L'origine delle specie (Charles Darwin)

Immagini della community

L'origine delle specie (Charles Darwin)

Collana: I Newton biblios

> Vedi le caratteristiche

77% positiva

14 opinioni degli utenti

Opinione su "L'origine delle specie (Charles Darwin)"

pubblicata 20/12/2004 | Kilby
Iscritto da : 11/12/2004
Opinioni : 8
Fiducie ricevute : 5
Su di me :
Ottimo
Vantaggi Comprensione del mondo
Svantaggi Ricordo delle origini
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Dalla scimmia all'uomo"

Di Ch. Darwin si è detto quasi tutto. Il suo testo più celebre, ossia L'orgine della specie, è del 1959; e da allora in poi la critica che su di lui gravita si è sbizzarrita.
Oggi, tuttavia, dopo quasi 150 anni, i dibattiti tuttora in corso sottolineano la vitalità delle sue argomentazioni di fondo. E bisogna perciò dare a Darwin ciò che è di Darwin, tanto più che alcune delle domande che egli si pose sono sempre attuali: ci sarà un cambiamento nel futuro? Di che tipo? Da dove verrà?
La scienza odierna su questi interrogativi brancola quasi nel buio, si muove a livello di ipotesi o meglio di pure e semplici congetture. In questo quadro culturale, l'idea di evoluzione, pur con tutte le critiche che le sono state mosse contro, resta un punto di riferimento obbligato per la comprensione del mondo della vita, nei suoi vari aspetti e nelle sue varie implicazioni. Ad esempio, la preoccupazione ecologica, cioè il problema di poter interpretare alcuni fenomeni evolutivi come quello della selezione e dell'estinzione, nel quadro dello sviluppo della società contemporanea, appare sempre di più urgente.
Il paradigma darwiniano, consente perlomeno di accostarsi al vivente come ad una realtà sperimentabile, narrabile, soprattutto se si tien conto dei progressi della biologia, che costituisce ormai un universo possibile e che invita a riconsiderare tutta una serie di questioni di importanza capitale, come le trasformazioni genetiche, le mutazioni delle varie specie animali, la stessa nozione di finalità e di contingenza, di creazione. Di conseguenza, il modo in cui il oggi consideriamo il vivente è fortemente debitore agli scritti di Darwin, al discorso evoluzionistico. Quest'ultimo, però, ci offre una visione del mondo marchiata non dall'ordine e dal progresso, ma dal non senso, dalla fragilità, da un processo di ominizzazione che in noi procede "come un cristallo cambia di fase e solidifica:diventare uomo consiste nello sciogliere continuamente per legare altrove e in altro modo?".
L'umanità per questo motivo ha ormai, così si dice, abbandonato l'Eden, o meglio il giardino delle delizie, per varcare quello del desiderio; per aprirsi e oltrepassare se stessa verso un qualcosa di altro. L'uomo vuole conoscere e varcare i proprio limiti; e, facendo appello alla paletnologia, ma anche alla ingegneria genetica, egli cerca di crearsi degli antenati, una genesi e dei discendenti a propria immagine e somiglianza, secondo il suo desiderio, con la pretesa di imporre il proprio ordine, in una sorta di neo- antropocentrismo pratico, che dovrebbe essere il nuovo Libro della Genesi. E per questo si è detto e si dice che "nulla ha senso in biologia se non alla luce dell'evoluzione "(Th. Dobzhansky). Siamo stati espulsi dal paradiso terrestre, ma per essere alla ricerca dei mezzi e della via per ri-entrarci, in un cammino che è ben lungi dall'essere terminato, ma che sembra più che mai possibile, raggiungibile con i mezzi della tecnica moderna, con gli strumenti e i risultati forniti dalle scienze!!!
Questa visione offre una nuova consolazione, una nuova speranza; apre le porte ad una nuova ricerca della fede, che può essere di grande interesse oggiogiorno e può invitare ad instaurare una maggiore solidarietà umana tra i viventi, e tra i viventi e la natura, eliminando la distanza radicale che si era creata tra i due mondi.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 2374 volte e valutata
85% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • ICAR pubblicata 31/08/2008
    Nel libro "L'origine delle specie, a pag. 542 si parla di quelle variazioni che da molto sono diventate oggetto di osservazione diretta nonché di riscontro mediante esperimenti, e sono state impiegate ingegnosamente nella selezione di piante e animali, Charles Darwin chiamò questo fenomeno "discendenza con modificazioni"
  • ClarissaDalloway pubblicata 19/01/2006
    Opinione splendida ma soprattutto istruttiva!
  • Lakla pubblicata 12/01/2005
    utile peccato che mi sembra di essere a scuola....
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : L'origine delle specie (Charles Darwin)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: I Newton biblios

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788882893644

Tipologia del prodotto: Libro

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Charles Darwin

Traduttore: C. Balducci

Numero totale di pagine: 448

Alice Classification: Scienze della Vita

Classico della letteratura: classico

Editore: Newton Compton

Data di pubblicazione: 2000

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 20/06/2002