Condividi questa pagina su

argento Status argento (Livello 8/10)

pepppino

pepppino

Autori che si fidano di me: 467 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

“Il cervello è come un paracadute, funziona solo se lo apri“- A. Einsten ... Ma lo devi possedere.

Opinioni scritte

dal 01/02/2010

131

Leroy Merlin 11/12/2017

Leroy Merlin: mia croce e... delizia!

Leroy Merlin Croce e delizia dei miei piccoli interventi di manutenzione domestica, resta comunque il mio principale punto di appoggio e di riferimento per i materiali e gli attrezzi dei miei lavori di bricolage. Sapete bene che si tratta di un megastore ove si vende veramente di tutto per il fai da te. Croce perché è qui che trascorro, a volte, interi pomeriggi dei miei week-end alla ricerca di quanto si rende volta per volta necessario nei vari interventi idraulici, elettrici, d'arredo e di riparazione in genere. Qui a Roma, sia che mi rechi nella sede posta sulla Tuscolana sia che vada in quella sita sulla Laurentina, finisco col perderci intere ore: l'offerta é ampia e variegata sia in termini di prodotti che di prezzi, l'assortimento notevole, i locali immensi e comunque organizzati in maniera tale da vincolare l'acquirente a dei percorsi minimi, la coda alle casse immancabile! Altro aspetto non proprio positivo che voglio rimarcare è la carenza di personale addetto alle vendite di reparto: sempre difficili da rintracciare e non sempre presenti nel reparto di competenza. Delizia perché é qui che riesco a trovare, anche di domenica, ciò che mi serve per completare un lavoro. Lavorando fuori casa durante la settimana, per questo tipo di interventi non mi restano che i fine settimana e senza un ipermercato del bricolage 'vicino' casa, di sabato o domenica non saprei proprio come fare. Qui potremo trovare di tutto. Dalle tende per la casa al materiale per pittura, dai cuscini ai tappeti, ...

Da Olindo, Roma 28/11/2017

Tradizione e qualità nel cuore di Roma

Da Olindo, Roma PREMESSA Erano parecchi anni che non ci tornavo. Sinceramente non saprei neanche dirvi quanti, penso almeno una decina. C'ero spesso passato davanti, durante le mie passeggiate a Trastevere, ma non c'ero più entrato. Quella sera, con la mia famigliola al completo, decidemmo strada facendo di prenderci una pausa un po' più lunga fermandoci a cena proprio nel famoso quartiere romano e, tornando con la mente indietro negli anni, decidemmo che era il momento di far conoscere quel ristorante anche ai miei figli. Ne avevamo un ricordo assolutamente positivo, di un posto dove era possibile ancora provare a saggiare la cucina tipica romana, ed era proprio questo che volevamo far sperimentare ai nostri figli. Ricordavo che si trattava di un locale molto risicato, con pochi posti a sedere, ed era proprio questo quello che ci lasciava più perplessi: avremmo trovato posto? Era sabato, e Trastevere nei weekend è davvero una bolgia! Per fortuna era ancora presto e la nostra buona stella ci avrebbe consentito di trovare un tavolo libero. Parcheggiata la macchina, dunque, sul lungotevere abbiamo raggiunto il vicolo della Scala, in fondo al quale si apre il portone in legno della Trattoria da Olindo. LA TRATTORIA Da Olindo è la dimostrazione che non è ancora completamente vero che a Roma le osterie, come s’intendevano un volta non esistono più. Di solito ci si sorprende quando ci si trova di fronte a qualcosa di nuovo rispetto a quanto ci si attende. Paradossalmente, in questo caso, mi ...

Ikea.it 26/10/2017

IKEA... a casa tua!

Ikea.it PREMESSA Da qualche anno, nel periodo di assenza durante le ferie estive, siamo soliti lasciare le nostre piante da vaso sul pianerottolo, davanti la porta di casa dell’appartamento nel condominio in cui viviamo. Gli addetti alle pulizie delle scale, prima, e i vicini di casa, poi, se ne prendono cura fino al nostro ritorno. Nel ringraziarli anche attraverso queste mie righe, e nel confrontarmi con loro quando poi viene il momento di riportare sui balconi le mie piante, avevamo avuto modo di osservare che in quel frangente il pianerottolo è come se ogni volta si svuotasse, perdendo la sua bellezza, nell’estetica che le piante sanno sempre dare agli ambienti in cui vengono posizionate. Era dunque da un po' di tempo che io e mia moglie ci eravamo ripromessi di cercare di abbellire in maniera definitiva un angolo del nostro pianerottolo. Ma per farlo occorreva acquistare un qualcosa che ci consentisse ti riporvi sopra i vasi, un qualcosa di semplice, consono allo scopo cui era destinato e tale da accontentare anche i gusti dei vicini di casa. Ed è così che ci siamo messi a sfogliare il catalogo di IKEA che ci trovavamo a casa nella speranza di trovare qualcosa che facesse al caso nostro. Purtroppo la versione cartacea del catalogo non ci è stata di molto aiuto; c’era qualcosa di carino, ma il fatto che avesse i ripiani in legno non andava incontro alla nostra esigenza. La versione digitale, invece, era molto più ricca di contenuti e ci ha fornito qualche ispirazione in più. ...

Baileys Irish Cream 26/09/2017

Velluto in bocca

Baileys Irish Cream Lo ammetto, non sono un grosso bevitore di alcolici. Mi piace il vino ma, ad esempio, non amo il whiskey e, personalmente, odio il rum ed anche la tequila. Quando però si tratta di condividere un bicchierino di Bailey's, beh... questo devo dirvi che lo bevo con piacere. Non saprei spiegarvi precisamente il perché. Sarà forse per il fatto che non sembra proprio di bere un alcoolico o, piuttosto, per il suo gusto dolce e delicato dovuto alla crema che lo arricchisce e ammorbidisce negli effetti. Volendo classificarlo, previa apposita documentazione in merito, dovremo dire che il Bailey's Irish Cream è un liquore a base di whiskey irlandese, arricchito poi con una crema di latte. Ad esso vengono quindi aggiunti gli aromi di cacao, di vaniglia, di caramello e dello zucchero. Fabbricato dalla Bailey di Dublino, oggi appartiene al gruppo britannico Diageo (che, tra l’altro possiede anche il marchio Guinness). Poiché rientra nella categoria degli alcolici, in teoria non è indicato per chi - come me – è alla spasmodica ricerca di una perdita di peso. Visti i suoi alti valori nutrizionali, dovuti all'alcool ed all'elevata concentrazione di panna che contiene, dovremo rilevare che per ogni 100 grammi di liquore vengano forniti più di 300 Kcalorie! Si tratta di uno dei simboli dell’Irlanda. Oltre il 75% delle sue materie prime, infatti, è prodotto sull'isola. Primo fra tutti il whiskey che viene realizzato in diverse distillerie locali. Lo zucchero è prodotto da canna e barbabietola da ...

Celly BSIDE35 29/08/2017

Di necessità... virtù!

Celly BSIDE35 PREMESSA In questa splendida giornata d'estate vi vorrei parlare di un acquisto agostano, legato ad una improvvisa esigenza che si è manifestata durante le nostre vacanze. Bene, come immagino ultimamente accada in molte famiglie, uno degli accessori più utilizzati e consumati è l'auricolare dei nostri cellulari. Mio figlio ne fa un uso spropositato e ne rovina parecchi ogni anno. Numerosi i nostri richiami quando li troviamo tutti aggrovigliati e buttati alla rinfusa nella sua stanza, ma gli avvertimenti nel merito servono veramente a poco. Da un paio di settimane stiamo provando a fargli utilizzare un modello di auricolari che abbiamo trovato ed acquistato in un grosso supermercato dell'elettronica; il commesso ce lo ha definito come dotato di 'dispositivo anti-aggrovigliamento' e la cosa ci ha attirato alquanto. È stata infatti questa particolarità e il suo prezzo tutto sommato contenuto che ci hanno convinto per l'acquisto, sebbene il marchio in quel momento ci dicesse poco o nulla. D'altro canto, quando sei in vacanza e hai necessità di qualcosa non stai lí a sottilizzare, prendi quello che in quel momento ti sembra più adatto a tamponare l'emergenza e speri che questa si dimostri anche una scelta vincente e duratura. Ed è così che da qualche tempo a casa mia a subire i test di resistenza più impegnativi cui si possa pensare, sono un paio di auricolari Celly BSide 35. GLI AURICOLARI Si tratta di un modello di auricolari classico; auricolari in-ear dotati di cavo e ...

sudoku-it.com 24/07/2017

Il mio passatempo preferito

sudoku-it.com PREMESSA Come ho già avuto occasione di dirvi in altre occasioni, i miei impegni sono tali e tanti che il potermi dedicare a ciao.it è già per me una soddisfazione non da poco. Peraltro, di momenti di relax e tranquillità ultimamente non è che ne abbia avuti molti. Ma devo dire che vi sono dei passaggi durante la giornata nei quali a volte riesco a dedicarmi anche a dei passatempi. Uno di questi me lo concedo a volte quando prendo la metro per spostarmi dentro la città. Adoro l'enigmistica. Adoro quest'arte da quando mia zia me l'ha fatta conoscere ed apprezzare nelle sue svariate forme e manifestazioni e, ripensando a quando ero più giovane ed il tempo a disposizione era molto ma molto di più, è una delle cose che più mi manca. Oggi mi concedo giusto qualche 'aiutino' a mio figlio con la sua 'settimana enigmistica' e qualche Sudoku da completare nei miei frequenti spostamenti sui mezzi pubblici. Ho scoperto per caso l’esistenza del sito sudoku-it.com, cercandolo banalmente con il mio usuale motore di ricerca, e... mi son legato al sito. Ora, mi ci collego spesso, specie quando prendo la metro, cercando di risolvere almeno uno schema durante il tragitto quotidiano. Pieno di numeri che ce lo fanno amare o odiare, bisogna però sapere che con i numeri il gioco a poco a che fare, potendo benissimo le cifre normalmente impiegate essere sostituite da simboli o lettere. IL GIOCO E LA SUA STORIA Si tratta si un giochino numerico, anche se ne esiste una versione con le lettere ...

Geberit Sigma 50 27/06/2017

Ecco come (le) scarico

Geberit Sigma 50 PREMESSA Devo ammettere che ultimamente la mia vita si è fatta estremamente più complicata. Oltre ad un'attività lavorativa che mi porta a essere quasi tutto il giorno in giro per questa bellissima ma, al contempo, terribile e complessa città e ad una famiglia da gestire, ho deciso di tornare a studiare all'università e mi sono iscritto ad un master di specializzazione. E, per farsi un’idea di tutti gli impegni con cui mi sto confrontando, a tutto questo si aggiungano gli esami di fine anno dei miei figli e il fatto che ultimamente ho dovuto fare dei lavori di ristrutturazione in casa. Ed è proprio dei lavori che abbiamo deciso di fare in appartamento che vi voglio parlare. Anzi vi vorrei rendere partecipi di un particolare che, nel fare i lavori, di comune accordo con mia moglie, abbiamo deciso di installare per rendere più gradevoli gli ambienti. La decisione di ristrutturare i nostri due bagni, sostituendo completamente gli impianti e le condutture, è stata maturata nel tempo ed è dovuta al fatto che abbiamo deciso di agire prima che le tubazioni cedessero definitivamente; cosa che peraltro è già avvenuta in altri appartamenti del palazzo in cui viviamo. Un lavoro enorme che ha visto la mia famiglia impegnata fuori casa per più di un mese. “Fuori casa” per modo di dire perché nella realtà questa tipologia di lavori tocca seguirli con costanza e soprattutto meditarli, progettarli e controllarli per bene; per cui in casa tocca starci spesso e volentieri per fare il ...

Fontana di Ahmet III, Istanbul 24/05/2017

La premessa alla magnificenza

Fontana di Ahmet III, Istanbul PREMESSA Gli ultimi eventi che hanno visto protagonista la Turchia e i suoi figli mi ha portato nel cuore un miscuglio di sentimenti che vanno dalla felicità dei dolci ricordi della mia visita sul Bosforo alla tristezza del meditare che Istanbul e la Turchia tutta non sono più gli stessi di quelli di qualche anno fa. Ed è in questo miscuglio di emozioni e di naturali timori che ho deciso di scrivere questa mia opinione. La descrizione è quella di uno dei numerosi e bellissimi luoghi d'arte che rendono Istanbul – l’antica capitale dell'impero romano d'oriente - una delle città più ricche di storia e più belle al mondo; il discettamento che sta intorno alla sua descrizione è legato, invece, al suo presente e a quello che Bisanzio, Costantinopoli o Nuova Roma sta vedendo accadergli intorno. La Fontana di Ahmed III, di cui vi voglio parlare, è posta sul lato nord di Piazza Sultanahmet, a destra di Ayasofia, nel cortile esterno del Palazzo Topkapi. Una struttura riccamente ornata che sorge davanti alla porta imperiale del Palazzo, preannunciandone ai visitatori lo splendore e i contenuti. ISTANBUL E LA TURCHIA OGGI Io ci sono stato e ho potuto godere della magnificenza della Fontana di Ahmed III, dello splendore del Palazzo Topkapi e delle infinite bellezze che abbelliscono ogni angolo di questo popolatissimo e cosmopolita centro finanziario e culturale turco. I miei timori sono, dunque, legati al fatto che questo paese potrebbe non essere più lo stesso che io ho visitato e ...

Magneti Marelli Batterie ETS 26/04/2017

Sarà capitato anche a voi...

Magneti Marelli Batterie ETS PREMESSA No. Tranquilli, nulla di musicale, niente di relativo al Festival di San Remo e canzoncine varie. Si, vi parlerò di una batteria, ma non dell'omonimo strumento musicale! Sarà capitato anche a molti di voi di dover sostituire la batteria della vostra auto. Magari in inverno, dopo alcuni giorni di inattività nei quali l'auto è rimasta chiusa in garage; magari senza alcun preavviso, sorpresi, oltre che da una mattinata freddissima, dal tradimento della vostra piccola amica che, fino a quel momento, aveva condiviso con voi mille viaggi e mille segreti. È successo anche a me, nonostante io alla mia 'amica' pensavo di tener cura a sufficienza; di badarci in tutto, di accudirla e di soddisfarla in ogni sua richiesta. Ma a volte bisogna andare oltre le richieste, saper leggere fra le righe e prevedere. Poi, si sa, con l'età si diventa sempre più pretenziosi! E così, nel mio caso, non è bastato ricordarsi di sconnettere i cavi nei periodi di non utilizzo, come faccio sempre durante le assenze e le vacanze natalizie. È bastato non utilizzarla un solo weekend per trovarla sfiancata, priva di energie e ritrovarmi solo. Aveva deciso di abbandonarmi. Ed allora si prova. Si prova a farla ripartire coi cavi. Approfittando della gentilezza della vicina di casa, della sua macchina e di una ventina di minuti del suo tempo, ho tirato fuori i cavi dal bagagliaio e, conoscendo bene la sequenza delle operazioni da fare in questi casi, sono arrivato a riavviare il motore della mia auto. ...

Matador MP16 175/70 R13 82T Stella 2 22/03/2017

Economico ma valido

Matador MP16 175/70 R13 82T Stella 2 PREMESSA Era da quasi un anno che continuavo a rimandare l’intervento. Gli pneumatici si erano talmente usurati che oramai di mescola gliene era rimasta ben poca e la mia povera automobile, in curva, cominciava ad essere inguidabile a causa della scarsa aderenza. Il tempo è sempre poco e, spesso, dimentichiamo l’importanza di certi segnali. Sapevo bene che gli pneumatici sono una parte importante per la sicurezza delle automobili, ma questi sono in grado di garantirci tranquillità soltanto quando sono tenuti in buone condizioni. Le mie non lo erano più, da tempo. Il battistrada, in alcuni punti, non si presentava più con le classiche scanalature, di conseguenza quest’inverno, lo pneumatico non era più in grado di sollevare l’acqua dalle strade bagnate e di allontanarla dalla gomma. Le lamelle che caratterizzano la scolpitura di uno pneumatico ben conservato, non c’erano più e sulla strada bagnata mi era già capitato di avvertire il fenomeno dell’aquaplaning, che allunga di parecchio, tra l’altro, lo spazio di frenata. E’ stata l’insistenza di mia moglie, allora, a farmi decidere e a farmi fissare un appuntamento col gommista. E si, perché proprio di fissare un appuntamento si è trattato! Ormai, l’organizzazione nel settore è tale che vi operano degli specialisti con elevata professionalità in grado di assicurare un alto livello di qualità del servizio e, grazie al loro perfetto inserimento nel mercato della distribuzione, la disponibilità immediata degli pneumatici cercati. ...

Lago di Ledro 21/02/2017

Un piccolo lago, una grande ricchezza

Lago di Ledro PREMESSA In questi giorni sto aiutando mio figlio a ripetere 'Geografia'. Per carità, siamo ancora alle scuole elementari e i concetti son ancora semplici e le conoscenze sono quelle di base. E così, lo scorso fine settimana, nel fare degli esempi relativi alle varie tipologie di laghi e, più in particolare, parlando di quelli di origine glaciale mi è venuto di portargli ad esempio il Lago di Ledro dove eravamo stati insieme a tutta la famiglia e che anche lui ricordava con piacere. La nostra era stata una visita fatta durante una gita pomeridiana, in pieno autunno, che ci aveva permesso di scoprire un lago immerso in una natura pressoché incontaminata, sul quale l'intervento antropico non ha pesato negativamente né per gli aspetti estetici né da un punto di vista dell'impatto ambientale. Sappiamo bene che l'uomo, a volte, sa davvero nuocere alla natura, ma non è certo questo il caso. Qui l'uomo ha dimostrato di saper amare la natura rimanendo unito ad essa in modo quasi intimo. IL LAGO E I SUOI DINTORNI Il Lago di Ledro è uno specchio d'acqua naturale che si è formato a seguito di uno sbarramento morenico risalente all'era glaciale. Posto a 650 metri d'altitudine, nel comune omonimo, presenta acque limpide e poco profonde, in cui è anche possibile fare il bagno nelle calde giornate estive oppure praticare la pesca, la vela e altri sport acquatici. Purtroppo io ci son capitato nel mese di ottobre e non me la son sentita di tuffarmi, ma credetemi le sue acque erano ...

Loggia della Signoria, Firenze 20/01/2017

La Loggia dei Lanzi

Loggia della Signoria, Firenze PREMESSA Recentemente, al seguito della squadra di basket di mio figlio, ho soggiornato a Scandicci. Scandicci è un grosso comune che fa parte della città metropolitana di Firenze. Sorge nella sua immediata periferia, a margine delle colline poste ad ovest della città, ed è molto ben collegato con essa mediante una tramvia che corre fuori terra e che consente di raggiungere il centro della città gigliata in una ventina di minuti. Amo Firenze e, quando posso, cerco sempre di visitare le infinite bellezze che essa custodisce. Uno scorcio della città che ho particolarmente a cuore è costituito dalla Loggia della Signoria, un insieme di monumenti storici posto in un angolo dell’omonima e celeberrima piazza sulla quale sorgono gli Uffizi e Palazzo Vecchio. Qualche tempo fa, ricordo, era apparsa su tutti i quotidiani, nazionali e non, la notizia di un notissimo amministratore di un altrettanto famoso gruppo industriale che, parlando di Firenze, la aveva definita una 'una piccola e povera città'. Ora non son certo la persona più adatta e degna a replicare a questa affermazione, ma mi si permetta di osservare che la storia di questa città è tale da renderla un museo a cielo aperto. Ogni suo angolo rammenta pezzi di storia e memoria ed è permeato di arte e cultura. Una città culla del Rinascimento che, non a caso ha l’intero centro storico dichiarato Patrimonio Mondiale dall’UNESCO, non può certo definirsi piccola né tanto meno dirsi povera. LA LOGGIA DEI LANZI Come ho già avuto ...

Mercatini di Natale a Rango, Bleggio Superiore 21/12/2016

Rango e i suoi Mercatini di Natale

Mercatini di Natale a Rango, Bleggio Superiore PREMESSA Molti di voi mi leggono già da tempo e sanno quanto mi piace scrivere e quanto peso io dia alle parole e alla capacità di esprimere pareri e concetti attraverso la composizione scritta. Questa volta però mi voglio smentire. Contrariamente a quanto son solito fare, lascerò parlare le immagini, saranno soprattutto queste a descrivere i contenuti di questa mia opinione. Non aspettatevi, però, coinvolgimenti perché quando si parla di paesaggi, passioni, tradizioni e costumi è vero che le foto dicono già tanto ma i sentimenti e le emozioni hanno, a parer mio, necessità di essere tradotte anche in parole. Approfittando dell'opportunità data dal ponte dell'Immacolata, quest'anno sono riuscito a realizzare un sogno che coltivavo da alcuni anni. Sono riuscito a portare i miei figli a visitare i tipici mercatini natalizi trentini. In particolare, dopo aver soggiornato ad Arco di Trento, abbiamo visitato i Mercatini di Natale di Rango. IL BORGO E I SUOI MERCATINI Ispirati dai racconti di amici che, per lavoro, ormai da anni vivono in Trentino e conviti da un invito di quelli a quali non ci si può sottrarre, essendo nata loro una bambina di cui bisognava 'per forza' fare la conoscenza, lo scorso 8 dicembre siamo partiti in macchina destinazione Arco di Trento. Qui avevamo prenotato un alberghetto dove siamo giunti in serata dopo aver tagliato a fette la nebbia della Val Padana e affrontato il ...

Telefunken TE20265B30CXB 24/11/2016

Una piccola grande scoperta

Telefunken TE20265B30CXB PREMESSA Di recente ho effettuato dei lavori di ristrutturazione in casa e, pur non essendo strettamente necessario, ne ho approfittato per dare una rinfrescata alle pareti, ritinteggiando tutte le stanze. Completati i lavori, nel rimontare il televisore a parete che avevo in camera da letto mi sono accorto che non si accendeva più. Non so se la colpa sia stata mia che non l'ho protetto a sufficienza dalle polveri dovute alla rasatura o, piuttosto, degli operai che, magari con un po' più di attenzione, gli avrebbero potuto evitare qualche sollecitazione di troppo; fatto sta che in quei giorni abbiamo pensato di tamponare il problema installando in camera la TV che avevamo in cucina. Il braccio che la vincola alla parete è di tipo universale e, di conseguenza, il montaggio si è dimostrato semplice e funzionale. Peraltro, anche la visione è risultata ottimale e, in breve tempo, ci siamo abituati a questa nuova situazione. Restava da risolvere il problema della cucina. Un problema che avevo sottovalutato! Qui, a parer mio, occorreva banalmente sostituire il televisore con un altro che avesse più o meno le stesse dimensioni. Si trattava, in sostanza, di trovare un discreto televisore da 18 - 20 pollici in grado di tenere unita la famiglia anche durante la cena. La cosa, all'atto pratico, si è dimostrata tutt'altro che semplice. Durante il mio tour dei più grossi e noti supermercati dell'elettronica mi son reso ...

A3 Salerno-Reggio Calabria In generale 11/10/2016

Ponte sullo stretto? Prima pensiamo all'A3... poi al resto

A3 Salerno-Reggio Calabria In generale Premessa L'ultimo diaframma è caduto e sulla Salerno-Reggio Calabria si continua alacremente a lavorare. I tempi - dicono i politici e i tecnici - devono essere rispettati e il cronoprogramma ne prevede l'inaugurazione il prossimo 22 dicembre. Questa data non è più ulteriormente differibile, ne va della credibilità del Governo. Qualche mese or sono il Presidente del Consiglio lo ha confermato in quel di Mormanno, dove ha avuto modo di verificare di persona l'andamento dei lavori e di affermare che la fine di quest'opera di ricostruzione, che ha visto il Paese impegnato per decenni, è ormai prossima. Dopo gli anni delle polemiche, delle chiusure dei cantieri, degli scandali per gli affidamenti illeciti, della disorganizzazione e delle sofferenze degli utenti, ci viene detto che sta finalmente per giungere il momento in cui l'autostrada A3 sarà interamente percorribile, senza più continue interruzioni. Per uno come me che ne ha percorso il tratto calabrese per decenni e, da quando lavoro fuori regione, la percorro quasi interamente con cadenza mensile, vi assicuro che si tratterà di una svolta. Non mi è mai successo di attraversarla senza incontrare un cantiere o una interruzione di grosse dimensioni. Ore intere buttate al vento ed imprecazioni infinite. Mi auguro, dunque, che questa arteria stradale fondamentale per i collegamenti lungo la direttrice nord-sud possa davvero essere portata presto a compimento, garantendo maggiore sicurezza agli utenti costretti ad utilizzarla ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra