Condividi questa pagina su

bianco Status bianco (Livello 1/10)

lapiaga

lapiaga

Autori che si fidano di me: 1 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 18/08/2017

12

Behringer Sonic Ultramizer SU 9920 12/12/2017

Utile ed economico

Behringer Sonic Ultramizer SU 9920 Ho provato in negozio questo simpatico rack delle Behringer. Si tratta di uno stereo enhancer, cioè di un effetto che rende effettivamente stereofonico un segnale, non limitandosi a pannare. Messo a confronto con altri stereo enhancer che ho provato, non trovo grossissime differenze, a parte nel costo. Il suono viene rispettato, e l'immagine migliora notevolmente. anche con una sorgente a basso volume il DSP integrato se la cava bene e soprattutto non fa il terribile sfarfallio di aliasing che temevo di trovare. Sulle basse frequenze si comporta abbastanza bene, ma si deve proprio voler cercare la pulce per trovare qualche artefatto. Con un costo che si aggira intorno ai 100 euro si tratta di un oggetto che possiamo tranquillamente considerare di acquistare per uno studio casalingo e forse forse anche professionale, magari alle prime armi. Per un bel po' di tempo il processore ci accompagnerà fedele prima che il nostro orecchio diventi troppo addestrato ed esigente e voglia farci cambiare. La costruzione, come per gli altri i rack behringer non è eccezionale, ma se ci si comporta bene non si dovrebbe rischiare di far danni. Il frontale si legge bene ed è semplicissimo da capire, con pochi comandi essenziali (Process e Low Contour). Se si sceglie di uscire dagli emulatori per passare all'hardware e fare un salto di qualità, questo può essere il primo trampolino per quel che riguarda gli spazializzatori. ...

Shure Beta 52 A 07/12/2017

La mia scelta armonica

Shure Beta 52 A All'epoca avevo un brutto set di plastica di microfoni per batteria, facevano il lo loro, ma non erano una cosa troppo dignitosa da portare in giro e in studio. Dopo un po' di ricerca, fra prezzo e consigli mi sono trovato in mano due microfoni candidati, lo Shure Beta 52 A e un Sennheiser e un AKG D112. Ero nello studio di un amico che ha microfoni in quantità, e mi ha lasciato giocare un po' con questi due. Bello l'AKG, ma di fronte allo Shure non c'è stata gara. Una settimana dopo mi è arrivato il mio Shure Beta 52 A e mi son trovato in mano quel che volevo. Si tratta di un microfono molto pesante e ben costruito, con materiali robusti e meccaniche affidabili, che tengono bene la posizione anche se sottoposti allo stress di una grancassa picchiata forte. Lo spettro armonico del microfono è molto buono, e la cassa, così come il basso possono essere registrati con grandi dettagli. Variare la posizione e l'inclinazione del microfono permette di ottenere più o meno botta, e al tempo stesso di cogliere l'essenza della pelle o della membrana vibrante. Anche se messo di fronte a microfoni a condensatore lo Shure Beta 52 A perde un po' di dettaglio è e rimane sempre uno dei migliori microfoni in commercio.

Marmellata di More di Rovo Chiaverini 06/12/2017

buonissima e genuina

Marmellata di More di Rovo Chiaverini Spesso mi capita di compare marmellate e confetture per fare crostate e dolci, che sono un po' la mia passione. Ho girato molte marche e di solito non sono troppo soddisfatto, perché sono piuttosto sensile a certi retrogusti che alcuni sistemi di conservazione lasciano nella marmellata, soprattutto se deve poi passare al forno. Questa martellata è particolarmente buona e compatta. Il package è anche comodo, perché trattandosi di barattoli di plastica possono poi essere usati anche per contenere minuterie. Tornando alla confettura, il sapore non è affatto stucchevole, anzi, è molto distinto e senza retrogusti sintetici. Per ora una delle marmellate commerciali che preferisco, anche se forse è un po' cara. Come ho già detto, la uso per le crostate e per i ripieni dei dolci, e devo dire che tiene bene la cottura senza prendere di amaro, e soprattutto mantiene una bella consistenza, anche quando amalgamata nell'impasto di ciambelloni e simili. Io la consiglio al 100% come sostituto della marmellata fatta in casa. Del senza glutine me ne frega il giusto, ma se vogliamo è un plus per gli intolleranti. Buona anche la scelta del correttore di acidità col succo di limone e della pectina naturale.

Fage Total 0% 05/12/2017

una bella colazione

Fage Total 0% Per anni mi sono trovato a dovermi sorbire lo yoghurt che c'era in frigo a casa dei miei, grandi marche, troppi zuccheri, corpi estranei tipo frutta e cereali. Alla fine mi sono messo alla ricerca di qualcosa che mi soddisfacesse. Ho provato un po' tutti gli yoghurt in commercio, cercando un trade off fra prezzo e gusto. Il Fage Total 0%, m è piaciuto sin da subito. Ha un sapore acido ma non sa di muco, come altri yoghurt, e non impasta quando si mangia. L'ho provato in una salsa con aglio limone e cetriolo e ne sono rimasto entusiasta. Anche per fare dolci se la cava molto bene, perchè essendo un ingrediente non trattato con zuccheri e frutta può essere usato tranquillamente e corretto a volontà, senza dover sottostare al dictat del sapore imposto da altri produttori. Io lo prendo anche per colazione, con kiwi a mela, per esempio, e se proprio sono in vena, con un cucchiaio di miele preso vicino a Volterra, e quindi di ottima qualità. Io mi sento di consigliarlo a tutti gli amanti dello yoghurt puro, con la coscienza del fatto que quello fatto in casa sarà comunque differente. ...

Proel FLASH15A 21/11/2017

Un miracolo nella mia esperinza con Proel

Proel FLASH15A Salve, per caso, fortuna o sfortuna, possiedo o ho messo mano su molti prodotti di casa Proel. Se da un lato mi sento di sconsigliare con odio quasi cieco la gamma lighning di questa dita perché mi sono trovato di fronte ad un servizio clienti semplicemente inqualificabile, che mi ha poi fatto tornare 2 faretti peggio di come li ho spediti, devo dire che le casse amplificate FLASH15A sono buone. Finché hanno retto, e vi assicuro che lo ho fatte girare in ogni condizione, si sono dimostrate buone compagne sia per resa che per potenza. Le ho usate sia come spie che come casse di impianto per P.A. Premesso che le ho comprate ex-demo, non mi hanno lasciato a piedi per quasi sette anni, usate ed abusate. Alla fine però mi hanno abbandonato nell'ordine 2 membrane di tweeter, un cono dei bassi, un finale ( con giochi pirotecnici) ed il secondo finale con un brutto rumoraccio prima di spegnersi per sempre. Tutto sommato ne sono soddisfatto, e sebbene le abbia svuotate e riconate, continuo ad usarne i cadaveri mandandoli con un finale esterno. Grosso svantaggio è che queste casse anche da vuote pesano davvero troppo per il buon senso. Nota: se non si fossero danneggiati a quel livello i finali li avrei riparati e sarebbero ancora li fedeli a fare volume...

Sennheiser E 845 S 18/11/2017

Un buon microfono

Sennheiser E 845 S Premesso che io sono abituato a lavorare con microfoni Shure, mi sono di recente ritrovato sotto mano una valigetta di E 845 S. La differenza è sicuramente notevole, in un'ottica professionale. Iniziamo per gradi. Intanto il Sennheiser E 845 S ha l'interruttore. Questo è in generale un buon elemento di controllo, specie se si tratta di un oggetto destinato ad un pubblico non troppo professionale, perché poter chiudere la linea in caso di innesco direttamente sul palco torna molto comodo. Per converso un interruttore sul fusto rischia costantemente di rompersi ed usurarsi, e per uno strumento di lavoro non è il massimo della vita. Il Sennheiser a pari prestazioni rispetto all'SM58 Shure costa leggermente di più ( circa 10 euro) ed è molto più pesante, e a lungo andare può dare fastidio. Le prestazioni sonore suono differenti, sia per dinamica che per timbrica, e sicuramente, il Sennheiser ha un suono più "moderno" . La risposta sulle alte e sulle basse è sicuramente più invasiva ed il suono risulta più pieno. Questo microfono ben si presta al canto su palco con un impianto buono, ma solo marginalmente alla registrazione. La costruzione è buona e robusta e i connettori reggono bene anche con cavi non eccezionali. In definitiva è un buon microfono per chi volesse esibirsi o per le conferenze, con prestazioni più spinte rispetto all'equivalente Shure, ma non di tantissimo. ...

Behringer Xenyx 502 11/11/2017

buon compromesso

Behringer Xenyx 502 Sebbene sicuramente Behringer non rappresenti il top della gamma nell'audio, i suoi piccoli mixer funzionano a dovere. Si tratta di oggetti abbastanza economici con prestazioni audio tutto sommato buone. I toni si controllano in maniera piuttosto precisa, con l'equalizzatore a due bande. La risposta microfonica è buona. così come quella in linea. Per piccoli impieghi, come conferenze e sale prova si può considerare un buon prodotto. Purtroppo gli alberini dei potenziometri son fragilissimi, proprio come materiale e quindi si richiede parecchia attenzione quando si usa questo mixer, e si consiglia di trasportarlo ben imballato. Come supporto per DJ, pianobar e sonorizzazioni è un prodotto consigliabile, ma se si intende usarlo per un cantante, la mancanza degli effetti a lungo andare diventa frustrante. Un altro malus è la mancanza di pulsanti di accensione, che costringe a staccare sempre la spina, e l'alimentazione che dissipa abbastanza male il calore. ...

LG K4 K120E 06/11/2017

breve vita utile di un LG K4

LG K4 K120E Ho acquistato un LG K4 per problemi con il precedente mio smartphone a cui non reggeva più la batteria. La prima settimana, trovandomi in un ambiente ottimizzato ( ambito urbano con molte reti libere etc etc) non ho avuto grossi problemi. La batteria si carica e regge tranquillamente, le app girano e tutto quanto il resto. Rientrato a casa, l'idillio è finito. Premettendo che non abito in campagna ma in una cittadina di circa 70000 abitanti, il telefono ha iniziato a dare i numeri. La linea, a meno di non trovarsi in una condizione di irraggiamento perfetto, è scarsa spesso zero tacche o addirittura nessuna connessione. lo schermo scatta e risponde a caso ai comandi ( segno o di un cattivo impiego della memoria o di celle di bassa qualità). Il vetro dello schermo s è riempito di piccole scheggiature in seguito ad urti del tipo "lo metto sul tavolo" oppure "mi cade sulla moquette", cose a cui, con l'altro telefono ero più che abituato, tant'è che l'unica scheggiatura fu dovuta a quasi due metri di caduta su parquè. Se la struttura del vetro si sa, è fragile, il sistema elettronico non mi pare da meno. Ho dovuto cambiarlo, perché in studio non pretendeva, a casa non prendeva e per agganciarsi ad una macrocella c'era da spegnere e riavviare, o nei casi fortunatissimi, togliere e rimettere il traffico dati. esito: quando alla fine mi si è sbriciolato lo schermo sono andato al mercatino delle cianfrusaglie ed ho comprato a 10 euro una batteria per il mio vecchio huawey e per magia ...

Arexons Svitol 16/09/2017

Svitol technink riattivante elettrico

Arexons Svitol salve, ho provato il riattivante elettrico della Arexons e non sono molto soddisfatto. premetto che ho sempre usato alcol isopropilico di un altro fornitore che non mi ha mai dato problemi di sorta, ma che negli ultimi mesi non ho avuto modo di comprare per questioni di tempo e fretta. fornendomi a volte in un grosso magazzino di articoli per bricolage ho provato questo prodotto. nell'ordine 1) unge troppo e in applicazioni in elettronica non mi piace per nulla: ungere=appiccicare la polvere 2) si spruzza male, schizza e non si riesce a fare un fiotto preciso perché è troppo denso 3) lascia troppo residuo, e alla fine lo sporco, sopratutto nei potenziometri, finisce per accumularsi con palline orrende che inficiano i lavori resta un buon prodotto per le serrature e per i contatti degli interruttori degli attrezzi da giardino, ma per il resto è scadente. p.s. ha il beccuccio di 2cm che è come non averlo.

Melascrivi.com 23/08/2017

Sconsiglio Melascrivi

Melascrivi.com Melascrivi di per se non sarebbe un brutto sito. A parte alcune problematiche sulla grafica ed una interfaccia che con Firefox su KDE non si carica correttamente. A parte che il correttore nelle medesime condizioni mette le parole in posizioni casuali del testo. A parte che si carica in molto tempo ( per intendersi, Facebook che è un mattone ci mette meno di un decimo). Ma veniamo ai fatti generali. Il sito paga, il che è già buono di per se, perché se uno finisce per appoggiarsi a questa impresa vuol dire che ha fame ( come me). Paga poco, quello è vero, in compenso ha una serie di difettucci trascurabili. Linee guida scritte in maniera VERBOSA e INCOMPRENSIBILE che, considerato che servono per redigere gli articoli, non è un gran che. Occorrono parecchie letture prima di capire quanto si deve scrivere, come devono essere le immagini, come suddividere gli articoli in paragrafi e quanto devono essere lunghe le parti. Le informazioni con un po' di pazienza ( bestemmie) si estrapolano dal testo, ma con un calcolo di tempo/guadagno siamo già fuori. Una volta compreso il "come", allora si può scrivere, in un sistema di maschere che ovviamente non contano molte battute perché provenienti da stopwords, ossia congiunzioni, articoli, preposizioni e anche parole intere (anche molto molto molto lunghe, date una scorsa alle regole per capire). Ovviamente tali stopwords fanno parte del testo e quindi non possono "restare nella tastiera". Finita la fatica immonda di inventarsi parole su ...

Marshall Valvestate 8040 19/08/2017

Valvestate 8040 Marshall

Marshall Valvestate 8040 Ho messo mano negli anni su parecchi valvestate per lavoro. Ho dovuto microfonarli, suonarli e fin troppo spesso ripararli. Andiamo per ordine. Il suono pulito è decente, a volume basso, per esempio 2, ma non appena si sale leggermente si sente che l'altoparlante montato fa fatica e si mangia intere fette di spettro sonoro. Va bene per iniziare, e forse per rivenderlo ad un principiante con poco gusto. Se ci si azzarda ad entrare sul distorto suona circa come un'anatra strozzata, ed è impossibile tirare fuori un suono che non sia da rock scadente anni novanta, decisamente inutile. Suonare con questo amplificatore significa condannarsi a non riuscire a fare una buona metà della musica moderna, a meno di non usarlo a volume bassissimo e con una pedaliera gigantesca, ma a quel punto tanto vale entrare diretti nelle casse del computer. Per quanto riguarda la riparazione è macchinoso da smontare come tutti gli altri amplificatori, il circuito è pulito, ma i potenziometri non sono esattamente il meglio in commercio, perché prendono la polvere e hanno gli alberini che tendono a perdere di centralità e quindi spesso finiscono per bloccarsi. Chi scegliesse questo ampli deve mettere in conto almeno una revisione annuale dei potenziometri e di cambiarne un bel po' a biennio. Buono se ti serve un muletto da camera e lo trovi usato a meno di 100 euro, se devi spendere di più regalati qualcosa di meno insulso, magari un monocanale valvolare di boutique da 15W che ti da due soddisfazioni in ...

Rode Microphones NT1a 18/08/2017

Rode NT1a

Rode Microphones NT1a Devo dire che l'acquisto di questo microfono mi ha soddisfatto parecchio. La confezione e l'imballaggio sono piuttosto buoni, il che rende già la consegna un evento piacevole. Preso in mano il microfono è molto leggero, ed abituato ad altri modelli mi ha un po' spaventato. La prima prova che ho effettuato è su una voce femminile molto pronunciata e piuttosto bassa. La soddisfazione è stata immediata, una volta messo sul suo shockmount. Il setup è stato piuttosto semplice, avendolo mandato direttamente in ingresso ad una scheda audio in fascia professionale. Registrando ho trovato una buona risposta in frequenza e in dinamica e un rumore di fondo difficilmente tracciabile, che in realtà risulta mascherato dal rumore ambientale. Davvero impressionante. Sebbene non si tratti sicuramente del miglior microfono in commercio, devo ammettere di essere molto soddisfatto. In seguito l'ho impiegato anche per prese ambientali ad una certa distanza dalla sorgente (una batteria acustica con piatti oversize e fusti molto bassi di intonazione). In questo caso ho trovato un po' fastidioso l'accesso di sensibilità ai "rientri", ma mi rendo anche conto del fatto che non è la sua vocazione prima. Provando ad utilizzarlo come panoramico, ho riscontrato una certa durezza nel suono, e fin troppa sensibilità agli attacchi soprattutto per i piatti, ma anche in questo caso si è trattato all'incirca di un abuso di dispositivo da parte mia. Unica vera pecca sono i contatti placcati in oro, che tendono a ...
Torna sopra