Kawasaki Brute Force 750 i

Immagini della community

Kawasaki Brute Force 750 i

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

1 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Kawasaki Brute Force 750 i"

pubblicata 25/11/2010 | jacopoBG
Iscritto da : 30/11/-0001
Opinioni : 61
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Buono
Vantaggi Versatilità, potenza, prestazioni
Svantaggi freni, sospensioni
Eccellente
Qualità del veicolo
Affidabilità su strada
Qualità di guida
Prestazioni
Assistenza

"Un quad per uso professionale e non per il divertimento"

Kawasaki Brute Force 750 i

Kawasaki Brute Force 750 i

Con la nuova stagione sciistica il soccorso in montagna (di cui sono volontario) si è attrezzato anche con nuovi mezzi per far fronte al crescente numero di escursionisti e quindi di difficoltà in quota a cui far fronte. Quest'anno l'ultimo arrivato nel parco mezzi è un quad, un Kawasaki Brute Force 750i. Visto che faccio parte del personale "motoristi" (i volontari si suddividono in motoristi, cercatori, arrampicatori, sanitari, paramedici) mi è stato quasi subito chiesto di familiarizzare con il nuovo mezzo di soccorso.

Prima di parlarvi della prova però, a beneficio di coloro i quali non hanno grande dimestichezza con questo tipo di veicoli vorrei spendere qualche parole per inquadrarli meglio e spiegarne le caratteristiche in modo da rendere più utile e chiara la mia recensione della prova sul mezzo:
Il quad generalmente viene definito erroneamente una moto a 4 ruote ma io direi invece che ha tre caratteristiche:

A- un diverso metodo di guida rispetto a moto e automobili;
B- una grandissima versatilità in fuori strada anche in condizioni estreme;
C- il quad non molla dove anche una moto da enduro si impantana;

Come avrete capito, il quad è studiato prevalentemente per affrontare fuoristrada, e a seconda della caparbietà con cui lo si conduce (e del modello ovviamente), può regalare emozioni dalle più tranquille e serene alle più infami ed estreme a discapito dei disinformati che lo considerano una moto per chi non sa stare in equilibrio, il quad in molte situazioni dimostra una superiorità incredibile, dove tutti gli altri motori si fermano.
Esistono modelli 2x4 e 4x4 o anche ambedue i sistemi congiunti. 
I primi si differenziano dagli altri prevalentemente per una linea sportiva, più scattanti ed aggressivi ma molto meno performanti su terreni difficili.

Gli altri modelli chiamati in gergo "utility" presentano generalmente notevoli dimensioni e peso capaci di trasportare non solo guidatore e passeggero, ma anche vari oggetti e bagagli, ad esempio una tanica di benzina e qualche zainetto extra, grazie ad appositi portapacchi. I 4x4 si contraddistinguono anche per la loro notevole capacità rispetto agli altri di superare con grazia e poche rogne fondi in cui gli altri hanno difficoltà, come estese e profonde fangaie , profondi e vischiosi guadi, terreni innevati, ghiacciai e pendenze ghiacciate o rocciose.

La guida del quad è abbastanza impegnativa, e differente tra i vari tipi in commercio: la categoria prevalente è il quad monomarcia, il più facile; sicuramente più diffuso dei mezzi con cambio a pedale (come quello delle moto). I primi solitamente presentano una leva che imposta rapporti ridotti, per superare grossi ostacoli o pendenze notevoli, lunghi, per una maggiore velocità nei tratti non troppo impegnativi... e ovviamente retromarcia! Mentre invece sui fratellone a marce è il pilota a condurre il mezzo secondo il suo giudizio: sicuramente se stai affrontando una pendenza di 45°, non potrai tentare di salirci in quarta ! Nelle curve, ambedue i mezzi hanno bisogno di forza nello sterzo, e sicuramente di un aiuto da parte del pilota che dovrà spostare il proprio peso in modo da bilanciarla. Siccome in questo il differenziale posteriore manca, una ruota tende a derapare [o a sgommare, su asfalto] molto più rispetto all'altra, ed in questo modo rende possibile la curva. Insomma, quando un quad gira, si presenta inizialmente come un mezzo sottosterzante, per poi diventare sovrasterzante quindi bisogna starci molto attenti soprattutto su asfalto. Siccome l'aderenza è massima, capita a volte, a seconda dell'angolo di curva, che le ruote interne ad essa si alzino. una volta che si impara a gestirlo, diventa un bel trick !

Veniamo ora alla mia personale prova del Kawasaki Brute Force 750i. Alla partenza il quad segnava 3154 km, all’arrivo 3212 km. Il mio test e’ stato effettuato su terreno fangoso e fortemente innevato, passando da una consistenza piu’ dura tipica della montagna, ad un terreno molle e scivoloso tipico delle zone fluviali. Per completare la prova sono andato anche su neve fresca, percorrendo lunghi tratti in alta quota e su pendenze estreme.
La posizione di guida mette subito a proprio agio, alti e imponenti, le leve risultano ben gestibili, anche se a volte poco efficaci. Prima critica all’impianto frenante, obsoleto e poco efficace. La leve sinistra risulta gestita da canapo metallico, priva di pompa idraulica, così come come il comando a pedale. Il carico della frenata risulta quindi gestito solo dalla leva destra, che blocca il solo anteriore. Il motore risulta pronto e pieno, soprattutto nella ripresa e in velocità nocche sui forti pendii e in condizioni estreme di fango e neve e non sfigura se messo a confronto del rivale bicilindrico Rotax della Bombardier. Il freno motore messo a dura prova sulla neve, risulta estremamente efficace, se poi si abbina alle ridotte e 4x4 e’ una garanzia di sicurezza. L’essetto e l’efficacia delle sospensioni sono assolutamente nella norma, francamente non ho avvertito l’effetto “Tavola” che molti guidatori di quad lamentano. Da segnalare che i pneumatici erano a 0,2 bar di azoto e non di semplice aria compressa e che il terreno era decisamente bagnato e morbido. Il quad e’ stato provato in condizioni originali, unica modifica i pneumatici Maxxis Mud Snow Bug. Quest’ultimi risultano indubbiamente validi sul loro terreno, rumorosi ed imprecisi su asfalto, e da bocciare senza pietà su sassi e pietre.

In definitiva si può dire che non è assolutamente un mezzo per il puro divertimento sia perché richiede capacità di guida che preparazione specifica per la montagna. Inoltre proprio la grande potenza disponibile in raffronto al modesto peso complessivo ne fanno un mezzo per condizioni o percorsi estremi. La grande capacità di carico e le varie sacche e piattaforme di carico sono utilissime per un mezzo di soccorso ma non troverebbero adeguato utilizzo per chi si limita a fare il giretto domenicale in montagna. Inoltre proprio la grande potenza e la elevata stabilità possono facilmente trarre il pilota inesperto in errori molto pericolosi nell'affrontare percorsi impegnativi. Questo mezzo è in grado di portare due persone adulte e un carico di un paio di centinaia di chili anche sulle cime più ardite di qualunque montagna a patto di saperlo condurre e non farsi affascinare dalle sue prestazioni.

Ultima curiosità: questo mezzo è stato adottato anche per la spedizione scientifica Italiana nel circolo polare antartico proprio per la sua enorme versatilità.

Scheda tecnica completa:
Modello
KVF750 4X4
Tipologia Motore
4 tempi, bicilindrico a V a 90°
Cilindrata
749 cm³
Raffreddamento
A liquido
Alesaggio e corsa
85 x 66 mm
Rapporto di compressione
8,8:1
Distribuzione aspirazione
SOHC, 4 valvole per cilindro
Massima potenza
37,1 kW {50,4 PS}/6.500 giri al minuto
Coppia massima
59,4 N?m {6,1 kg?fm}/4.500 giri al minuto
Sistema di iniezione
Iniezione carburante: ?36 mm x 2 (Mikuni)
Accensione
Batteria e bobina d’accensione (accensione a transistor)
Avviamento
Elettrico
Trasmissione
CVT dual range con retromarcia
Trasmissione finale
2×4 / 4×4
Tipo di telaio
Doppia culla, acciaio tubolare per trazione elevata
Sospensione anteriore
Doppio wishbone
Sospensione posteriore
Doppio wishbone
Pneumatico anteriore
AT 25 x 8-12
Pneumatico posteriore
AT 25 x 10-12
Freno anteriore
A doppio disco da 200 mm con pinze a 2 pistoni
Freno posteriore
Multi-piastra a bagno d’olio incorporato
Dimensioni L x L x A
2.195*1.166*1.233 mm
Interasse
1.284 mm
Altezza da terra
269 mm
Capacità di trazione
567 kg
Capacità serbatoio
19 l.
Peso a secco
275 kg
Omologazione
Euro 2 / 2 posti
Garanzia
24 mesi

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 5217 volte e valutata
79% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • WongLee pubblicata 13/02/2011
    Ogni tua recensione sui motori in genere è un pezzo da professionisti
  • giulia-ge pubblicata 14/01/2011
    che bello che sei anche volontario del soccorso.. di quad proprio non me ne intendo
  • corvoparlante pubblicata 01/01/2011
    Bello ! Grazie.
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Kawasaki Brute Force 750 i

Descrizione del fabbricante del prodotto

Caratteristiche Tecniche

Marca: Kawasaki

Tipo: 4x4

Ciao

Su Ciao da: 05/04/2006