Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

piersilvio

piersilvio

Autori che si fidano di me: 696 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

ringrazio e contraccambio chi ha la bontà di leggermi, grazie

Opinioni scritte

dal 03/07/2005

363

Kenzo - Kenzo World Eau de Parfum 01/11/2017

Particolare e inconfondibile

Kenzo - Kenzo World Eau de Parfum Pensavo di aver esaurito, per il momento, la mia recensione di profumi, invece, nella mia ultima entrata in una profumeria mi hanno dato alcuni campioncini, prevalemetemente di Kenzo e fra questi KENZO WORLD - EAU DE PARFUM  uscito da circa un anno in commercio e dunque una novità. CONFEZIONE e FLACONE Iniziamo dal cartonato di un accattivante colore azzurro con un occhio in cui la pupilla è un cerchio dorato con la scritta Kenzo. Il flacone è molto particolare e innovativo, con una forma ovale, la parte inferiore di spesso vetro opaco e quella superiore creata da un voluminoso tappo di gomma zigrinata che rappresenta nella forma le borse di Kenzo e precisamente il modello Kalifornia. Non conoscendole sono andata a vedere le borse in questione, ma francamente a me non piace molto quella pelle gommata e nemmeno la forma, ma questa è una mia impressione. Tornando al flacone la cosa simpatica è il pendente in metallo dorato che rappresenta un occhio stilizzato che pende da una piccola catenella. Da non dimenticare che il flacone ha il vaporizzatore incorporato, comodissimo per dosare la giusta dose di profumo. FRAGRANZA La fragranza appartienen al gruppo floreale legnoso muschiato ambrato e chi più ne ha ne metta. Spruzzo sui polsi l'eau de parfum e attendo un attimo, annuso e...mi piace, l'aroma è piuttosto particolare, molto molto corposo e piuttosto originale rispetto a tante altre profumazioni. Diciamo che bisogna proprio metterne pochissimo, in quanto, la scia che ...

Versace - Eros pour Femme Eau de Toilette 11/10/2017

Colpisce al primo impatto

Versace - Eros pour Femme Eau de Toilette Tra i numerosi profumi che ho ricevuto in omaggio in profumeria ne ho trovato una che mi è piaciuto moltissimo, Eros di Versace eau de toilette pour femme. Stranamente pur non piacendomi molto le collezioni della maison Versace ho immediatamente adorato questa eau de toilette FLACONE Elegante è lussuoso il flacone, molto appariscente, del resto cosa piuttosto scontata per lo stile Versace. La bottiglietta è di vetro con una forma rotonda e con la classica Medusa, contornata da una greca, marchio di fabbrica di Versace, posta nel centro del flacone e nel tappo, entrambi dorati e in rilievo. Preziosa anche la confezione che racchiude il profumo, invece della classica scatola vi troverete davanti un cofanetto dorato che si apre lateralmente. AROMA Già spruzzando un po' di fragranza sono stata colpita dall'aroma. Il mio naso è stato piacevolmente colpito da questa eau de toilette fresca, ma con particolari note agrumate e orientali. Molto sensuale e accattivante. La prima impressione , dunque, è stata favorevolissima e dopo tanti profumi provati ultimamente, sono stata piacevolmente sorpresa Annusato il polso dopo una decina di minuti l'aroma ha continuato a soddisfare il mio naso e ha seguitato a piacermi anche a distanza di ore e anche quando il sentore si è affievolito e ne è rimasta solo una lieve traccia. Lo trovo ottimo specialmente per la stagione calda, perchè non infastidisce grazie al suo sentore fresco e agrumato. PIRAMIDE E GRUPPO Il profumo fa parte della ...

Alexander McQueen - McQueen Eau de Parfum 15/09/2017

No! Non mi è piaciuta

Alexander McQueen - McQueen Eau de Parfum Ho ricevuto in omaggio in profumeria alcuni campioncini in omaggio tra cui questa eau de parfum Alexander Mqueen . La profumazione fa parte della fragranza orientale floreale. La boccetta è di vetro pesante e assume una colorazione rosata data dal profumo che ha quel colore delicato. Il tappo è nero, lucido e zigrinato, mentre intorno al collo della bottiglia c'è una fascia nera con il nome della casa produttrice. Ho provato questa eau de parfum sul polso, ma la profumazione non mi è piaciuta molto, troppo dolciastra per I miei gusti. Ho provato ad attendere, perchè spesso passando un po' di tempo è successo che l'aroma mi facesse cambiare idea, ma, in questo caso l'aroma continua ad essere molto dolce e poco piacevole al mio olfatto. Sicuramente le amanti di bouquet orientali tendenti al dolce lo troveranno piacevolissimo. La piramide olfattiva offre con le note di testa, pepe rosa, pepe nero e chiodi di garofano, mentre nelle note di cuore, che sono ingredienti principali sono presenti tuberosa, ylang ylang e gelsomino sabac, mentre per le note di fondo è presente il vetiver estratto con tecniche particolari e all'avanguardia. Il profumo è presente nei tre classici formati: 30, 50 e 75 ml e sono disponibili anche una lozione corpo, una crema corpo e un gel doccia. Veniamo alle note dolenti, il flacone medio da 50 ml costa ben 95 euro che è un prezzo piuttosto elevato che sicuramene non spenderò mai. Noto che mi è difficile esprimermi su prodotti che non mi piacciono ...

La valle dei ribelli. Corio e le valli Tesso e Malone dal fascismo alla Resistenza (1936-1939) (Monica Data) 06/07/2017

Interessante, ma incompleto

La valle dei ribelli. Corio e le valli Tesso e Malone dal fascismo alla Resistenza (1936-1939) (Monica Data) PREMESSA Ogni tanto utilizzo Internet per cercare notizie che riguardano il passato mio o della mia famiglia e sapendo che mio padre ha fatto il partigiano ho cercato articoli che parlassero della guerra specialmente inella zona in cui ha combattuto, giovanissimo, (17 anni) mio padre che ha ricevuto anche per questo una croce di guerra. Immaginate la mia emozione quando ho trovato il nome della brigata con il nome di mio padre e il suo soprannome, che sapevo avere a quel tempo. Successivamente cercando altre notizie mi è capitato di vedere il titolo di questo libro “La valle dei ribelli” con il sottotitolo “Corio e le valli Tesso e Malone dal fascismo alla resistenza” non ho perso tempo e l'ho subito cercato in alcune librerie senza trovarlo. Ma anche in questo caso, mi è venuto in aiuto il prezioso internet dove l'ho trovato, peraltro pagato con lo sconto, 17 euro al posto dei 20 e arrivato il giorno dopo. Ovviamente mi sono fiondata a leggerlo con grande emozione ritrovando alcuni dei nomi di cui mio padre parlava nei suoi racconti della guerra. TRAMA Difficoltoso parlare della trama in quanto non è un romanzo, ma più storie vere successe a Corio paesino montano e il paese in questione è proprio quello che ha dato i natoali a mio padre e, nel prologo del libro, l'autrice Monica Data dice che è stato definito”Un ventaglio sotto il cielo” grazie alle montagne che formano una specie di raggiera intorno al paese. Corio è un paese in provincia di Torino da cui dista ...

Trussardi - My Name Eau de Parfum 02/06/2017

Per le amanti dei profumi delicati

Trussardi - My Name Eau de Parfum Mi hanno regalato, in profumeria, un campioncino di profumo Trussardi My Name uscito qualche anno fa e proverò a dirvi ciò che penso, anche se non è molto facile descrivere una fragranza. FLACONE Il flacone, disegnato da un architetto è molto bello, in vetro trasparente di un tenue colore rosato e angoli smussati e degli ovali impressi sul vetro. Il logo del levriero dorato è posto al centro del falcone e ricorda la celebre casa. Il tappo ha una forma ovale bombata che rappresenta una rete metallica argentata. In definitiva il flacone è molto elegante e piacevole da vedersi. Altro particolare interessante è che il tappo è fatto in modo da emanare il profumo tanto da poter essere messo nei cassetti dove sprigionerà l'aroma e profumerà la biancheria. PROFUMO La profumazione appartiene alla famiglia olfattiva fiorito muschiato ambrato. Copiato papale papale, ma non ci sono altri modi per esprimersi. La piramide olfattiva è descritta sul cartone del campioncino come: Testa - violetta bianca, eliotropio cuore - lillà,arum fondo - musc, ambroxan, vaniglia GAMMA My Name è disponibile in tre formati da 30, 50 e 100 ml e della stella linea potrete trovare bagno schiuma in gel, la lozione idratante per il corpo e il deodorante. Il prezzo è abbastanza elevato in quanto parte da 46 euro per arrivare ai 90 euro per i 100 ml. Naturalmente se vi rivolgerete ad una grande catena di profumerie o direttamente on line riuscirete a spuntare un prezzo decisamente inferiore. PENSIERO ...

Lancôme Rénergie Multi-Lift Créme Nuit 04/05/2017

Ottima...però

Lancôme Rénergie Multi-Lift Créme Nuit Ho avuto l'opportunità di provare questa crema della Lancome, ovvero Rénergie Multi-Lift creme , grazie a un bel pacchetto di campioni in omaggio donati nella mia profumeria del cuore. Intanto è una crema adatta a tutti i tipi di pelle, anche se è comunque adatta ad una pelle matura, ma procediamo per ordine: CONFEZIONE Il vasetto è di vetro pesante con una colorazione violetta in varie sfumature è molto accattivante, elegantissimo e con tappo argentato con la scritta Lancome e in alto il disegno della classica rosa che rappresenta il marchio.. CREMA La crema bianca ha una texture piuttosto compatta tipica delle creme anti age con una gradevolissima, ma lieve profumazione. Si stende molto facilmente e penetra subito nella pelle senza lasciare fastidisiose sensazioni di untuosità, (cosa che io aborrisco e non mi consente di utilizzare creme con questa particolarità), Nel contempo la crema ha un fattore di protezione solare 15, cosa che consente di proteggere la cute dai raggi solari non solo nel periodo estivo, visto che è necessario proteggersi dal sole in ogni periodo dell'anno. SENSAZIONE La crema va stesa, mi raccomando, dal basso verso l'alto, con movimenti rotatori, iniziando dal collo, parte che ahimè rivela immediatamente l'eta, se trascurato. L'assorbimento è immediato e la pelle appare subito più liscia, compatta e, cosa molto importante idratata e l'effetto dura a lungo. Cosa importantissima, per chi avesse intenzione di acquistarla e poi capirete il perchè di ...

Kanebo Sensai Mascara 38°C Volumising 09/03/2017

Meraviglioso

Kanebo Sensai Mascara 38°C Volumising Ho avuto l'opportunità di poter fare una pulizia del viso gratuita tramite una profumeria della catena Douglas la quale publicizzava questa marca di prodotti Sensai con una loro estetista. Ovviamente la pulizia si basava su uno speciale sapone, maschere e altri prodotti loro. Mi sembrava brutto non acquistare nulla e visto che avevo necessità di un mascara ho scelto questo tipo consigliatomi dalla signora in questione. La cosa che mi interessava di più era che il prodotto avesse un applicatore molto grande perchè ritengo che consenta più facilmente l'applicazione del mascara e questo lo era a sufficienza. Contenitore Il mascara 38°C volumising ha un contenitore nero con scritte dorate, leggermente bombato, ma niente di diverso da innumerevoli altri prodotti analoghi, però guardando lo spazzolino si iniziano a vedere le differenze. Lo scovolino ha una forma ricurva che segue la forma delle ciglia ed è veramente facile stendere il mascara. Mascara Mi è capitato spesso e volentieri che dopo una settimana o due il mascara formasse dei grumi sullo scovolino e si addensasse in una poltiglia, ebbene con questo mascara Sensai la cosa non succederà mai. Lo scovolino è sempre pulitissimo tanto che le prime volte ho pensato che mi avessero imbrogliato dandomi un contenitore semivuoto. Il prodotto si stende meravigliosamente bene e dona veramente volume ad ogni singola ciglia allungandole e dividendole una dall'altra. Ho constatato personalmente e, con me mia figlia, molto ...

La guerra di Charlotte (Sebastian Faulks) 14/02/2017

Deludente

La guerra di Charlotte (Sebastian Faulks) Un consiglio se non sapete cosa regalare per San Valentino o altre ricorrenze, pensate ai libri. In Italia si legge troppo poco eppure leggere aiuta chi soffre di solitudine e fa vivere mille vite pur stando comodamente seduti in poltrona. Troverete libri che vi piacciono di più e altri meno, ma tutti v'insegneranno qualcosa e vi daranno ore di serenità. TRAMA Siamo nel 1942 e molte ragazze desiderose di aiutare la propria nazione, in tempo di guerra, decidono di cercarsi un impiego che contribuisca a ciò. Tra queste Charlotte Gray la quale decide di lasciare la Scozia e la sua famiglia per raggiungere Londra trovando un impiego presso un ambulatorio. La ragazza trova alloggio con altre coetanee e tramite loro inizia a frequentare altri giovani tra cui alcuni piloti della Raf. Uno di essi, in particolare, Peter Gregory la colpisce e s'innamorano follemente. Charlotte soffre di un trauma, il padre, un noto psichiatra ha partecipato a tutta la precedente guerra e ne è tornato traumatizzato, qualcosa è successo un giorno che la ragazza, allora bimba, sente singhiozzare e raggiunge il padre. Lei non ricorda esattamente cos'è successo, perchè tutto è racchiuso nel suo inconscio e non riesce a ricordare, ma da quel giorno la sua vita di bimba serena è cambiata per sempre lasciandola fredda nei confronti del padre e della madre e con un passato irrisolto e che le rende la vita problematica. Terminata la parentesi ritorno a Charlotte la quale decide di entrare in ...

La masai bianca (Corinne Hofmann) 12/01/2017

Storia affascinante

La masai bianca (Corinne Hofmann) L'autrice di questo libro, Corinne, narra la sua storia, partendo da quando, giovane donna, viveva in Svizzera, benestante, proprietaria di un negozio, un fidanzato ed una vita serena. Con il fidanzato decide di fare un viaggio in Kenia, dove incontra un giovane guerriero masai, con cui scambia solo alcune parole in inglese.Corinne s'innamora di Lketinga, pur con gli innumerevoli problemi della lingua e decide con un colpo di testa di rientrare in Svizzera, lasciare il lavoro, gli affetti e tornare da Lketinga. Nei quattro anni che seguono si adatta, per amore, a vivere in una manyatta (capanna di sterco), con tutte le conseguenze del caso, malattie, (contrae la malaria), sottomissione della donna, mancanza di dialogo con il masai e la sua tribù, (con cui si esprime più a gesti che a parole) fino a sposarlo e farci una figlia, Napirai. Corinne è una giovane donna con una famiglia, una boutique avviata, dei progetti e un fidanzato. Con lui decide di trascorrere una vacanza in Kenya. Ma l'incontro con Lketinga, un guerriero masai, cambierà la sua vita per sempre. I due non hanno nulla in comune, si capiscono a stento. Eppure, senza esitare, Corinne abbandona tutto e si trasferisce in quella che per quattro anni sarà la sua nuova patria. In questi anni riesce a rendersi indipendente, aprendo un piccolo negozio e stabilendo dei contatti con una missione cattolica. Ma questa indipendenza conquistata con le unghie e con i denti rende geloso il marito. Per ovviare a ...

Il sepolcro segreto (Steve Berry) 23/11/2016

Poco entusiasmante

Il sepolcro segreto (Steve Berry) Trama Un uomo, Tom Sagan, fino a otto anni prima aveva in pugno la vita, era un giornalista famoso, tanto da aver sempre suoi articoli in prima pagina, aveva vinto un premio Pulizer, girava il mondo facendo inchieste giornalistiche che lo appassionavano...poi nell'ultimo reportage nel quale rappresentava un'inchiesta scottante che coinvolgeva esponenti dello Stato d'Israele e della Palestina era stato accusato di false indagini e in un attimo gli era stato ritirato il premio, aveva perso il lavoro, la famiglia e la credibilità. Sagan ha passato gli otto anni successivi a creare romanzi di successo, i quali in moltissimi casi hanno scalato le vette delle classifiche di vendita, ma il suo nome non è mai apparso, è praticamente un fantasma che scrive per altri. Adesso Tom è stanco, non ha ragioni di vivere, la moglie è morta dopo essersi risposata, la figlia lo disprezza e non la sente da moltissimi anni, il padre è morto poco prima e, a parte la casa, non ha voluto lasciargli altro, tanto che ha designato la nipote ad eseguire le sue ultime volontà e il suo funerale. Insomma non ha più nulla e, con una pistola, ha deciso di porre fine alla sua, oramai, inutile vita. Il campanello di casa gli fa accantonare per un momento la sua decisione e l'apertura della porta lo porterà a pensare a tutt'altro che non al suo suicidio. L'uomo davanti a lui, Zachariah Simon, gli fa vedere un video in cui la sua unica figlia, che non vedeva da anni, è prigioniera di due uomini che la ...

Ikea Seggiolone Antilop 03/11/2016

Comodo ed economico

Ikea Seggiolone Antilop Dovendomi occupare, con piacere, del mio nipotino tutti i giorni, ovviamente mi servivano alcuni generi di comfort, lettino da campeggio e seggiolone per la pappa in primis e devo dire che abbiamo speso molto poco per entrambi. Ma parliamo del seggiolone acquistato all'Ikea per soli 15 euro, è molto spartano, ma è probabilmente anche il suo punto di forza in quanto non tiene molto spazio essendo poco ingombrante, con le quattro gambe abbastanza aperte e sottili che danno un'ottima aderenza al suolo, le cinghie di sicurezza per stringere il piccolo e il vassoio amovibile. Molto veloce e pratico l'assemblaggio ad incastro delle quattro gambe in meno di un amen è già montato e pronto all'uso. Quando il bimbo mangerà da solo sarà possibile asportare il vassoietto e questo consentirà di accostare il seggiolone al tavolo permettendo al piccolo di mangiare insieme ai "grandi" in tutta sicurezza. Per soli cinque euro e consigliabile acquistare il pratico cuscino disponibile in un allegro colore a strisce bianche, rosse e blu, serve sia a sostenere il bimbo quando ha pochi mesi sia come imbottitura. Il tessuto è fatto di materiale plastificato ed è possibile passare una spugnetta inumidita per eliminare patacchette di cibo, ma è anche di sfoderabile e si può mettere in lavatrice (per bimbi particolarmente refrattari e contestatori alle prime pappe) . Forse l'unico difetto è il fatto che il suddetto seggiolone non abbia una, pur se piccola, sporgenza per appoggiare i piedini, mi ...

Peg Perego Pliko Mini 23/09/2016

Manovrabile e comodo per il bimbo

Peg Perego Pliko Mini Eccomi qui a parlare di un passeggino, ovvero del Pliko Mini della casa Peg Perego, acquistato per il mio nipotino, ma ovviamente scelto dai genitori. Lo uso tutti i giorni per portare il nipotino a spasso e quindi sono diventata abbastanza esperta nell'utilizzarlo. Inizio con il dire che è presente una vasta gamma di colori, io preferisco quelli in tinta unita, ma ai genitori è piaciuto il tipo chiamato Cartoon, sicuramente simpatico visto che l'esterno è nero e la seduta è tutta un fumetto. La chiusura è a ombrello pratica e veloce grazie ad una maniglia centrale, anche se la prima volta che mi sono trovata a doverlo chiudere sono diventata matta, e con me la mia amica ed il portiere, per trovare il modo di chiuderlo senza riuscirci se non telefonando a mio figlio. Comunque procedendo, una volta chiuso, il passeggino rimane in piedi agevolmente e nessuna parte di tessuto viene a contatto con il suolo, assicurando il giusto igiene. Pur essendo agile il passeggino in questione ha un'ottima e ampia seduta per il bimbo, le tre posizioni dello schienale, che si può reclinare oltre 150 gradi consente al piccolo di dormire comodamente in posizione stesa. Facili da inserire le cinture di sicurezza e comodo il poggiapiedi (quando il mio nipotino ci arriverà). Le ruote sono molleggiate, piroettanti e consentono di muoversi agevolmente su ogni terreno, verificato personalmente la differenza rispetto ad un passeggino di altra marca. Le sue dimensioni ridotte (altezza 101, ...

Damasco (Suad Amiry) 02/08/2016

Libro dolce agro

Damasco (Suad Amiry) l libro racconta prevalentemente la vita delle donne di casa partendo dalla nonna della scrittrice, Teta, vissuta negli ultimi decenni del 1800 per poi proseguire con la mamma Samia ed infine con lei, Suad Amiry. Praticamente tre generazioni si snodano nei racconti di Suad. Si parla di tradimento e di un figlio adulterino, cresciuto comunque nella casa da Teta, la quale perdona il marito Jiddo. Tra le donne di casa hanno la loro importanza anche le zie di Suad, Laila e  Karimeth, la seconda con la complicità di Laila ha addirittura adottato una bimbetta in fasce, nonostante gli uomini di casa, il padre Jiddo e i fratelli fossero contrari. Laila, inoltre, è stata la padrona di casa per tutta la vita, anche al posto della madre Teta ed ha diretto con polso di ferro la vita di tutta la famiglia. La scrittrice, narra la sua vita da bimba cresciuta nello splendido palazzo della famiglia della madre a Damasco, in quanto la madre appena poteva, tornava in quella che riteneva l'unica città e l'unica casa in cui vivere. La descrizione della città con i suoi profumi, i suoi mercati, i meravigliosi palazzi, tra cui quello di famiglia, uno dei più belli della città, che nelle sue mura racchiude cortili e fontane dove lei e i cuginetti giocavano. I venerdì dedicati ai riti di purificazioni, con lavaggi accurati, le preghiere e infine i lunghissimi pranzi a cui partecipava tutta la famiglia, zii, cugini, nonni, con una tavolata piena di leccornie di ogni tipo a cui le donne di casa ...

Negli occhi della gazzella (Arash Hejazi) 05/07/2016

Da non perdere assolutamente

Negli occhi della gazzella (Arash Hejazi) L'autore di questo libro Arash Hejazi, giovane medico ed editore iraniano, narra in prima persona la sua vita iniziando da Neda Soltani, bellissima giovane donna di 26 anni, La ragazza stava protestando, nel 2009, insieme ad altri giovani studenti del Movimento Verde per il broglio elettorale che rieleggono come Presidente Ahmadinejad. Grazie ad un telefonino, con telecamera, che riprende la drammatica scena e che possiamo trovare in internet, (vi consiglio di guardarlo, per velocizzare vi metto sotto il link), conoscerete il bel viso di Neda e vedrete un giovane in jeans e camicia bianca, proprio l'autore del libro, Arash Hejazi. il quale cerca disperatamente di fermare il sangue e salvarla. L'autore osserva lo sguardo di Neda per pochi secondi prima che questo si spenga per sempre e gli occhi che vede gli rammentano quelli di una gazzella prima di morire, quando dopo ore di inseguimenti viene ferita a morte da una freccia. Hejazi è costretto, dopo pochi giorni dal fatto, sentendosi sempre più braccato, dalla polizia segreta, a lasciare la sua amata terra e vivere in esilio a Londra. Il libro racconta la caduta dello Scià, quando Arash era piccolo e il succedersi, negli anni, dell'integralismo più feroce con l'avvento di Khomeyni. Nel paese pian piano le donne perdono il posto di lavoro, devono adottare lunghi soprabiti che non lascino intravedere le forme, oltre a copricapi che coprano integralmente i capelli e parte del viso e non devono mischiarsi o parlare con ...

Philips 223V5LS 05/06/2016

Discreto per il prezzo

Philips 223V5LS Ero alla ricerca di un monitor di formato 16:9 per un pc che mio figlio più grande aveva assemblato per il fratello più piccolo. Ovviamente volevo spendere pochissimo e nel negozio della catena Unieuro erano presenti, purtroppo, pochissimi monitor, tra cui alcuni molto costosi, bellissimi e super accessoriati. Allo stesso prezzo, (per l'esattezza 109,00 euro in offerta) c'erano due monitor LCD, uno Philips con sigla 223V5 e uno dell'Asus di cui non ricordo il modello. La mia scelta, o meglio quella di mio figlio che mi ha accompagnato, è caduta sul Philips, dopo aver velocemente valutato le caratteristiche tecniche (per la maggior parte identiche) e aver constatato che il Philips non solo aveva una diagonale di un pollice in più, ovvero 21.5 contro i 20.5, ma vantava anche una risoluzione Full HD rispetto alla controparte Asus che offriva un blando HD. Il monitor è tutto nero, con una piccola cornice, il design è simile a molti altri della stessa fascia di prezzo, ovvero semplice e leggero. Fortunatamente, grazie alla retroilluminazione a LED si è riusciti finalmente ad eliminare dagli schermi il mercurio, metallo tossico sia per l'uomo che per l'ambiente. Questo consente di smaltire e riciclare l'intero monitor migliorando l'impatto eco-ambientale. Il dispaly 16:9 con una risoluzione di 1920 x 1080 a 60 Hz offre una bella visione dell'immagini molto limpide e nitide ma i colori non sono proprio affidabilissimi. Adatto anche per la visione dei giochi che supporta ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra