Condividi questa pagina su

bronzo Status bronzo (Livello 7/10)

nicola1985

nicola1985

Autori che si fidano di me: 148 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Tornato in pianta stabile. Nuova opi in progress...

Opinioni scritte

dal 02/12/2008

234

Trulli Vacation 02/11/2017

Trulli Vacation...stupenda sensation

Trulli Vacation La località scelta per festeggiare il mio anniversario di matrimonio quest'anno è stata Alberobello, in provincia di Bari, in Puglia. Penso un pò tutti noi abbiamo sentito parlare dei famosi Trulli di Alberobello, simpatiche costruzioni coniche in pietra a secco tipiche del barese e provincia. Personalmente a me e mia moglie hanno sempre incuriosito fin dalla primissima volta che siam passati di sfuggita in quelle zone anni addietro, mentre quest' anno non abbiamo potuto farci sfuggire l' occasione di un soggiorno in queste costruzioni che trasmettono calore, amore, intimità e abbinate in un paesaggio invernale penso sia proprio il massimo. Caratteristica principale dei trulli pugliesi è la loro forma e struttura che li contraddistingue da altre costruzioni dell' epoca. Il territorio con la più importante presenza di trulli è la valle d' Itria, in puglia con la concentrazione maggiore nel paese di Alberobello, meta turistica di importanza nazionale ed internazionale. Altre costruzioni simili possono essere visibili nel tarantino e nella zona costiera dell' altopiano delle murgie. Scegliere Alberobello non è solo trulli, ma addentrarsi in un luogo di gentilezza, cordialità e disponbilità della gente del posto, della tipica cucina pugliese e di un' atmosfera che ti fa stare bene e ti cattura nel suo fascino unico e vi assicuro che vorreste rimanere lì decisamente più a lungo. Importante quindi è la scelta di un buon alloggio. Nel mio caso vi sono alcune caratteristiche che ...

B&B Casa Celeste, Roma 12/03/2017

B&B Casa Celeste - Roma

B&B Casa Celeste, Roma Un weekend di lavoro e svago nella capitale ha portato me e mia moglie a soggiornare per una notte nel B&B Casa Celeste in zona Rebibbia. La scelta come sempre è ricaduta su una struttura che deve soddisfare alcuni fattori ormai fissi che preferisco scegliere da anni. Un rapporto qualità prezzo conveniente, bagno privato, la vicinanza alle fermate dei mezzi pubblici o comunque in zona centrale se appiedato, o di parcheggio privato gratuito se con auto al seguito. La precedente struttura nella quale ho soggiornato a Rebibbia è stato un 3 stelle non proprio economico mentre questa volta ho deciso di "scendere di categoria", se cosi vogliamo dirla, soprattutto per un tornaconto economico. CASA CELESTE Il B&B Casa Celeste è situato in via Beltrami Scalia, una traversa di Via di Rebibbia in una zona residenziale tranquilla e all' apparenza sicura perchè circondata da altre case. Il n° civico è il 24 e anche se non ben visibile esternamente è comunque presente una tabella all'ingresso di questo condominio. E' possibile raggiungerlo dalla fermata della metro Rebibbia con una breve passeggiata di pochi minuti. Situato al primo piano di questo stabile il B&B conta solamente 3-4 camere, la nostra era arredata con arredi abbastanza nuovi e forniture essenziali. La pulizia non era male e il bagno privato era ok con doccia funzionante e un phon veramente potente per asciugare i capelli. (Le donne apprezzeranno!) Il soggiorno di una sola notte è andato bene, il letto era buono e la tv ...

Osteria Da Sora Lella, Ariccia 25/02/2017

Osteria Da Sora Lella - Ariccia

Osteria Da Sora Lella, Ariccia Lo scorso anno in compagnia dei miei genitori e di mia moglie siamo stati nella capitale per un weekend di relax. Muniti di auto al seguito sin dalla partenza avevamo sentito parlare della famosa porchetta di Ariccia e anche se sembra di trovarla anche nei supermercati di ogni regione d' italia, andare nel paese dove essa è prodotta e gustarla proprio lì non ha prezzo. Il nostro albergo era situato nelle vicinanze dell'aeroporto di Ciampino e dopo uno sguardo a google maps che ci indicava una distanza di circa 16 km da Ariccia intorno le 11,30 del mattino siam partiti per un viaggio molto piacevole sotto tutti i punti di vista. La scelta dell' Osteria Da Sora Lella è stata scelta tramite le recensioni google. Abbiam annotato le migliori "fraschette" della zona, cosi come le chiamano lì, ossia le migliori osterie della zona dei Castelli Romani. Tutte le recensioni assegnavano praticamente i punteggi massimi e anche noi avevamo voglia di assegnare quindi il nostro, ma soprattuto provare le prelibatezze che il sito internet dell' osteria da sora lella proponeva. Giunti in via dell' uccelliera 42 siam stati assaliti dai camerieri (o proprietari) delle osterie accanto che ci invitavano ad entrare proponendoci offerte assai allettanti. Conservo ancora oggi un simpatico invito a forma di pene !! La trattoria si presenta ovviamente come un ambiente molto rustico, tavoli di legno e panche, servizio veloce e casereccio. Piatti di plastica per gli antipasti e posate "di casa" per il ...

Dying Alive (Live Recording) - Kreator 05/02/2017

Dying Alive - Kreator

Dying Alive (Live Recording) - Kreator Correva l' anno 2012 quando mi giunse all' orecchio la notizia di un tour stratosferico che vide protagonisti Kreator e Morbid Angel come co-headliner insieme a Nile e Fueled by fire di supporto. Non potetti farmi scappare l' occasione di andare con alcuni amici per una data nel barese e comprare subito i biglietti per una serata memorabile. L'anno seguente, l'etichetta Nuclear Blast celebrò lo show dei Kreator pubblicando Dying Alive nell' agosto 2013 in edizione cd-dvd e cd-blu ray. Trattandosi dunque dello stesso concerto che ho assisitito io qualche mese precedente alla data del 22 dicembre alla Turbinehalle in Oberhausen,Germania (questa in questione), ho comprato l'edizione con cd e blu ray soprattuto per ricordo ma anche per rivivere quelle scatenate emozioni. Naturalmente è sempre mia abitudine cercare di resistere a non acquistare i prodotti "freschi" quindi a prezzo pieno ma farli miei mesi dopo o anni per risparmiare alle volte anche il 50% del prezzo definitivo. Ricordo che non appena uscita questa edizione il costo si aggirava sui 29 euro, due anni dopo l' ho presa a circa 17 euro. Dying Alive è un prodotto di ottima fattura in custodia cartonata grande con una stampa di ottima qualità e un libricino interno con tutti i testi dei brani da un lato e dall' altro usabile come poster l' immagine che ritrae la copertina. Parlando invece della musica la scaletta prevede naturalmente una quantità maggiore di brani dal disco Phantom Antichirst tour a supporto ...

Hotel Tiburtina, Roma 22/01/2017

Hotel Roma Tiburtina - Roma

Hotel Tiburtina, Roma Un vivace e tenero weekend di ferie e serenità l'ho trascorso con mia moglie nella città eterna Roma durante il mese di dicembre 2016 soggiornando presso l' Hotel Roma Tiburtina sito in via Ponte Mammolo nel quartiere Rebibbia. Come sempre nel nostro caso la scelta dell'hotel deve soddisfare almeno due o tre parametri fissi e irrinunciabili come quello del bagno privato, di una struttura collocata in una zona strategica se si è automuniti o viceversa di una abbordabile se si è con i mezzi pubblici e comunque un rapporto qualità prezzo che rispecchia le nostre possibilià economiche. Il motivo del viaggio era un concerto a cui mia moglie teneva particolarmente suonato in zona Tiburtina. La scelta della struttura è stata quindi quella della vicinanza al locale JailBreak in via Tiburtina,870 e della possibilità di raggiungere la struttura con la metropolitana romana. L'Hotel Roma Tiburtina ha fatto al caso nostro e il soggiorno di due notti in camera matrimoniale e colazione è stato di nostro gradimento ma con qualche piccola pecca che tengo a segnalarvi nel resto dell'opinione. L'edificio è raggiungibile facilmente a piedi dalla fermata Rebibbia della linea b della metropolitana capotilina (300 metri scarsi). Segnalato da un insegna ben visibile in lontananza non è stato difficile raggiungere l'albergo situato in via Ponte Mammolo, una stradina che costeggia la più ben nota e trafficata via Tiburtina. Dotato di 20 camere tra singole, doppie e triple tutte hanno ...

Best Western Villa Appiani, Milano 22/12/2016

Best Western Villa Appiani - Trezzo sull'Adda

Best Western Villa Appiani, Milano L'amore per la musica che amo, fin dalla tenera adolescenza, mi spinge alle volte ad intraprendere viaggi anche abbastanza duri dal punto di vista chilometrico. Da un bel pò di anni a questa parte la scena heavy metal e rock ha ormai sede nel famoso locale Live Music Club di Trezzo sull' Adda, piccola e graziosa cittadina alle porte di Milano situata a metà strada tra Bergamo e alcuni paesini della brianza. Nei giorni scorsi spinto dal beltempo e dal periodo di ferie, preparo la mia Fiat Idea con un bagaglio per due persone e mi avventuro alla volta di Trezzo sull'Adda affrontando la bellezza di oltre 800 km e giungendo in questo strepitoso hotel della catena Best Western Villa Appiani prenotato in anticipo sul sito booking.com. Partendo dalla campania con temperature miti e cielo sereno, in emilia romagna veniamo accolti da nebbia fitta e temperature intorno allo zero, scenari che rimarranno simili anche in lombardia, ma grazie al mio navigatore e alla buona segnaletica milanese l'arrivo in hotel non è problematico anche perchè segnalato bene. LA STRUTTURA La struttura è situata in via A.Sala 17 - 20056 Trezzo sull'Adda nei pressi dell'uscita autostradale di Capriate San Gervasio ma raggiungibile facilmente anche da quella di Trezzo sull'adda. Essa è imponente ed elegante,cosi come il parcheggio gratuito grande e pulito ma incustodito. Fin dall'ingresso è impossibile non notare la sfarzosità dell'hotel che sembra quasi una villa di qualche ricco lord, arredi pregevoli, ...

AMS Hotel Concert Inn, Amsterdam 11/12/2016

The Concert Hotel - Amsterdam

AMS Hotel Concert Inn, Amsterdam La scelta di queste vancaze invernali ha toccato nuovamente l'Olanda, una delle nazioni a cui tengo particolarmente. L'eccellente stile di vita, l'architettura, la sua tollerenza verso alcune pratiche e alcuni amici che risiedono lì, fanno si che anche in questo novembre ho scelto Amsterdam per alcuni giorni, Rotterdam per altri due e un paio di pomeriggi a spasso per Leida e Gouda. Ad Amsterdam l'albergo scelto per un soggiorno di 3 notti è stata la struttura The concert hotel situata in De Lairessestraat 11, nei pressi del Van Gogh Museum a pochi metri dalla fermata Museumplein come punto di riferimento. L'ALBERGO The Concert Hotel è un simpatico 3 stelle dotato di 26 camere sparse in 4 piani. Una delle particolrità di questo albergo era la presenza di un piccolo ascensore che collegava la reception con il terzo piano, mentre il quarto piano era raggiungibile con solamente due rampe di scale. Per chi conosce le strutture di Amsterdam sa per bene che molte di esse siano sprovviste di ascensori in virtù della loro architettura e avere un ascensore in un 3 stelle è cosa rara. Altrove invece aspettatevi di salire i vostri pesanti bagagli tra scale ripide e strette! L'albergo a differenza di altri non è visibilissimo come altri nella zona se non per la scritta che ne indica l'ingresso con una porta scorrevole e una piccola hall un pò buia a causa della moquette nera e dalle pareti non bianche tappezzate di foto e quadri di cantanti jazz. COME RAGGIUNGERLO Per chi deve ...

Hotel Meeting, Roma 22/11/2016

Hotel Meeting - Ciampino - Roma

Hotel Meeting, Roma Dopo un lungo ed estenuante periodo lavorativo, mi sono concesso un breve weekend nella capitale qualche giorno fa soggiornando due notti nella periferia di Roma in zona Ciampino nei pressi dell' aereoporto all' Hotel Meeting. Da premettere che ho scelto questa struttura per un concerto nelle vicinanze e non per visitare il centro città in quanto Ciampino dista non meno di 10km dalle attrattive più comuni e belle di Roma. La scelta dell' hotel è motivata dalla vicinanza al locale del concerto da me scelto e da altri fattori a me sempre cari come un ottimo rapporto qualità-prezzo, bagno privato e in questo caso del parcheggio gratuito e privato e della possibilità di portare con se un animale domestico senza pagare supplementi. L hotel Meeting, situato in zona Gregna di Sant'A ndrea in via Pier Vittorio Aldini (Ciampino) è stata un'ottima scelta per il pernottamento di due notti. Tutto è filato liscio, anche se con qualche leggerissimo inconveniente che non pregiudica il mio giudizio di 4 stelle. Raggiungendo la struttura in auto con l'autostrada devo dire che non mi è stato facilissimo beccarlo sin da subito dal G.R.A. facendo purtroppo qualche giro a vuoto nelle vicinanze perchè non segnalato benissimo nonostante dal raccordo si veda benissimo nella sua imponenza e da una tabella blu grande e luminosa. Giungendo nel parcheggio ben tenuto e grande, si nota sin da subito come lo stabile sia nuovo e ben tenuto. I materiali usati e l'arredamento della hall sembrano quasi da ...

Clean your Clock - Motorhead 10/10/2016

L'ultima testimonianza dal vivo dei Motorhead.

Clean your Clock - Motorhead Il 28 dicembre 2015 è una data molto triste per il mondo dell' hard & heavy mondiale. Si spegne a 70 anni appena compiuti il leader storico di uno dei gruppi simbolo di questa scena musicale, ovvero Ian Fraser Kilmister, meglio conosciuto come solamente Lemmy Kilmister, fondatore degli inossidabili Motorhead. Era mattino presto quando mi alzai dal letto e con in mano il cellulare diedi uno sguardo alle notizie principali della giornata, abitudine che ho ogni mattina prima di andare a lavoro. La notizia è scioccante, ancor di più se penso che con tanto impegno avevo programmato di vedere la band dal vivo a Milano qualche mese più tardi. Mesi di organizzazione andati quasi in fumo, biglietti rimborsati e vacanza riprogrammata alla meglio. Clean your clock è l' ultima testimonianza dal vivo dei Motorhead con un concerto tenuto allo Zenith di Monaco, in Germania nelle sere del 20 e 21 novembre, poco più di un mese prima della sua morte. Il tour dei britannici incappò comunque già in molti problemi a causa della salute precaria di Lemmy con conseguenti rinvii e positicipi di date. Anche il gruppo ha dovuto abbassare il "tiro" e le scalette si sono ridotte di un bel pò di canzoni da qualche anno a questa parte. In ogni caso ogni show dei Motorhead è carico di adrenalina, sfrenatezza e puro rock 'n roll che non stanca mai e diverte a più non posso. Questo Clean your clock uscito con l' etichetta UDR nel giugno del 2016, non delude le aspettative e nonostante tutto riesce a ...

Break the Cycle - Staind 14/04/2016

Break the Cycle - Staind

Break the Cycle - Staind Lo stratosferico successo del grunge di Seattle di fine anni 90/inizi anni 2000 prende il nome sostanzialemente da una band chiamata Staind con l' album Break the cycle pubblicato nel maggio 2001 su Flip/Elektra. Autori di un malinconico grunge, il gruppo capitanato da Aaron Lewis emerse tra la miriade di gruppi a stelle e strisce nel calderone nu-grunge ritagliandosi un discreto successo già dagli esordi con la pubblicazione di album alternative metal e grunge più violenti e cattivi dei successivi. Ricordiamo Tormented e Dysfunction. Il primo del 1996 è quello più crudo e violento mai pubblicato dal combo di Springfield. Il secondo vede un netto miglioramento nella qualità del suono, nella produzione e nella musica complessiva e pur non bissando il successo del lavoro successivo, esso contiene delle canzoni manifesto amate ancora oggi dai fan più accaniti. Mudshovel e Just go su tutte. TRACCE Open Your Eyes – 3:52 Pressure – 3:22 Fade – 4:03 It's Been Awhile – 4:25 Change – 3:36 Can't Believe – 2:48 Epiphany – 4:17 Suffer – 3:59 Warm Safe Place – 4:35 For You – 3:25 Outside – 4:52 Waste – 3:56 Take It – 3:37 BAND Aaron Lewis - voce, chitarra elettrica, chitarra acustica Mike Mushok - chitarra elettrica Johnny April - basso, voce secondaria Jon Wysocki - batteria IL DISCO Break the cycle è il disco più venduto dagli Staind con numeri di vendita da capogiro. Grazie ad una fortissima pubblicità di emittenti televisive come Mtv e Rock tv, i brani dei nostri godevano di ...

What About Now - Bon Jovi 03/04/2016

What About Now - Bon Jovi

What About Now - Bon Jovi Girovagando anni fa in un Mediaworld mi sono imbattuto in uno di quei cestoni che vendono robaccia a 2-3 euro tra libri sbiaditi e di dubbia fama, da raccolte di musica jazz anni 70, cruciverba del 2002 incelofanati con matite e penne e chi più ne ha più ne metta. Mai però mi sarei aspettato di trovare all'interno di essi, copie e copie di What about Now dei Bon jovi a 3,90 euro. Vi parlo dell'inverno 2014 e quindi ad appena un anno dall' uscita del tredicesimo album in studio del biondo cantautore del New Jersey. Un pò tutti noi abbiamo sentito parlare almeno qualche volta di Jon Bon Jovi, classe 1962, fondatore negli anni 80 del gruppo rock Bon Jovi. Album celebri quali New Jersey e Keep the faith lanciarono il gruppo nelle classifiche più alte di vendita e di gradimento. Spaziando tra il pop rock all' hair metal vi segnalo anche altri lavori importanti come Crush del 2000 che contiene la famosa hit It's my life, colonna sonora della mia adolescenza. Mi piacque molto il più rockeggiante Have a nice day, disco davvero grintoso che mi fece prendere maggiormente in considerazione l'artista a tal punto da approfondire la conoscenza dei lavori più vecchi. Peccato che l' album in questione smorza un pò i miei entusiasmi! Tremendamente piatto, senza mordente, non riesce nel suo intento di lanciare quelle canzoni che ti si piantano in testa sin da subito. Ricco di molte potenziali hits radiofoniche, What about now mi è sembrato uno dei punti più bassi nella carriera dei Bon ...

Battering Ram - Saxon 14/03/2016

Battering ram - Saxon

Battering Ram - Saxon Ultimo album in studio per i britannici Saxon è questo Battering Ram pubblicato con l’etichetta UDR nel mese di ottobre dello scorso anno. Sulla scia dei precedenti ottimi lavori, la band capitanata dal biondo Biff Byford si conferma ancora stavolta un capostipite del genere New wave of british heavy metal, spesso abbreviato in NWOBHM. Dediti da sempre ad un hard rock/ heavy metal , il quintetto del South Yorkshire ha all’ attivo ben 21 album in studio tra cui delle pietre miliari come Denim and leather, Strong arm of the law e Wheels of steel pubblicati negli anni 80. Dopo un breve periodo di appannaggio a fine anni 80, inaspriscono e induriscono il loro sound orientandosi su un roccioso e dinamico heavy metal che li consacra sempre più a band cardine di codesto genere. Spiccano in qualità i dischi dal titolo Solid ball of rock, Lionhearth, Call to arms, Sacrifice e per l’appunto Battering Ram, ultimissima loro fatica. Le aspettative erano alte per i Saxon e la fiducia è stata mantenuta totalmente, perché questo lavoro anche se va a tastare territori già percorsi dalla band in passato, contiene una nuova linfa e una qualità compositiva che si allinea con i lavori di anni fa e non fa altro che eguagliarli e forse superarli di una spanna. Ci troviamo di fronte ad un disco che non è un capolavoro, che contiene molti picchi e pochi bassi ma che non disgusta affatto e per gli amanti del genere, Battering Ram è una fortezza, una sicurezza che farà contenti molti. TRACCE 1. ...

Hotel Gambara, Milano 20/02/2016

Hotel Gambara - Milano

Hotel Gambara, Milano La seconda tappa del nostre vacanze invernali ha toccato anche Milano. Seppur per qualche giorno di svago il motivo della nostra visita nel capoluogo meneghino era anche quello di incontrare vecchi amici e parenti nelle vicinanze. Milano, capitale economica dell' Italia, ci accoglie per gli ultimi 4 giorni della nostra nel migliore dei modi. Tempo inclemente solo per il primo giorno, mentre per il susseguirsi delle giornate troviamo cielo coperto e temperature miti. Il giorno antecedente la partenza, anche caldo e soleggiato. Non di certo il tempo che ti aspetti a Milano nella prima settimana di febbraio! La scelta del pernottamento nel capoluogo lombardo ricade su un hotel ad 1 stella. Le ragioni sono diverse. In primis ho notato come Milano sia una città molto cara. Non mi aspettavo di trovare dei prezzi anche più alti della media di città come Firenze e Roma e, non me ne vogliano i milanesi, ma queste due città penso offrino molto di più in arte e intrattenimenti rispetto a Milano. Non oso immaginare i prezzi praticati nel periodo Expo! L'altro motivo è quello per il quale io e mia moglie desideriamo una struttura che ci offra solamente un comodo posto per dormire, bagno privato, una degna pulizia e una collocazione strategica con i punti di interesse della città. L' hotel Gambara ha fatto al caso nostro e prima del racconto del soggiorno posso dire di essere rimasto soddisfatto. Situato in Via Fra Galgario 4 nel quartiere San Siro, l'hotel Gambara è un piccolo ...

Hotel Aadam Wilhelmina, Amsterdam 13/02/2016

Hotel Aadam Wilhelmina - Amsterdam

Hotel Aadam Wilhelmina, Amsterdam Amsterdam, la città della perdizione. Quel suo grandioso modo di accogliere visitatori e non con abitudini non di certo tollerate qui in Italia ne fa una meta molto gettonata soprattutto dai giovani. Ma Amsterdam non è solo quello che si pensa di primo impatto, ma anche una città che ha saputo mantenere un' eccellente qualità di vita. E mi riferisco a strutture, servizi, pulizia, ordine e trasporti. "Piacevolmente caotica" come mi piace definirla è stata meta anche mia e di mia moglie per 5 giorni di vacanza in nord europa. Il nostro tour ha toccato mete come Amsterdam appunto, Delft, L'Aia e Rijswijk. I ciclisti ad Amsterdam tendono ad andare molto veloci...per cui attenzione mentre attreversate le strade! E' frequente vedere qualche "incidente" tra pedoni e ciclisti. Collegata eccellentemente con i mezzi pubblici le tappe obbligate sono il Museo Van Gogh, la Casa di Anna Frank, il Rijksmuseum, il Rembrandthuis, passeggiare per Leidseplein ricca di innumerevoli negozi e artisti di strada. Nonchè Dam Square e il famoso museo delle cere. Frizzante e simpatico è il quartiere De Pijp! Provate le canal cruises, ovvero i giri in battello tra i canali di Amsterdam cosi da vedere al città da un occhio differente! Insomma, potrei scrivere righe e righe di cose da visitare ma ora è meglio concentrarsi su dove pernottare in questa stupenda città. HOTEL AADAM WILHELMINA Situato nei pressi del bellissimo Vondelpark, l' hotel Aadam Wilhelmina è un ottimo due stelle sito in ...

World Needs a Hero - Megadeth 17/01/2016

The World Needs a Hero - Megadeth

World Needs a Hero - Megadeth Una delle più importanti thrash metal band del pianeta cerca di risollevarsi nel 2001 con la pubblicazione di The world needs a hero dopo aver abbandonato il il proprio genere musicale che li aveva resi famosissimi negli anni 80. Il nome Megadeth rientra tra quelli dell' olimpo mondiale del thrash metal insieme a Metallica, Anthrax e Slayer. Acclamati come una delle migliori band ancora in circolazione diedero alla luce capolavori che continuano a fare storia ancora ai nostri gorni. Come non ricordare Rust in peace, l'album più celebre nonchè Peace Sells... But Who's Buying? o l'acerbo ma grandioso debutto dal titolo Killing is my business...and the business is good. Per il leader Dave Mustaine gli anni 90 furono ricchi di luci e ombre. Dall' ammorbidimento del sound alle continue vicissitudine di ogni genere nel gruppo (problemi di salute, innnumerevoli cambi di line up e carattere nevrotico e lunatico del frontman) giungiamo agli inizi del 2000 dove gli statunitensi devono risollevarsi dal flop dell' anno prima intititolato Risk. The world needs a hero vede la partecipazione di Al Pitrelli alla chitarra, musicista in forza ai Savatage e del batterista Jimmy De Grasso talentuoso statunitense classe 1963. L'anno dopo la band cambia totalmente elementi e sound con il più grintoso The system has failed. TRACCE 1. Disconnect 2. The World Needs A Hero 3. Moto Psycho 4. 1000 Times Goodbye 5. Burning Bridges 6. Promises 7. Reciper For Hate…Warhorse 8. Losing My Senses 9. ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra