La chiave di Sarah (Tatiana de Rosnay)

Immagini della community

La chiave di Sarah (Tatiana de Rosnay)

È una notte d'estate come tante altre, a Parigi. La piccola Sarah è a casa con la sua famiglia, quando viene svegliata dall'irruzione della polizia fr...

> Vedi le caratteristiche

93% positiva

11 opinioni degli utenti

Opinione su "La chiave di Sarah (Tatiana de Rosnay)"

pubblicata 24/09/2007 | SEHKMET
Iscritto da : 30/11/-0001
Opinioni : 12
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Buono
Vantaggi Scritto bene, semplice e coinvolgente
Svantaggi Sconvolgente
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"La prima pagina della Shoa"

Dove sorgeva le Velodrome d'Hiver, in rue Nelaton, oggi c'e' una fabbrica con una piccola targa sul muro per ricordare i "4051 bambini che da qui partirono per Auschwitz."
Gli ebrei rastrellati quel giorno furono in totale 12 884, ed oltre ai 4051 bambini vennero arrestate anche 5802 donne.

I francesi non amano parlare del rastrellamento del 16 luglio 1942, e non e' difficile capirne i motivi se si pensa che ad occuparsene non furono le truppe tedesche, ma 9000 poliziotti parigini.
Inoltre, i tedeschi non avevano chiesto un rastrellamento di bambini, e l'iniziativa del Governo di Vichi stupi' persino loro che mai avrebbero voluto l'attirare un'indebita attenzione sui campi di sterminio.
I tedeschi volevano far credere che gli Ebrei rastrellati sarebbero finiti in campi di lavoro, e notoriamente i bambini non sono utili a questo.
Storicamente parlando il rastrellamento del Vel d'Hiv, come lo definiscono i francesi, viene considerata come la prima pagina della storia della Shoa, proprio perche' per la prima volta coinvolse anche dei bambini.

Partendo da questo evento storico Tatiana De Rosnay immagina una giornalista americana incaricata di scrivere un articolo per il sessantesimo anno del rastrellamento, le difficolta' che incontra a trovare dei sopravvisuti francesi disposti a ricordare, lo scetticismo contro cui si scontrano tutti i suoi tentativi di sollevare la pesante coltre di silenzio che i francesi gettarono su questa pagina della loro storia.
La protagonista del romanzo decide si seguire le tracce di uno dei 4051 bambini del Vel d'Ihv, ed il personaggio inventato di Sarah diventa il simbolo di quell'evento atroce.

Il libro e' scritto con un linguaggio semplice e scorrevole, la storia immaginata e quella reale si sovrappongono ed il romanzo, per quanto non sia certo un capolavoro, risulta molto coinvolgente per il lettore.

Ne consiglio la lettura soprattutto alla luce del pesantissimo revisionismo storico di stampo filonazista che continua incessantemente a ribadire che: "La Shoa non e' stato un evento straordinario"; "Nelle guerre e' normale deportare i prigionieri"; "Sono morti anche tanti tedeschi sotto i bombardamenti"; "Quelli di sinistra parlano della Shoa solo per far dimenticare Stalin, Mao, ecc...", dimenticando che mai nessuno, prima e dopo i Nazisti, ha tentato la distruzione sistematica e totale di un'intero popolo considerandolo alla stregua di animali nocivi da sterminare.
Nessuno mai, ne' prima ne' dopo i Nazisti, ha fatto saponette con i morti.
Nessuno mai, ne' prima ne' dopo Mengele e tutti gli altri medici Nazisti, ha fatto esperimenti su essere umani (per esempio sui gemelli scambiandone gli arti, mettendo persone in camere iperbariche per verificare in quanti minuti scoppiavano, staccando le braccia dal torso per riattaccarle all'altezza del seno,... devo continuare? Non credo: sono notizie rintracciabili con estrema facilita' in rete) e nessuno mai dovrebbe poterlo rifare...

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 980 volte e valutata
90% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • fly815 pubblicata 25/06/2008
    che crudeltà...
  • hidrangea pubblicata 14/10/2007
    Ripassata :)
  • hidrangea pubblicata 14/10/2007
    Una pagina cruda, sofferta che mette in luce le nefandezze di cui è capace il genere umano...ripasserò a valutare
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : La chiave di Sarah (Tatiana de Rosnay)

Descrizione del fabbricante del prodotto

È una notte d'estate come tante altre, a Parigi. La piccola Sarah è a casa con la sua famiglia, quando viene svegliata dall'irruzione della polizia francese e prelevata insieme ai genitori. Ha solo dieci anni, non capisce cosa sta succedendo, ma è atterrita e, prima di essere portata via, nasconde il fratello più piccolo in un armadio a muro che chiude a chiave. È il 16 luglio del 1942. Sarah, insieme a migliaia di altri ebrei, viene rinchiusa nel Vélodrome d'Hiver, in attesa di essere deportata nei campi di concentramento in Germania. Ma il suo unico pensiero è tornare a liberare il fratellino. Sessant'anni dopo, Julia, una giornalista americana che vive a Parigi, deve fare un'inchiesta su quei drammatici fatti. Mette mano agli archivi, interroga i testimoni, va alla ricerca dei sopravvissuti, e le indagini la portano molto più lontano del previsto. Il destino di Julia si incrocia fatalmente con quello della piccola Sarah, la cui vita è legata alla sua più di quanto lei possa immaginare. Che fine ha fatto quella bambina? Cosa è davvero successo in quei giorni? Quello che Julia scopre cambierà per sempre la sua esistenza.

Caratteristiche Tecniche

Collana: Oscar bestsellers

EAN: 9788804574767

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Tatiana de Rosnay

Traduttore: A. Colombo, P. Frezza Pavese

Numero totale di pagine: 322

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 2008

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/03/2010