L'uomo dal fiore in bocca (Luigi Pirandello)

Immagini della community

L'uomo dal fiore in bocca (Luigi Pirandello)

Allestito per la prima volta al Teatro degli indipendenti di Roma, diretto da Anton Giulio Bragaglia, il 21 febbraio 1923, "L'uomo dal fiore in bocca"...

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

7 opinioni degli utenti

Opinione su "L'uomo dal fiore in bocca (Luigi Pirandello)"

pubblicata 28/08/2000 | toninoseg
Iscritto da : 03/08/2000
Opinioni : 53
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Ottimo
Vantaggi Dramma scabro, lucido, essenziale, tipicamente pirandelliano.
Svantaggi nessuno
utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"Spavento, contemporaneo alla vita, della morte."

Scritto e rappresentato nel 1923, questo atto unico di Pirandello è formalmente perfetto per il lento snodarsi del discorso tra due mancati compagni di viaggio, nell’attesa di un treno perduto. E il discorso cominciato tra amabili superfluità - le mogli, la villeggiatura, la moda - illumina a poco a poco la diversità abissale dei due personaggi nel partecipare alla vita di quelle cose in sé opache, quotidiane, stupide ma pur sempre fonti d’illusioni: ché l’uno l’uomo pacifico, può anche sentirle monotone e fastidiose, ma l'altro, l’uomo dal fiore in bocca che sa di doverle presto lasciare per sempre a causa di un male inguaribile, avverte proprio in esse il fascino amaro ma indistruttibile del vivere. Così il dialogo si fa progressivamente monologo, e il protagonista candidato alla morte giganteggia alla fine da solo, col suo terribile segreto. Dramma scabro, lucido, essenziale, tipicamente pirandelliano per il contrasto tra la tranquilla opacità degli oggetti da cui togliamo alternativamente i piaceri e i fastidi della vita, e la tragica realtà che portiamo dentro di noi.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1619 volte e valutata
33% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
poco utile

La tua valutazione su questa opinione

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : L'uomo dal fiore in bocca (Luigi Pirandello)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Allestito per la prima volta al Teatro degli indipendenti di Roma, diretto da Anton Giulio Bragaglia, il 21 febbraio 1923, "L'uomo dal fiore in bocca" è titolo enigmatico che costringe lo spettatore a seguire con attenzione lo svolgimento dialogico attraverso il quale è portato a scoprire che si tratta di un dialogo sulla morte e non già come sembrerebbe, un dialogo sulla vita e sulla quotidianità. Atto unico, praticamente un monologo, "L'uomo dal fiore in bocca" è tratto dal racconto "Caffè notturno" , pubblicato nel 1918 e ristampato nel 1923 con il titolo definitivo di "La morte addosso".

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788877990440, 9788887734188

Tipologia del prodotto: BA, BC

Autore: Luigi Pirandello

Curatore: G. Mastrullo

Numero totale di pagine: 63, 51

Tipo di illustrazioni o altri contenuti: sono presenti illustrazioni

Alice Classification: Letteratura Italiana: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: La Vita Felice, Otto/Novecento

Data di pubblicazione: 1995, 2008

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 17/03/2010