Condividi questa pagina su

arancione Status arancione (Livello 6/10)

pago78

pago78

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 30/11/-0001

398

Fissan Salviettine Assorbello 25/04/2009

Costano poco e valgono poco

Fissan Salviettine Assorbello C'è poco da aggiungere al titolo di questa opinione. Le salviettine umidificate della linea Assorbello appartengono alla categoria dei primi prezzi, cioè quei prodotti che si collocano nella parte più economica dal punto di vista del prezzo. In molti casi tra questi si trovano prodotti, che non hanno nulla da invidiare ai concorrenti più famosi e magari più spinti dalla pubblicità; non è questo, però il nostro caso. Le salviettine Assorbello appaiono sin da subito di una qualità inferiore: anche se appena aperte al tatto si sente, che sono meno imbevute rispetto a quelle più costose di altre marche note come Fissan, ma anche rispetto a quelle della marca del supermercato. Anche la loro consistenza è inferiore, si sente che il tessuto sintetico utilizzato risulta meno spesso e sovente se ne devono utilizzare il doppio rispetto a quelle, che si utilizzerebbero con altre marche. Il profumo, invece è l'unica cosa, che non fa rimpiangere i marchi più noti, infatti risulta gradevole e anche abbastanza persistente nel tempo. In ogni caso, l'unica motivazione che può spingere all'acquisto è quella del risparmio economico, infatti una confezione costa 1,50 euro e in certi punti vendita le ho viste in promozione anche a solo un euro. Per comperare qualcosa della concorrenza serve spendere almeno il doppio: certo se fossero un po' meglio si potrebbe pensare ad una scelta, ma fino a quando la qualità risulta così bassa non ne vale proprio la pena.

Enel Energia Tutto Compreso 23/04/2009

Che senso ha?

Enel Energia Tutto Compreso Da quando il mercato dell'energia elettrica è stato liberalizzato la trasparenza non è certo aumentata e per ora non si vede quel processo virtuoso, che nel caso del mercato telefonico, ha portato a consistenti ribassi dopo, che è partita la liberalizzazione del settore. Il gestore leader in Italia nella produzione e distribuzione di energia elettrica non aiuta promuovendo nuove offerte, a cui bisogna riconoscere una maggiore trasparenza rispetto al passato, ma che fanno ben poco per avvantaggiare il consumatore, che complice lo scarso impulso dei competitors nel portare avanti delle vere offensive di marketing, ha scarse opportunità di scelta. L'ultima tariffa uscita dal laboratorio delle offerte commerciali di Enel Energia è Enel Energia Tutto Compreso, che stando al numero di passaggi pubblicitari sembra stare molto a cuore alla società. In cosa consiste l'offerta tutto compreso? E' facile da spiegare e questo è già un passo avanti rispetto al passato: si vuole offrire al cliente la possibilità di ricevere una bolletta , che abbia un importo di spesa mensile prefissata, in modo che ogni utente possa conoscere in anticipo quale sarà la sua spesa per l'energia elettrica. Per fare questo, si hanno a disposizione 3 scaglioni tariffari, chiamati nel gergo dell'offerta taglie, i quali identificano il cliente a seconda del consumo, che ritiene di fare. Si parte dalla small fino a 100 Kwh/mese, si passa per la medium fino a 225 kwh/mese e si giunge alla large fino a 300 ...

Joint Z350 18/04/2009

Buon mezzo a basso prezzo!

Joint Z350 Lo scorso fine settimana ho preso a noleggio un camper per un breve viaggio, la scelta del mezzo è caduta su questo Joint Z350. Joint è un marchio non notissimo nel mondo dei camper nazionali, in quanto è di recente costituzione e vede i suoi stabilimenti produttivi in Spagna, questo rende meno capillare la rete di vendita e ciò si fa sentire sul numero delle immatricolazioni, che non sono molto numerose. Il fatto, che sia un marchio di nicchia in ogni caso non va a discapito della qualità visto che il mio giudizio è stato molto buono e anche i modelli provati in passato della stessa casa sono sempre stati estremamente soddisfacenti. Il Joint Z 350 che ho usato la scorsa settimana era allestito sulla meccanica del Fiat Ducato spinto d aun motore 1.9 JTD con 100 cavalli. Forse, il motore è il solo punto non eccellente di questo camper, perché vista la stazza del mezzo, che essendo un mansardato a 6 posti, supera abbondantemente i 6 metri, sarebbe stato più gradito un propulsore di almeno 130 cavalli. In ogni caso, chi noleggia o possiede un camper non lo fa certo per le prestazioni brillanti che questo veicolo può dimostrare sulla strada, quindi la ripresa un po' sacrificata viene compensata da un prezzo relativamente più basso dovuto alla motorizzazione ridotta. Il punto di forza del Joint z 350 è l'interno, infatti gli spazi sono molto ben allestiti e i vani egregiamente distribuiti. I materiali sono di medio livello, bisogna ricordare che il Joint è un modello di ...

Uomini che odiano le donne (Stieg Larsson) 15/04/2009

Un moderno capolavoro!

Uomini che odiano le donne (Stieg Larsson) Scrivere un'opinione su "Uomini che odiano le donne" è operazione assai difficile, in quanto su questo libro, primo di una trilogia, si è già detto tutto e anche qui su Ciao.it abbondano le recensioni,ma la lettura di questo libro mi ha talmente coinvolto e ha lasciato in me una tale voglia di buttarmi subito nella lettura del secondo, che ritengo quasi un obbligo morale condividere con voi le mie opinioni. Innanzi tutto, una piccola correzione: questo sito indica l'autore come L.Stieg, in realtà chi ha scritto questo libro ha come nome di battesimo Stieg e L. sta per Larsson ed indica il cognome. Si tratta di una precisazione forse scontata, ma che ritengo importante visto che nessuno ama vedere storpiato il proprio nome. Il citato Stieg Larsson purtroppo è già deceduto a causa di un improvviso malore di carattere cardio-vascolare e questo ha reso ancora più misteriosa e leggendaria questa trilogia, la quale prende il nome di Millenium. Questo è il nome di una rivista mensile di cui è direttore responsabile Mikael Blomkvist, giornalista che fa la sua apparizione nel libro in una situazione per lui assai negativa, in quanto è appena uscito dal tribunale dopo che è stata letta una sentenza di colpevolezza a suo carico. Egli è stato ritenuto reo di diffamazione ai danni di un noto industriale di cui aveva pubblicato le male-fatte, che però erano alla fine state smentite e ritenute prive di fondamento. Da ottimo autore qual'è, Blomqvist esce molto scosso e avvilito da questa ...

Knorr Pomodori Tritati con acciughe 09/04/2009

Un sugo impalpabile...

Knorr Pomodori Tritati con acciughe Credo che il titolo di questa mia opinione sia già sufficientemente eloquente per far comprendere quanto pessimo sia il giudizio nei confronti di questo sugo pronto ai pomodorini tritati ed acciughe della Knorr. Voglio subito abbandonare la facile equazione: sugo pronto=prodotto inferiore a quello fatto in casa. Tutto ciò è ovvio, non è necessario sprecare il tempo che serve per scrivere un'opinione per dire un ovvietà di questo genere. E' palese che una buona massaia con un po' di esperienza prepara un sugo, che non può nemmeno essere paragonato al migliore dei prodotti industriali in scatola, ma poiché i banconi dei supermarket traboccano ormai sempre più di sughi pronti di ogni genere, mi viene da pensare che un pubblico sempre più ampio scelga questo tipo di prodotto. Mi rivolgo proprio a coloro, che per causa di forza maggiore devono ricorrere a questi preparati dell'industria alimentare. In questo caso è meglio che stiate lontani dal sugo Knorr ai pomodorini tritati ed acciughe. Per essere franco devo dire che la Knorr è una delle marche peggiori non solo per questo gusto, ma più in generale su tutto il fronte sughi pronti... In ogni caso, è in questo che dà il peggio di se proponendo un prodotto, che alle aspettative dovrebbe unire la dolcezza dei pomodorini al gusto più deciso delle acciughe. Invece, la Knorr fallisce su tutta la linea: che siano veramente pomodorini quelli contenuti nel barattolo ce lo dice solo l'etichetta, ma nella realtà, una volta assaggiato ...

L'avvocato della notte (William Lashner) 02/04/2009

Lashner potevi far di più...

L'avvocato della notte (William Lashner) Il giudizio che ho espresso nel titolo di questa opinione forse è fin troppo negativo nei confronti di "L'avvocato della notte" nuovo giallo di William Lashner edito da Piemme all'interno della sua collana mensile Maestri del Thriller. Infatti, si tratta di un libro che si lascia leggere e che comunque tiene viva l'attenzione del lettore, ma senza dubbio non si tratta di un'opera indispensabile, di quelle che se non vengono lette è come se mancasse qualcosa. In particolare i personaggi sono poco delineati, il loro carattere e i loro sentimenti non riesce a trasparire dalle pagine del libro e forse appaiono un po' troppo legati allo stereotipo dell'avvocato senza scrupoli, della ballerina sfortunata che si riscatta, del bandito-gentil uomo. Insomma, sono un campionario di caricature già viste più volte, che sono adatte ad un testo che non vuole impegnare, ma che deludono un lettore, che da un libro vuole anche delle emozioni. Stesso discorso lo abbiamo con la trama, che risulta avvincente soprattutto nella prima metà del libro, poi nella seconda parte diventa sempre più complessa nel tentativo di innalzare la tensione: purtroppo non ci riesce e il finale risulta quasi scontato. Senza rivale troppo, posso anticipare che si tratta del racconto di un avvocato, che ha come cliente un'anziana donna ormai morente, che lo ha assunto per riportare a casa il figlio, ormai anch'esso in età matura, che non vede da moltissimi anni in quanto latitante a seguito di un furto commesso in ...

Google Earth 29/03/2009

Un occhio dal cielo.

Google Earth Sono già molte le opinioni pubblicate riguardo a questo software, ma nonostante in molti già si siano messi a parlare di Google Earth anch'io sento la necessità di dire la mia, perché non essendo un "genio" del computer penso di poter esprimere l'opinione dell'utente medio, che si avvicina per la prima volta a questo programma. Cos'è Google Earth? E' un software essenzialmente gratuito, che permette di visualizzare sul video del proprio computer le immagini satellitari di tutto il mondo, così che stando comodamente seduti nella propria casa si può osservare tutta la superficie terreste con un buon grado di risoluzione. In alcuni luoghi sembrerà di essere in volo su un aereo, in altri su un elicoterro che volà radente, in altri perfino sembrerà di essere all'ultimo piano di un alto palazzo. Ho voluto esprimermi attraverso questi esempi, poiché la risoluzione di Google Earth non è omogenea su tutto il globo: alcune zone sono meglio visibili tanto che si notano con precisione anche i dettagli di quello, che è presente al suolo come auto, vegetazione, costruzioni; altre zone invece sono peggio fornite e si può ammirare solo una visione d'insieme. Nonostante queste differenze nella risoluzione devo dire, che il programma è ottimo. Senza dubbio permette di togliersi molte curiosità sui luoghi mai visti, oppure ci consente di ricordare con realismo incredibile luoghi, che si sono visitati magari solo per turismo per un breve periodo. In ogni caso gli usi di Goohle Earth sono ...

Duetto Click & Go 18/03/2009

C'è poco di nuovo.

Duetto Click & Go Il gruppo Ubi banca, che sta svolgendo un forte programma di rinnovo dei suoi prodotti bancari credevo potesse fare di più con questo conto che tanto viene pubblicizzato sui manifesti posti nelle vetrine delle sue filiali e che hanno attirato la mia attenzione fino a convincermi ad entrare e chiedere informazioni. Attualmente ho il conto presso un altri istituto, che mi costa 1 euro al mese comprende tutte le operazioni illimitate se vengono fate con i canali evoluti come internet o bancomat, mentre sono a pagamento quelle che eventualmente si fanno allo sportello. Credo si tratti già di un buon conto, ma è sempre ipotizzabile un miglioramento, quindi visto che le novità mi piacciono eccomi entrare in Ubi per vedere cosa mi offre questo conto, che viene pubblicizzato sui manifesti a 0,99 euro al mese: insomma stesso prezzo del mio, il centesimo in meno mi fa sorridere facendomi tornare alla mente quei supermercati, che dopo aver guardato i prezzi del concorrente li abbassano di un centesimo per tentare di trarre in inganno il cliente meno attento... Tutto uguale fino qui, poi però arriva la domanda fatidica: se faccio delle operazioni allo sportello devo pagare? Subito mi viene risposto, che non sono previste operazioni allo sportello nel canone del conto e che se intendo farle devo sostenere un costo di 1,50 euro per ogni operazione: non poco... Il bancomat invece è gratuito, come anche la carta di credito prepagata. Purtroppo, invece si paga l'invio dell'estratto conto e ...

Indagine non autorizzata (Carlo Lucarelli) 12/03/2009

L'indagine di Lucarelli.

Indagine non autorizzata (Carlo Lucarelli) Anche con questo libro Lucarelli dimostra di essere un grande narratore in grado di trovare nel giallo il suo terreno più fertile. Questa "indagine non autorizzata" è una storia scritta una decina di anni fa, ma che non risente del decennio trascorso anche perché tratta di una vicenda ambientata negli anni Venti, che quindi non necessità di elementi di attualità, che potrebbero sembrare superati a distanza di tempo. L'ambientazione è quella della spiaggia di Rimini, durante il periodo estivo, proprio mentre Mussolini si trova in vacanza in questi luoghi. Accade un delitto: una prostituta nota alle forze dell'ordine viene rinvenuta morta sulla spiaggia, tutti gli indizi sembrano incastrare il suo protettore, ma uno zelante poliziotto ha dei dubbi ed inizia un'indagine parallela senza l'autorizzazione del suo superiore. Non mi sembra corretto andare oltre, perché rovinerei a tutti voi il piacere della lettura, non posso però non dire, che oltre alla bellezza del racconto, questo libro merita di essere letto per la grande capacità narrativa dell'autore. Lucarelli è un maestro del ritmo descrittivo e lo dimostra alternando momenti veloci ad altri lenti e con le sue parole fa calare il lettore direttamente nella vicenda tanto che è impossibile smettere di leggere. Insomma, si tratta di un libro che consiglierei davvero a tutti, anche a quelli che magari non amano i gialli, perché oltre all'indagine poliziesca ci lascia anche l'immagine di un preciso momento storico della nostra ...

Le mille balle blu (Marco Travaglio, Peter Gomez) 05/03/2009

Le mille balle blu.

Le mille balle blu (Marco Travaglio, Peter Gomez) Ho appena terminato di leggere questo libro scritto da Marco Travaglio e Peter Gomez entrambi giornalisti impegnati di cui si conoscono le concezioni politiche. Ho detto, che il libro è stato scritto da loro, ma in realtà questo non è corretto, poiché il loro lavoro è stato quello di catalogare e raccogliere per oltre 400 pagine frasi e dichiarazioni non fatte da loro bensì da Silvio Berlusconi nel corso della sua carriera politica ed imprenditoriale. Per lo più sono dichiarazioni fatte dal 1994 al 2005 nei più vari contesti, passando dai momenti istituzionali a quelli semi-privati. Dare un giudizio sul libro è molto molto difficile. infatti, da una parte abbiamo l'aspetto stilistico, che senza dubbio merita un voto elevato in quanto gli autori riescono a creare un testo che si legge velocemente e che non annoia pur non avendo un filo conduttore unico. Abbiamo poi l'aspetto politico su cui non vorrei entrare, in quanto è strettamente personale: alcuni ritengono che Travaglio e Gomez siano giornalisti di parte e schierati per una fazione politica ben precisa, altri li reputano dei grandi professionisti indipendenti. Personalmente, non sono all'altezza per poter esprimere giudizi di questo genere anche se devo dire che ogni affermazione e ogni frase contenuta nel libro è contestualizzata con data e luogo in cui è stata detta o registrata confermando così che "le mille balle blu" è un libro scritto con scrupolo e con attenzione ai documenti. Certo, qualcuno potrebbe dire che ...

Nissan Qashqai 1.5 04/03/2009

La Qashqai più economica.

Nissan Qashqai 1.5 Ho potuto guidare questa auto per un paio di settimane facendo alcune migliaia di chilometri, la mia opinione non vuole quindi essere esaustiva come potrebbe essere quella di un automobilista, che ha "testato" il modello per anni in ogni caso l'uso che ne ho fatto mi consente di essermene fatto un giudizio che voglio condividere. Innanzi tutto voglio parlare del motore, su cui ero piuttosto dubbioso, prima di provare la Qashqai, visto che un 1.5 a gasolio mi sembra un propulsore troppo ridotto per spingere un mezzo di queste dimensioni. In effetti, questo modello non fa della ripresa la sua dote migliore, ma non sfigura assolutamente nei confronti di modelli più contenuti con propulsori anche più potenti. La velocità di punta non ho potuto provarla per ovvie limitazioni del codice della strada, ma anche la guida in autostrada risulta confortevole, silenziosa e il motore non sembra risentire di chilometri percorsi a buona andatura. Certo che schiacciare l'acceleratore significa sacrificare il risparmio di carburante e ovviamente in autostrada un macchina come questa supera di poco i 10 chilometri con un litro, le cose migliorano nell'extra urbano andando attorno ai 13. Invece, il punto di forza di questo modello è l'allestimento, che nella gamma Nissan è il più economico, il nome Visia infatti indica i modelli con i prezzi d'attacco e avere un SUV a 20.000 euro appare davvero rarità, anche perché non si tratta affatto di un auto low cost. E' un modello, che comunque ha una ...

Focus 26/02/2009

Pensavo fosse meglio

Focus Del mensile Focus ho sempre sentito parlare molto bene: tante delle persone che conosco ne sono entusiaste lettrici e la stessa pubblicità del giornale, che si sente passare per radio o televisione ha senza dubbio il merito di accendere l'interesse di un potenziale lettore. Così sfruttando una campagna promozionale ho deciso di abbonarmi per un anno a Focus, rivista che si autodefinisce indispensabile per capire e conoscere il mondo. Posso dire, come si intuisce anche dal titolo, che il mio giudizio non è del tutto entusiasta, ma non voglio essere del tutto negativo, in quanto le critiche nascono soprattutto perché mi ero creato un'aspettativa molto alta di questa rivista e il fatto, che non eccelga sotto tutti i punti di vista è già sufficiente per esprimere alcune note di critica. Innanzi tutto, devo dire che gli articoli appaiono nella media interessanti, quindi confermo che gli argomenti trattati sono davvero accattivanti e spingono il lettore all'acquisto del giornale, peccato però che addentrandosi nella lettura degli stessi le argomentazioni e le spiegazioni non sono all'altezza di una rivista, che si vuole dire scientifica. infatti, in molte occasioni mi sono trovato a leggere un pezzo incuriosito dal titolo, che accendeva nella mia mente dubbi ed interrogativi, giunto al termine mi accorgevo, che non avevo trovato nessuna risposta alle mie domande e a questo punto mi veniva anche da dubitare sulla necessità o meno di un articolo su questo argomento. Sono piuttosto ...

Coop Ragù di Carne alla Bolognese 31/01/2009

Il ragù della Coop.

Coop Ragù di Carne alla Bolognese Ho provato questo sugo pronto a marchio Coop sostanzialmente perché mi fido della linea di prodotti di questa catena di supermercati, visto che prima di essere commercializzati effettuano molti controlli e diversi test, che ne garantiscono la qualità. Spero di non far rabbrividire tutti quelli, che sono dei maghi ai fornelli, ma personalmente sono decisamente negato in cucina e quindi spesso ricorro ai sughi pronti, che mi garantiscono un risultato sicuro nella preparazione della pasta, senza rischiare di rimanere senza cena, per qualche inconveniente in cui un cuoco non esperto può sempre imbattersi. Generalmente, sono abbastanza fedele alla linea dei sughi pronti Barilla, ma come detto prima ho voluto provare quelli Coop, perché mi ispirano fiducia. Il risultato sul piano del gusto è stato buono, infatti il sapore è gradevole e non sfigura davanti ai prodotti della concorrenza, che generalmente hanno prezzi più elevati. Certo quello fatto in casa è tutta un'altra cosa, non c'è bisogno di ricordarlo, ma tra quelli pronti il sugo Coop ha sicuramente un ottimo rapporto qualità/prezzo. La qualità tanto attesa mi sembra rispettata, infatti l'etichetta con gli ingredienti non mostra nulla che non sia naturale e necessario all'interno di un sugo pronto. Il prezzo mi sembra altamente competitivo, infatti la confezione anche per merito di una offerta promozionale era in vendita a soli 1,45 euro, cifra circa il 20% in meno rispetto alla media dei prezzi dei sughi concorrenti ...

Hilton Stockholm Slussen, Stoccolma 26/01/2009

Hilton Slussen Stoccolma

Hilton Stockholm Slussen, Stoccolma La mia opinione su questo albergo è divisa tra 2 aspetti, che non riescono a prevalere uno sull'altro. Da una parte l'estrema eleganza di questa struttura, dall'altra i costi non per niente a buon mercato. Che Hilton non sia una catena economica, questo è risaputo da tutti, ma a volte anche decidendo di pernottare in alberghi di un certo livello si possono trovare occasioni, offerte speciali o prezzi vantaggiosi, che ne rendono possibile la scelta senza dover sborsare un patrimonio. Non è il caso dell'Hilton Slussen, che pur vedendo il conto espresso in corone svedesi, con cambio che dovrebbe essere favorevole per chi se ne arriva con in tasca gli euro, ha delle camere che per il bed and breakfast non scendono sotto i circa 200 euro a notte, naturalmente per la sistemazione classica, se si volesse la camera deluxe bisogna aggiungere altri 50 euro circa (cifra espressa a cambio attuale). Certo, che una volta entrati, si capisce il perché di tanta spesa: l'ambiente è ottimo, infatti la struttura dell'albergo è ricavata all'interno di un antico palazzo tipico svedese, recentemente restaurato e arredato in maniera elegante e raffinata con una particolare attenzione al design scandinavo. Le camere sono ampie con una serie di comfort: bagno con vasca, tv satellitare, ampia scelta di articoli per la cura e l'igiene personale, servizio di lavanderia, frigobar, telefono privato, possibilità di accesso ad internet. Insomma non manca nulla e soprattutto si nota l'attenzione ...

Marco Polo Expert 23/01/2009

Un buon negozio per la spesa elettronica.

Marco Polo Expert Un paio di giorni fa sono entrato per la prima volta in un negozio di questa catena, infatti pur essendo aperto da un paio d'anni in un centro commerciale non troppo lontano da casa mia, non vi avevo mai messo pieno, perché senza nessuna ragione ritenevo, che non fosse un buon posto dove fare acquisti. Invece, ho dovuto prontamente ricredermi, poiché già nell'entrare nel negozio ho potuto vedere che l'esposizione era molto ampia e ricca di prodotti di vario genere e dei prezzi più disparati in tutta la gamma di articoli e soprattutto i prezzi erano molto buoni se paragonati alla concorrenza. Il mio obiettivo primario era quello di guardarmi un po' attorno per valutare il prossimo acquisto di un nuovo TV LCD, quindi sono arrivato da Marco Polo Expert dopo essere stato in altri punti vendita di elettronica e con le idee abbastanza chiare sui modelli in commercio. Risultato della mia visita: ampio assortimento di prodotti e un prezzo in media del5-10% più basso di quello visto in giro. Parlando con un disponibile e preparato addetto alla vendita ho anche appreso della presenza di una carta fedeltà, che matura punti in base agli acquisti fatti, che possono poi essere convertiti in buoni sconti, quindi di fronte ad un acquisto di un certo rilievo si può avere diritto ad un buono spesa di un discreto livello da usare poi per acquistare altri prodotti. Il mio giudizio su Marco polo Expert è quindi molto positivo, sarebbe stato anche migliore se solo il tempo di attesa ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra