Condividi questa pagina su

viola Status viola (Livello 4/10)

panant

panant

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 02/11/2000

33

2003 Settembre 15/12/2003

Nero

2003 Settembre Che sapore strano può avere a volte uno stato d'animo... quella sensazione di impotenza che come una coperta di avvolge le viscere, stringendole fino a parti male. Molti la chiamano depressione ma non sanno che sbagliano a generalizzare ciò che gli altri provano. Quello che sto provando è la cupa consapevolezza di non poter fare più nulla, come quando si sta osservando il chiudersi di una porta a causa di una corrente d'aria e sapere che non si arriverà mai in tempo per non farla sbattere. Mi godo gli ultimi spiragli di luce che ancora filtrano da dietro quella porta, ma è triste vedere sul volto delle persone che mi osservano quell'espressione di chi non riesce a trovare più tracce di speranza nello sguardo di qualcun altro.

Veronika decide di morire (Paulo Coelho) 17/01/2003

Il miracolo di un nuovo giorno vissuto

Veronika decide di morire (Paulo Coelho) Msg: Ho eliminato alcune frasi che non erano più in sintonia con il mio pensiero attuale. Nulla rimane immutato in eterno... Fine Msg. Il grande messaggio che Coelho cerca di trasmetterci attraverso “Veronika” è che ogni giorno deve essere vissuto come un miracolo, combattuto e conquistato senza lasciarlo all’apatia della vita. A ben rifletterci, questo messaggio trova analogia con quello di un altro grande autore, De Mello (gesuita, un personaggio molto scomodo per la sua interpretazione della Cristianità). Nelle sue opere De Mello invita a “svegliarsi”, a non vivere in un sonno perenne come una sorta di torpore non del corpo ma dello spirito. Ogni giorno la maggior parte delle persone si alzano dal letto, si vestono, escono, studiano o lavorano, si divertono con gli amici per poi tornare a dormire, senza accorgersi di non essersi mai svegliati veramente. I giorni passano ma cosa ci lasciano dentro? Nulla, perché ognuno passa uguale al precedente. Non si è in grado di apprezzare ciò che di nuovo c’è perché convinti di aver già visto tutto. Per questo motivo “Veronika” decide di togliersi la vita l’11 novembre 1997, perché non riesce a trovare nuovi stimoli dalla vita, ormai trascinata dalla monotonia delle azioni. È una ragazza libera ma vive la sua libertà in maniera strana. Lavora, è indipendente, si lascia corteggiare dai ragazzi quando ne ha voglia, ma non riesce a liberarsi del tutto cioè a vivere con i sentimenti, con lo spirito e non con il corpo come invece fa ...

Le Malattie 15/01/2003

Vivere oltre il destino

Le Malattie Linfoma. Quante volte avrò sentito questa parola? Forse un migliaio o forse un milione. Ma mi sembrava qualcosa di lontano, misteriosa ed evanescente... qualcosa di cui sapere solo a titolo di cronaca (sempre se non sei Medico!). <> Beata ignoranza. Giorni passati ripetendo questa frase, a se stessi e a quelli più vicini, per convincersi che un piccolo rigonfiamento al collo sia un residuo lasciato dall'influenza. Ma poi al momento della verità, tutto il mondo crolla addosso, lasciando nella mente un'unica domanda: <>. Linfoma. Venti anni fa, insieme a Mieloma e Leucemia costituivano le Tre Sorelle Nere: tumori del sistema immunitario, linfatico e del sangue che non lasciavano molte speranze. Tante persone hanno vissuto il dramma di andarsene sapendo di non avere più speranze. Se una delle Tre Sorelle aveva messo i suoi amorevoli occhi su di te, ti restava soltanto la preghiera e la speranza di un miracolo. Linfoma. Tante cose cambiano in venti anni! C'era la Democrazia Cristiana a vegliare sulle nostre esistenze, Andreotti e Craxi passavano le giornate pensando come organizzare i vari governi (ufficiali o ombra) e gli italiani giravano in 127. La ricerca scientifica ha fornito le armi per affrontare finalmente in vantaggio la lotta contro queste forme tumorali. Ma comunque restano letali se non si verificano delle circostanze favorevoli. <

McAfee Virus Scan 13.3.117 31/01/2002

Nuova minaccia senza difese

McAfee Virus Scan 13.3.117 Ogni giorno accendo il mio pc con la sicurezza della protezione dei più forti sistemi presenti sul mercato. Antivirus, firewall, antisniffer, etc etc. Beh, oggi ho scoperto che la mia è una pura illusione. Il motivo? Ho trovato questa news nel sito di ITPortal (www.itportal.it) che riporto integrale alla fine dell'opinione. Chi ha voglia la legga. McAfee Virus Scan, insieme a Norton Antivirus, sono al momento tra i prodotti più valevoli per la difesa da attacchi "virulenti" al nostro PC. La loro potenza sta dentro un database in cui sono racchiusi i codici riconoscitivi di tutti i virus sviluppati, una sorta di impronta "genetica" che identifica il virus nascosto all'interno di tutto ciò che entra nel sistema. Per mantenere alto il livello di protezione basta scaricare dal sito dei produttori gli aggiornamenti delle mappe di questi virus. Per fortuna i "vendor" sono solerti ad aggiornare queste mappe, così non si rischia di rimanere infetti prima che vengano rilasciati questi aggiornamenti. Nella news ho scoperto che esiste un allarme in atto a causa di un provabile attacco terroristico perpetuato attraverso un virus di nuova concezione, basato su tecnologie innovative nel mondo dell'informatica. Gli attuali antivirus presenti sul commercio sono basati sui classici metodi di riconoscimento del virus, perché fino ad ora tutti, chi più e chi meno, adottavano le stesse tecniche per introdursi nel sistema, replicarsi attraverso i contatti in rubrica nella posta elettronica e ...

Standa 02/01/2002

Primi acquisti in euro e file chilometriche

Standa Ore 13.40, pausa pranzo. Dopo le "abbuffate" dei giorni passati arrivano i tempi dei pasti a ragime controllato... leggisi un vasetto di yogurt a pranzo e verdura cotta e frutta fresca la sera. Ma oggi è il primo giorno di lavoro dopo le mini vacanze natalizie, quindi il frigo piange miseria: bisogna rifornirlo. Un salto all'ipermercato nel centro commerciale per fare un pò di spesa e visto che ci siamo vediamo un pò come sono queste nuove monete in euro. La prima sorpresa la trovo passando dai due sportelli bancomat del centro: decine di persone in attesa di prelevare qualche soldo dal loro conto, più per la curiosità di vedere le nuove cartamonete che per l'effettiva necessità di avere liquido per le spese. Beh, tento lo stesso. Mi metto in fila ma i tempi sono paurosamente dilatati dall'eccessiva curiosità delle persone. Ogni volta che la macchinetta sputasoldi fa il suo dovere le cartemonete non vengono subito celate nel protafogli come si faceva con le vecchie lire, ma ostentate diventando una sorta di trofeo, rimirate e scrutate in ogni sua parte... operazione eseguita prima di lasciare il proprio posto di fronte lo sportello. Amareggiato (e sconsolato) lascio stare sperando che la fortuna sia più favorevole all'uscita dal centro e mi diriggo verso i reparti alimentari dell'ipermercato. Quattro vasetti di yogurt, un pacco di gallette biologiche e via alle casse. Ai miei occhi si presentarono scene da panico... lunghe file di carrelli della spesa stracolmi di ogni genere ...

Canale 5 19/12/2001

Anche per quest'anno abbiamo dato

Canale 5 Finalmente sta finendo, oggi è il penultimo giorno della permanenza nella "casa". Dopo 92 giorni i riflettori andranno scemando la loro luce, le telecamere smontate e tutto tornerà nell'oblio da dove è spuntato. Anche per quest'anno la fame di indiscrezione degli italiani è stata placata. Non importa che vincerà la sfida (o meglio i 250 mila euro in palio), basta che venga posta la parola fine a questa vetrina degli aspetti più animaleschi ed oscuri della natura umana. Per tutto questo tempo è stato un susseguirsi di aggregazioni di branco, liti furibonde, sesso, impeti di ira, dolce far niente... Ma era proprio necessario portare tutto questo in tv? Si, perché il pubblico ha bisogno di tutto ciò, almeno per sfogare attraverso quei ragazzi ciò che altrimenti non sarebbe possibile nella monotonia giornaliera. Le persone si immedesimano in loro, soffrono e si incazzano attraverso le loro storie, diventando al contempo spettatori e protagonisti. Guai a dirlo in giro! Ogni giorno milioni di italiani si affacciano sulle frequenze televisive e su internet per scovare piccoli segreti, scrutando la loro intimità sperando in una succulenta dose di spettacolo verità. Provate però a chiedere se qualcuno ha visto il riassunto del giorno prima... nessuno dirà di averlo fatto, perché se ne vergognano. Ma perché? E' come tornare nell'adolescenza quando trasportati dagli ormoni si spiava l'altro sesso in bagno attraverso il buco della serratura: se si veniva scoperti erano guai! Giuro che ...

Flashmall.it 12/12/2001

Crisi e sogni infranti

Flashmall.it New Economy, e@commerce, parole entrate nel nostro vocabolario. La maggioranza degli italiani però non sanno bene di cosa si tratta o per lo meno non ci hanno mai avuto a che fare. Negli ultimi anni diverse società hanno cercato in internet una possibilità di guadagno. Ed ecco spuntare come funghi autunnali negozi virtuali (o on-line) sempre aperti, 24 ore su 24, 365 giorni l'anno: praticamente una vetrina spalancata su tantissimi prodotti luccicanti e ben esposti. Chi ci ha fatto un "giro" ha potuto constatare che erano tutti un invito all'acquisto, anche se spesso a prezzi superiori rispetto ai negozi "reali" (e se poi ci aggiungevamo le spese di trasporto....). L'idea di base è robusta e ben collaudata, specialmente in America dove in queste cose sono molto avanti a noi. Con un negozio su rete si hanno potenzialmente milioni di clienti, tanti quanti sono i navigatori giornalieri. Per invogliarli a fermarsi e ad aprire il loro "portamonete" (anche questo virtuale, di fatto sono le famigerate Carte di Credito o di Debito) si offrono servizi come email o sms pubblicitari delle offerte, consegna rapida, reperibilità di gadget assurdi e introvabili ma che stranamente le persone bramano, sconti. La realtà comunque ha dimostrato l'inefficacia non dell'idea ma delle persone che hanno cercato di darle corpo. Da un anno a questa parte assistiamo a continui fallimenti, messe in liquidazione, scomparsa di società che sulla new economy avevano cercato ricchezza. Perché? Hanno fatto ...

Beat.it 30/11/2001

Attenzione agli acquisti di gruppo

Beat.it Vi siete mai chiesti perché acquistare grosse partite di prodotti costa meno? Beh, certamente si risparmia sulle spese di trasporto (che da collo diventa spedizione a peso), sul costo di giacenza nel magazzino (spesso per sbarazzarsi di scorte in giacenza fanno il famoso 3x2) e su altri misteriosi fattori noti soltanto agli esperti di marketing. Il servizio offerto da Beat si basa su questo semplice principio: riuniscono le persone che sono interessate ad acquistare un certo prodotto in modo da effettuare un singolo ordine, avvalendosi degli sconti effettuati dai gestori per acquisti multipli. Come idea non è male! Certamente sarete incappati in qualche bella offerta tipo "compra insieme 3 telefoni cellulare e 4 schede prepagate al prezzo di 2 telefoni e 1/2 scheda", molto in voga sotto le feste per invogliare gli acquisti per i regali. Il prezzo è buono, ma che ce ne facciamo di tutta questa roba se accettiamo? Ecco che vengono in aiuto gli amici, i parenti o i semplici conoscenti con un pò di confidenza acquisita: un tam tam battente alla ricerca di qualcuno interessato e con cui dividere la spesa. Se riuscissimo a trovare altre due persone come noi interessate ad prendere un cellulare con scheda prepagata dividiamo la spesa ottenendo come sconto il valore dei prodotti "regalati" che suddividiamo su tutta l'offerta. E se poi non ci interessano le schede e troviamo qualcun altro che la vorrebbe, ecco che lo sconto aumenta ancora. Qual'è il problema a tutto ciò? ...

Bipop - Fineco Bank Up 16/11/2001

I tassi scendono ma siamo più ricchi

Bipop - Fineco Bank Up Sembra un'assurdità, ma se gli interessi sul conto corrente scendono non vuol dire che stiamo attraversando un momento di recessione. Anzi! Il prezzo del petrolio va sempre più giù, l'OPEC decide di contrastarlo con una riduzione sul numero di barili estratti. La borsa mediamente regge, anche in pieno tempo di guerra. Quindi l'unica spiegazione è che, senza saperlo, la nostra moneta (anche se sarebbe più giusto dire l'Euro) regge bene lo scontro con la situazione economica/politica mondiale. Se i tassi a credito scendono vuol solo dire che anche quelli a debito stanno facendo la stessa cosa. E' quindi più facile prendere in prestito delle somme di denaro, chiedere mutui, acquistare case, etc. Ciò ci aiuta a portare fuori dal nostro conto dei soldi, ad investirli, che altrimenti starebbero lì a poltrire gongolati dall'effettivo guadagno maturato grazie ai tassi di interesse abbastanza elevati. Le banche online, partendo proprio da Fineco che fu l'apri pista di tutte le altre, diventano convenienti più per le basse spese di gestione che per i reali "guadagni". La vera rivoluzione è stata quella dell'averci abituati a usare veramente il denaro elettronico. Francamente non ho più il portamonete in tasca dato che mi porto dietro il mio fido bancomat (tengo il giusto indispensabile per pagare un caffé o qualcosa da poco). A proposito, io sto con la concorrenza (leggesi Banca 121) ehehehe.

Badedas Docciaschiuma Tonic 16/11/2001

Sul finire della giornata

Badedas Docciaschiuma Tonic TUM TUM TUM... certo che dopo una giornata di lavoro questo fracasso ci voleva proprio. Mi sembra di aver messo la testa dentro una delle casse dello stereo. TUM TUM TUM... Ogni giorno verso quest'ora le stanze del mio studio si riempiono di note: fin qui nulla di strano, soltanto che non provengono da qui ma dall'appartamento di fianco. Si ode un pulsare continuo come un cuore che batte amplificato milioni di volte, pura musica heavy metal o hard rock. Francamente non ne conosco il genere, per me è un accrocchio di parole vomitate e di tamburi spaccatimpani! Tutto è cominciato nei primi giorni del mese di Ottombre, quando nell'appartamento vicino sono venuti ad abitare un gruppo di studenti che frequentano la locale Università. Prima era diverso: spesso mi ritrovavo innavvertitamente a tamburellare con la matita sul tavolo per rompere il troppo silenzio.... Ecco un pò di quite, tutto tace... TUM TUM TUM no, soltanto impressione... TUM TUM devono aver sostituito il CD. Argh! La cosa che mi sconvolge di più è che sono tutte delle ragazze: beh, forse sono un pò indietro con la moda, ma credevo che l'altra metà del cielo fosse più attratta verso il lato romantico (e qualche volta languido) della musica, tipo Antonacci o Ramazzotti. Già, appartengo ad un'altra epoca. Ma come fanno a quest'ora ad essere piene di energia? Le sento urlare e saltare come delle forsennate, quasi un piccolo uragano localizzato altre la parete che ho di fronte. Io invece mi sento a pezzi dopo una ...

Con la A 12/09/2001

Dolore ma niente polemiche

Con la  A Quello che è accaduto ieri è un evento molto grave. I nostri padri hanno assistito allo sbarco del primo uomo sulla Luna, l'inizio della guerra fredda, l'assassinio di JFK. Noi abbiamo vissuto una nuova forma di guerra, un evento che cambierà l'ordine mondiale. Una pagina di storia si è appena chiusa ed un'altra ben più drammatica sarà aperta. Ciò che non sono riusciti a fare nè l'Iraq durante la guerra nel golfo, nè la guerra senza tempo tra Palestinesi e Israeliani, nè la disgregata Russia e i suoi seccessionisti e neppure la lotta tra gli ex fratelli Jugoslavi. Perché? Perché il nemico è ignoto, possiamo essere tutti ma contemporaneamente nessuno lo ammette. Solo dolore. Dolore per chi è morto sapendo di morire senza essere in grado di evitarlo. Dolore per chi ha cercato la salvezza senza trovarla. Dolore per chi non si è accorto di nulla ma che non c'è più. Dolore per chi è intrappolato sotto le macerie e urla soccorso senza trovarlo. Non cerchiamo altrove la verità, essa è negli occhi dei sopravvissuti.

Waitec Tanky 05/09/2001

Più che 64 Mb

Waitec Tanky Quella che leggerete ora è la mia vecchia opinione. Alla fine troverete la parte nuova. Ciao a tutti.... *************** ********** *************** ********** L'idea su cui si basa questo lettore portatile è quella di supportare diversi formati in risproduzione, i classici CD Audio e Video CD (anche se quest'ultimo sembra destinato alla pensione prematura dallo strapotere dei DVD) e il più recente MP3. Tanky è infatti dotato di un piccolo processore che riesce a riconoscere, analizzando il contenuto della traccia 0, il formato che deve riprodurre. Non necessita nessun tipo di settaggio: basta inserire il CD e il gioco è fatto. Se avete messo un masterizzato MP3 vedrete l'indicatore del numero di brani andare letteralmente alle stelle, ben oltre le standard 16/20 canzoni a cui si è abituati con un lettore MP3 tradizionale (quelli a CHIP di memoria RAM per intenderci). Con il Tanky arriviamo ben oltre le 100 canzoni per almeno 8 ore di musica a pieni bB. Può essere collegato sia ad uno stereo casalingo che all'autoradio dell'automobile usando l'uscita audio (e i cavetti in dotazione), aumentando l'autonomia di riproduzione dei vostri sistemi. Per ottenere pestrazioni simili bisognerebbe avere un lettore audio multiCD con almeno 17 caricatori oppure un sistema simile al Tanky, magari dotato di un piccolo HD per memorizzare le canzoni. Il vantaggio del Tanky è quello che, cambiando un CD, si ha una "ricarica" immediata di altra musica. Non necessita quindi la presenza di ...

Nokia 8310 05/09/2001

Prosegue la lotta tra i telefonini

Nokia 8310 Ogni giorno si susseguono notizie di nuove uscite sul mercato, modelli sempre più piccoli, potenti e con molte funzioni. Non facciamo in tempo ad assuefarci al nostro "gioiello" che subito desideriamo l'ultimo nato, spesso solo per capriccio. Il Nokia 8310 è un esempio di ciò, un terminale che racchiude il meglio dell'attuale tecnologia dentro un contenitore di appena 97 x 43 x 17/19 mm in 86 g di peso (compresa la batteria). GPRS, WAP, radio FM, giochi, rubrica telefonica da migliaia di nomi, etc etc etc. Ma a che servono? Chi di voi sta costantemente connesso alla rete mentre passeggia per le vie della città? Qualcuno sicuramente potrebbe rispondere: <> oppure <>.... Ma vi rendete conto? Lasciando perdere solo i bussinesman, ai quali questi servizi sono per lo più dedicati (dovendo viaggiare spesso, rimangono costantemente aggiornati con poca spesa), questi telefoni sono del tutto inutili per gli utilizzatori comuni, magari facessero pure il caffé! Le case produttrici rilanciano in continuazione accompagnando le uscite con campagne pubblicitarie battenti per invogliare i consumatori a "consumare" sempre di più. Spesso ci fanno sentire out se non abbiamo in mano l'ultimissimo gioiello. In tempi di rivoluzioni di massa come i nostri è veramente difficile stare dietro alle novità. Tra qualche hanno si dovrebbe (meglio andare ...

BearShare.it 12/07/2001

La magia del proibito

BearShare.it Quando l'uomo fu creato aveva già nel suo DNA Internet... beh, non proprio. Una cosa è però certa: Internet ha questo enorme successo perché con esso si può accedere a qualunque tipo di informazione. E poiché l'uomo (ma anche la donna ;-) ) è per natura ladro se gli si presenta l'occasione, ecco che la Rete delle Reti diventa una fonte inesauribile di pirateria! Se lavorate in un ufficio, date un'occhiata al monitor del vostro collega accanto... Beh, scoprirete che nessun (o quasi) programma che sta usando è registrato. Come è possibile tutto ciò? Basta avere una connessione internet e sapere dove cercare. Adesso che sono disponibili anche connessioni super veloci, scaricare megabyte di software è diventato così facile da scoraggiare ogni tipo di remora. Nella preistoria di internet (beh, non tanta lontana, solo 2 anni fa) se provavate a scaricare un file (tipo zip) di un paio di mega impiegavate non meno di 1 ore; per scaricare 24 mega se ne andavano almeno mezza giornata. Beh, non tanto a conti fatti, ma sempre abbastanza. Poi, collegandosi ad un sito di crack si trovava la chiave adatta ed il gioco era fatto. Avevamo sul nostro PC un programma "regolarmente" registrato. Almeno per quelli di piccola dimensione. Le cose cambiavano se ci si spingeva verso livelli più alti. Immaginatevi di scaricare un MS Office! A quelle velocità ci volevano molti giorni per completare il tutto. Beh, adesso la velocità di download è sensibilmente aumentata. Lasciando stare da parte le normali ...

Community Center 11/07/2001

ALLARME STA ACCADENDO QUALCOSA

Community Center Sta accadendo qualcosa di strano oppure ho delle allucinazioni. Poco fa (ore 9.30 del 06/07/2001) ho trovato un'opinione che trattava un argomento scottante, forse troppo per "Ciao Italia", cioè la PEDOFILIA. Dopo aver letto questa opinione mi sono deciso a introdurre un mio commento sulla questione, per partecipare alla discussione. Beh, mi sono trovato di fronte ad un fenomeno sconcertante che potrei chiamare "Opinione Fantasma". Prima era reale, presente sul sito e quindi visibile a tutti.... poco dopo scompare. E questo mentre stavo scrivendo il commento.... Non c'era più l'autore, nè la categoria di appartenenza..... Appena uscito dalla pagina sono andato a ricercarla tra le ultime 20 e non l'ho trovata. Non ne è rimasta traccia neanche nella categoria. Un caso di censura automatica? Un problema nelle strutture di archiviazione di Ciao? In entrambi i casi sarebbe un grosso problema. Fatemi sapere!