Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

stendf

stendf

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 30/11/-0001

43

Nokia 6600 11/09/2005

Un cellulare giovane

Nokia 6600 Credo che tutti voi abbiate presente il suddetto cellulare: ampio schermo, testiera piccola ma agevole (anche se dopo un pò d'esperienza) e dimensioni non proprio ridotte. L'estetica non è sgradevole: leggera ed "aereodinamica". A primo impatto non si hanno difficoltà di navigazione grazie alla semplicità del menù: si presentano una serie di icone molto chiare dalle quali si può entrare in una qualsiasi area di interesse. La navigazione all'interno del menù non è velocissima, anche se tuttavia cambiando la versione del software e caricando un tema leggero si possono ottenere enormi vantaggi su questo piano. La batteria non dura tantissimo, ma dà tranquillità. Sforzando il cellulare con l'esecuzione giornaliera di software vario e chiamando poco si arriva ad un'autonomia di circa 50 ore, che chiaramente poi varia a seconda della potenza del software usato e della durata delle chiamate: io personalmente giocando ad un gioco che sfrutta molta grafica e chiamando per circa 10 minuti al giorno ho un'autonomia di circa 2 giorni (tenendolo acceso anche la notte). Altra funzione interessante è quella della fotocamera. La risoluzione delle foto non è eccezionale, ma si può tranquillamente considerare più che accettabile (la fotocamera non arriva ad un megapixel), e la memoria di 32 megabyte (in dotazione) sommata a quella del interna al cellulare garantiscono spazio a sufficenza per foto e video. Questi, a differenza delle foto, si possono qualificare come video di scarsa ...

Biografia del figlio cambiato (Andrea Camilleri) 14/08/2004

Cantami, O Camilleri, di Luigi Pirandello

Biografia del figlio cambiato (Andrea Camilleri) Questo è un libro a cui sono molto legato. Non è una semplice biografia, ma la vita di un grande uomo imprigionata tra le pagine di un libro, ogni singola pagina, ogni singola parola, racchiude in sè i ritmi incessanti della vita, dei luoghi e delle persone di cui si narra. Camilleri per fare questo abbandona il suo solito linguaggio dialettale, e si rifugia in un italiano che è tanto classico quanto poetico, e nella sua semplicità racconta ottanta anni di storia secondo per secondo. Non è il semplice racconto delle vita di Luigi Pirandello, no. Tutt'attorno Camilleri costruisce tutte le impalcature (luoghi, descrizioni, persone) necessarie a comprendere quello che fu veramente l'uomo descritto, riuscendo a farci quasi entrare in quella che è la psicologia di Pirandello, fino a farci quasi vivere quei momenti. Il primo impatto e dolcissimo, si legge di questo piccolo Luigi che regala i suoi vestiti e divide i suoi soldi con i bimbi più poveri, che si innamora così fortemente da associare la sua stessa vita a quella della piccola Giovanna. L'unica interferenza in questa visione perfetta è la presenza del padre, che scuotendo questa prospettiva rosea, comincia, inconsapevolmente, a tracciare le linee del futuro di Luigi. Così Pirandello piano cresce e si innamora ancora, e finalmente trova la sua prima compagna, per la quale rinuncia, in un primo momento, a parte delle sue ambizioni di scrittore, che poi, diventeranno così grandi da far crollare questo amore, e far partire ...

La presa di Macallè (Andrea Camilleri) 13/08/2004

La presa di Macallè

La presa di Macallè (Andrea Camilleri) Tra storia e perversione si costruisce la storia di un figlio del duce, e dell'ignoranza popolare. La presa di Macallè non è il classico romanzo di Camilleri se non per alcuni particolari, come il fatto di inserire costantemente vicende di ordine sessuale, oppure di ambientare la storia a Montelusa. Per il resto le linee generali del romanzo sono completamente differenti dai tradizionali canoni "Camilleriani": in alcuni tratti si sfocia in situazioni grottesche quasi da Lovecraft: perversioni sessuali, pedofili, omicidi e violenze fisiche e psicologiche. Un elemento da considerare è la quasi totale mancanza di poesia: non vi sono tratti dolci nel libro, nè nel descrivere le situazioni nè nel descrivere i meravigliosi paesaggi siciliani. La storia è assai intrigante, e anche se può sembrare "tetra" ti lascia un retrogusto di morale abbastanza pesante. Il linguaggio è il solito: con molto dialetto, per chi lo capisce la scrittura si presenta piùttosto scorrevole e veloce. E' un libro che si legge molto velocemente, poche descrizioni e molte vicende rendono la storia affascinantissima e intricata: il mix ideale per un romanzo. Una bella lettura!

Sony Ericsson T610 24/03/2004

Un bimbo intrigante

Sony Ericsson T610 Aspetto curato, piccolo, e intrigante: così si presenta il t610. Il cellulare nei primi giorni di uso sembra ottimo, il menù è sembra ben curato, ci sono tutte le funzioni che possono servire, un buon organizer, un compositore assai carino e tante piccolezze che divertono. Dopo qualche giorno si comincia a capire che “non è tutto oro quel che luccica”: la fotocamera è di scarsa qualità, nelle versioni “vodafone” molti tasti di scelta rapida portano allo stesso posto e molte immagini di vodafone non si possono cancellare, risulta da ciò che i pochi megabyte di memoria messi a disposizione (2 mb) sono per la metà già occupati da roba che non si può togliere. Le suonerie sono di dubbia bellezza, potrebbero piacere agli amanti della musica moderna (intendo roba da discoteca) ma peccano di armoniosità e melodia. La durata della batteria è discreta, in condizioni di utilizzo frequente dura fino a quattro giorni, si può comodamente giocare e chiamare senza il rischio di rimanere col cellulare spento, e quando questo si verifica, una simpatica lucina rossa si accenderà sul joystick della tastiera. La qualità della conversazione è abbastanza buona, non si sentono rumori o fruscii di sottofondo tranne che in alcune versioni di software, ma basta aggiornare quest’ultimo e tutto si risolve. Assai curiosa è la possibilità di cambiare il tema della grafica: un ottimo metodo per ovviare alla monotonia degli stessi colori e delle stesse immagini. Altra pecca è il volume dei suoni che ...

Il re di Girgenti (Andrea Camilleri) 05/03/2004

Il libro,mentreSiFacevaLeggere,cominciò a cambiare

Il re di Girgenti (Andrea Camilleri) “[…]ma che te ne fotte della fantasia ora comu ora che ti trovi a un passu di la morti, non è megliu perdiri la fantasia chiussttosto che negari la libertà a una comerdia?”. Così recita Camilleri in una delle ultime pagine del libro. Il primo impatto con il testo è un po’ forte se non ci si vuole impegnare in una lettura lunga, infatti il libro sembra un po’ “grosso”. In realtà la scorrevolezza del linguaggio e l’entusiasmo che crea la storia fanno diventare questo libro come un testo di 20 pagine, qualche ora e il libro è divorato. È straordinario il modo in cui Camilleri, parlando di Spagnoli e stranieri, trasla la storia nelle più profonde delle radici storiche e certamente culturali dell’Italia del sud. I paesaggi, le persone e gli avvenimenti sembrano immersi in un passato saturo di intrighi, complotti e misticismi degni di un libro fantasy. Si resta immersi tra il ‘600 storico e un presente traslato dell’entroterra siciliano e calabrese, la storia narrata è un intreccio tra fantasia e realtà storica. Si respirano odori d’altri tempi e colori d’altri tempi, soprattutto nella prima parte del libro, quella più popolare e popolana, quella che racconta di vita quotidiana di tanta gente che ormai sembra svanita nelle sfumature della tecnologia. La prima parte, come dicevo, è priva di misticismi o fantasia particolari, è invece pregna di storia vera, di sudori, intrighi che spesso vanno a risolvere nell’erotismo e nella sensualità. Questi ultimi sono elementi che ricorrono ...

Siemens S45 12/09/2002

Queen of...

Siemens S45 Questo cellulare è davvero sorprendente, dotato di tutte le tecnologie presenti esludendo quelle che vanno dall' MMS in poi. Design molto accativante, colore metallizato e forma aereodinamica, disply arancione a sette linee, cosa desiderare di più in quanto a design? Davvero bello! Supporto per GPRS, su un lato ha il ricevitore IrDA (quello che serve a far comunicare il Cellulare con altre periferiche tramite infrarossi), calcolatrice, sveglia, agenda, menager delle suonerie, loghi, screensever, insomma ha paricamente tutto. Ottimo sopratutto per chi ha bisogno di amministrare le sue giornate, infatti l's45 è un'ottima agenda capace di contenere ogni tipo di file per poi scaricarli comodamente sul pc, grazie anche al cavo da collegare alle porte di COMunicazioni e al software, dati in dotazione con il telefonino. Il menù è agevole e pratico, e sopratutto ricco, ci sono centinaia di opzioni che non vi sto qui ad elencare, un agevole calendario, 2 giochi, e tante opzioni per personalizzare il proprio cellulare. L'S45 è provvisto di batteria al litio, che (a me) dura in media 6-7 giorni tenendolo acceso giorno e notte, con un uso medio. Insomma, cosa dire, davvero un'ottimo cellulare! Spero di esservi stato utile. ...

Epson Stylus Color II s 12/09/2002

La nonna Epson

Epson Stylus Color II s Salve ragazzi. Ieri frugando tra la roba vecchia ho ritrovato la mia vecchia stampante: un'Epson Stylus Color II. Era un tigre ai suo tempi. Forma non proprio aereodinamica, piùttosto quadrata, presenta un 5 pulsanti, uno per fermarla, un per metterla in pausa, uno per la pulizia delle testine che stampano nero, e uno per quelle a colori, ed un'ultimo pulsante per il caricamento/espulsione della carta. Non stampa ad altissime risoluzioni (ricordo che è una stamptante abastanza vecchia) e neanche la velocità è chissacchè, soprautto se si seglie di stampare ad alta risoluzione. Le catucce dell'inchistro sono due, una per i colori e una per il nero. Il cassettino della carta accoglie un massimo di 100 fogli, anche se conviene metterne di meno perchè altrimenti si rischia di mandare alla stampa più fogli contemporaneamente.ù L'ho provata sia su sistemi Unix che su quelli Microsoft, scaricando i Driver da internet, visto che quelli compresi nel dischetto supportano appena Win 98. Nel complesso non posso far altro che dire che sia una stampante mediocre, a bassi livelli, non consiglierei a nessuno di prenderla.

Creative Soundblaster Live 5.1 Platinum 11/09/2002

Efficente e potente

Creative Soundblaster Live 5.1 Platinum La Platinum 5.1 rappresenta secondo me una elle schede audio più buone presenti sul mercato, ottima qualità del suono, ricca di accessori, uscite digitale, insomma presenta tutto ciò di cui si ha bisogno. Abastanza difficile da installare per un principiante, infatti oltre alla scheda audio bisogna inserire anche il comodissimo frontalino che viene installato vicino al lettore CD, il frontalino è anche provvisto di porta IR in modo da permettere la comunicazione con il telecomando. La scheda presenta ben 6 uscite contando anche quella del joystick: 1 per il microfono, 1 digitale, 2 per l'output normale e l'altra... non ricordo.La qualità del suono è stupefacente, davvero da primato, il prezzo è relativamente eccellente visto la qualità dell'hardware. La consiglio a chiunque volgia spendere qualcosa per avere un ottimo driver sonoro, in grado di emulare in maniera particolarmente buona. Accelente anche nei giochi, sopratutto se si disponde di un impianto surround. Ricca la documentazione e i software dati con la scheda!

Epson Stylus C60 11/09/2002

Veloce e rumorosa...

Epson Stylus C60 Ho provato diverse volte questa stampante quando la mia era fuori uso. Ogni volta ne sono rimasto soddisfatto: un'ottima stampante per chi stampa amatorialmente, ma anche per chi fa grafica per lavoro. Qudricromica, stampa fino a 12 ppm in bianco e nero e 10 a colori. Buonissima la risoluzione a 2880x720 dpi, presenta 2 metodi di connessione al PC, uno tramite porta parallela(quello classico) e uno tramite USB (nuovo e più veloce nello scambio dati). Un piccolo problema è che contiene solo 2 cartuccie, una per il nero e una per i colori, il chè è una brutta grana poichè se finisce uno solo dei colori, bisogna sostituire tutta la cartuccia. Stampa su tanti diversi tipi di carta, e i driver sono supportati da quasi tutti i sistemi operativi (almeno quelli Microsoft, in ambiente Unix non ho mai avuto occasione di provarla). La consiglio a chi vuole spendere poco e ottenere dei risultati medio-alti.

Led Zeppelin IV (Digitally Remastered) - Led Zeppelin 07/09/2002

L'album per arrivare in paradiso...

Led Zeppelin IV (Digitally Remastered) - Led Zeppelin Bhè, qualche mese fa sn rimasto affascinato nel vedere tanti vecchi Cd dei mitici Led Zeppelin svenduti per pochi soldi, così ne ho aquistati un paio. Certamente tutti belli, ma quello che di più m ha incantato è il famoso "untilated" (senza nome, poi nomato "Led Zeppelin VI"), un'album spettacolare. Da molto tempo il Led Zeppelin cercavano la perfezione nella loro musica forse riuscirono a trovarla, il loro rock, a tratti blues, si scioglieva per creare melodie incantevoli, un misto di sensuoalità, grinta, potenza e dolcezza si condensavano dando vita ad una musicalità spettacolare. A marcare la bellezza di questa musica, si prestavano gli assordanti colpi di batteria, l'incantevole tastiera, la splendida voce di Robert Plant, ma forse più di tutto gli spettacolari assoli del mititco Jimmy Page: tecnica impressionante, dita velocissime che volavano sui meravigliosi manici delle Gibson a cui Page era molto legato. L'album inizia con una canzone straordinaria: Black Dog, un misto di distorsori, batteria e voce increibile, davvero incantevole! Poi si prosegue con Rock and Roll, questa è un canzone che riesce a trasportare la mia mente nei mitici anni 70', ascoltandola sembra di respiare l'atmosfera di quegli anni, ritmi straordinari. Si segue con Battle of Everymre, un canzone in cui chitarra e mandolino sembrano rincorrersi e fermarsi davanti alla maestosa voce di Plant. Poi c'è la canzone a mio avviso "perfetta", forse la più famosa: "stairway to heaven", non ...

Google.com 10/06/2002

Secondo me il migliore

Google.com cosa posso dire che non è già stato detto su google? sicuramente il migliore dei motori di ricerca, affidabile, veloce e molto legero dal punto in modo da poter esser visualizzato senza problemi anche da un semplice 33.6kb in pochissimi secondi. Arrivati nella home, il sito si presenta semplicissimo: non vi è altro che una grande immagine con scritto "google" che viene spesso aggiornata, e il campo in cui inserire le parole da cercare. Il risultato è immediato, devvero straordinario, pochissimi secondi, il tempo che si carichi la pagina e si ha a disposizione un'immenso archivio di siti, url, immagini e ogni cosa che si può desiderare, stupefacente! Si possono trovare siti di ogni lingua, e poi grazie alle ricerche avanzate non ci si perde in risultati troppo grandi. Insomma, io non posso far altro che consigliarvi di usare questo motore di ricerca per ogni tipo di sito che state cercando, dalle cosa più banali alle cose di massima importanza: c'è tutto!

Sony PlayStation 2 (PS2) 15/05/2002

Si poteva fare di meglio

Sony PlayStation 2 (PS2) Salve, ho appena finito di giocare con la mia bella Play2 ed allora ho deciso di buttare due parole per descrivere a voi cosa si prova ad averla. Io l'ho comprata a Dicembre 2001, era la migliore console in commercio e il prezzo ne è stato testimone, ho aperto la scatola e ho trovato il la console, 1 joystick e i soliti cavi di alimentazione e cavolate varie. Felicissimo la attacco alla TV e comincio a giocare, mi accorgo che la grafica è buona ma non a livelli da competere con l'X-Box, sicuramente si poteva fare di meglio, ma chissà perchè la Sony ha voluto limitare questa opzione. Bene, senza scoraggiarmi metto il mio bel giochino per Play2 ed ho la mia seconda sorpresa: come faccio a salvare??? provo la memory card della play1 ma non funziona, allora il giorno dopo vado al negozio con le bie belle 20000£ (ops volevo dire coi miei 10€) e gli chiedo una memory per la Play2, il commesso me la porge e mi dice: "Sono 48.36€!"... io sn diventato pallido e me ne sn andato... ma vi rendete conto??? una memory card costa 100000£=>50€, 1/6 di tutta la Play2.... mha!!! vabbè io non mi demoralizzo, e dopo qualche settimana ho abbastanza soldi per prendere la Memory... la compro, leggo le indicazioni sul retro della scatola e leggo una cosa del genere "la Memory card per Play2 non può essere usata con software di Play1"... cosa??????? ho appena speso 50€ e non posso salvare neanche i giochi della Play1???? Questa è stata una grossa pecca della Sony che avrebbe benissimo potuto ...

Sony PlayStation 1 (PS1) 11/12/2001

Forse la migliore

Sony PlayStation 1 (PS1) Scusate il titolo ma è quello che penso su questa mgnifica creazione: la Playstation. Non è il fatto stesso dei giochi o degli accessori che si fa portavoce della bellezza della Playstation, ma è l'innovazione che ha portato, a suo modo è stata una rivoluzione, si una piccola rivoluzione che ha stravolto anch'essa un mondo, il vastissimo mondo dei videogiochi. A suo tempo la Playstation era un ogetto per pochi, si quesi pochi che la conoscevano e se la potevano permettere, costavo quasi un milione o giù di lì ma giocarci a quell'epoca era un avvenimento da scriverci su un'articolo di giornale. La Play (se la posso chiamare così per abbreviare)è composta essenzialmente da 4 cose, una "scatoletta" rettangolare nella quale si inseriscono i CD e in cui è conservato l'hardware a 16 bit (o sbaglio?), poi c'è bisogno di almeno un joystick (magari analogico) e di due cavi, uno per l'alimentazione e una presa scart per la televisione (mi raccomando collegato bene i cavi). Una volta compiuta l'istallazione si è pronti per i giochi. Giochi per la Play se ne trovano dappertutto e ne esistono a milioni, fino all'anno scorso avunque ci si girava si trovava sempre qualcuno che vendeva giochi per Play era incredibile, la Play aveva raggiunto tutti grandi e piccini ormai aveva "conquistato il mondo" è una console troppo affascinante, e lo stesso vale per i suoi innumerevoli giochi che ribadisco sono reperibili OVUNQUE. Attualmente il prezzo della console si aggira sulle 200.000 e anche ...

mIRC 11/12/2001

Caro vecchio mIRC

mIRC Bhè, ci rivediamo. Stavolta ho voglia di parlarvi del caro vecchio mIRC, la base per chi vuole iniziare a chattare sul mondo di IRC. Dal mIRC sono poi nati molti altri script, che hanno cominciato a complicarsi con l'aggiunta di milioni di nuovi particolare, con i disegnini, oppure i war menù, bot menù e via dicendo, facendo diventare tutti un pò lamer. Il mIRC invece è bello perchè è semplice, ti da la possibilità di chattare in pace, di ricevere e inviare file, cosa vuoi fare di più? a cosa ti serve far cadere qualcuno? bho! cmq io mi limito a parlare del mIRC in se. Di solito il programma si scarica dal sito ufficiale: www.mirc.com, originale vero? una volta scaricato (la nuova vers. occupa 1.08 mg) si esegue il file di istallazione, che si presenta veloce, pratica e molto dinamica, insomma non da proprio problemi. Finita l'istallazione si può avviare il mIRC, e il primo problema lo si ha nella configurazione e nella connessione al server. Un novellino assoluto, non si saprebbe proprio muovere, allora vi darò io qualche consiglio. Come avrete notato, in alto ci sono molte icone, voi cliccate sulla seconda, in modo da impostare lo script. Una volta eseguito premete il pulsante ADD, che vi permetterà di inserire un nuovo server per la connessione, voi complilate la finestra così (non serve avere tin): Description: tin Server: irc.tin.it Port: 6667 oppure 5555 insomma una volta fatto questo sareste già pronti per chattare, ma manca ancora qualche particolare. ...

Linux (o GNU/Linux) 11/12/2001

Manrake Linux 8.1

Linux (o GNU/Linux) Io mi accingierò a parlarvi di Linux, però come sapete (almeno credo) non esiste un solo linux come per Windows (ble!!!), ma esistono varie ditribuzioni, infatti Linux è un prodotto free, il che dignifica libero da ogni licenza, di conseguenza lo si può prendere, modificare e poi redistribuirlo a piacimente. Questo ha permesso la nascita di vari sistemi linux che si adattano alle più svariate esigenze degli utenti, infatti esistono sistemi per principianti (mandrake è la migliore), sistemi intermedi (consiglio la SuSe) e poi sistemi avanzati molto più stabili e veloci ma molto complicati nella configurazione propria e degli hardware (il miglior sistema in assoluto è la Slakware). Io vi parlerò della Mandrake 8.1 il sistema che sto usando adesso per l'apprendimento dell'UNIX (la base del linux). La mandrake io l'ho presa per un semplice motivo: io ho un modem ADSL (speed touch USB) che è un casino da configurare in linux, e visto che nella Mandrake ea già configurato allora bhè, il gioco è fatto. Subito ho notato un problema della Mandrake: se nell'istallazione non di inseriscono gli indirizzi DNS, il programma per le connessioni non funziona, si blocca diventando tutto bianco, questo progiudica il prodotto che si è dimostrato molto semplice nell'istallazione. L'istallazione è abbastanza semplice, presenta un'interfaccia grafica facile da capire e da usare, molto colorata e anche bella esteticamente. Dopo aver selezionato la lingua, il mouse e altre scemenze del genere, il ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra