Condividi questa pagina su

argento Status argento (Livello 8/10)

marcunz

marcunz

Autori che si fidano di me: 215 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

------------- . sono un pò preso col lavoro ed altro...Ma torno presto.

Opinioni scritte

dal 06/12/2008

359

Suzuki Alto 07/02/2017

Una citycar interessante

Suzuki Alto BREVE INTRODUZIONE Ciao a tutti. In questa mia opinione per la prima volta parlerò di un prodotto che non è un film ( bhe, ogni tanto bisogna cambiare direi) e che è la mia attuale macchina da un paio di anni. A breve penso che la cambierò comunque sia per ora resta la mia macchina principale, che uso sia per lavoro che per il tempo libero. Perchè SUZUKI? Nessun motivo particolare mi ha spinto a cercare questa macchina. Mi spiego meglio: dovevo vendere la mia macchina precedente e nel cercare un venditore di auto che lo facesse, mi è stata offerta questa macchina. Beninteso, prima ho venduto la mia macchina e poi ho acquistato questa, usata. La data di immatricolazione è del 2009, l'ho acquistata quasi un paio di anni fa. Il suo prezzo di acquisto nel mio caso è stato di 3500 euro. La macchina aveva 45000 km, quindi pochi per ciò che mi riguarda. Il prezzo del nuovo ai tempi era decisamente più elevato ( intorno agli 8000). LA MACCHINA PIU' DA VICINO DIMENSIONI E PRESTAZIONI Le dimensioni della Alto non sono per nulla eccessive, anzi direi che possiede le dimensioni giuste per muoversi agevolmente nel traffico. Anche il parcheggio è semplice ed agevolato dal fatto che è facile muoverla in mezzo al traffico ( motivo per cui la consiglierei anche a chi abita nelle grandi città, dove il problema del traffico è particolarmente sentito). Parliamo di tre metri e mezzo per quattro circa. Io la trovo perfetta per i parcheggi ostinati, dove altre macchine non riescono a ...

Jack Reacher 2: Punto di Non Ritorno (E. Zwick - USA 2016) 15/11/2016

Provaci ancora Jack

Jack Reacher 2: Punto di Non Ritorno (E. Zwick - USA 2016) LA TRAMA Jack Reacher ( Tom Cruise) fa ritorno dopo molto tempo al quartier generale dell'unità di polizia dove era stato miliare anni fa. Ci va per salutare il maggiore Susan Turner. Dopo essere giunto a destinazione però, scopre, con sorpresa, che il maggiore non solo è stato rimosso dal suo incarico, ma che è anche stao m esso agli arresti per tradimento. Deciso a scoprire la verità e convinto dell'innocenza del maggiore, Jack decide di mettersi sulle tracce della verità... LA RECENSIONE CAPITOLO DUE: GLI ANNI PASSANO (PER TUTTI) Secondo capitolo della saga, Jack reacher è uno di quei film che potrebbeo appartenere alla categoria dei cosiddetti "detective movie", anche se con una certa differenza di tono. L'elemento infatti muscolare è quello che distingue il classico dm ( detective movie appunto ) da questa pellicola. Il film è stato tratto dal romanzo di Lee Child che ha creato il personaggio. Anche il primo film era stato tratto dai suoi romanzi. Purtroppo non ho avuto modo di leggere il libro e quindi le mie impressioni si baseranno su due punti principali: il mio background cinematografico ed il paragone tra le due pellicole ( questa e la prima). Iniziamo con il parlare del protagonista Jack Reacher, alias Tom Cruise, nonostante la buona volontà e l'ottima forma fisica ahimè sta invecchiando ( come tutti del resto). Ne consegue che questo sia andato ad inficiare gli elementi di azione e di combattimento che erano presenti nel film. Questo decadimento fisico ...

Teoria e pratica della persuasione. Capire la persuasione per esercitarla positivamente e difendersi dai manipolatori (Robert B. Cialdini) 01/11/2016

La scienza del comprare e del vendere

Teoria e pratica della persuasione. Capire la persuasione per esercitarla positivamente e difendersi dai manipolatori (Robert B. Cialdini) INTRODUZIONE Ciao a tutti. Vorrei parlare in questa opinione di un libro che ho avuto modo di comprare di recente poichè ero rimasto incuriosito sia dal titolo che dai suoi contenuti. Gia' conoscevo l'autore, Robert B. Cialdini,'' per via di una serie di video esemplificativi che avevo visto su youtube ( in lingua originale). Robert B. Cialdini è uno psicologo americano. Molto famoso per i suoi studi sulla persuasione e sulla psicologia che spinge le persone a comprare i prodotti di qualsiasti tipo, ha esposto le sue teorie in molti libri (uno dei quali è questo) e seminari COSA E' LA PERSUASIONE Partiamo prima di tutto col definire la parola persuasione. Andando su wikipedia si legge che la persuasione è "l'arte di modificare l'atteggiamento o il comportamento altrui attraverso uno scambio di idee.." In tal senso si può dire che la maggior parte dei mezzi comunicativiche ci circondano ( televisione, radio, ma anche la stessa rete), possiedano questa capacità, che a volte può essere inculcata in maniera positiva o negativa La persuasione a dire il vero è sempre stata vista secondo una accezione negativa, secondo il mio punto di vista. Qui bisogna fare un netto distinguo. Un conto infatti è convincere una persona che il proprio prodotto è il migliore, con prove concrete e mezzi più o meno leciti, un altro è mascherare la realtà facendo credere che un prodotto sia il migliore quando non lo è. Questa non è persuasione ovviamente ma imbroglio e non è di certo lo scopo che ...

Decisioni intuitive. Quando si sceglie senza pensarci troppo (Gerd Gigerenzer) 07/09/2016

Quando sceglie l'inconscio

Decisioni intuitive. Quando si sceglie senza pensarci troppo (Gerd Gigerenzer) INTRODUZIONE QUANDO IL PENSIERO LOGICO NON BASTA Mi sono sempre chiesto se al di là della parte logica - razionale che appartiene ad un individuo, esisteva un 'altra parte, ben più nascosta ma molto più saggia, che aiutasse la gente a decidere con una certa cognizione. Ebbene, questo libro ha messo in luce quello che pensavo da tempo: che possediamo una intelligenza inconscia che non è per nulla stupida e che è in grado di prendere decisioni con una certa precisione. Da tempo avevo visto questo libro, scoperto per caso sulla rete e dopo averci pensato un pò ( più per il discorso del prezzo che per il suo reale contenuto), l’ho acquistato. L'AUTORE Gerd Gigerenzer, l’autore del libro è uno psicologo che lavora in Germania ( a Berlino). Da anni si occupa di questa materia, cioè il campo delle decisioni. Si può quindi dire che il libro è stato scritto da una persona competente. Sappiate che per scriverlo, l’autore ha impiegato circa quattro anni. Ciò per dimostrare la perizia con cui ha lavorato nella sua realizzazione.Ad ogni modo lo psicologo sottolinea come nel nostro inconscio esistano delle cosiddette “zone d’ombra” che non sono per nulla stupide o inconcludenti. Semplicemente abbiamo a che fare con una parte di noi che opera in maniera differente dal consueto processo logico. La sensazione viscerale insomma è qualcosa di estremamente serio. Alzi la mano chi non ha mai provato almeno una volta nella vita ( io direi ben più di una volta) di fronte ad un evento più o ...

Lo Chiamavano Jeeg Robot (G. Mainetti - Italia 2015) 15/06/2016

Eroi ed antieroi

Lo Chiamavano Jeeg Robot (G. Mainetti - Italia 2015) TRAMA DEL FILM Enzo Ceccotti ( Claudio Santamaria) è un ladruncolo di periferia. Egli vive di espedienti e di piccoli furti. Un giorno, inseguito da alcuni poliziotti, si trova costretto a gettarsi nelle acque del Tevere. Una volta uscito, si ritroverà dotato di una forza sovrumana che egli userà a suo favore.... LA RECENSIONE L'EROE METROPOLITANO Film che ha fatto molto parlare di sè, "Lo chiamavano Jeeg Robot" è una sorta di fantasy riarrangiato in chiave moderna. Opera prima del regista Gabriele Mainetti ( che aveva già realizzato qualche cortometraggio ma mai lungometraggi) è una storia che raccoglie dentro di sè i classici elementi delle storie fantasy, in cui c'e' il supereroe: il buono, il cattivo ed una missione da compiere. Ci troviamo di fronte ad un film che cerca di unire la cultura fumettistica in stile american - made con lo stile italian - made. Si perchè diciamo che mentre i film USA han vantato e vantano una lunga tradizione sotto questo punto di vista,( basti pensare per esempio ai vari film della Marvel etc) i film italiani non sono di certo così ricchi di riferimenti e non vantan di certo una tradizione corposa come i film americani invece fanno. Jeeg Robot ( il titolo) è un chiaro rimando a quel tipo di produzioni. Diciamo che il rimando a quel titolo sta in una parte del soggetto e cioè al fatto che uno dei personaggi ( la problematica Alessia) è una fan di Jeeg Robot. Furbata del regista? Non saprei, di certo il titolo ha una certa risonanza in ...

Ex Machina (Dvd) 24/03/2016

Filosofia dell'intelligenza ( artificiale)

Ex Machina (Dvd) LA TRAMA Caleb Smith è un programmatore talentuoso. Dopo una dura selezione, egli vince la possibilità di trascorrere una settimana in una zona isolata di montagna. Qui sorge la casa di Nathan Bateman, che è l'amministratore delegato della società per cui lavora, BlueBook. Nathan gli rivela che non è lì per trascorrere una vacanza, ma che la casa è una sorta di laboratorio dove ha costruito l’ultimo avanzato in fatto di tencologia: un robot intelligente di nome Ava. Caleb avrà il compito di testare l’affidabilità del robot e soprattutto la coscienza che il robot ha di sè e degli altri, caratteristica che contraddistingue gli esseri umani.. LA RECENSIONE INTRO Di norma non sono un grande estimatore dei film di fantascienza (preferisco altro), ma questo aveva sin dall'inizio catturato la mia attenzione. “Ex machina” si presenta come un tentativo di unire un film di fantascienza dotato di elementi action ad elementi più raffinati e sottostanti diciamo di natura filosofica, come il fatto che le macchine possano pensare. Temi, sia chiaro, già affrontati in film pregressi ( "2001 Odissea nello spazio"), ma che comunque presentano sempre il loro fascino. OPERA PRIMA ( da regista) Cominciamo con il dire che questa è un’opera prima del regista, tale Alex Garland. C’e’ da dire che Garland non era proprio digiuno per ciò che riguardava il mondo del cinema. Pur non avendo mai fatto il regista, infatti, aveva già lavorato come sceneggiatore per alcuni film come “28 giorni dopo” e ...

Irrational Man (W. Allen - USA 2015) 02/01/2016

il delitto non paga

Irrational Man (W. Allen - USA 2015) TRAMA Abe Lucas (Joaquin Phoenix) è un noto professore di fiosofia, la cui fama lo precede. Decide di trasferirsi in una università del Rhode Island per insegnare la sua materia. Qua conosce due persone: Rita Richards ( Parker Posey) ed una studentessa, Jill Pollard (Emma Stone).. Entrambe le donne sono ammaliate dal fascino di Abe, che però nonostante queste attenzioni prova poco interesse per entrambe poichè sta vivendo una condizione di malessere esistenziale. Un giorno casualmente in un bar sente una conversazione di una madre disperata che si sta lamentando di un giudice che potrebbe toglierle la tutela del figlio. Da quel momento Abe sente di poter fare qualcosa per quella povera donna: eliminare l’uomo dalla faccia della terra.. LA RECENSIONE (NB la recensione svela parti importanti della trama. ) Film che avevo deciso di vedere con poca convinzione (più per il periodo che per altro, non perché non mi piace Allen), “Irrational Man” vede il marchio indelebile di Woody Allen, il quale in questo film affronta il tema della scelta, del caso e della morale. Innegabili ( per ciò che riguarda il caso) sono le analogie con “Match Point”. Il protagonista principale della storia è un professore di filosofia ex donnaiolo, noto sia per le opere che ha divulgato che per le donne che ha avuto. La sua aura di notorietà finisce per ammaliare due donne che costituiscono nel film il punto centrale della storia. Si potrebbe parlare quindi ( a ragione) di una sorta di triangolo ...

Self/Less (T. Singh - USA 2015) 19/09/2015

Trapianti di coscienza spa

Self/Less (T. Singh - USA 2015) LA TRAMA Damian Hale (Ben Kingsley) è un uomo d'affari di successo. Dopo aver costruito un impero economico enorme, le sue condizioni di salute peggiorano sensibilmente. Il responso del medico gli dà pochi mesi di vita.E' così che Damian decide di entrare in contatto con una sedicente organizzazione scientifica, capeggiata dal dottor Albright,che gli propone il trapianto della sua coscienza nel corpo di un'altra persona più giovane di lui. Questa procedura prende il nome di "shedding" Lo scopo è quello di prolungare la sua vita. Tutto sembra andare per il meglio, ma un giorno Damian scopre una terribile verità... LA RECENSIONE Il tema dell'immortalità ha sempre affascinato il mondo dell'arte, non parlo solo di cinema ( ricordo il già recensito "In time") ma anche di letteratura ( chi ricorda per esempio "Il ritratto di Dorian Gray)? Chiedo venia ad Oscar Wilde per il paragona ma era solo per far capire il tema proposto nella storia. Self/less affronta un tema quindi già discusso già percorso ma lo fa seguendo una traccia personale ed a suo modo interessante. Si parla di "shedding", ovvero una sorta di trapianto di coscienza da un corpo vecchio ad un altro corpo più giovane. Si perchè nel film il protagonista va a finire fisicamente nel corpo più giovane di un'altra persona, ma la sua coscienza ( i suoi pensieri, le sue emozioni, le sue esperienze di vita) resta la medesima. IL CAST Il film vede la partecipazione ( seppure in maniera marginale) del grande Ben ...

Le Leggi del Desiderio (S. Muccino - Italia 2015) 29/07/2015

Il life coach ed i suoi adepti

Le Leggi del Desiderio (S. Muccino - Italia 2015) LA TRAMA Giovanni Canton ( Silvio Muccino) è un famoso e stimato life-coach. Ai suoi seminari incontri, una via di mezzo tra lo spettacolo e la lezione formativa, partecipano sempre molte persone. Egli deve pubblcizzare un libro e così per meglio pubblicizzare anche sè stesso decide di aiutare tre persone da lui scelte a realizzare i propri obiettivi. Alla fine del suo addestramento, farà una trasmissione per dimostrare il loro cambiamento e per dimostrare che la sua bravura non è aria fritta... LA RECENSIONE Alzi la mano chi non ha mai voluto qualcosa in più dalla sua vita, anche se solo per un momento. "Le leggi del desiderio" parla proprio di questo, di come riuscire a realizzare i propri obiettivi, pur mantenendo un'aura di credibilità. Silvio Muccino ( che già avevo avuto modo di conoscere in altre filmografie) interpreta la parte del life coach. Dopo aver pubblicizzato il suo libro, accetta la sfida di cambiare radicalmente le vite di tre persone, che sono più o meno insoddisfatte della propria vita. In questo film l'attore si sobbarca la pesante responsabilità di fare sia il regista che l'attore ( cosa comunque che non capita a tutti gli attori, a parte esempi navigati). Ci riesce? Bhe, direi in parte. Prima di tutto se dovessi analizzare le capacità recitative di Muccino, direi che siamo nel campo del più che sufficiente. Si, a mio avviso, Muccino ha i numeri per essere un valido attore Ciò che invece mostra qualche lacuna più che evidente è il lato registico. ...

Italiano Medio (M. Capatonda - Italia 2015) 04/03/2015

L'italiano politically (s)correct

Italiano Medio (M. Capatonda - Italia 2015) LA TRAMA Giulio Verme ( Maccio Capatonda) è una persona delusa dalla vita. Egli fa l'ambientalista e lavora in un centro rifiuti a Milano. Fermamente convinto delle sue idee, attorno a sè non trova che indifferenza ed ignoranza. A partire dalla sua compagna Franca (Lavinia Longhi), fino ad i suoi amici e colleghi di lavoro. Egli vorrebbe risvegliare la coscienza delle persone che lo circondano, ma con scarsi risultati. Arrivato quindi alla soglia critica e fatidica dei 40 anni, Giulio non sa che fare della propria vita. Esasperato quindi dalla situazione, un giorno incontra Alfonzo Scarabocchi ( Herbert Ballerina), un suo ex compagno di scuola. Egli capisce il dramma di Giulio ed è in grado di aiutarlo, regalandogli una pillola "magica" in grado di fargli usare solo il 2% delle proprie facoltà mentali...la vita di Giulio cambierà così radicalmente da quel momento in poi... UN LUNGO PERIODO DI GESTAZIONE Finalmente ( potrebbero dire i potenziali fans di Maccio Capatonda). Dopo un lungo periodo di gestazione, ecco arrivare il film "Italiano medio". Una commedia demenziale in grado di dipingere il mondo di un personaggio frustrato ed amareggiato. Il nome, Giulio Verme, dovrebbe già far capire al pubblico di che cosa stiamo parlando. Egli è un uomo costantemente diviso tra i suoi ideali e l'amara realtà. Chi conosce il personaggio sa già che sotto forma di finto trailer cinematografico, questo "italiano medio", circolava già sulla rete da tempo ( youtube ed altro). Era una ...

Scacco mortale (C. Schenkel - USA 1992) 14/11/2014

La mossa migliore

Scacco mortale (C. Schenkel - USA 1992) LA TRAMA Peter Sanderson ( Cristopher Lambert) è un brillante scacchista. Da bambino, mentre sta vincendo una partita, viene aggredito violentemente dal suo avversario. Anni dopo, Sanderson, ormai adulto e giocatore professionista, è impegnato in un torneo internazionale che si tiene su un'isola di Washington. Dopo che ha vinto una partita contro uno degli avversari del torneo, Sanderson ha una relazione con Debbie, una delle hostess. La donna viene trovata poco dopo assassinata. Il protagonista riceve poi una telefonata da parte del presunto assassino. Inizia così una sanguinaria catena di delitti.. LA RECENSIONE UN ATTORE POLIEDRICO Film che ho personalmente rivisto dopo moltissimi anni, questo thriller usciva dopo che Cristopher Lambert aveva raggiunto il successo internazionale con "Higlander". Già l'attore si era fatto notare per alcuni film interessanti ( Subway per esempio che tra l'altro era uscito immediatamente prima del già citato "Higlander"). La filmografia di Lambert è sempre un pò stata variegata L'attore non ha mai ricoperto ruoli definibili ed etichettabili sotto un determinato genere. Basta vedere la sua ampia filmografia per capire con più precisione le mie parole. Lambert ha spaziato dalla commedia sempliciotta ( "I love you") al dramma ("il siciliano"), alla fantascienza ("subway" o "la fortezza"). Insomma un attore decisamente dallo stampo poliedrico, ad ampio raggio. "Scacco mortale" non sfugge a queste logiche pregresse ( quelle della non ...

Jobs (Dvd) 19/09/2014

L'uomo che inventò il futuro

Jobs (Dvd) TRAMA Il film parla della vita del co-fondatore della Apple Steve Jobs, a partire dal 1971, fino al 2000. LA RECENSIONE L'UOMO CHE INVENTO' IL FUTURO Non ho visto molti film biografici (meglio conosciuti come biopic) e sinceramente non mi hanno mai attirato più di tanto ( ho sempre preferito i libri in tal senso). Tuttavia, quando ho saputo che era uscita una biografia dedicata al genio di Steve Jobs, non ho potuto fare a meno di mostrare un certo interesse. La prima cosa che balza all'occhio in questo film è stata la somiglianza notevole del protagonista ( Ashton Kutcher) con quello che fu grande imprenditore visionario. Non avrebbe potuto essere altrimenti penserete voi. Di certo questo ha permesso di rendere la visione della pellicola più credibile anche se devo dire che non è stata una condizione sufficiente nè necessaria per renderlo mirabile. Spiegherò più avanti il mio punto di vista. Il film si apre presentando il periodo del 2001. Jobs sta presentando l'Ipod (il lettore mp3 che molti di voi conosceranno). E' solo una breve presentazione però, poichè il regista effettua un (quasi) immediato flashback e torna indietro di quasi trent'anni ( parliamo del 1974). Jobs è ancora un perfetto sconosciuto, lavora in Atari ma già allora ha le idee chiare su quello che sarà il suo futuro professionale. Ad accompagnarlo, il collega ed amico di sempre (nonchè co-fondatore della Apple) Steve Wozniak, il quale lo accompagnerà per un tragitto importante della sua carriera. Si ...

Crazy Stupid Love (DVD) 24/08/2014

Il marito ritrovato

Crazy Stupid Love (DVD) LA TRAMA DEL FILM Cal Weaver ( Steve Carrell) è un uomo che ha raggiunto una buona posizione sociale nella vita ed una buona posizione sentimentale. Sposato con Emily ( Julianne Moore), una donna che ama e con tre figli, sembra essere una persona serena.Tutto all'improvviso cambia quando la moglie gli chiede il divorzio. Spiazzato da una notizia del genere, che piomba nella sua vita come un fulmine a ciel sereno, Cal comincia a frequentare dei locali. Un giorno, in uno di questi e suo malgrado si trova costretto ad interagire con Jacob Palmer (Ryan Gosling) un playboy che gli insegna ad aumentare il suo sex appeal nei confronti dell'altro sesso.. LA RECENSIONE L'AMORE, QUESTO FOLLE SENTIMENTO In un periodo di magra per il cinema ( ma ormai è quasi finito) le commedie sentimentali americane capitano a fagiolo per riempire quel periodo. Certo "Crazy, stupid love" non è un film recentissimo ( stiamo parlando di una pellicola del 2011), ma i temi in esso contenuti sono sempre gli stessi e potrebbero essere adattati a qualsiasi periodo. Il titolo non è nulla di particolarmente significativo ( meno male che non è stato tradotto) e tende ad evidenziare solo l'andamento altalenante di quelle che sono le emozioni umane La storia parla di un normale individuo, un uomo apparentemente felice con mogli e figli, che si vede sconvolgere la vita per un improvviso divorzio da parte della moglie. Un uomo a cui piomba addosso una scomoda verità, come una tegola in testa durante una ...

La Mossa del Pinguino (Dvd) 02/08/2014

Quattro personaggi in cerca di fama

La Mossa del Pinguino (Dvd) LA TRAMA DEL FILM Quattro persone precarie di cui un precario, un disoccupato, un vigile urbano ormai pensionato ed uno spaccone riescono a conoscersi e scoprono per caso lo sport del curling. Convinti di poter dare una svolta definitiva alla loro vita, decidono di creare una squadra per qualificarsi alle Olimpiadi Invernali di Torino.. Le difficoltà però non sono poche.. LA RECENSIONE IL CURLING, QUESTO SCONOSCIUTO Si sa, agosto non è mai stato un mese particolarmente ricco di uscite cinematografiche ( diciamo che è un mese di norma spento dal punto di vista delle novità). Le varie case cinematografiche infatti attendono settembre per poter sfornare i loro pezzi da novanta. Cosa resta da fare quindi se non cercare film alternativi? "La mossa del pinguino" ( che io tra l'altro ho scoperto per puro caso e che ignorai completamente quando uscì mesi fa al cinema, anche per via della sua distribuzione carente nelle sale) è uno di questi. Questa commedia rappresenta l'esordio dietro la macchina da presa per il noto attore italiano Claudio Amendola.Un film che parla di perdenti che si vogliono riscattare nella vita o almeno che cercano di farlo. La prima cosa che ho notato in questa commedia è il soggetto. Si parla di curling, uno sport sicuramente poco conosciuto ( almeno in Italia, dove impera il calcio), ma con una tradizione storica non così recente. Il curling infatti è uno sport che è nato in Scozia, parecchi secoli fa. Uno sport che si può di certo definire bizzarro ...

Smetto Quando Voglio (S.Sibilia - Italia 2014) 25/06/2014

I ricercatori ricercati

Smetto Quando Voglio (S.Sibilia - Italia 2014) TRAMA DEL FILM Pietro Zinni ( Edoardo Leo) ha trentasette anni ed è un brillante laureato. Purtroppo i suoi studi non sono serviti a dargli la tanto desiderata stabilità e sicurezza economica. Egli infatti fa il ricercatore precario in un'università con un modesto stipendio, in balia delle promesse di un professore (Sergio Solli) che gli garantisce sempre un futuro migliore. Quando vengono però tagliati i fondi ed il suo lavoro viene eliminato del tutto, si trova a spasso. L'evento si rivlea come decisamente problematico, anche per il fatto che vive con la sua compagna Giulia ( Valeria Solarino), che aspetta anche un bambino. In preda alla disperazione, viene colpito da un'idea fulminante. Pietro infatti decide di comporre una banda criminale, reclutando gli elementi tra i suoi amici ( tutte persone brillantemente laureate e che come lui sono in condizioni altrettanto precarie). Lo scopo? Spacciare una droga di nuova fabbricazione di sua invenzione.. LA RECENSIONE AAA OFFRESI LAVORO Dopo innumerevoli pellicole scialbe, inconcludenti e tirate per i capelli, finalmente è arrivato nei nostri cinema qualcosa di serio. Serio si fa per dire ovviamente. Si perchè "Smetto quando voglio" non è un film che va preso troppo sul serio, anche se ci sarebbe molto da dire sul mondo dei precari. La storia si concentra sulla figura di questi sette laureati ( con il massimo dei voti) che costretti a barcamenarsi con lavori poco gratificanti e distanti dalle loro competenze, trovano un ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra