Condividi questa pagina su

viola Status viola (Livello 4/10)

martinovi

martinovi

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 16/08/2000

42

Coop Italia 04/07/2009

Non mi piace quello che ho scritto così lo cancello

Coop Italia Ci sono grosse falle nei social network e altri ambienti presenti su Internet, uno di questi è la difficoltà di poter cambiare idea e poterlo scrivere. Non voglio parlare di questo prodotto e quindi cancello la mia opinione scritta tanti mesi fa. Avrei preferito cancellarla completamente ma sembra che non sia possibile, pazienza. il problema è che sono costretto a scrivere almeno 120 parole per poter pubblicare l'opinione. Non sono poche 120 parole soprattutto quando il tuo unico obiettivo è cancellare quello che avevi scritto precedentemente. Il testo è troppo breve. Devi immettere almeno 120 parole. ok ma che noia non ho altro da aggiungere, vi prego fatemi pubblicare il mio testo rieditato Il testo è troppo breve. Devi immettere almeno 120 parole. Il testo è troppo breve. Devi immettere almeno 120 parole. Il testo è troppo breve. Devi immettere almeno 120 parole. Ecco, ora va bene! ...

Saeco Lavazza A MODO MIO Extra Colour Unk 29/02/2008

Saeco e Lavazza accoppiata vincente

Saeco Lavazza A MODO MIO Extra Colour Unk Da anni in casa faccio il caffè con le macchine espresso e dopo che l'ultima ha deciso di entrare in sciopero si è reso necessario sostituirla. Complice una vantaggiosa offerta dell'ipermercato, ho optato per l'acquisto della macchina Saeco Lavazza a modo mio Extra. La macchina funziona solo ed esclusivamente con le capsule di caffè Lavazza, altre marche, almeno per ora, non sono utilizzabili. Nella confezione sono presenti campioni delle 4 varietà di capsule disponibili, distinguibili dal colore della confezione, dall'azzuro per il decaffeinato al bordeaux per la miscela più intensa passando per arancione e rosso, la mia preferita. La prima volta che si usa o quando si lascia vuotare completamente il serbatoio dell'acqua, è necessario caricare la pompa facendo uscire un pò di vapore. Le volte successive è sufficiente accendere la macchina con l'interruttore posto sul retro, attendere pochi secondi che si accenda la spia rossa, inserire la capsula del gusto preferito nello sportellino in alto, abbassare il maniglione e premere il pulsante di erogazione del caffè. Uscirà dopo pochi istanti un caffè intensamente cremoso che nulla ha da invidiare al caffè servito al banco del bar. Finita l'erogazione si riporta il maniglione in posizione di partenza e la macchina è pronta per un'altro caffè. Le capsule usate finiscono in un raccoglitore in fondo, da vuotare al raggiungimento di 10 pezzi, non sono riutilizzabili e nemmeno recuperabili, finiscono nella spazzatura ...

Agos Itafinco 29/10/2007

Ho scoperto che i soldi non piovono dal cielo

Agos Itafinco Credo sia importante una premessa prima di parlare di qualunque finanziaria o banca che sia: il denaro ha un costo e chiunque lavori nel settore del credito al consumo lo fa per ricavarne un profitto e non perchè è amico di Babbo natale. A parte qualche raro caso di effettivo tasso zero in cui si paga giusto il bollettino postale, valido solo per piccoli importi e in poche situazioni, in tutti gli altri casi, per avere dei soldi in prestito si pagano ovviamente e, aggiungo giustamente, degli interessi. Ora si può chiedere un prestito per gravi difficoltà economiche ma anche per soddisfare un desiderio magari non necessario. E qui entrano in gioco le finanziarie, agguerritissime e pronte a qualunque cosa pur di strappare clienti ai numerosi rivali. Finita la noiosa premessa entro nel dettaglio di Agos. Qualche anno fa, per fare un acquisto importante e non depauperare i miei già miseri risparmi cerco soldi in prestito. Interpellata non senza difficoltà la mia banca e qualche finanziaria (allora internet non era ancora così sviluppato), dopo aver valutato il prestito di Agos Itafinco il migliore tra le offerte da me consultate, mi reco fisicamente alla agenzia Agos a me più vicina. Valutato che ho un reddito certificato, che sono un buon pagatore e non ho problemi finanziari, mi viene approvato il finanziamento. Oltre agli interessi, nel conto finiscono una assicurazione rischio vita piuttosto salata e il costo degli addebiti di ogni singola rata. Tutto finisce ...

madwin.com 07/05/2007

Un ottimo rivale di PRIZEE

madwin.com Oltre al più famoso Prizee, dalla Francia arrivano altri siti dove si può giocare gratuitamente on line. Tra i migliori ci sono Madwin e Cadovillagge, oggi parlerò di Madwin. Negli ultimi tempi il sito è stato tradotto in inglese, tedesco, turco e spagnolo, ma non ancora in italiano. Il sito in inglese può essere più accessibile ma alcuni giochi non sono ancora stati tradotti. Per giocare occore iscriversi comunicando i propri dati anagrafici e l'indirizzo per la spedizione di eventuali premi vinti, poi creare username e password. Sul sito si trovano 30 giochi diversi e ogni giorno si possono effettuare gratuitamente 15 partite, anche dello stesso gioco. Giocando si accumulano Madpoints con i quali si possono vincere premi ad estrazione. I nomi dei giochi li indico in francese e in inglese tra parentesi quando sono diversi. I 30 giochi sono suddivisi in 8 categorie, alla categoria Arcade appartengono: BOOLHIPPO (Hippoball) per chi conosce Prizee, è simile alla "sfida di diavoletto". Si deve cercare di far scoppiare le bolle colpendole con bolle dello stesso colore. CASSE BRIQUES (Bricks) il classico gioco dei mattoncini, in inglese non funziona MONKEY BUBBLE, si devono colpire delle bolle con un cannone Ci sono poi i giochi Classic, giochi di carte: CLUB 21, per vincere devi sommare le carte fino a raggiungere 21 punti (non c'è in inglese) PYRAMIDES (PYRAMID), solitario abbastanza famoso SUMMERTIME REUSSITE, altro solitario che non conosco YAM ...

Soredtherose.com 06/09/2006

Al Gran Bazar dei pop up

Soredtherose.com Per chi non li conoscesse descrivo brevemente il significato di PTR, Paid to read, pagati per leggere. In sintesi, il sito ci manda email nelle quali è inserito un link, noi ci clicchiamo sopra, lasciamo aperto per il tempo previsto la pagina e il webmaster ci assegna un piccolo guadagno. Raggiunta la soglia minima veniamo retribuiti tramite i vari borsellini elettronici presenti in rete. Si può poi essere pagati per cliccare su banner (e qui si parla di PTC, paid to click) o facendo giochi, ricerche, lotterie e altre amenità. Fin qui tutto molto semplice. Parliamo ora nello specifico di Soredtherose. Intanto il sito è con estensione .net e non .com, ma questo è un errore di Ciao. Il sito è tutto in lingua inglese ma la gestione è affidata a Laura, ragazza italiana. Quotidianamente arrivano circa 50 email delle quali non più di 4 o 5 consentono di "accumulare" 0,25 cent, sì, esattamente un quarto di centesimo di dollaro, le altre danno o punti o cifre del livello di 0,015-0,025 cent. Per essere pagati è necessario raggiungere il minimo di 3 dollari. Entrando nel sito si può cliccare su banner per ottenere altri (miseri) guadagni. Si può inoltre guadagnare qualcosa creando una rete di affiliati i quali ci consentiranno di ottenere una pecentuale (bassa) dei loro (bassi) guadagni. Facendo qualche conto, oggi per essere pagati passiamo almeno 4 mesi a clicccare alacremente. Quando mi sono iscritto, ad agosto 2005, la situazione era differente tanto è vero che ...

MSC Opera 23/09/2005

Da Venezia a Istanbul

MSC Opera Fine agosto 2005, avevo programmato nei minimi dettagli un tour in Tirolo e Baviera ma le inondazioni del periodo mi hanno a malincuore costretto a rinunciare al viaggio, avendo però a disposizione qualche giorno di ferie dal lavoro si rendeva necessario trovare una meta alternativa. Su internet ho cercato su edreams.it, lastminutetour.com, expedia.it, ma la disponibilità di viaggi dell'ultimo minuto era per mete o troppo lontane o da me già visitate così ormai estenuato dalle ricerche, deciso ormai a rinunciare al viaggio, più che altro per curiosità ho fatto un giro su crociere.it nella sezione delle offerte e ho scoperto la grande opportunità di partire in due adulti e un bambino al prezzo di un solo adulto pagante. Ho fatto richiesta di preventivo sul sito e nella email quasi immediata che mi è stata inviata segnalavano posti liberi per diverse destinazioni, il successivo contatto telefonico al numero verde ha però raggelato i miei entusiasmi, nessuna cabina libera per la crociera da me scelta. Tutto questo avveniva il 22 agosto. Il giorno successivo ho chiamato la mia agente di viaggi abituale che non so come mi ha trovato una cabina a 4 letti sulla MSC Opera in partenza da Venezia il 27 agosto destinazione Grecia e Turchia. Al check-in della nave, sull'isola del Tronchetto di Venezia la gentile hostess ci segnala che la cabina è già occupata da una famiglia di tedeschi, in pochi minuti però ci trovano una sistemazione alternativa in una cabina di livello ...

Serena Majestic, Montesilvano 08/09/2005

Romagna, così vicina, così lontana...

Serena Majestic, Montesilvano Estate 2001, la prima passata con mio figlio che allora aveva soltanto 8 mesi. Due erano le cose che avrebbero orientato la mia scelta per quell'anno: - la vicinanza della struttura al mare - la poca distanza da percorrere in auto per raggiungerla Scartati i lidi ferraresi, molto vicini a casa mia ma con il mare più brutto dell'universo, saltata la riviera romagnola troppo intrisa di turisti, sul catalogo Mare Italia dell'Alpitour avevo individuato due possibili destinazioni: un residence a Grottammare che però non aveva camere disponibili per il periodo da me scelto e il Serena Majestic di Montesilvano. Così prenotai un appartamento con uso di cucina nell'Hotel Residence Serena Majestic. La struttura è costituita da diversi edifici costruiti praticamente sulla spiaggia, Hotel 4 stelle con spiaggia privata, animazione e spettacoli, centro benessere, campi da tennis, campo polivalente, 3 piscine, scivoli, giochi per bambini, mini club, biberoneria, ristorante, ampio parcheggio e possibilità di soggiornare in hotel o in piccoli appartamenti. Pescara è a pochi chilometri e Montesilvano Marina è facilmente raggiungibile dall'autostrada A 14 uscendo a Pescara nord o e per chi ha molta pazienza dalla statale 16 Adriatica, la strada più trafficata della penisola. Della struttura ricordo il molto tempo trascorso in reception in attesa dell'assegnazione della camera, un lunghissimo percorso ad ostacoli per portare i bagagli in camera e un appartamento spazioso con ...

Minorca 04/08/2005

Le spiagge di Minorca

Minorca Dai finestrini dell'autobus che mi portava dall'aereoporto all'albergo guardavo il paesaggio e pensavo dove avessi già visto tutto questo, poche curve e ogni dubbio era sparito, mi trovavo sicuramente nella selvaggia e stupenda Gallura, che avessi sbagliato volo? Con il sole del giorno dopo ulteriori conferme, Minorca è un pezzetto di Gallura scivolata lentamente verso sud ovest, i pascoli bruciati dal sole dove pascolano rare pecore qui sostituite da bovini e cavalli, i muretti a secco che dividono gli appezzamenti, la stessa scarsa vegetazione, gli stessi colori, la stessa luce, le stesse spiagge... quasi. Minorca è riserva mondiale della biosfera, per cui esiste qualche divieto, pochi a dire il vero, e ci sono zone dell'isola dove non si costruisce più nulla, ma parliamo di spiagge. Tutte le spiagge sono di proprietà dello Stato, non vengono date in concessione ai privati e in qualche caso viene chiesto un biglietto d'ingresso per accedervi. SON BOU: è la spiaggia più grande dell'isola, dalla strada principale che collega Mahon con Ciutadella, che dovremo percorrere ogni volta, usciamo poco prima di Alaior e dopo 6 km di strada asfaltata ed ampia vediamo due enormi costruzioni, sono gli albergi Milanos Y Pinguinos della catena Sol Melia, veri e propri ecomostri ma molto accoglienti. La spiaggia è ampia, con le dune sabbiose che tanti anni fa cingevano anche le coste adriatiche, verso est è chiusa da una alta roccia piena di grotte naturali, alcune addirittura ...

Sprintours - Sprinclub Golf (Djerba) 31/05/2005

Il Bagno turco e il golf

Sprintours - Sprinclub Golf (Djerba) Architettura in stile, camere climatizzate ,TV con programmi RAI, mini bar, cassaforte, balcone, 2 ristoranti, bar, 2 piscine, 11 campi da tennis, beauty center, sauna, palestra, discoteca, pensione completa con bevande, animazione italiana, bambini gratis escluso agosto. Questo recita il catalogo Sprintours alla voce Sprinclub Golf Jerba, Tunisia. Ed ora, dopo averci soggiornato 14 giorni, vediamo come è in realtà. Bambino gratis, vero, ho pagato soltanto l'assicurazione peraltro obbligatoria, sconto di 130 euro a coppia prenotando prima, bel risparmio anche se in last minute si risparmia quasi sempre di più. Il nome vero dell'Hotel è Abou Nawas Golf. Deve il suo nome alla vicinanza del campo da golf di Jerba. Si trova nella zona est dell'isola dove ci sono tutte le strutture turistiche e dove la spiaggia è migliore, dista circa 25 Km dall'aereoporto. Arriviamo all'hotel a Jerba (senza la D, come si dice in Tunisia) in piena notte, quasi le tre, salta l'aperitivo ma si può consumare qualcosa al buffet già allestito per la colazione. Ci viene assegnata la stanza in pochi minuti, le valige arrivano subito dopo di noi e il facchino ci rimane male perchè gli diamo la mancia in Euro. Camera ampia con climatizzatore regolabile personalmente, spazioso balcone, 2 letti grandi accostati e un lettino per il bambino, Tv, scrivania, corridoio d'ingresso con armadi, cassaforte con combinazione elettronica, frigo. Bagno diviso in due con wc e bidet in una stanza, vasca e ...

Acer TM 2702 WLMI 3060 60GB 03/05/2005

lo porto a letto con me... e non dormiamo mai!!!

Acer TM 2702 WLMI 3060 60GB Dopo anni di militanza con un Fujitsu Siemens Amilo D con prestazioni così così, ho preso al volo una super offerta del mio Iper di riferimento e risparmiando il 25% (non scherzo) sul prezzo normale di vendita ho portato a casa questo bel prodotto per soli 720 euro. Le caratteristiche sono già segnalate ma le ribadisco: - microprocessore Pentium IV con frequenza di clock di 3.0 Ghz - schermo LCD TFT 15,4" widescreen - 40 oppure 60 Gb di memoria divisa su due hard disk - lettore DVD+masterizzatore CD e DVD - 256 MB Ram espandibili spendendo qualche soldino in più - 4 porte USB 2.0 - connessione wireless LAN - porta a infrarossi - modem 56 K - presa di rete Eterneth Tra le cose che mancano segnalo l'uscita video per collegare un televisore, una porta fire wire, una porta PS2 per collegare tastiera e mouse tradizionali e l'ormai obsoleto lettore floppy.. Il software fornito con il notebook è composto da: - Microsoft XP home edition con service pack 2 - Software di registrazione CD e DVD Acer - Software di lettura DVD - qualche altro programma che forse non userò mai La batteria al litio quando è ben carica dura circa un paio d'ore ma prima di esaurirsi avvisa l'utente che è ora di andare a nanna Il portatile pesa più o meno 3 chili e mezzo e si porta bene in ogni luogo, il problema è dato dell'eccessivo riscaldamento fornito dal Pentium IV, nonostante le ampie feritoie per il raffreddamento, sconsiglio vivamente di appoggiarlo sulle ginocchia per ...

Kos 02/05/2005

Coo...Coo...Kos

Kos Alla fine di agosto 2004 sono stato a Kos con Settemari, partenza da Verona con Volareweb... sorvoliamo e parliamo di Kos. L'isola è chiamata anche Coo o Coos e appartiene alle isole del Dodecaneso, molto più vicina alla Turchia che alla Grecia. Nel corso dei secoli l'isola ha visto la dominazione di Dori, Ellenici, di Alessandro Magno, dei Romani, dei Bizantini poi dei Venezani, i Turchi poi i Greci e ancora gli italiani nel ventesimo secolo e ogni popolo ha lasciato tracce più o meno evidenti del proprio passaggio. Il personaggio più importante nato sull'isola è Ippocrate, il medico greco che scrisse il famoso giuramento al quale anche i medici contemporanei devono sottostare. Nella capitale dell'isola c'è un platano che si dice sia stato piantato dallo stesso Ippocrate 2400 anni fa, ovviamente non è vero ma l'albero, con la sua maestosità, è ugualmente suggestivo. Nella capitale si trovano i più importanti resti della civiltà greca antica e poi resti della dominazione romana con bei mosaici e rovine di templi e terme antiche, notevole il teatro o Odeion scoperto da un archeologo italiano solo nel 1929. Le principali scoperte archeologiche sono racchiuse in un museo piccolo ma ben curato. Pochi chilometri fuori dalla capitale si trovano i resti dell'Asklepio, più o meno l'ospedale antico. Di fianco all'attuale porto, domina la baia l'enorme castello costruito dai Cavalieri dell'Ordine di San Giovanni, nobili veneziani del quattrocento. L'isola è lunga e ...

Comprovendolibri.it 22/04/2005

Il libro randagio ha una nuova casa

Comprovendolibri.it Come si legge nella presentazione, il sito è nato nel settembre 2000 con l'intenzione di far avvicinare domanda ed offerta nella compravendita di libri usati per studenti e non. Chi cerca un libro deve semplicemente digitare autore o titolo nel motore di ricerca interno che si trova in alto a sinistra sulla home page. Se il libro è presente, cliccando sul titolo apparirà un form con il quale mettersi in contatto con in venditore tramite email. Questo primo contatto ovviamente non comporta nessun obbligo, se troviamo l'accordo acquistiamo altrimenti amici come prima. La compravendita avviene tra gli utenti che hanno stabilito un contatto, ai gestori del sito nulla è dovuto. Attualmente sono censiti poco più di 100.000 libri, non sempre usati perchè anche le librerie possono offrire il loro catalogo on line, ma se tra i libri offerti non troviamo il testo che ci interessa, la nostra richiesta resterà nel motore di ricerca e prima o poi, forse, sarà esaudita. Per chi invece vuole mettere in vendita dei libri la procedura è ugualmente semplice, si va nell'area utenti, si clicca su registrazione e lasciando pochi dati essenziali: nome, cognome, provincia di residenza ed email, si diventa utenti del sito. Una volta iscritti si potrà accedere alla propria pagina personale dalla quale inserire i titoli che si vogliono vendere, uno per volta o anche con una lista precompilata in formato excel; si può vedere la lista dei propri libri, inserire un libro che si sta ...

La neve se ne frega (Luciano Ligabue) 10/12/2004

Una lunga lettera d'amore

La neve se ne frega (Luciano Ligabue) "La neve se ne frega" è la seconda fatica letteraria di Luciano Ligabue, segue l'uscita di "Fuori e dentro il borgo" dal quale è stato poi tratto il film "Radiofreccia". Conosco ed apprezzo a varie tinte tutto il repertorio musicale di Ligabue, ho visto e poco apprezzato le sue fatiche cinematografiche e con l'acquisto di questo volume ho dato il mio contributo al sostentamento della prole del Liga. In un ipotetico futuro il mondo è dominato da una entità chiamata Piano Vidor che regola tutte le attività umane dalla nascita alla morte, decide quanti anni vivremo, quale lavoro faremo, che nome avremo, quanto e quale cibo mangeremo, quale sarà la compagna della nostra vita e quanti amanti potremo conoscere. Tutto questo allo scopo di rendere facile la vita degli uomini e delle donne e togliergli qualunque tipo di preoccupazione per farli vivere sereni e felici. Più o meno quello che sta cercando di fare la cosiddetta civiltà occidentale ma questo è un altro discorso. L'idea non è nuovissima, il qui più volte citato "1984" di George Orwell ipotizzava la presenza di un ossessivo Grande Fratello che controllava tutte le attività umane impedendo qualunque libertà di azione e altro non che una pesante critica al regime sovietico allora in vigore. La fantascienza e questo libro non sono nemmeno parenti, c'è il tema del vivere al contrario nascendo vecchi da una "bolla fattrice" e ad una età programmata e ritornando lentamente all'età della infanzia, ma il mondo ...

Sprintours 25/08/2004

Sprintours, le vacanze più belle?

Sprintours Il primo approccio con il tour operator non è stato dei migliori, all'aereoporto di Verona, nell'orario fissato per l'appuntamento, degli assistenti Sprintours non c'era traccia. Gira e rigira, chiedi e richiedi, compare un piccolo cartello quasi furtivo dietro al quale una signora mi consegna i biglietti aerei, il voucher per l'albergo e una piccola guida alle escursioni, il tutto contenuto in una simpatica pochette. Breve comunicazione sul ritardo dell'aereo e "grazie, buon viaggio" l'operatrice si volatilizza. A Djerba le cose vanno decisamente meglio, c'è il ragazzo che ci aspetta con il suo bravo cartello fuori dall'aereoporto e rapidamente carichiamo i nostri bagagli e le nostre stanche membra su un pulitissimo autobus con aria condizionata che ci porta all'hotel scelto per le nostre vacanze, lo Spinclub golf. Quando arriviamo l'ora è troppo tarda e l'assistente troppo stanca per darci qualunque tipo di informazione, per cui rimandiamo il tutto alla mattina successiva. Il giorno dopo classico briefing con gli assistenti che ci illustrano tutti i servizi disponibili in hotel e decantano con enfasi le numerose possibilità di escursione, pagabili in loco in valuta locale o in euro, come tengono a precisare. Non mi soffermo sulla validità dell'animazione, già trattata in altra opinione, vorrei sottolineare la professionalità e la puntualità delle due assistenti residenti in hotel, sempre precise e disponibili, pronte a soddisfare le numerose richieste dei ...

Tunisair (Tu) 10/08/2004

ITC con Tunis Air

Tunisair (Tu) Nel viaggio organizzato che ho scelto per le vacanze di questa estate era previsto un volo charter (ITC) con la Tunis air, compagnia aerea che non ho mai utilizzato prima. Il volo era previsto per il 19 luglio alle ore 22 e 45 dall'aereoporto di Verona, destinazione Djerba. Appena ritirati i biglietti mi annunciano che l'aereo che devo prendere non è ancora partito dalla Tunisia e mi aspettano almeno due ore di ritardo. La prendo con filosofia, quando mai un volo charter è in orario? Poi visto il traffico di passeggeri in partenza credo che sia assolutamente inevitabile un ritardo. Con tutta calma mi avvio al check-in con il risultato di arrivare per ultimo e di vedermi assegnare gli ultimi tre posti in coda all'aereo. Alle 00,30 saliamo sull'aereo, un AIRBUS A320, nuovo, pulito, con tutti i 180 posti occupati. Attendiamo con impazienza che la torre di controllo ci dia il via libera e dopo quasi venti minuti, finalmente partiamo. Al solito le hostess ci illustrano le procedure di sicurezza in caso di atterraggio di emergenza, in francese e in italiano, ve bene che oramai le so a memoria ma dall'ultima fila davvero non vedo una hostess! Subito dopo viene servita la cena, riso con verdure, verdure e torta. Lo so che chiamarla cena è un pò esagerato, ma in un volo di nemmeno due ore pensavo che neanche la servissero. Il personale di volo è gentile e parla benissimo l'italiano, il caffè è orrendo come in tutti gli aerei e per passare il tempo posso solo guardare il ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra