colazione alle 8,00 in quanto per loro era troppo presto, comunque, alla fine, ci accontentarono. La nostra stanza, per la verità non molto grande,affacciava su un giardino interno che era a disposizione dei clienti, aveva un bagno privato un po' più grande di un cubicolo ed era arredata con gusto. La colazione mattutina era servita in un bell'ambiente largo ed accogliente e si presentava sempre diversa e molto variegata, con dolci vari, tartine, frutta fresca, yoghurts, caffè o the ed era servita dal proprietario di casa che si soffermava a chiacchierare con noi e ci dava consigli per rendere il nostro soggiorno migliore. Dieppe ed i suoi dintorni ci sono sembrati anche più belli grazie all'accoglienza ricevuta in questa struttura di cui ho un buon ricordo. un altro aneddoto che voglio raccontarvi e quello della fissa delle chiavi di casa e del parcheggio. Ci fu detto almeno tre volte di chiudere bene la porta di casa e di usare sempre lo stesso posto per parcheggiare la nostra auto, Mi sentivo ...

La Briciola 22/05/2008

La Briciola Gallipoli

La Briciola Questo ristorante è sito nella parte vecchia di Gallipoli non appena attraversate il ponte di pietra che collega la parte nuova di questa ridente cittadina salentina con il centro storico che è un'isola. La specialità del posto è la pasta coi ricci ed in questo ristorante ne fanno una meravigliosa, da leccarsi il piatto, laddove si potesse fare senza passare da poco educati. Il ristorante è abbastanza grande, ma occorre prenotare per tempo per riuscire a trovare posti liberi. Tra le specialità che esso offre vi segnalo le polpettine fritte di polipo, le triglie al cartoccio ed anche i frutti di mare crudi che sono sempre freschi e soprattutto esenti da virus. L'ambiente è accogliente ed il servizio eccellente. la cortesia è una delle armi della casa ed anche i prezzi sono abbastanza contenuti. Da sottolineare che rilasciano sempre lo scontrino fiscale cosa che gli altri ristoranti del posto non sempre fanno costringendo il cliente a doverlo richiedere e questo la dice lunga sull'onestà di certi ristoratori. Non aggiungo altro vi dico solo di andare e mangiare, alla fine uscirete soddisfatti.

Urbis Hotel Centre, Tarragona 22/05/2008

urbis hotel tarragona

Urbis Hotel Centre, Tarragona Situato nel centro della città a due passi dalla Cattedrale, questo hotel ha camere confortevoli con un arredamento minimale. é facile trovarlo un po' più difficile riuscire a scaricare le valigie perchè la strada in cui sorge è stretta e non permette di sostare agevolmente. Essendo arrivato alle 2 di notte non ho avuto difficoltà il problema si è posto alla partenza avvenuta a mezzogiorno. L'hotel non dispone di un garage privato ma ha una convenzione con un parking sotterraneo pubblico vicinissimo allo stesso. L'accoglienza è stata cordiale e non ci hanno fatto alcun problema per l'enorme ritardo con cui siamo giunti a causa di un ritardo del traghetto proveniente dall'Italia. Il personale è cortese e parla un discreto inglese. Il prezzo di una camera doppia senza colazione è stato di 88 € più 13 euro per il parcheggio. ...

Sava 22/05/2008

Sava

Sava Piccolo paese agricolo del tarantino non molto distante dal capoluogo, famoso per le sue vigne e per i suoi oliveti. Il paesello è più un agglomerato di case che ha nella piccola piazza centrale il suo punto focale. è famoso per il suo vino rosso corposo ad alta gradazione alcolica ed al suo interno non possiede grandi bellezze artistiche. Qualcosa di importante la si può visitare nei suoi pressi dove, infatti sorge un Santuario dedicato alla Vergine SS. di Pasano risalente al 1400 . È dedicato alla Madonna di Pasano in ricordo del famoso miracolo dello schiavo avvenuto in quegli anni. Grande interesse riveste il Limitone dei Greci, Un lunghissimo muro di confine tra il territorio magno-greco e quello messapico, i cui resti sono ben conservati e visibili nelle adiacenze della contrada di Pasano. Pare che lo stesso santuario di Pasano sorga sulle rovine di un antico luogo di culto pagano, mentre nella contrada di Aliano ( altro insedimento importante della storia di Sava)esistono tracce di templi dedicati a Demetra e Dioniso. Presso il Castello Municipale è possibile visitare un antico frantoio ipogeo. Se passate da queste parti non mancate di acquistare una bottiglia del nostro vino, magari il primitivo amabile che vi terrà compagnia nelle fredde serate invernali. ...

Castello Aragonese, Taranto 22/05/2008

Castello Aragonese

Castello Aragonese, Taranto Sono il primo ad interessarsi di questo glorioso monumento simbolo della mia città. Costruito nel 1492 sotto la dominazione aragonese, il castello sorge sulle rive del Mar grande a estremo baluardo della città di Taranto. Oggi il castello è zona militare, infatti è adibito a guarnigione della marina militare, ma ospita spesso mostre ed eventi culturali, tra i quali una menzione d'onore spetta alla rappresentazione del matrimonio della principessa di taranto Maria D'Enghien con il re di NApoli Ladislao,che viene rievocato nel suo cortile ogni anno agli inzi di maggio. Il castello si presenta con una facciata maestosa con torri merlate e dai suoi spalti ogni mattina ed ogni sera al tramonto viene effettuata l'alza e l'ammaina bandiera, cerimonia molto amata da tutti i tarantini. All'interno c'è un'ampia corte su cui si aprono varie sale. Il castello è stato completamente restaurato ed è uno spettacolo da non perdere. La sera dell'8 maggio dagli spalti del castello piove una cascata di fuoco al passaggio della motonave che trasporta il simulacro di San Cataldo patrono della nostra città. Lui sta lì da quasi 600 anni e vi aspetta e voi che aspettate a venirlo a trovare? visto che a me non piace il copia e incolla che ritengo squallido e visto che qwualcuno mi ha accusato di aver scritto una opinione risibile, allora vi accludo il link http://it.wikipedia.org/wiki/CastelloAragonese(Taranto) per andare ad approfondire l'argomento

Taranto 21/05/2008

Taranto

Taranto Taranto città bimare ha anche un'altra peculiarità quella di essere divisa in tre parti e collegata da due ponti quello girevole che collega la città nuova al borgo antico che è un'isola, e quello di pietra che collega l'isola al quartiere Tamburi. Il ponte è girevole per permettere il passaggio delle navi attraverso il canale navigabile, questa apertura nei bei tempi passati avveniva ogni pomeriggio alle 15 con blocco del traffico e conseguente disagio. Oggi esso avviene solo sporadicamente e solo di notte, anche perchè la flotta della marima militare è situata nella nuova base in mar grande. Taranto è conosciuta nel mondo per la grande qualità delle sue cozze ed ostriche i cui giardini son situati nel mar piccolo. Chi dice cozza pensa a taranto perchè la nostra è veramente superba sia se mangiata cruda sia se cotta in vari modi. Il nostro mare è di un azzurro verde bellissimo come potete vedere dalle foto accluse e le nostre spiagge bellissime. Taranto ha un museo archeologico che da solo ripaga per una capatina da queste parti, essendo stata la capitale della magna grecia esso conserva reperti magno-greci di pregevole fattura. Notevoli i suoi ori famosi nel mondo come " gli ori di Taranto". La città vecchia è caratteristica e nasconde tesori come la chiesa di San Domenico con il suo stupendo rosone, il Duomo, i palazzi signorili in fase di ristrutturazione. Del castello aragonese ho gia parlato inun'altra opinione come pure dei riti della settimana santa. ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra