Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

vesponethebest

vesponethebest

Autori che si fidano di me: 314 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

capodanno Edimburgo 2018

Opinioni scritte

dal 11/04/2008

6032

Museo della Tortura, Volterra 30/11/2017

Il museo della tortura a Volterra

Museo della Tortura, Volterra Un museo che abbiamo avuto modo di visitare lo scorso sabato a Volterra è quello della Tortura, che si trova nel centro storico di questa città. L'ingresso da noi pagato in merito al biglietto è stato pari ad 8 euro, nel complesso accettabile, anche se per visitare il museo in questione non ci vuole chissà quanto tempo. All'interno ci sono vari reperti e testimonianze riguardanti proprio la tortura, qui si parla di storia, in particolare del periodo del Medioevo, dove senza ombra di dubbio Volterra ha avuto da dire la sua, visto che ebbe importanza nel triangolo Siena Firenze e Pisa. Fra i vari strumenti di tortura, ho potuto notare anche una ghigliottina, che richiama sicuramente il periodo della rivoluzione francese e la decapitazione del re Luigi XVI. Le sale del museo sono ben illuminate, in quei momenti abbiamo trovato diverse persone a visitarlo. L'indirizzo di riferimento è piazza XX Settembre a Volterra, il tutto è adatto per i turisti che intendono approfondire uno dei tanti aspetti di questa città d'arte della Toscana. Museo che a me è piaciuto molto, così come al mio amico di Genova che intendeva visitarlo per capire meglio della storia e del tema della tortura. Il giudizio da parte mia è eccellente e vi consiglio assolutamente di vederlo, vi aiuterà a capire tante cose. Mi dispiace che da domani tutto cambierà in negativo su ciao.it, un vero peccato, perché ero abituato da anni a questo sito che mi ha permesso di conoscere tanta ottima gente.

Palazzo dei Priori, Volterra 29/11/2017

Il palazzo dei Priori a Volterra

Palazzo dei Priori, Volterra Sabato scorso, sempre con l'amico di Genova, visitando la città di Volterra, abbiamo avuto modo di vedere sia dall'esterno che dall'interno il palazzo dei Priori, uno degli edifici più importanti di questa città, che si trova nella piazza omonima. E' tuttora adibito a sede del comune ed è l'edificio più datato della Toscana per ciò che riguarda i municipi. Il periodo di riferimento in merito alla sua costruzione è il XIII secolo e ci vollero diversi decenni affinché fosse concluso. Con il trascorrere dei secoli è stato più volte modificato, sino ad assumere quello che è l'aspetto attuale. Quando siamo entrati, abbiamo avuto modo di vedere al primo piano la Sala del Consiglio, una delle più importanti di questo sito che reputo fra i più interessanti di tutta Volterra. La sala in questione presente degli affreschi a dir poco eccezionali, motivo in più per vederla con molta attenzione. Gran parte di questi affreschi sono stati realizzati nel XIX secolo, solo uno invece verso la fine del XIV. Non abbiamo pagato nulla per entrare in questo palazzo dei Priori, che di regola è sempre aperto al pubblico durante le ore diurne. Si può considerare in poche parole il simbolo di Volterra, uno dei tanti motivi per visitare questa città etrusca a metà strada fra Siena e Pisa e non troppo lontana da Firenze, in posizione pittoresca su di un colle che in giornate limpide permette di vedere anche il mare Tirreno ed un po' di Corsica. Il giudizio da parte mia su questo tipo di edificio non ...

Ristorante Etruria, Volterra 27/11/2017

Il ristorante Etruria a Volterra

Ristorante Etruria, Volterra Sabato scorso, con l'amico di Genova, in occasione dell'ennesima tappa del Toscana tour, ci siamo diretti nella città di Volterra, in provincia di Pisa, comodamente raggiungibile da Siena, uscendo a Colle Val d'Elsa dalla superstrada Autopalio che proprio da Siena porta in direzione di Firenze. Abbiamo quindi deciso per il pranzo di andare presso il ristorante Etruria, sito nella centralissima piazza dei Priori dove c'è il palazzo dei Priori che abbiamo potuto visitare internamente. Il ristorante in questione è molto ben arredato all'interno ed elegante, con affreschi sul soffitto, ha soltanto una sala, comunque piuttosto grande e con un numero sufficiente di posti a sedere. Siamo entrati nel locale poco dopo la mezza e ci hanno portato immediatamente il menu, caratterizzato non soltanto dalla cucina tipica toscana, ma anche da alcune pietanze a base di pesce. Dopo alcuni minuti abbiamo scelto, da parte mia ho preso un tagliere del contadino, lo stesso raffigurato in foto, caratterizzato da diversi salumi, tutti toscani, veramente di qualità, proseguendo poi con un primo piatto a base di risotto ai funghi porcini, quindi le patate al forno con carne di agnello, la stessa che ha preso il mio amico dopo una pietanza a base di pappa con il pomodoro. Da bere, oltre l'acqua gassata, del vino rosso in garaffa, veramente straordinario, anche se c'era la possibilità di scegliere diversi vini toscani, dal Chianti al Brunello, che qui sono d'obbligo. Il conto alla fine diceva 56 ...

Vacanze di natale 91 (Dvd) 18/11/2017

Vacanze di Natale 91 in dvd

Vacanze di natale 91 (Dvd) Della serie, vacanze di Natale, i primi film di Boldi e De Sica, andati in onda dai primi anni 90, abbiamo qui Vacanze di Natale 91 con la regia di Enrico Oldoini, lo stesso delle serie iniziali di Don Matteo che seguirono anni dopo. Essendo comunque il periodo di riferimento che è il Natale, la vicenda non è ambientata in un posto di montagna del calibro di Cortina ma invece abbiamo uan cittadina delle vacanze montane svizzere quale è Saint Moritz, come è accaduto in altre pellicole simili. Il risultato quindi è il suscitare nello spettatore che si accinge a vedere questo film la sensazione di essere in mezzo alla neve e nell'ambito delle vacanze fra Natale e la fine dell'anno. Qui si alternano varie vicende, partendo dalla coppia Nino e Mimmo, composta da due attori niente male quali sono Nino Frassica e Andrea Roncato, il primo il maresciallo Cecchini di Don Matteo tuttora, il secondo compagno di merende di Gigi Sammarchi fra gli anni 80 e gli anni 90. Loro interpretano la parte di due omosessuali, almeno sino a che uno dei due ad un certo punto del film non punterà una donna, moglie di Nanni, il cui ruolo è di Massimo Boldi. C'è poi Leopoldo, ovvero Ezio Greggio, che ha una donna, ma il fantasma dell'ex moglie in taluni momenti lo perseguita di continuo. Christian De Sica è nel ruolo di Enzo, infine c'è Giuliana, cioé Ornella Muti, che vuole evitare a tutti i costi suo padre Sabino, che è Alberto Sordi, in servizio presso l'hotel dove si svolge la trama del film. Un ...

subito.it 15/11/2017

Il sito di subito.it

subito.it Uno dei più grandi portali di annunci online è rappresentato senza ombra di dubbio da subito.it, lo conosco da diversi anni e talvolta me ne sono servito. Nel complesso risulta essere organizzato bene e la velocità e i tempi di caricamento sono accettabili, niente male nemmeno l'interfaccia ed il design, l'utilità c'è, anche perché, pubblicando un determinato annuncio con tanto di foto dell'oggetto che si vorrebbe vendere, allora ci sono molte più possibilità di poter trovare acquirenti. Uno svantaggio che vorrei evidenziare, sempre per il fatto di comprare oggetti messi sugli annunci, è il fatto che su alcuni di essi vi sia riportata la dizione "no spedizione". Se si abita nella stessa città, ci può stare, basta andare a prendere l'oggetto presso l'indirizzo indicato, ma se per esempio io fossi interessato e abitassi altrove, se non c'è la spedizione, che devo fare? Una cosa che mi ha fatto pensare sinceramente. In questi anni, ho avuto modo di mettere qualche annuncio su subito.it e debbo dire che alla lunga si viene contattati dagli acquirenti, ho venduto ad esempio qualche vecchio modem. Il funzionamento dell'annuncio però, per ovvi motivi, lascia un poco a desiderare qualora dovesse trattarsi di una ricerca di lavoro, con i tempi che corrono, è sempre più difficile trovare un impiego che possa ampiamente soddisfare quelle che sono le proprie aspettative. La qualità del servizio in generale la posso definire buona e l'offerta in questione conviene eccome. Il giudizio da ...

it.toluna.com 10/11/2017

Da dimenticare

it.toluna.com Dico solo che il sito di toluna, secondo il mio punto di vista, sia totalmente da dimenticare, ragione per cui la mia esperienza non è stata positiva per nulla. Mi sono iscritto alcuni anni fa, vedendo qualche opinione qui su ciao.it, sperando di ricavare un guadagno extra attraverso i sondaggi, ma così non è stato. Innanzitutto vorrei far presente il fatto che, dopo aver fatto la procedura di iscrizione, ho provato a fare alcuni sondaggi, ma puntualmente il sistema non me li faceva finire, di conseguenza non riuscivo ad accumulare abbastanza punti per poter sperare almeno un minimo di avvicinarmi al payout, ossia la soglia di pagamento e magari prendere qualche soldino. Premetto poi che il sito in questione non è che paghi chissà quanto ed allora non vale proprio la pena iscriversi al medesimo, con tutto ciò che ne consegue. Direi dunque che questo sito lascia a desiderare, nonostante la velocità e i tempi di caricamento siano buoni, ma sono invece scadenti sia la qualità del servizio che la convenienza dell'offerta, discreti invece sia l'interfaccia che il design così come l'aggiornamento. Posso dunque dare un giudizio mediocre nel complesso su toluna, che in un certo senso è uno dei più noti siti per quel che riguarda il settore dei sondaggi, mi sento abbastanza deluso, in tutto e per tutto e per tale motivo non lo vorrei consigliare nella maniera più assoluta, alla prossima dunque.

Lo chiamavano Trinità 05/11/2017

Il film Lo chiamavano Trinità

Lo chiamavano Trinità Non mi stanco mai di rivedere questo film che di fatto ha decretato il successo della coppia formata da Bud Spencer e Terence Hill. Il tutto è uscito nel molto lontano 1970 e la regia è di E. B. Clucher, regista che ha poi diretto i due nel seguito di Trinità e poi nella pellicola I due superpiedi quasi piatti e Nati con la camicia. Bud Spencer e Terence Hill riescono ancora a divertire con questo lungometraggio caratterizzato da diverse scazzottate, in questo caso contro la banda del maggiore che vuole scacciare i mormoni dalla valle e poi l'altra banda di Mescal, il messicano interpretato da Remo Capitani che ha fatto storia con la nota musichetta. Terence Hill è nel ruolo di Trinità e giunge nel villaggio dove Bambino, ossia Bud Spencer è diventato sceriffo in un modo non certo lecito e si ritroveranno di fatto ad aiutare la comunità di mormoni minacciata dalla banda del maggiore, questi ultimi sono da sempre contrari alla violenza. Trinità è ancora oggi un film di successo per la sua celebre colonna sonora caratterizzata dal fischio di Alessandro Alessandroni, scomparso di recente, che ha contribuito anche a rendere unici Per un pugno di dollari e Per qualche dollaro in più, sempre in fatto di colonne sonore, fischiando nelle scene iniziali. Molte scene del film sono rimaste uniche, si pensi a quando Terence Hill mangia tutti quei fagioli nella prima parte, oppure alla scazzottata nel saloon e poi tante altre come quando Mescal tenta di prendere a pugni Bud Spencer ...

Sbirro, la tua legge è lenta... la mia no! (Stelvio Massi - Italia 1979) 02/11/2017

Film con Maurizio Merli

Sbirro, la tua legge è lenta... la mia no! (Stelvio Massi - Italia 1979) Senza dubbio si tratta di un film piuttosto datato ma meritevole di essere visto, in quanto ci sono attori di un certo calibro che da tempo non sono più fra noi. Penso per esempio al protagonista Maurizio Merli, stroncato da un infarto a 49 anni nel lontano 1989 mentre giocava a tennis, il quale interpreta il ruolo del commissario, in questo caso Ferro, che ha decretato il suo successo negli anni 70, contrapponendolo in qualche circostanza al compianto Tomas Milian. Proprio lui verrà richiamato in Italia direttamente da Parigi, per indagare su una serie di omicidi sui quali ci sarebbe molto probabilmente l'ombra della mafia. Si farà quindi aiutare da un ex boss mafioso, ossia Don Alfonso, che da sempre ha grande stima e rispetto di lui, nel frattempo, ci sarà un sospettato per eccellenza, ossia Raffaele Acampora, interpretato da Mario Merola, altro attore scomparso da circa un decennio, proprietario di una catena di ristoranti in quel di Milano. Proprio quest'ultimo si salverà per miracolo da un attentato. Per Ferro le indagini non sono facili, considerando che avrà anche a che fare con il nipote Stefano, coinvolto in un losco giro di sostanze stupefacenti. Detto ruolo è interpretato da un giovane Massimo Dapporto, che ad un certo punto del film tenterà senza successo di far fuori lo stesso zio. Come finirà questo film? Non resta che vederlo. Di sicuro ci sono scene di violenza, essendo un poliziesco, ma non c'è tempo per annoiarsi, perché imprevisti e colpi di scena sono ...

Il Casinista (Dvd) 29/10/2017

Dvd Il casinista

Il Casinista (Dvd) Di recente, con l'amico solito, ho visto il film Il casinista, del 1980, con la regia di Pier Francesco Pingitore, il protagonista di turno è l'attore Pippo Franco, che tempo fa ho avuto modo di rivedere in televisione, durante una delle puntate della trasmissione Le identità nascoste condotta da Amadeus. Ora faccio una sintesi della trama, Pippo Franco interpreta l'attore Caciotta che vorrebbe in un modo o nell'altro fare carriera. C'è Poldo, ossia suo cognato, interpretato da Bombolo che gli dà una mano, tenuto conto del fatto che il suo superiore ha tutta l'intenzione di rinnovare il repertorio dello stesso Caciotta. Sia quest'ultimo che Poldo gireranno la città per trovare qualcosa di innovativo, anche se comunque Caciotta si caccerà ben presto in situazioni difficili, come ad esempio il fatto di dover salire su un ring per affrontare un tipo con un fisico impressionante, poi finire in galera dopo essere passato per l'ospedale e ritrovarsi a che fare in seguito con dei terroristi della Palestina. Come finirà il tutto? Guardare il film per scoprirlo. Quando di solito si ha a che fare con dei film di Pippo Franco, si ha la garanzia di poter vedere delle commedie molto divertenti e con un tasso di comicità molto alto. Niente male il cast di attori, abbiamo personaggi del calibro di Renzo Montagnani, scomparso ormai venti anni fa, Bombolo, scomparso addirittura trent'anni fa, quindi Enzo Cannavale, pure lui passato a miglior vita da qualche anno, Sal Borgese ed Ennio ...

Passo della Consuma, Consuma 26/10/2017

Il passo della Consuma in Toscana

Passo della Consuma, Consuma Sabato scorso, dopo aver pranzato presso il ristorante Il Tirabusciò di Bibbiena, io e l'amico di Genova siamo ripartiti in direzione Montecatini Terme e, per l'occasione, abbiamo fatto il passo della Consuma, che collega il Casentino con la zona di Firenze e Pontassieve, evitando così di retrocedere ad Arezzo attraverso la statale 71 e risparmiando così il pezzo di autostrada da questa città a Firenze sud. Il passo in questione riguarda il Pratomagno, catena montuosa posta fra il Casentino ed il Valdarno ed è a 1050 metri sul mare, attraversato dalla strada statale 70 detta della Consuma che inizia proprio a Bibbiena, passando per Poppi, borgo famoso per il castello dei conti Guidi. La strada ha diverse curve, pendenze e tornanti prima di arrivare al passo in direzione Firenze, attraversando diversi paesi e con dei panorami davvero unici sui rilievi circostanti, che non abbiamo potuto vedere comunque in pieno, in quanto il tempo era un po' nuvoloso, cosa che accade piuttosto regolarmente in zone di montagna. Durante il tragitto verso il passo, prima di scendere verso Pontassieve e Firenze, abbiamo visto sfrecciare, spesso a velocità sostenuta, alcuni motociciclisti, che spesso e volentieri affrontano questo passo ed è adatto proprio per questi ultimi. Farlo in auto di certo è una cosa diversa e certe curve possono far venire il mal di testa, a parte questo, tutto è andato per il meglio e dopo mezz'ora circa aver superato il valico, abbiamo preso l'autostrada A1 a Firenze ...

Il Tirabusciò, Bibbiena 23/10/2017

Discreto ristorante al centro di Bibbiena

Il Tirabusciò, Bibbiena Sabato, con l'amico di Genova, siamo stati in escursione a Bibbiena, città in provincia di Arezzo situata nel Casentino e con l'occasione, ci siamo diretti per il pranzo al ristorante Il Tirabusciò che si trovan el centro storico. Siamo entrati nel locale in questione poco dopo la mezza, all'interno è ben arredato e con qualche mobile d'epoca. Tale ristorante è abbastanza piccolo e con sole due stanze, per un totale di ben 27 posti a sedere, in caso di forte affluenza, specie la sera a cena è difficile trovare posto. Le specialità che vanno forte qui sono della cucina tipica toscana. Una volta accomodati su un tavolo a due, ci hanno portato il menu che abbiamo consultato con attenzione. Alla fine io ho optato per gli gnocchi a base di crema di burro e tartufo, per poi proseguire con una bistecca alla fiorentina e le patate al forno. Il mio amico si è preso i ravioli al ragù di cinghiale e pure lui la bistecca alla fiorentina, più l'insalata. Come bevande, una bottiglia di acqua gassata ed un vino Chianti rosso di ottima qualità. Alla fine abbiamo speso 41 euro a testa, un rapporto fra qualità e prezzo equilibrato, considerando che il locale nel complesso è valido e di un livello molto alto. Il personale a mio avviso molto professionale, non abbiamo atteso poi così tanto fra una pietanza e l'altra. Direi che questo posto, se si è dalle parti di Bibbiena è da tenere assolutamente in considerazione, il giudizio da parte mia è eccellente, in Toscana si mangia benissimo ed Il ...

Neutro Roberts Bagnoschiuma Ritual Relax 18/10/2017

Un bagnoschiuma perfetto per il relax

Neutro Roberts Bagnoschiuma Ritual Relax Cosa ci sta di meglio di un bagno schiuma Neutro Roberts Ritual Relax dopo una giornata piuttosto intensa? Niente se non questo. In certi periodi, sia in estate che in inverno ho avuto modo di provarlo e mi ci sono trovato piuttosto bene. Lo trovo in quasi tutti i supermercati ed in certi casi cerco anche di approfittare di quelle che sono le offerte, anche perché voglio sempre e comunque tenere conto del rapporto fra qualità e prezzo, che qui è competitivo. Unico svantaggio da rilevare è il fatto che il prodotto in questione presenta un inci che non è eccezionale, alcuni pallini rossi si trovano, però non è nocivo per la pelle, sebbene sia necessario usarlo con la dovuta parsimonia. Ogni volta che apro il flacone, il cui design per me è unico, sento un profumo veramente intenso e che sa di relax, come il nome stesso, tale bagno schiuma è adatto non solo per la doccia, ma anche per un bagno in vasca, che come seconda soluzione è decisamente la migliore in assoluto. Questo tipo di bagno schiuma dà poi come garanzia il fatto che non sia testato sugli animali e dal punto di vista della sicurezza non è poco. Per quanto riguarda invece i tipi di pelle, posso semplicemente dire che è adatto un po' per tutti, ma nel mio caso ho potuto trovare dei benefici in particolar modo per la pelle secca, specie quando ci sono alcuni mesi dell'anno che mi capita di avere inconvenienti come la psoriasi oppure l'eczema che induce non poco a grattarsi con tutto ciò che ne consegue. Neutro ...

Neutro Roberts Doccia Shampoo Active Protection 17/10/2017

Non male come shampoo doccia

Neutro Roberts Doccia Shampoo Active Protection E' sempre bene, quando se ne ha la possibilità, acquistare quel prodotto che è di fatto due prodotti in uno. E' il caso infatti del Neutro Roberts Doccia Shampoo Active Protection, dall'ottimo rapporto fra la qualità ed il prezzo, nonché dalla facile reperibilità. Riesce a dare veramente degli ottimi risultati, essendo efficace al massimo sin dai primi giorni di utilizzo. La sua doppia funzione sia di shampoo che bagno doccia, riesce a far sì che la pelle possa essere preservata da tutti quei mali che sono rappresentati dall'eccessiva secchezza o problemi come eczemi e psoriasi, come nel mio caso. Se si parla invece dei capelli, vengono per così dire resi lucenti e splendenti dal prodotto che li nutre come non mai. Di certo il problema della forfora viene soltanto attenuato, ma non risolto del tutto. Ciò che apprezzo molto di questo Neutro Roberts, è il suo profumo veramente inebriante, coinvolgente, che spesso tende a diffondersi anche negli ambienti circostanti, tant'è che qualcuno lo avrebbe ritenuto eccessivo, anche se io personalmente non sono di tale avviso, perché comunque è molto gradevole. Non risulta nessun test sugli animali e questo vantaggio non è da poco. Lo compro periodicamente al supermercato, specie quando è in offerta, il rapporto fra qualità e prezzo lo posso definire nel complesso accettabile. In merito agli svantaggi, posso dire che se volete sbarazzarvi della forfora, questo shampoo, che è comunque anche un bagno doccia, non è proprio l'ideale e per ...

Chissà perchè... capitano tutte a me (Dvd) 13/10/2017

Chissà perché capitano tutte a me, film indimenticabile

Chissà perchè... capitano tutte a me (Dvd) Lo ammetto, ho grande nostalgia di Bud Spencer, la sua scomparsa ha lasciato un grande vuoto e di tanto in tanto mi garba rivedere i suoi film, non solo con Terence Hill, ma anche quelli dove lui figura senza il suo amico. E' il caso di Chissà perchè capitano tutte a me, il degno seguito di Uno sceriffo extraterrestre poco extra e molto terrestre, girato nel molto lontano 1980 sempre dal regista Michele Lupo, ancora una volta le ambientazioni sono in America, ma il tema riguarda gli extraterrestri e ritroviamo ancora una volta il bambino nel ruolo di H 7 25. Ora una sintesi della trama, Bud Spencer è sempre il solito sceriffo con H 7 25, che dapprima accetta un incarico presso la cittadina di Monroe, dove c'è anche lo speaker della radio locale Ferruccio Amendola. Qui avrà a che fare con la malavita locale, nonché con l'esercito che vuole rapire il bambino a tutti i costi. Sconfitti entrambi i nemici, una nuova minaccia c'è all'orizzonte, ossia un alieno pericoloso che vorrebbe agire sulla volontà delle persone. Lo sceriffo dapprima esita, ma poi si mette in azione, specie quando H 7 25 correrà seri pericoli. Ancora una volta un film divertente e con tante scazzottate quando si tratta di Bud Spencer. La colonna sonora, indimenticabile come sempre è dei fratelli Guido e Maurizio De Angelis, più vivace rispetto a quella del precedente film e degna di essere ascoltata. Come ho accennato prima, nel cast figura anche l'indimenticabile Ferruccio Amendola, grande doppiatore di ...

Poliziotto superpiù 12/10/2017

Il film Poliziotto superpiù

Poliziotto superpiù Un film il cui genere è misto a commedia e fantascienza, il protagonista di turno è Terence Hill, senza però al suo fianco Bud Spencer. La regia è di Sergio Corbucci, siamo nel molto lontano 1980 e l'attore che attualmente recita su Don Matteo interpreta l'agente di polizia Dave Speed che all'improvviso si ritroverà, senza rendersi conto, dotato di super poteri, visto e considerato che nella fase iniziale del film si è verificata un'esplosione atomica che glieli ha di fatto procurati. Questi super poteri però in talune circostanze non hanno effetto, considerando che gli stessi lo agevolerebbero non poco sul lavoro che svolge, senza contare il fatto che il suo superiore, ossia il sergente Dunlop, interpretato dall'indimenticabile Ernest Borgnine, non crede che lui abbia detti poteri. La spiegazione è comunque semplice, non appena l'agente Speed vede qualsiasi cosa che sia di colore rosso, non può utilizzare i poteri in questione, questo lo scoprirà grazie ad un vecchio che un tempo ebbe pure lui questi poteri. Nel frattempo, Speed avrà a che fare con una banda di falsari senza scrupoli, a cui capo vi è mister Torpedo. Detta banda darà filo da torcere sia a Speed che a Dunlop, come finirà il tutto? Guardare il film per scoprirlo. L'eccellente colonna sonora è composta dal gruppo The Oceans, ossia Carmelo e Michelangelo La Bionda, una delle migliori in assoluto per quel che riguarda i film girati da Bud Spencer e Terence Hill, sia in coppia che da soli come nel caso di Terence ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra