Condividi questa pagina su

bronzo Status bronzo (Livello 7/10)

lifest.99

lifest.99

Autori che si fidano di me: 170 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Mentre voi continuate a sfiduciare senza una parola, ringrazio Rivera, Azzurra e Peppino che non mi fanno mancare mai un saluto.

Opinioni scritte

dal 23/01/2009

82

Stadt Hotel Città, Bolzano 23/12/2013

Stadt Hotel Città...praticamente perfetto

Stadt Hotel Città, Bolzano Non avrete mica pensato che io abbia finito di torturarvi con la mia Bozen-mania ? Sedetevi un attimo che vi racconto ancora qualcosa circa la nostra vacanza pre-natalizia di quest’anno... Breve flash-back Sin dal primo anno che siamo stati a Bolzano per i Mercatini di Natale (ormai 5 anni or sono), arrivati a Piazza Walther (se ricordate, per chi mi ha già letta, Piazza Walther è la piazza in cui si tiene il celebre mercatino di Natale, nonchè la piazza più importante di Bolzano...e pure la più bella, a mio parere), immediatamente ci fermammo incantati a guardare uno splendido palazzo dall’aspetto antico, incredibilmente bello ed elegante... (sospiro) - Lo Stadt Hotel...chissà che bello sarebbe soggiornare qui...ma costerà uno sproposito, considerata la location ... Così per qualche anno abbiamo soggiornato in altri hotel, a 2 o 3 stelle, pur graziosi, per amor del cielo, ma di certo non erano lo Stadt Hotel. Quest’anno tuttavia mi sono detta: perchè non provarci? In fondo che mi costa chiedere? E’ stato l’inizio della fine: temo che gli resteremo fedeli per sempre... L’hotel ci offriva un soggiorno infrasettimanale di 3 notti, in camera matrimoniale (il bambino dormiva con noi), colazione compresa, al prezzo di 345 euro...non particolarmente caro, direi, considerato il livello del servizio ed il non trascurabile fatto che non abbiano preteso alcun acconto, nè carta di credito...richiedendo solo che, in caso di disdetta, avvertissimo ragionevolemente prima. Lo ...

Mercatini Originali dell'Alto Adige, Bolzano 23/12/2013

Christkindlmarkt...i Mercatini Originali dell'Alto Adige

Mercatini Originali dell'Alto Adige, Bolzano Premessa Appena rientrata dal Sud Tirol (Alto Adige per i profani), anzi già ci pensavo mentre ero ancora là, non posso fare a meno di mettere su carta (virtuale) il mio consueto entusiasmo per i Christkindlmarkt...(letteralmente i Mercati di Gesù Bambino). SudTirol-mania La guida ai Mercatini recita: Il profumo: è quello di cannella e spezie, di legno di montagna e di dolci fatti in casa, di vin brulè e di abeti decorati a festa … (a proposito, sapete cos’è il vin brulè ? E’ vino rosso o bianco - di solito rosso, è più saporito- addolcito con zucchero e speziato con cannella e chiodi di garofano e bollito con bucce di arancia e limone...anche se oggi si usa spesso servirne di confezionati) I Mercatini Originali Alto Adige/Südtirol si propongono di essere un piacere, o meglio una delizia per tutti e 5 i sensi, perciò all’olfatto (=il profumo suddetto), seguiranno la vista, l’udito, il tatto, il gusto. La vista dunque sarà soddisfatta dalle mille luci colorate che addobbano le casette di legno, le luci che adornano l'enorme albero di Natale in Piazza Walther, le luci di coda del “trenino dei bimbi” come lo chiama mio figlio, le luci che accompagnano i passi dei visitatori lungo la Via Portici, ma soprattutto la luce che brilla negli occhi dei più piccoli...ma anche dei grandi! E sarà soddisfatta dalla miriade di decorazioni colorate, con cui i negozianti e gli espositori ci attirano come calamite... E l’ udito ? Qualunque mercatino si visiti sarete immersi ...

Val d'Ega, Bolzano (Bz) 15/07/2013

Eggental...terra di leggende e magie.

Val d'Ega, Bolzano (Bz) Premessa Questa storia inizia tanto, tanto tempo fa...è la storia di Laurino, Re del popolo dei nani, che possedeva innumerevoli ricchezze, oltre a due armi magiche: una cintura che gli dava la forza di 12 uomini e un mantello che lo rendeva invisibile. Ma sopratutto possedeva il giardino di rose più bello che si fosse mai visto. Un giorno il Re dell'Adige decise di concedere in sposa la sua bellissima figlia Similde, e quindi invitò tutti i nobili delle vicinanze. Tutti tranne Re Laurino, che quindi decise comunque di partecipare come ospite invisibile. Ma quando, durante il torneo cavalleresco, egli vide Similde, se ne innamorò all’istante e subito la pose sul suo cavallo e fuggì con lei. Tutti i nobili presenti si lanciarono all’inseguimento e dunque il Re Laurino nonostante la cintura magica, non riuscì da solo a fronteggiare tanti cavalieri (erano troppi) e quindi indossò il mantello dell’invisibilità per sfuggir loro. Ma i cavalieri si accorsero della sua presenza, notando il movimento delle rose al suo passaggio e quindi lo catturarono. Il Re Laurino furioso verso il suo giardino di rose, che l’aveva tradito, gli lanciò una maledizione: "Né di giorno, né di notte alcun occhio umano potrà più ammirarti" Ma il re non aveva pensato ai due momenti della giornata in cui non è giorno nè notte: l’alba ed il tramonto ed è in quei momenti che il suo Rosengarten (in tedesco appunto il giardino delle rose) appare in tutto il suo splendore,risplendendo di colori che vanno dal ...

Hino 12/06/2013

La cosmesi della natura!

Hino Premessa Recentemente ho avuto modo di conoscere un brand il cui nome ha immediatamente suscitato in me curiosità ed interesse: Hino Di solito i nomi delle aziende cosmetiche tendono a richiamare particolari aspetti di destinazione, di efficacia, di naturalezza ecc...stavolta invece, leggendo questo misterioso nome... Hino ...non riuscivo sull’immediato a comprenderne il significato, non trovavo il nesso. Mi è parso giusto, oltre che semplice, andar quindi a spulciare sul sito dell’azienda alla ricerca della soluzione di questo “piccolo mistero” ed ho quindi svelato l’arcano. Ebbene Hino è un acronimo . Ovvero è un nome formato con le lettere iniziali di determinate parole. Ma quali? HINO H come HIGH : ovvero alto, elevato, perché elevata è e vuole essere la qualità di tutte le formulazioni: quindi si impiegano materie prime rigorosamente selezionate e ci si affida a rigorosi test di efficacia e di tollerabilità, oltre test al nichel e test al glutine per valutarne insieme la delicatezza e la funzionalità cosmetica. I come INTELLIGENCE : perché intelligente, ingegnosa è la miscela di principi attivi utilizzati per conferire a ciascuna formulazione caratteristiche di notevole pregio unite ad una texture ottimale. N come NATURAL : perché le formulazioni Hino sono state create per essere sempre e comunque di origine naturale. Nella linea ECO BIO di HINO NATURAL SKINCARE, la derivazione naturale raggiunge addirittura il 99%. I dermo-cosmetici Hino ECO BIO quindi non ...

Magic Cooker Coperchio 11/04/2013

Fenomenale? Di più... MAGICO!

Magic Cooker Coperchio Premessa Recentemente avevo ripetutamente sentito parlare di un nuovo prodotto... E ne ho sentito parlare con tale entusiasmo che ho cominciato a sospettare che fosse una bufala mediatica. Sapete come funziona sul web: una notizia parte da zero e man mano si ingrandisce e viene pompata fino all’esasperazione ed un... comune attrezzo da cucina pare diventare una bacchetta magica. Magica ...uhm...questa parola ha un che di familiarmente appropriato. Dunque leggo e rileggo in giro e continuo a leggere delle magie di questo prodotto e mi dico con ancor più convinzione che non può essere. Tuttavia a un certo punto, me ne parla un’amica di cui mi fido ciecamente...e perchè mai lei avrebbe dovuto mentirmi? Allora mi lascio prendere da una curiosità folle e comincio a sbirciare sul sito: LA BACCHETTA MAGICA SARA’ MIA AD OGNI COSTO!!! Dunque mi metto in contatto con l’azienda e in pochi giorni la bacchetta magica prende posto nella mia cucina.... Ma cosa sarà mai questo portentoso oggetto? Avrete forse pensato a strabilianti robot da cucina, a celebri macchinari cucinatutto (non posso far nomi) o magari ad un affascinante e simpatico chef in carne e ossa che mi prepara tutto, senza che io muova un dito. No, signori, nulla di tutto ciò...RULLO DI TAMBURI! Vi presento, signore e signori, il... Magic cooker!!! Ebbene signori, siete pronti a scoprire il mio segreto in cucina? Il mio nuovo amico magico è... un coperchio No, signori, non provate a sorridere della mia ...

Conferenza "La Disabilità Intellettiva e l’Antinomia Autonomia-Dipendenza", Tavernerio (Co) 13/02/2013

Il difficile mondo dell'handicap...

Conferenza "La Disabilità Intellettiva e l’Antinomia Autonomia-Dipendenza", Tavernerio (Co) Scrivere una premessa ad un argomento così delicato non è assolutamente facile. Bisognerebbe spiegare i perchè, i “percome”...e non credo sia questo il luogo. Tuttavia ritengo sia importante, quasi doveroso da parte mia, coinvolgere quante più persone possibile in un mondo che -fortunatamente per loro- la maggior parte della gente non conosce da vicino. O meglio: molti credono di conoscere, di capire, di vedere... Ma oggi ho intenzione di abbattere i luoghi comuni, i pietismi, le incomprensioni per provare ad illuminare le menti di chi non conosce, non capisce, non vede...perchè non ha mai vissuto nè visto da troppo vicino un mondo assai difficile e controverso che è quello della disabilità . Cercherò comunque di utilizzare un linguaggio non troppo complicato per facilitare l’approccio a questa problematica. Che cos’è l’handicap? La disabilità, o handicap che dir si voglia, è un concetto assai critico. Si tende spesso a identificare il soggetto disabile solo in quanto persona non deambulante: paraplegici o persone reduci da incidenti stradali che abbiano perso l’uso delle gambe oppure affetti da quelle malattie che stanno diventando tristemente note grazie alle varie iniziative di programmi televisivi come Telethon o di associazioni che si occupino di malattie specifiche come la sclerosi multipla, la spina bifida, la distrofia muscolare... Tutto giusto: in quel caso, parliamo effettivamente di disabili. Tuttavia esistono molti tipi di handicap non dico meno noti, ma ...

Napoli 13/12/2012

L'oro di Napoli

Napoli Premessa Tanto, troppo tempo che non andavo a Napoli per il solo gusto di farlo... Avevo la mia brava scusante per andare, stavolta: il mio diploma di maturità era ancora depositato in segreteria a Via Marittima alla Facoltà di Giurisprudenza. Direi che era pure ora di ritirarlo, no? Mmmm...alla fine vi racconterò com’è andata. Siamo arrivati a Napoli poco dopo le 8,30 con le Ferrovie dello Stato, in una paradossale giornata di sciopero nazionale (che caproni, direte voi...ma era l’unico giorno libero a nostra disposizione), il che comportava che prima di sera non si potesse tornare a casa...BENE!!!!! Mio marito propone di non scendere a Napoli Centrale, ma di proseguire per Piazza Cavour, più vicina ai nostri interessi “turistici” del giorno. Mi pare strano l’idea di fare la turista in un luogo che sento comunque mio...un luogo che ho frequentato anche ogni giorno in un certo periodo della mia vita. Ma mio marito qui ha fatto il militare e mi aveva prospettato di presentarmi scorci che incredibilmente non conoscevo e farmi visitare luoghi che avevo purtroppo sempre guardato solo a distanza. Siamo pronti allora? Scarpe comode e giacche non troppo pesanti, cammineremo molto, non vorrei farvi sudare. Napul’ è... Non abbiamo scelto a caso di recarci nel capoluogo partenopeo in questo periodo. Chi mi conosce, sa che amo particolarmente il Natale e Napoli -come dice un personaggio del cartone Opopomoz - è la capitale del presepe e dai primi di novembre in avanti ...

Crociera Royal Caribbean 03/10/2012

Ladies and gentlemen, welcome onboard!

Crociera Royal Caribbean Premessa Sin dal lontano settembre del 2002, mio marito mi propose di ripetere l’esperienza della nostra luna di miele presto o tardi...ma di certo lo avremmo fatto per il nostro decimo anniversario. All’epoca viaggiamo con Costa e ci riproponemmo una crociera, con la prole al seguito (che all’epoca ancora apparteneva solo al disegno di Dio...) Ma se provassimo a vedere cosa offre Royal Caribbean ? Ma figuriamoci, -mi sono detta- hanno la fama di avere le navi più belle e grandi del mondo, costerà uno sproposito... Ed in effetti ,economica non mi è sembrata in principio...(ma non peggio delle altre, chiariamolo subito). Eppure mi ero talmente incantata davanti alle immagini proposte dal sito che non riuscivo ad arrendermi all’idea di perdere questa grande occasione. Un bel dì, noto che sul sito esiste la voce delle offerte speciali che invita i visitatori a visitare con regolarità...e così ho fatto. Così un giorno, mentre con insistenza mi soffermo a sognare queste navi immense e bellissime, clicco per l’ennesima volta su Ultime promozioni , alla ricerca di un itinerario nel Mediterraneo che sia a portata delle nostre tasche. Ad un certo punto, la mia reazione è stata “EEEEEEEEEEEEEEH????? Ho letto bene???” Una crociera sulla Navigator of the Seas , con partenza da Civitavecchia, il giorno 2 settembre, itinerario Mediterraneo Orientale, durata 7 giorni, per 3 persone (2 adulti + un bambino), a ‘’’1260 euro’’’ , tutto compreso!!! E quando dico tutto compreso, intendo ...

www.iregni.com 15/07/2012

O capitano, mio capitano...

www.iregni.com O capitano, mio capitano... Aprile 2010 : un glorioso capitano, intrepido combattente di mille battaglie, lancia una provocazione... “ Ma che ci fai sempre su Ciao? “ Beh...come sarebbe? Ci sei anche tu su Ciao, capitano!!! Certo, ammettiamolo, la sua latitanza ciaoina mi appariva sospetta...dove si nascondeva il prode soldato quando non lo si vedeva online? La provocazione divenne un invito...Il primo istinto fu: NO !!! Non se ne parla neanche: non ho voglia di prendermi un altro impegno virtuale... Ma lui mi assicurò che, volendo, basta dedicare al gioco pochi minuti al giorno e solo se davvero il gioco mi fosse piaciuto, avrei potuto decidere di trattenermi più a lungo sul sito... Quindi io ribadisco: NO!!!! Ma ammissione per ammissione...il mio amico cominciava a latitare troppo e mi rincresceva non poco perderlo di vista. Quindi, anima e coraggio, seguo il link che il capitano mi segnala e mi iscrivo. www.iregni.com Cominciamo: l’iscrizione... La grafica da due anni in qua è leggermente cambiata, ma il metodo non più di tanto... Un riquadro in basso a sinistra invita a fornire i dati necessari: *Il mio login: Sceglietevi un nickname che vi piace...sarà il vostro nuovo nome. *Password: ****** *confermate la password: ****** *Indirizzo mail: Qui vi arriveranno le comunicazioni principali da parte del sito *Genere: Uomo o Donna *Padrino: Se ne avete uno...nel mio caso il mio amico *Copiate il codice di sicurezza: n.b. la trascrizione del codice accompagnerà ...

Valle d'Intelvi, Como 10/07/2012

Valle Intelvi...un cuore verde

Valle d'Intelvi, Como Introduzione Il primo impatto con la Valle, nel lontano gennaio del 2000: Ma dove cavolo sono finita ??? Era quasi buio e non riuscivo a veder bene...eppure tutto quel bianco attorno già mi regalava qualche brivido...freddo gelido a parte. La Valle ha un certo non-so-che di speciale...anzi in verità lo so bene cos’è :-) Beh, ritornando alla mia opinione sulla penisola sorrentina, in cui mi definivo ‘diversamente settentrionale’, oggi mi accingo a parlare della mia nuova identità :-) Ebbene sì... sun lumbàrda, minga una terùna . Non sono credibile, dite? Beh, sono profondamente offesa... Ok, allora per dimostrarvelo, salite a bordo della mia mitica Fiat Palio che vi porto a fare un giro in Valle. Sapete qual è lo slogan della Val d’Intelvi? Campeggia attaccato in adesivo dietro molte auto, in primo piano sui libri, su vari siti locali... Troverete scritto: Cuore verde di Lombardia La Valle Intelvi si trova sulle Alpi tra il lago di Como (il Lario ) e quello di Lugano (il Ceresio ). Ho letto tempo fa (ovviamente non posso verificarlo, non avendo un elicottero) che ha la forma di Y al rovescio, per cui i vertici inferiori salgono su dai laghi di Como e di Lugano, ed il vertice superiore è quello che si trova in località Sighignola (di cui vi parlerò dopo) che è il punto che segna la maggior altitudine. Trovandosi a metà tra i due laghi, il clima è sufficientemente piovoso da permettere una vegetazione rigogliosa, da cui appunto (mica per niente!) il nome di ...

Agriturismo Case Mori, Rimini 20/03/2012

Una favola sui colli riminesi...

Agriturismo Case Mori, Rimini First time...la prima volta al Case Mori Era il mese di giugno... Il tempo in questi pochi giorni di vacanza non è stato troppo clemente meteorologicamente...e anche stavolta le nuvole oscurano il cielo. Non piove, non ancora almeno, ma certo non è l’ideale per andare in spiaggia. I miei suoceri, che ci hanno tenuto compagnia in questi giorni, propongono: ma perchè non andiamo al ristorante invece di mangiar sempre panini? E’ vero...tra mantovane con la porchetta e piadine al prosciutto in effetti si saranno stufati di mangiare al sacco. Quindi? Mettiamoci alla ricerca di un ristorantino carino. Con i miei, nei tanti anni che siamo stati qui in vacanza, ho mangiato in un sacco di ristorantini, trattorie ecc, ma paradossalmente, poichè all’epoca non guidavo, non ricordo la strada per nessuno di essi. Quindi semplicemente in Piazza Tre Martiri, chiediamo nel bar, in cui abbiamo appena preso il caffè, se ci suggerisce un bel posticino che non sia il solito ristorante sul lungomare (ovvero caro e non necessariamente affidabile per gusto). Il simpatico barista ci chiede se siamo motorizzati. Sì, lo siamo... Allora ci suggerisce un agriturismo appena fuori città e ci dà indicazioni piuttosto precise su come arrivare in loco: uscire dal centro, dirigersi verso la Flaminia, poi prendere la strada per Coriano e poi.... Ok, è deciso: andiamo! Il Case Mori Uscendo appunto da Rimini città, ci dirigiamo in zona collinare. Graziosa e tranquilla, non c’è che dire. Arrivati a ...

Malattie rare 02/03/2012

Un figlio meno che perfetto....

Malattie rare Continuava a guardare quel foglio, eppure le parole che vi erano scritte le attraversavano lo sguardo... non riusciva a leggere, ma le frasi del medico continuavano a riecheggiare nelle sue orecchie: E' una parola difficile da accettare, lo so...ma dovrete imparare a conviverci Handicap era una parola così grossa... Sembrava così facile mostrar compassione per gli altri, sembrava facile giudicare...ma come avrebbe imparato a convivere con questa realtà? No, non ci sarebbe mai riuscita, lei non era forte abbastanza da sopportare tanto. E se invece si fossero sbagliati? E se le analisi fossero state sbagliate? Certo, doveva esser così...tutto questo non poteva essere accaduto proprio a lei. Invece sì...proprio a lei! Sragionava...parlava da sola e continuava a chiedersi cosa avesse mai fatto di male per meritare tanto? Ho forse peccato, Signore, certo...ma tanto da meritare una tal punizione? E questo bambino...lui che dovrà ogni giorno della sua vita convivere con questa parola orrenda...che male aveva fatto ? Come hai potuto farmi questo, Signore? COME? Lei stessa faticava a credere ai pensieri che le si affollavano nella testa...era sorpresa di se stessa. E il dolore ...sentiva dentro sè un dolore che non trovava descrizione con comuni parole. Sentiva una sorta di oppressione alla gola, il respiro era affannoso...le mani tremavano e le lacrime continuavano ad appannarle lo sguardo. Non riusciva a parlare, mentre i pensieri continuavano ad affollarsi sempre più ...

assocluanda.blogspot.com 14/01/2012

Il sogno di Luanda...

assocluanda.blogspot.com Premessa Quando il sito di cui sto per parlarvi fu finalmente pronto, con la persona che me lo stava presentando mi balenò quasi subito pensare l’ipotesi di parlarne qui... Poco dopo, ad esser sincera, mi sono pentita della proposta che avevo fatto...i dubbi mi hanno assalito e tuttora mi assalgono: sarò capace di parlare adeguatamente di un argomento così importante? Una volta avrei forse scritto un racconto...avrei raccontato la favola triste di Luanda, che dopo tanto soffrire aveva incontrato il suo principe azzurro...solo che non ci fu lieto fine. Oggi so che non è così che devo parlarvi... Vi parlerò della principessa Luanda e della sua favola triste, questo sì... Vi parlerò di una madre coraggiosa... Vi parlerò di un principe azzurro innamorato... E vi parlerò del loro impegno costante per realizzare dei sogni. Per realizzare il sogno di Luanda... Luanda...chi è Luanda? Luanda nasce ad Avellino, in un freddo giorno di gennaio, da padre campano... Sua madre, Benicia , invece è nata in Brasile. L’incontro tra il nostro sud ed il sud di un lontano continente creano una ragazza bellissima, profondi occhi scuri, e tanti riccioli neri, un sorriso caldo e coinvolgente... Luanda cresce a Genova, ma resta sempre molto legata alle sue origini. Luanda ama molto i bambini e si preoccupa soprattutto di quelli meno fortunati... Vorrebbe un giorno avere una famiglia con M., il ragazzo che ama, e sogna un mondo in cui i bambini non debbano più soffrire. E’ una ragazza ...

Ristorante Pizza a Metro da Gigino - Università della Pizza, Vico Equense 24/11/2011

L'Università della pizza!

Ristorante Pizza a Metro da Gigino - Università della Pizza, Vico Equense Introduzione Delizia dello stomaco, dell'odorato e della vista ... (prof. Carlo Zecchi) Il mio primo approccio da Gigino è stato in tenera età...non riesco a ricordare quanti anni avessi, mi pare di ricordare di conoscerlo da sempre....e forse è così. Il ristorante-pizzeria di cui mi accingo a parlarvi è noto -credo- un po’ in tutta Italia, e mi risulta travalichi anche i confini della penisola (quella italiana, intendo), considerata la quantità di stranieri che si fermano a riempire i pancini... Ma chi era questo famoso Gigino? Negli anni ‘30, Luigi Dell’Amura, detto appunto Gigino, inventò qualcosa di strabiliante, che trasformò la storica panetteria di famiglia in quella che ho scoperto essere oggi la più grande pizzeria-ristorante del mondo. Accogliendo il più che lecito suggerimento nel commento della cara amica Circa , che si è chiesta la ragione del suo soprannome, tengo a specificare che suol spesso dirsi da queste parti, parlando della pizzeria: Andiamo a mangiare da Gigino 'o zuzzus' ...(letteralmente zuzzus'= sporco). Anzitutto non allarmatevi: come dirò più avanti, il locale è pulitissimo. Ma mi è stato raccontato (e poichè è solo un racconto, prendetelo con le molle, concedendomi solo il beneficio del dubbio) che Gigino da ragazzo sembra fosse famoso in zona per le consegne del pane, che teneva fermo con un piede per non farlo cadere dalla carretta...quindi alcune persone borbottavano che così sporcasse il pane. Tornando a noi, Gigino cambiò ...

Penisola Sorrentina 15/09/2011

Torna a Surriento...

Penisola Sorrentina Premessa Nonostante alcuni di voi (che mi sentono spesso parlare di freddo polare e di neve in inverno e di estati a dir poco miti) abbiano creduto talvolta che io appartenga in tutto e per tutto alla fascia alpina, sappiate che io posso definirmi diversamente settentrionale … In che senso? MOLTO diversamente: io sono di origine napoletana. I puristi partenopei tuttavia mi smentiranno, dandomi della provinciale...d’altronde è vero, come negarlo? Dunque, avendo notevole dimestichezza con la zona che mi accingo a descrivervi, ho pensato di farvi partecipe dell’amore per la mia terra, portandovi a spasso per... La penisola sorrentina La penisola sorrentina è una delle principali mete turistiche (nonchè una delle più esclusive) d’Italia...oserei dire del mondo, data l’enorme affluenza degli stranieri in ogni stagione dell’anno, in particolar modo (com’è ovvio sia alla nostra latitudine) in estate. Si tratta (appunto) di una penisola appartenente alla provincia di Napoli, che divide in due quel tratto di Mar Tirreno tra il Golfo di Napoli ed il Golfo di Salerno. La tradizione include con certezza all’interno della penisola cinque città: *Vico Equense *Meta di Sorrento *Piano di Sorrento *Sant’Agnello *Sorrento Altre due città sono talvolta incluse nel “conteggio” della penisola (e quindi anche di queste vi parlerò) ai due estremi della penisola: all’inizio di essa Castellammare di Stabia, al termine invece Massa Lubrense Patriotticamente vi includo volentieri ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra