Condividi questa pagina su

argento Status argento (Livello 8/10)

petardo

petardo

Autori che si fidano di me: 125 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Mah...

Opinioni scritte

dal 06/04/2008

899

Roddi 18/11/2017

Il Castello e l'Universita' dei cani da tartufo

Roddi Della presenza di questo paese, situato nella zona delle Langhe piemontesi, non distante da Alba, sono venuto a conoscenza tramite una trasmissione televisiva. Un documentario francese fatto molto bene su alcune zone del Piemonte tra le quali Roddi. L'elemento architettonico e storico principale del paese e' il castello, che caratterizza lo skyline del posto, in quanto e' sulla sommita' della collina. Attorno si sviluppa il paese, dall'aspetto curato e pulito (non sembra una zona depressa, anzi, suggerisce un tenore di vita di livello medio-alto). Meno bentenuto, purtroppo, e' proprio il castello, acquisito dal comune nel 2001. Questo e' sicuramente uno svantaggio ma anche un vantaggio, in quanto non ha subito ricostruzioni pesanti (almeno in certe parti), che si presentano esattamente come erano alle origini. Il gruppo del castello si puo' dividere in tre parti. La piu' recente, restaurata, e' una pertinenza ottocentesca che costituiva le scuderie. Oggi c'e' la biglietteria (la visita e' guidata, a 5 euro) e un piccolo museo dedicato a Giacomo Morra, ex sindaco del paese, l'uomo che ha intuito le potenzialita' turistiche ed economiche di uno dei prodotti piu' famosi del territorio: il tartufo. In questa ala del castello e' stata realizzata anche una scuola di cucina. A fianco di questa pertinenza c'e' una costruzione ...

Per Amor Vostro (G. M. Gaudino - Italia 2015) 10/11/2017

Buon film, talvolta solo un po' "eccessivo".

Per Amor Vostro (G. M. Gaudino - Italia 2015) In una Napoli eccessiva, sporca e grondante, dove il malaffare e' la normalita' quotidiana vive la "povera Anna", come recita una canzone della colonna sonora, una donna "quasi da niente", quasi spenta, che tira avanti la famiglia praticamente da sola. Ha due figlie adolescenti, un figlio sordomuto e un marito violento dedito al gioco d'azzardo e (si intuisce, anche se Anna non sa o fa finta di non sapere) all'usura. La febbre malata del gioco d'azzardo sembra contagiare molte persone vicine ad Anna, che per far fronte alle perdite cade nel racket degli usurai. Era una vivace bambina, ma i 4 anni di riformatorio fatti al posto del fratello (maggiorenne) hanno segnato la sua vita. Un po' di gioia le arriva dal lavoro che e' riuscita ad ottenere: trascrive i dialoghi di una soap opera su fogli che poi utilizza a mo' di "gobbo vivente" durante la ripresa delle scene. Qui conosce Michele Migliaccio, l'affascinante protagonista che sembra avere un debole per lei. E lei, sebbene messa in guardia da un amico che vorrebbe, nel suo piccolo, aiutare economicamente, cede alle lusinghe... Per amor vostro, scritto e diretto da Giuseppe M. Gaudino, non e' certamente considerabile un film "qualsiasi". Girato quasi completamente in ...

Arrival (Dvd) 31/10/2017

Misurato film di fantascenza

Arrival (Dvd) Louise e' una signora che ha recentemente perso l'adorata figlia Hannah, o almeno cosi' si intuisce dalle immagini. E' una linguista di fama che insegna all'Universita'. La sua vita cambiera' radicalmente all'arrivo clamoroso su varie zone della terra di 12 enormi monoliti neri dalla forma arrotondata e allungata. Al loro interno, alieni dalla forma di polpo con 7 tentacoli che apparentemente non sembrano aggressivi. Louise sara' chiamata, assieme al fisico Jan, per cercare di comunicare con gli alieni. Il loro scopo e' quello di sapere provenienza e intenzioni dei misteriosi personaggi. Louise riuscira' a farli "scrivere" segni inizialmente incomprensibili ma che poco alla volta saranno da lei decodificati almeno in parte. Il concetto di tempo per questi alieni e' diverso da quello che appare immutabile per noi terrestri. La conoscenza della loro lingua sembra modificare il modo di pensare di Louise che inizia ad immaginare situazioni non si capisce bene se del passato o del futuro, spesso con protagonista la figlia. L'approccio con gli alieni sara' differente nelle parti del mondo che hanno dovuto affrontare il problema, in particolare dalla Cina i dirigenti sospettano intenzioni aggressive da parte degli alieni e si apprestano a combatterli con le ...

L'Arminuta (Donatella Di Pietrantonio) 26/10/2017

Il coinvolgimento del lettore procede con la narrazione

L'Arminuta (Donatella Di Pietrantonio) ""L’ arminuta"" Di Donatella Di Pietrantonio; ha vinto il Premio Campiello 2017. Dapprima qualcosa mi infastidiva, in questo libro: dalle prime pagine si delineava una storia che mi ricordava, anche se vagamente, il primo libro della serie “L’amica geniale” di Elena Ferrante. I punti di contatto non sono neanche pochi: le ottime capacita` scolastiche della protagonista, il “background” povero e sottoculturato, che non incoraggia l’istruzione, ma cede alle insistenze dell’insegnante di turno per cui alla fine la protagonista riesce a compiere I suoi studi, I primi approcci con l’altro sesso, ecc. Ma I due romanzi si differenziano perche` danno risalto ad emozioni del tutto differenti. L’arminuta e` anzitutto una storia di abbandono: la protagonista e` una ragazzina di circa 10-12 anni, che viene improvvisamente allontanata dalla famiglia di quelli che credeva essere I suoi genitori e senza nessuna causa evidente viene riportata alla sua famiglia d’origine. Clamoroso il salto, in peggio, del livello della sua vita: da una famiglia benestante a una poverissima, dall’essere figlia unica, coccolata e accudita all’essere considerata una bocca in piu` da sfamare. Nella nuova casa non ci sono neppure letti a sufficienza per tutti: dorme insieme alla sorellina che dormendo bagna il letto, nell’unica stanza in cui dormono anche due fratelli maschi adolescenti, e in piu` c’e` un ...

The Hateful Eight (Q. Tarantino - USA 2015) 25/10/2017

Un po' deludente

The Hateful Eight (Q. Tarantino - USA 2015) La tormenta di neve flagella le montagne del Wyoming mentre una diligenza trainata da 4 cavalli core verso la localita' di Red Rock. Il cacciatore di taglie John Ruth non perde di vista la sua preda Daisy Domergue, una ricercata "viva o morta" che Ruth, come e' sua abitudine, vuole consegnare viva alle forze dell'ordine per venire impiccata. Siamo attorno al 1870, e le ferite della guerra civile americana non sono ancora rimarginate. Lungo la strada carica un altro cacciatore di taglie, Marquis Warren, con tre criminali, questa volta cadaveri. Marquis, di colore, e' un ex militare nordista famoso per le sue gesta che conserva gelosamente una lettera del presidente Lincoln che lo omaggia. Caricano anche Chris Mannix, in difficolta' pure lui a causa del cavallo che non ce l'ha fatta. Dice di essere il nuovo sceriffo di Red Rock, anche se il suo atteggiamento non e' certamente "da duro" come quello dei primi due. Prima di arrivare a Red Rock si fermano all'emporio di Minnie, ma di Minnie e del marito Sweet Dave non c'e' traccia. La locanda e' affidata temporaneamente a Bob che dice che i proprietari sono in viaggio per fare visita alla madre di lei. All'emporio alloggia anche un ex generale sudista, un tizio che afferma di essere il boia di Red Rock e un cowboy intento a scrivere la sua vita. Ma non tutti sono quello che dichiarano di ...

Indivisibili (Dvd) 17/10/2017

Notevole, nonostante il dialetto...

Indivisibili (Dvd) In una degradatissima provincia napoletana, sia sotto l'aspetto ambientale che umano, vivono due giovani sorelle siamesi Viola e Dasy. Sono attaccate a livello dell'anca e, sebbene gli organi vitali sono separati, i vasi capillari in comune fano si che certe situazioni e sensazioni possano passare dall'una all'altra. Il loro gradevole aspetto e la loro bravura come cantanti ha portato la sua famiglia, e in particolare il disgraziatissimo padre che si picca di essere un musicista compositore delle canzoni delle figlie, a sfruttarle come se fossero un fenomeno da baraccone per guadagnare denaro (che poi lui lo sperperera' nelle sale gioco VLT). Sono ospitate quindi a spaventose feste di cresima e ad altre manifestazioni del genere. Nonostante siano gemelle, per di piu' siamesi, Viola e Dasy hanno un carattere molto diverso tra loro. Sebbene tra loro si vogliano molto bene, la piu' vivace comincia a pensare che le piacerebbe fare una vita indipendente, normale, in particolare da quando un dottore ha assicurato loro che la separazione chirurgica era possibile e non complicata. Per fare questo servirebbero 20.000 euro e la famiglia non li ha. La famiglia stessa fa inoltre resistenza a questa soluzione perche' toglierebbe loro forse l'unica fonte di sostentamento "facile". Ma le ragazze non demordono, anche a rischio di cadere in situazioni ...

Ikea Snudda Vassoio Girevole 11/10/2017

Un pratico ed economico vassoio girevole

Ikea Snudda Vassoio Girevole Lo Snudda e' un curioso oggetto che ho visto all'Ikea, oramai qualche anno fa. Si tratta di un piano ligneo rotondo di 39 cm di diametro e 1.5 cm di spessore montato, tramite cuscinetti a sfera o qualcosa di simile, su un altro disco di legno dello stesso spessore ma di 18 cm di diametro. Nella foto qui sotto e' visibile il disco piu' grande. Si possono notare i bordi arrotondati e la trama del legno, di pino naturale, senza coloranti o impregnanti ma ben levigato. L'immagine qui sotto illustra il disco sottostante, al quale e' stato applicato un anello di gomma che, aumentando l'attrito, evita di far scivolare il vassoio anche se e' poggiato su un tavolo liscio. Grazie al sistema di collegamento tra i 2 dischi, questi possono ruotare uno sull'altro con pochissimo attrito. Questa e' la caratteristica principale di Snudda, che ne definisce anche l'uso preferito: se piazzato in mezzo ad un tavolo da pranzo, allestito con salse, stuzzichini e/o altro, puo' aiutare i commensali ad una comoda fruizione dei cibi, perche' possono facilmente farlo ruotare in modo che il prodotto che interessa si avvicini. Funziona ed e' comodo? Direi proprio di si, in particolare in occasione di pietanze come la Fondue bourguignonne ...

Pecore In Erba (A. Caviglia - Italia 2015) 05/10/2017

Intellettualmente stimolante (fin troppo...)

Pecore In Erba (A. Caviglia - Italia 2015) Leonardo Zuliani e' un giovane che, fin dalla piu' tenera eta', aveva innato un sentimento di profondo antisemitismo. Odia gli ebrei e senza un se e senza un ma, e fa di tutto per esternare questo suo sentimento che e' diventato per lui una ragione di vita. La fantasia e le capacita', a questo apparentemente timido, anonimo e indifeso ragazzo non mancano certo. Tra le numerose iniziative, disegna un fumetto decisamente antisemita (e splatter) dal titolo "Bloody Mario" e inventa un "pratico" kit contenuto in una valigetta con la bandiera di Israele, liquido infiammabile e accendino zippo per bruciare la bandiera stessa (kit di grande successo). Interessante anche un metodo per portare allo stadio scritte antisemite, usando lettere legate con del velcro e anagrammate, come quella che da' il titolo al film, che da "Troppe pecore in erba" riarrangiando le lettere diventa "Ebreo trippone crepa". Questa sua attivita' lo porta ad essere amato da parecchie persone, alcune delle quali assai discutibili e decisamente diverse da lui (ad esempio inquietanti organizzazioni neonaziste) ma anche odiato o quantomeno incompreso, in dinamiche che portano alla coniazione del termine "antisemitismofobia", cioe' un (quasi) ribaltamento della realta'. Ma sono oramai sei mesi che Leonardo Zuliani e' sparito e nessuno (o quasi) sa dove si e' ...

Sciopero 28/09/2017

Una testimonianza di prima mano di quel periodo storico.

Sciopero Appuntamento quasi fisso delle vacanze estive a, una gitarella nella relativamente vicina Fosdinovo (MC) per assistere almeno ad uno degli interessanti eventi che offre l'ottimo Festival della Resistenza organizzato in quel luogo. Li' si puo' anche mangiare, a prezzi popolari, a base di buonissimi "sgabei". Dopo la cena, quest'anno abbiamo assistito ad un interessante evento: la sonorizzazione in diretta, con musiche scritte allo scopo dalla band "Yo Yo Mundi", del film "Stacka" di Sergej M. Ä–jzenštejn (diventato famoso presso il grosso pubblico italiano per aver diretto "La Corrazzata la Potemkin", di fantozziana memoria). Staka, che tradotto significa "Sciopero", e' il primo lungometraggio di Sergej M. Ä–jzenštejn, del 1924-25. Avrebbe dovuto fare parte di un ciclo di film dedicati al movimento rivoluzionario russo, che mettevano in luce, sicuramente con uno sguardo di parte e tendenzialmente propagandistico, le vicende che hanno portato a quella che chiamarono "la dittatura del proletariato". In particolare, in Staka, l'argomento trattato era relativo alle condizioni di lavoro degli operai (rappresentati spesso come "giovani e abbastanza bellocci"), vessati dalla azienda, nella quale i "padroni", assai benestanti erano viceversa interpretati da figuri dall'aspetto poco gradevole, spesso obesi e dediti ai vizi del fumo, del cibo in abbondanza e ...

Offside (Blu-ray) 19/09/2017

Idea buona, pecca di una certa ingenuita'

Offside (Blu-ray) Nonostante in Iran, per ragioni di "buoncostume", le donne non possono entrare negli stadi, la protagonista di Offside decide di disubbidire al padre e alle regole della societa' di quel paese per assistere alla attesa partita di qualificazione della nazionale dell'Iran per i mondiali che si terranno in Germania. Vestita in modo (leggermente) camuffato, deve affrontare parecchi ostacoli per riuscire ad entrare indenne. Anche i prezzi dei biglietti dei bagarini per lei che e' una ragazza lievitano notevolmente. Alla fine, al'interno dello stadio, la scoprono e la portano in una zona da dove non si vede il campo. Li' sono "racchiuse" dietro alcune transenne altre ragazze che come lei volevano assistere alla gara. Sono controllate a vista da solerti e alquanto imbranati militari, ai quali daranno qualche grattacapo... Offside e' il quinto lungometraggio del regista iraniano Jafar Panahi che, a causa delle critiche dei suoi film al regime iraniano e' stato piu' volte arrestato e detenuto in quel paese, e ha il diviedo di girare film. Divieto che peraltro lui riesce ad eludere spesso, come per "Taxi Teheran", del 2015 (vedi http://petardo.over-blog.it/2017/02/taxi-teheran-jafar-panahi-2015-recensione.html ...

Brooklyn (Dvd) 07/09/2017

Ottimo film di stampo classico

Brooklyn (Dvd) Negli anni '50 molti irlandesi emigravano negli Stati Uniti in cerca di lavoro e di un futuro migliore. Organizzazioni, spesso gestite da ecclesiastici, organizzavano queste migrazioni, e fornivano assistenza in territorio americano. Anche Eilis Lacey, ragazza timida dall'aspetto "normale" e' insoddisfatta della sua vita in Irlanda. Decide di partire, anche se deve lasciare l'amata e apparentemente piu' fortunata sorella e la madre, che non vorrebbe. Gli incontri con disinibite ragazze che avra' gia' sulla nave che nel convitto dove alloggia e al lavoro come commessa la faranno crescere in fretta. L'autostima e la sicurezza aumenteranno anche grazie ai successi scolastici (il prete le ha fatto fare un corso da contabile) e a Tony, un ragazzo di origine italiana che ha cominciato a frequentare. Improvvisamente, la sorella rimasta in Irlanda muore. Lei, prima di tornare per un mese in patria a trovare la madre rimasta sola si sposa segretamente con Tony. Fu lui a chiederglielo, perche' temeva che Eilis avrebbe potuto non tornare mai piu', ed in effetti non aveva tutti i torti... Interessante e ...

The Big kahuna (Dvd) 12/08/2017

Teatrale

The Big kahuna (Dvd) Larry, Phil e Bob sono tre venditori di una azienda di lubrificanti che non naviga in ottime acque. Si trovano nella suite di un hotel dove sono in attesa di incontrare clienti importanti. Larry e Phil hanno molta esperienza lavorativa, Bob, il piu' giovane, fervente cattolico, e' alle prime armi. Mentre Larry e' un faccendone iperattivo e cinico, Phil, divorziato, e' il piu' disilluso di tutti. Nella lunga attesa, parlano molto, in particolare della propria vita e del lavoro. Su tutto aleggia il mito del cosiddetto "Big Kahuna", un (anzi, "il") grande affare, messo in porto da un famoso venditore che grazie a quello e' diventato ricco... The Big Kahuna e' un film tratto da una piece teatrale dal titolo Hospitality Suite scritta da Roger Rueff. Il regista della pellicola, John Swanbeck, non ha fatto nulla per nasconderlo, e infatti il film si svolge, esattamente come la commedia teatrale, tutta all'interno di 2 stanze della suite d'albergo. A parte i dialoghi e qualche accesa discussione, fisicamente non succede nulla, o quasi. Per questi motivi il film puo' piacere agli amanti del genere, mentre e' sicuramente e' inadatto a chi preferisce il film d'azione! Ottima la recitazione, in particolare quella di un sorprendente Danny de Vito, ...

Tutti Vogliono Qualcosa (R. Linklater - USA 2016) 12/08/2017

Sopravvalutato

Tutti Vogliono Qualcosa (R. Linklater - USA 2016) Jake e' un aitante, sportivo, diligente e ben educato ragazzotto che entra nel college dell'Universita' di Austim in Texas. Divide la stanza con altri aitanti e testosteronici ragazzi che lo ricevono un po' rudemente come loro coinquilino, ma che lui si ambientera' si capisce sibito. Oltre allo sport, l'allivita' principale di quei maschi alfa e' certamente la caccia alle ragazze, che svolgono con passione e discreti successi... Di questo film ambientato negli anni '80 la critica (o almeno la recensione che ho letto) ne parla un gran bene. Francamente mi chiedo che film abbia visto, perche' a me e' sembrato un film pieno di luoghi comuni, sgangherato pur senza essere un film demenziale e farcito di dialoghi del tutto stucchevoli. Anche la recitazione, quasi sempre sopra le righe, finto-giovanilistica, irrita parecchio. Irritante e poco interessante, tanto che non sono riuscito a vederlo tutto, anzi, dopo mezz'ora mi sono visto costretto a interrompere la visione. L'unica speranza, per chi decide in ogni caso di dargli una chance, e' che dalla mezz'ora in poi il film decolli, ma sinceramente mi sembra molto poco ...

Dheepan - Una Nuova Vita (J. Audiard - Francia 2015) 01/08/2017

Film ben fatto, potente e rigoroso, almeno fino "quasi" alla fine

Dheepan - Una Nuova Vita (J. Audiard - Francia 2015) Dheepan, Yalini, Illayaal sono un uomo, una donna e una bambina di 9 anni che fanno finta di essere una famiglia per poter scappare da un campo profughi nell'inferno della guerra civile in Sri Lanka ed approdare nella periferia di Parigi. Lui riesce a trovare lavoro come custode tuttofare in casermoni popolari abbandonati a loro stessi, dove lo stato sembra totalmente assente e sono "gestiti" da bande di malfattori. Lei inizia a lavorare come badante di una persona con problemi psichici nell'appartamento di uno dei capibanda, appena uscito dal carcere ma ancora tracciabile dato che indossa il bracciale elettronico. Malgrado le intenzioni della finta madre non siano particolarmente materne, la "coppia per caso" riescono a gestire sufficientemente la ragazzina, e le fanno frequentare classi speciali di inserimento, dato che ne' Illayaal ne' i finti genitori parlano bene la lingua francese. Scappati dalle violenze dello Sri Lanka, ben presto si accorgono che anche il quartiere dove alloggiano non e' un luogo molto tranquillo, ma Dheepan, che appare come un mite custode, ha un passato di guerrigliero Tamil, e sa come comportarsi in certi frangenti... Il regista francese Jacques Audiard con "Dheepan" ha vinto la palma d'oro al festival di Cannes 2015. Sicuramente e' un film ben ...

Fratelli e sorelle (Dvd) 14/07/2017

Non e' il miglior film di Pupi Avati

Fratelli e sorelle (Dvd) Per dare un taglio netto al ventennale matrimonio con il marito Aldo, Gloria decide di trasferirsi con i suoi due figli Matteo e Francesco in Louisiana, dove vive la sorella Lea. Il motivo e' la separazione da Aldo, che, alla viglia di un viaggio in Tailandia, le confessa l'intenzione di lasciarla per una ragazza molto piu' giovane, sua allieva. Gloria appare distrutta, cosi' come molto provato appare Francesco, il suo figlio giovane (comunque gia' ventenne) dal carattere che appare subito molto fragile. Molto meno fragile e' l'altro figlio, Matteo, che si ambienta ben presto nel mondo un po' superficiale americano, tanto da iniziare una relazione con Gea, una figlia acquisita della sorella di Gloria. E questo nonostante l'abbia definita inizialmente "un cesso". Piu' belloccia la sorella di Gea, Lilian, che afferma di essere la sosia di una certa attrice, e gongola quando qualcuno glielo fa notare. Francesco cerca in tutti i modi di far riavvicinare il padre, al quale telefona quotidianamente, alla madre, ma si capisce subito che fallira' nel suo goffo tentativo. Tutto sommato, alla fine, anche Gloria allaccera' nuove amicizie che le tireranno su il morale, e l'unico a rimanere solo e depresso sara' proprio Francesco, nonostante i discutibili tentativi di Matteo di farlo ambientare... Fratelli e sorelle e' un film non recentissimo di Pupi Avati, e forse non ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra