Isola di Ponza, Ponza (LT)

Immagini della community

Isola di Ponza, Ponza (LT)

> Vedi le caratteristiche

84% positiva

34 opinioni degli utenti

Opinione su "Isola di Ponza, Ponza (LT)"

pubblicata 19/08/2017 | Alessia00Ma
Iscritto da : 04/12/2014
Opinioni : 67
Fiducie ricevute : 37
Su di me :
Complimenti per le valutazioni completamente a caso!
Buono
Vantaggi -
Svantaggi -
Eccellente
Bellezze naturali
Ospitalitá
Attrazioni
Gastronomia
Efficienza trasporti pubblici

"Un'isola stupenda"

Isola di Ponza, Ponza (LT)

Isola di Ponza, Ponza (LT)

Premessa

Di solito, d'estate, preferisco scegliere come destinazione per le mie vacanze una città da visitare, non amo molto il mare, principalmente perché bisogna trascorrere ore e ore in viaggio per trovare un mare ed una spiaggia che siano puliti. Quest'anno è andata diversamente, non appena è finita la scuola infatti, insieme ad un gruppetto di amici, mi sono organizzata per trascorrere una decina di giorni sull'isola di Ponza.
Avendo un amico residente lì non abbiamo dovuto affittare una stanza in albergo, abbiamo dovuto prenotare soltanto i mezzi di trasporto che ci hanno permesso di arrivare all'isola.

La partenza

Siamo partiti il 12 giugno da Napoli. Purtroppo non è disponibile, nei mesi di bassa stagione una nave diretta per l'isola di Ponza. L'unica nave disponibile parte dal porto di Formia, nel Lazio. Abbiamo quindi preso prima un treno dalla stazione di Napoli Centrale che ci ha portati direttamente a Formia. Purtroppo il treno è arrivato in ritardo di circa un'ora e mezza, ma abbiamo avuto la fortuna di arrivare in tempo per prendere la nave dal porto di Formia.

Abbiamo scelto un treno piuttosto economico che per soli 5€ ci ha portati alla nostra destinazione in poco meno di due ore.

Arrivati a Formia abbiamo fatto una breve sosta al McDonald's situato nelle vicinanze della stazione. Non molto dopo ci siamo recati al porto dove la nostra nave era attraccata.
Abbiamo preso la nave Don Francesco della Laziomar , la principale compagnia di navigazione che gestisce i trasporti di persone e merci dalla terraferma alle isole Pontine .

Il costo del biglietto di andata è stato di 17,50€, leggermente maggiore rispetto al prezzo del biglietto di ritorno poiché è inserita una tassa di sbarco.

Il viaggio è stato piuttosto lungo, ci son volute all'incirca tre ore per raggiungere il porto di Ponza. Per fortuna il mare era calmo, altrimenti il mio mal di mare si sarebbe fatto sentire. Bella la nave, molto pulita, i sedili erano comodi ed è addirittura presente un bar. Purtroppo la Don Francesco è una nave chiusa, sarebbe stato bello poter osservare il panorama.

Isola di Ponza: un po' di geografia

Ponza è la più grande delle isole Pontine (o Ponziane) e si trova nel Mar Tirreno. Appartiene alla provincia di Latina, nel Lazio.

L'isola è piccolissima: ha una superficie di appena 7,5 chilometri quadrati . Numerosi sono i rilievi montuosi che sovrastano l'isola.
Data la sua origine vulcanica, le spiagge sono per lo più rocciose e frastagliate, caratterizzate anche dalla presenza di grotte sottomarine e scogliere.


Isola di Ponza: la mia vacanza

Appena siamo arrivati sull'isola ci siamo recati da uno dei bar situati nel porto, i prezzi erano un po' alti ma la qualità del servizio e dei prodotti era buona.
Dopo esserci riposati un po' dal lungo viaggio, siamo andati a casa a sistemare i bagagli.
La sera siamo tornati al porto, dove si concentra la vita dell'isola. Il porto è colmo di negozi di souvenir, prodotti tipici del luogo, vestiti, alimentari e molto altro, per non parlare dei bar e dei ristoranti. Purtroppo però è tutto limitato a quell'unica zona, il resto dell'isola presenta solamente abitazioni e qualche ristorante.
Abbiamo comunque trascorso la serata ad esplorare un po' la prima parte dell'isola, avendo l'occasione di provare anche il servizio di trasporto pubblico che si è rivelato piuttosto scadente: ogni corsa costa 1,50€ per i non residenti, 1€ per i residenti, gli autobus sono davvero piccoli e passano molto, molto raramente.

Dato che era per noi l'unico modo per spostarci è stato davvero un grande difetto, tant'è che alla fine abbiamo preferito camminare nonostante la strada fosse tutt'altro che piacevole.

Il giorno successivo siamo andati ad una delle spiagge a mio parere più belle di tutta l'isola: Frontone . Arrivarci non è stato per nulla semplice, ci siam dovuti arrampicare sugli scogli per raggiungere la spiaggia più isolata e tranquilla, ma ne è valsa la pena. Acqua talmente cristallina che sembrava che le barche fluttuassero, mai visto un mare così limpido, calmo e pulito. Davvero uno spettacolo. Dopo qualche ora e qualche altra arrampicata ci siamo spostati alla parte più affollata della spiaggia del Frontone, il lato sabbioso. Bella spiaggia, ma non al livello dell'altra. Questa parte del Frontone è infatti invasa dalle barche che rendono l'atmosfera meno piacevole.

La sera siamo poi tornati alla zona viva dell'isola, il porto, e ci siam fermati a mangiare in uno dei tanti ristoranti del luogo. Abbiamo fatto l'errore di scegliere una pizzeria, La Scogliera. Prezzi altissimi, pizza che non era neanche lontanamente paragonabile a quella partenopea. La cosa che più ci ha stupiti è stato il costo di una margherita, che si aggirava sui dieci euro. Abbiamo passato lì la serata, mentre cominciavano ad apparire le prime luminarie e decorazioni in onore del santo patrono San Silverio che sarebbe stato festeggiato a breve.

Il giorno successivo abbiamo scelto un'altra spiaggia da visitare, questa volta più vicina ed accessibile: Giancos . E' l'unica spiaggia che si può raggiungere facilmente ed è anche la più piccola dell'isola. Molto carina, ma non caratteristica come le altre. L'acqua era sempre pulitissima nonostante fosse vicinissima al porto.
Nella stessa giornata abbiamo anche scalato una montagna, da cui era possible osservare uno spettacolare panorama.

La sera siamo tornati al porto, ormai una destinazione di routine.

Nei giorni successivi abbiamo esplorato le altre principali spiagge dell'isola.
Abbiamo visitato Cala Fonte , altra bellissima spiaggia ma davvero scomoda da raggiungere. Acqua come sempre pulitissima, ma date le numerose grotte sottomarine "infestata" dalle murene, animali che è meglio non incontrare.
Da Cala Fonte è possibile osservare in lontananza l'isola di Palmarola, che purtroppo non abbiamo avuto l'occasione di visitare.

Abbiamo poi trascorso una giornata alle Piscine, così denominate perché le numerose grotte presenti vanno a creare delle vere e proprie vasche.

Probabilmente le Piscine sono la destinazione prediletta dai turisti per la vista spettacolare e per la caratteristica conformazione della spiaggia.
Caratteristico delle Piscine è anche l' Amo Ponza, una sporgenza alta circa 21 metri da cui, chi ne ha il coraggio, si tuffa gridando Amo Ponza.

Abbiamo poi visitato le calette di Cala Gaetano e, se ben ricordo, Cala Feola . Calette molto belle ma non suggestive come le Piscine o Calafonte.

Abbiamo avuto anche la possibilità di visitare la caletta di Chiaia di Luna in barca e dall'alto al tramonto. Purtroppo è una spiaggia che è stata chiusa dopo un incidente che ha causato la morte di diverse persone, quindi non è possibile starci.

Comunque, anche dall'alto offre un panorama spettacolare, al tramonto è davvero imperdibile.

Imperdibile anche il tramonto su Palmarola che si può osservare in un determinato punto dell'isola, facilmente raggiungibile sia a piedi che in macchina o con l'autobus.

L'ultimo giorno della nostra vacanza, il 20 giugno, lo abbiamo trascorso interamente in barca. Siamo stati così capaci di vedere alcune meraviglie dell'isola raggiungibili solo via mare, tra cui numerose grotte, uno spettacolare arco naturale e la già citata caletta Chiaia di Luna.

Il 20 giugno è un giorno speciale per l'isola di Ponza: si festeggia infatti il santo Patrono San Silverio. I festeggiamenti si concentrano al porto. La giornata inizia con un'affascinante processione di barche e navi, che si ritrovano in un punto del porto e partono tutte assieme intorno all'una del pomeriggio. Noi ci siamo ritrovati a far parte della processione, è stato davvero un bell'evento.

Dopo aver fatto un lungo giro in barca per tutta la costa dell'isola, siamo tornati sulla terraferma e abbiamo trascorso, come da routine, la serata, o meglio la nottata, al porto. Abbiamo fatto qualche giro per gli stand montati in occasione della festa patronale e cenato nella piazza. Ci siamo poi fermati in un bar, attendendo lo spettacolo di fuochi d'artificio programmato per l'una di notte.

Arrivata la mezza siamo andati in cerca di un luogo da cui poter ammirare al meglio i fuochi d'artificio: abbiamo optato per salire sulle barche poste proprio di fronte al luogo da cui i fuochi sarebbero stati lanciati.

Uno spettacolo indimenticabile, fuochi sparati a tempo di musica in un panorama da togliere il fiato.

Il viaggio di ritorno

Il 21 giugno, purtroppo, siamo dovuti ripartire per Napoli. Abbiamo preso la nave dal porto di Ponza, stavolta la Tetide, che offre uno spazio aperto sulla parte superiore.

Il biglietto di ritorno ci è costato 15 euro. Dal porto di Formia a Napoli siamo tornati in macchina, a causa di uno spiacevole incidente accaduto alla stazione di Formia.

Cosa ne penso di Ponza?

La mia vacanza a Ponza è stata davvero bella. L'isola è ricca di bellezze naturali, con le sue caratteristiche grotte sottomarine e le montagne. Ci sono anche diversi luoghi interessanti dal punto di vista culturale, che però non ho avuto modo di visitare.
Ci sono però dei lati negativi dell'isola. Prima di tutto, i prezzi sono davvero troppo alti, sia quelli dei ristoranti che sono però giustificati dalla bellezza del paesaggio che si può ammirare, che quelli dei supermercati che hanno prezzi sbilanciati. Per quanto riguarda i prezzi degli alloggi non so dirvi se siano costosi o meno, ma da quel che ho visto navigando su internet i prezzi sono nella media.

Altro aspetto negativo è l'efficienza dei trasporti pubblici, non mi aspettavo fossero così scadenti.

Non si può offrire un servizio del genere ad una località turistica: autobus sempre strapieni, d'altronde più che autobus sono furgoni con meno di dieci posti a disposizione per i passeggeri.
Inoltre c'è solo un autobus per ogni destinazione, quindi prima che compia il giro completo ci impiega una mezz'ora abbondante.
Per fortuna abbiamo potuto fare a meno del pullman, tranne in alcune occasioni in cui era inevitabile.

Comunque secondo me Ponza è un'isola da visitare , offre panorami mozzafiato e il mare è spettacolare, persino nella zona del porto l'acqua è cristallina. Mai visto un mare così pulito, neanche in altre località marittime più rinomate d'Italia.

L'isola è ben organizzata e ben tenuta nella parte bassa, nella parte più alta è un po' più abbandonata, ma, d'altronde, è costituita principalmente da campi e terreni.

In conclusione, se non avete ancora avuto modo di visitare Ponza, fatelo e non ve ne pentirete!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 260 volte e valutata
95% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Pacman1984 pubblicata 06/10/2017
    eccellente,complimenti.
  • flyzmarco pubblicata 18/09/2017
    Complimenti!!
  • Kratosby pubblicata 15/09/2017
    Complimenti per il diamante
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Isola di Ponza, Ponza (LT)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 12/03/2003