Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

pika72

pika72

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 24/07/2000

41

Radio Deejay 29/08/2000

E il tempo passa!

Radio Deejay Radio Deejay è la radio che accompagna i miei viaggi -andata e ritorno- tra casa ed ufficio, tutti i giorni agli stessi orari. La strada è sempre la stessa ed il viaggio sarebbe noioso se non ci fossero gli speaker di radio deejay ad allietarmi il viaggio. La ricezione infatti è buona lungo tutto il tragitto, condizione questa che non mi costringe a cambiare continuamente stazione, la musica è buona e suficientemente varia. Spesso mi capita di trovarmi a sorridere sulle battute che ascolto, battute inaspettate e naturali. Ultimamente mi capita di ascoltare la trasmissione condotta da "platinette".... e devo dire che si ascolta con piacere, anche se come si presenta non è proprio il massimo. Complessivamente il mio giudizio è positivo!

Compaq Armada 1500 29/08/2000

Armada 1592DT

Compaq Armada 1500 Possiedo da due anni un compaq Armada 1592DT, dotato di un processore 233 MMX, 64 MB di Ram, 3.4 Gb di Hard Disk, Scheda Modem PCMCIA a 56K Microcom 520, lettore CD integrato 20X, matrice attiva TFT. E' un vero e proprio spettacolo e devo dire che la spesa fatta, ben 7.000.000 di lire, ha dato i suoi risultati. In questi due anni ha viaggiato con me su e giù per l'Italia, da una banca all'altra, e non ha mai deluso le mie aspettative!! Si dice in giro che le macchine Armada siano state costruite per resistere agli urti: bene pensate che il mio portatile era nella mia 24 ore che è stata investita da una Clio guidata da un tipo distratto che ha fatto improvvisamente retromarcia mentre ero fermo ad aspettare ad una stazione!! E, sarà forse per una combinazione, il PC non ha subito alcun danno!! Indubbiamente però Armada costruisce una linea di prodotti per coloro che vogliono una macchina affidabile e che per questo non badano a spese.

Robert Aldrich - Che fine ha fatto Baby Jane? 28/08/2000

Un film di culto

Robert Aldrich - Che fine ha fatto Baby Jane? Incredibile film del 1962 con due strepitose attrici, Bette Davis e Joan Crawford. La storia è quella di due sorelle ormai anziane che si ritrovano a convivere. La Davis è una ex bambina prodigio (la Baby Jane del titolo), mentre la Crawford è un'invalida che ha conosciuto un discreto successo in giovinezza come attrice. La sua carriera è stata poi stroncata da un incidente stradale di cui ritiene responsabile la sorella. Tutto il film si basa sul patetico rapporto fra le due, fatto di dispetti, falsa pietà, rimpianti, in un crescendo di violenze pesicologiche e fisiche. La trovata del film è di far credere fino alla fine che la sorella buona sia la Crawford e quella cattiva la Davis, salvo scoprire, nel finale... Film eccezionale per la tensione che riesce a creare e soprattutto per la magnifica interpretazione delle attrici comprimarie. Un film hitchockiano per la suspance, che, tuttavia, dei film del maestro inglese non ha la classe e soprattutto le attrici bellissime e impeccabili. Qui siamo di fronte ad una storia squallida, triste, grottesca, con momenti di insopportabile ridicolo. E' tanto che non lo passano in TV (credo che i diritti li abbia Rete 4) ma se vi capita non perdetelo. ...

Viale del tramonto (Dvd) 28/08/2000

Un capolavoro dell'epoca d'oro del cinema

Viale del tramonto (Dvd) Questo film è davvero imperdibile. Secondo me è un caposaldo della storia del cinema. Un gioiello di pathos ed ironia, a cominciare dal fatto che la vicenda è praticamente narrata da un morto. Gloria Swanson è fenomenale in questa interpretazione, così come William Holden e il magnifico Eric von Stroheim. Il film è entrato nell'immaginario collettivo grazie alla grande incisività delle scene, delle situazioni e, soprattutto, dei primi piani della diva in declino. Il film descrive la patetica esistenza di una diva ormai avviata alla fine della carriera. Il successo e la bellezza, però, sono stati tutta la sua vita e la donna precipita nella foliia pur di non accettare il suo destino. La rappresentazione del suo mondo deformato è esemplare: pur rivelandosi alla fine un'assassina, non riusciamo ad odiarla, ma solo a provare grande pena per i suoi comportamenti grotteschi. Magnifica la fotografia, esemplare l'equilibrio fra drammaticità ed umorismo. Non perdetelo.

E.M. Forster - Passaggio in India 28/08/2000

Un bell'affresco storico

E.M. Forster - Passaggio in India Quello di E.M. Forster è forse un nome poco noto al grande pubblico italiano. Sicuramente, tuttavia, molti ricorderanno i film tratti dai suoi romanzi: Camera con Vista, Passaggio in India e il fortunato Casa Howard. Vorrei esprimere qui un'opinione su Passaggio in India, romanzo complesso e ricco di spunti. Si raccontano le vicende di alcuni cittadini britannici in India e i loro rapporti con gli indigeni. Il tema dei rapporti interpersonali, soprattutto fra esponenti di diversi classi sociali, è particolarmente caro a quest'autore. Qui la sua attenzione si concentra addirittura sul delicatissimo tema dei rapporti fra razze diverse e storicamente ostili a causa della lunga dominazione inglese. L'autore non si schiera, ma si limita a mostrare come la convivenza "forzata" fra le due razze si risolva spesso in situazioni drammatiche. Anche se ci sarebbero margini per amicizie sincere e reciproca stima fra alcuni dei personaggi, il fatto di appartenere a due mondi diversi finisce per ostacolare qualsiasi tentativo di scavalcare il confine colonizzatore-indigeno. Vi sono personalità aperte e brillanti sia fra gli inglesi che fra gli indiani, così come non mancano uomini e donne meschini e deboli da entrambe le parti. Ma alla fine risulta impossibile colmare l'enorme divario culturale che separa i due popoli. Magnifiche sono le descrizioni delle atmosfere indiane, le suggestioni esercitate dal clima e dalla natura. Fortunatamente la storia ha dimostrato che nel corso di ...

Possessione (Antonia S. Byatt) 28/08/2000

Un bellissimo romanzo

Possessione (Antonia S. Byatt) Quest'autrice anglosassone è poco conosciuta in Italia. A me hanno consigliato questo libro e ne sono rimasto davvero affascinato. Si tratta di un romanzo che mescola diversi generi. Alla base c'è una specie di giallo. Un giovane ricercatore, infatti, trova casualmente delle lettere di una famoso poeta inglese del secolo scorso e decide di mettersi sulle tracce della misteriosa destinataria. Fra numerosi colpi di scena viene in contatto con un'altra intraprendente ricercatrice che l'aiuterà a risolvere il mistero. Neanche a dirlo, fra i due nasce l'amore... Il romanzo è lungo e appassionante ed è scritto in modo davvero sorprendente. Le due storie d'amore, infatti, quella del passato e quella presente, si snodano parallele. La prima viene fatta rivivere con grande maestria dell'autrice attraverso lettere e pagine di diario scritte in perfetto stile ottocentesco. Il libro è anche ricco di situazioni divertenti e di ironici riferimenti all'ambizioso mondo della ricerca universitaria, in cui, spesso, l'amore per il sapere viene soffocato dalla brama di successo. Un gran bel libro, vario, divertente, scritto con grande talento.

Palla di sego (Guy de Maupassant) 28/08/2000

Un piccolo capolavoro

Palla di sego (Guy de Maupassant) Questa novella, che mise in luce l'autore francese nell'ambito della scuola del naturalismo, è un piccolo capolavoro di analisi psicologica. Maupassant, in tutte le sue opere, rivela un particolare talento nel descrivere i moti dell'animo umano, in particolare di quello femminile. Qui ci fornisce il ritratto di una prostituta. Mentre la guerra imperversa in territorio francese una carrozza attraversa il paese. A bordo "palla di sego", nomignolo della burrosa prostituta, e un gruppo di borghesi. Questi ultimi non le rivolgono la parola e hanno l'aria di disprezzarla. Quando la carrozza viene fermata dai soldati nemici tutti si fanno gentili con la ragazza. Se lei si cocederà ai soldati, infatti, tutti la faranno franca e potranno proseguire il viaggio. Incredula di fronte a tanta benevolenza, l'ingenua ragazza asseconda i voleri dei compagni di viaggio. Che non esitano, superata la brutta avventura, a mostrarle un disprezzo perfino accresciuto. L'autore segue con spietata lucidità l'altalena delle speranze e delle disillusioni della giovane. La speranza di essere accettata dalla gente "per bene" è seguita da una brusca ricaduta nella sua posizione di reietta. Allo stesso modo viene messa a nudo la crudeltà delle persone "rispettabili": meschini e ipocriti; a conti fatti, ci flascia intendere l'autore, moralmente di gran lunga più detestabili della giovane. Un vero capolavoro, una grande lezione di scrittura e una lucida riflessione sulla miseria umana.

Rai 1 28/08/2000

Tg1 Economia

Rai 1 Alcuni Tg delle 13.30 di Rai Uno sono seguiti da questo programma d'informazione. Siccome sono appassionato di economia ne ho seguite alcune puntate, ma sono rimasto molto deluso. I servizi proposti (in gnere tre) non sono più approfonditi dei normali servizi del Tg. In genere vengono riportate statistiche, si segnala l'aumento di qualche prodotto, si forniscono dati sull'inflazione o la disoccupazione. E questo è tutto. Io mi aspettavo degli approfondimenti, delle interviste con economisti o addetti al settore, delle spiegazioni di quei fenomeni complicati per noi "comuni mortali" che regolano il mondo economico e finanziario. Niente di tutto questo. In compenso, spesso e volentieri, ci sono servizi su nuove automobili proposte sul mercato. Ma non c'era un apposito speciale (tipo tg motori...) per questo? La cosa più divertente è che spesso le auto in questione vengono "collaudate" dello stesso giornalista che presenta i servizi...bè, almeno lui si diverte!

Neil Jordan - In dreams 28/08/2000

Buoni spunti ma non sempre convincente

Neil Jordan - In dreams Conoscevo Neil Jordan per due film molto diversi tra loro che ho molto apprezzato: Michael Collins e La moglie del Soldato. Questo In dreams è stato una nuova sorpresa. Infatti Jordan si è qui cimentato col genere horror. Non un horror truculento, ma un thriller piuttosto raffinato. La storia è quella di una donna che perde la figlia a cuasa di un maniaco omicida. I due entrano in contatto telepatico, il che consentirà di salvare un'altra bambina rapita dallo stesso maniaco. La donna però rischia la pazzia e perde il marito (sempre per mano del folle). Secondo me il film non è riuscitissimo. Ci sono dei buoni spunti (come il tema ricorrente delle mele) e anche dei momenti di vera tensione. Ma è anche un'opera discontinua, a volte incoerente. Annette Bening è davvero brava nel ruolo della madre e convincente è pure l'attore che interpreta suo marito (non ricordo il nome di quest'attore, che era comunque il compagno di Michael Collins nell'omonimo film). Meno convincente, invece, Robert Downing jr. come maniaco. Ho apprezzato questo attore in alcune commedie e nel film su Charlie Chaplin, ma devo dire che qui non riesce ad entrare dl tutto nel ruolo. Insomma, un film buono per passare una serata, ma niente di particolare.

Caro diario (Dvd) 28/08/2000

Non me l'aspettavo

Caro diario (Dvd) Ho visto questo film quasi per caso, in una serata in cui i miei amici avevano già deciso cosa vedere senza avermi consultato. Ho sempre nutrito un po' di diffidenza nei confronti di questo regista, così mi ero preparato ad una serata piuttosto noiosa. Invece non solo ho trovato che il film offrisse molti importanti spunti di riflessione, ma mi sono anche divertito! Certo, questo non è il mio genere, ma ho rivalutato molto Moretti. Riflessione: come non riflettere di fronte all'episodio su Pasolini? Al degrado in cui si trova il suo monumento, al poco rispetto che dimostra il nostro paese per questo grandissimo intellettuale? E poi riflessioni sul mondo della sanità, sull'imperversare della volgarità. Divertimento: ci sono scene davvero esilaranti. L'intellettuale joyciano che si lascia sedurre dal fascino della telenovela, l'intervento, casco in testa, nell'orchestrina cubana, i cinema a Roma d'estate... E, infine, un apprezzatissimo omaggio a Roma. Per chi ama e conosce questa città le escursioni in vespa di Moretti, le sue inquadrature di palazzi caratteristici dell'urbanistica romana, sono una vera delizia. La colonna sonora,poi, è formidabile. Veramente un film delizioso.

Rai 1 27/08/2000

Uno Mattina Estate

Rai 1 Mi è capitato, preparandomi la mattina prima di uscire, di vedere qualche spezzone di questa trasmissione. Il servizio che offre è piuttosto buono: in particolare mi riferisco ai TG molto frequenti e alle notizie sul traffico. Inoltre vengono fornite interessanti informazioni su aspetti della vita quotidiana, in particolare sulla burocrazia o su leggi poco note. Apprezzo molto la giornalista che si occupa, per così dire, della parte più "seriosa" del programma. Pur non avendo un aspetto consueto per la tv (non è la solita bellona o la solita giornalista che "se la tira") risulta molto gradevole, capace di gestire con simpatia e correttezza ogni tipo di situazione. Passa con disinvoltura dalle interviste con importanti personaggi del mondo politico, scientifico, culturale, a situazioni spiritose e cura una buona rassegna stampa. Meno chiaro mi è il motivo per cui le abbiano affiancato un partner del tutto inadeguato e superfluo. Non so quale qualifica abbia questo signore, ma a me sembra in continuo imbarazzo, in difficoltà nel trovare le parole per esprimersi. I suoi tentativi di fare dell'umorismo, poi, sono per lo più mal riusciti e, a volte, mi sembra che mettano anche in imbarazzo gli ospiti di turno. Un elogio, infine, per i ragazzi che suonano gli intermezzi musicali. Sono bravi e simpatici.

Shine 27/08/2000

Shine

Shine Dopo aver visto il buon film ominimo, ho deciso di acquistare la colonna sonora. Si tratta di una raccolta molto ricca di brani classici alternati a composizioni del musicista a cui s'ispira la vicenda del film, David Hirschfelder. Si tratta di ben 34 tracce, molto diverse tra loro e per lo più riportate parzialmente. Forse gli appassionati di questo genere musicale storceranno il naso, ma per un "profano" si tratta di una buona occasione per familiarizzare con le suggestioni della musica classica. Vi sono brani di Chopin, Liszt, Schumann, Rachmaninoff, Beethoven. Vi sono poi due splendide arie di Vivaldi. Quella che conclude il Cd (Nullo in Mundo Pax Sincera) è, in particloare, la mia preferita. Si tratta di un'aria dolcissima, angelica, che mi ha fatto scoprire e apprezzare sempre di più la musica barocca. Consiglio questo Cd a coloro che hanno amato il film, ma anche a chi vuole avvicinarsi gradualmente al mondo della musica classica.

Alien (Dvd) 27/08/2000

Il migliore in assoluto!

Alien (Dvd) E' certamente il miglior film di fantascienza che abbia mai visto. Ottima la fotografia, ottima la sceneggiatura, eccellente il cast. Ineccepibile anche la colonna sonora e gli effetti sia video che audio. Ricordo di aver visto alien la prima volta con un impianto Hi Fi connesso alla Tv e vi assicuro che più di una volta ho avuto l'impressione che l'alieno fosse alle mie spalle..... mi si è raggelato il sangue!! Bravissima in particolare l'attrice principale, la Weaver, che ha girato poi gli altri 3 film prosecuzione del filone. Ogni tanto rivedo con piacere tutta la saga, ormai conosco la trama a memoria.... nonostante questo quando ho voglia di vedere un bel film di fantascienza mi piace stare comodamente seduto in poltrona e rivedere tutta la catena di films, uno dopo l'altro. Lo consiglio a tutti gli appassionati del genere.

Telecom Italia 27/08/2000

Quanto costa effettuare un nuovo allaccio!!

Telecom Italia A maggio di questo anno ho deciso di far installare a casa il telefono fisso. Ho chiamato il 187 della Telecom ed ho richiesto che dei tecnici venissero a fare il lavoro: in pratica portare a casa l'apparecchio telefonico, visto che i precedenti inquilini già avevano il telefono. Prima di avere la linea attiva ho dovuto aspettare quasi un mese e ho dovuto sollecitare anche telefonicamente!! Ma non finisce qui: la Telecom, per scusarsi dei disagi causati ha detratto dalla mia prima bolletta telefonica l'importo di 90.000 lire. Bene direte voi!! Male rispondo io perchè a conti fatti l'installazione dell'apparecchio telefonico mi è venuta a costare circa 400.000 lire!! un vero furto, considerato il lavoro che la Telecom ha dovuto fare per attivare la linea in un appartamento dove la linea stessa era già stata portata. Bene, mi auguro che il monopolio della Telecom stia per finire (e ormai ci siamo!) così che ci si possa rivolgere alla concorrenza!

Williams 27/08/2000

Mitico motore BMW!

Williams Che la Williams abbia dovuto affrontare e risolvere grandi problemi di affidabilità è noto a tutti coloro che hanno seguito i gran premi di questa ultima stagione. Problemi tecnici e legati ai due piloti molto giovani che hanno fatto importanti esperienze in F1 questo anno, pronti a rientrare il prossimo anno con un team affiatato ed una macchina estremamente competitiva. Il piccolo Button è stato il protagonista di battaglie degne di nota, lo stesso il fratello minore del campione Michael Schumacher, Ralph. I due giovanissimi hanno "affilato" le unghie e c'è da giurarci che il prossimo anno daranno del filo da torcere anche alle grandi case automobilistiche. Mi auguro che le cose procedano ancora in questo senso..... e i risultati non tarderanno ad arrivare.
Visualizza altre opinioni Torna sopra