La cripta dei cappuccini (Joseph Roth)

Immagini della community

La cripta dei cappuccini (Joseph Roth)

Collana: Gli Adelphi

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "La cripta dei cappuccini (Joseph Roth)"

pubblicata 04/05/2012 | teodolinda73
Iscritto da : 21/03/2012
Opinioni : 208
Fiducie ricevute : 102
Su di me :
sono al mare! entro e recupero tutti appena posso . Buone vacanze a tutti!
Buono
Vantaggi è un accurato affresco storico
Svantaggi nessuno
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"la fine di un impero, la fine di un mondo, la fine di un'epoca"

è uno dei miei preferiti tra i romanzi di joseph roth. è un'opera definirei decadente, incentrata sulla caduta e la dissoluzione dell'enorme impero asburgico all'indomani della fine della prima guerra mondiale, e la decadenza dell'aristocrazia austriaca.
il protagonista è francesco ferdinando (lo stesso nome dell'imperatore) von trotta, l'ultimo rappresentate della nobile famiglia dei trotta, uno dei cui antenati aveva salvato la vita all'imperatore durante la battaglia di solferino e in ricompesa aveva ottenuto il titolo nobiliare.
la vicenda personale del giovane si intreccia dunque con la grande storia. il romanzo prende avvio nel 1913, con la descrizione della giornata di trotta, occupato in futili attività : colazione con gli altri amici aristocratici, vagabondaggi per vienna, discussioni filosofiche, pranzi e cene con la madre vedova, alla quale è legato da un rapporto molto formale.
in autunno trotta parte per un viaggio nella parte slava dell'impero, in slovenia, ove vivono lontani parenti, e viene a conoscenza di una realtà rurale e un mondo totalmente differente da quello viennese per usi, costumi, tradizioni, che solo la figura dell'imperatore tiene ancora unita. ( la festa nazionale in tutto l'impero è il compleanno del sovrano).
mentre si trova in slovenia, viene colto dall'annuncio dello scoppio della guerra e si affretta a tornare a vienna, dove prima di partire per il fronte sposa elisabeth, sorella di un suo amico, di cui pensa di essere innamorato. in realtà il matrimonio entra in crisi da subito, causa l'estraneità e la lontananza dei due giovani, che di fattto non si conoscono e non riescono a comunicare . proprio prima della partenza, muore il vecchio servitore jacques. il giovane trotta preferisce passare l'ultima notte del brevissimo viaggio di nozze vegliando la salma del fedele servitore anzichè con la moglie ed elisabeth torna a vienna senza salutarlo.
la guerra porta trotta in russia, ove viene anche preso prigioniero dai russi. alla fine della guerra, nel 1918, riesce a tornare a vienna ma ormai tutto il suo mondo è cambiato: l'impero austroungarico, uscito sconfitto dal conflitto, viene smembrato e l'austria, ridotta al piccolo stato attuale, diventa una repubblica. per l'inerte aristocrazia viennese è il momento del declino.
il palazzo dei trotta si riempie dei vecchi amici di un tempo, tutti senza soldi e senza occupazione, che dovrebbero essere ospiti paganti ma in realtà non hanno quasi mai i soldi. la madre di trotta si adatta bene al nuovo ruolo e rivela un'energia insospettata. trotta va alla ricerca di elisabeth , con la quale è ancora sposato, e la trova coinvolta in un ambiguo legame di natura omosessuale e dedita ad attività artistiche, scandalizzando così la vecchia aristocrazia. trotta riporta elisabeth nella casa della madre e ha da lei un bambino, ma ben presto la donna, vera anima inquieta, abbandona tutti e due per andare a hollywood a fare l'attrice. successivamente muore anche la madre.
la cripta dei cappuccini che dà il titolo all'opera appare nella conclusione: è la cripta che a vienna raccoglie i corpi degli imperatori d'asburgo, ove trotta inizia a a passare le sue giornate, assistendo impotente così alla completa dissoluzione del proprio mondo.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 623 volte e valutata
95% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • catina56 pubblicata 14/10/2015
    ok
  • epyman_2.0 pubblicata 29/01/2014
    ottime info
  • Pacman1984 pubblicata 07/09/2013
    Interessante, grazie.
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : La cripta dei cappuccini (Joseph Roth)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: Gli Adelphi

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788845907128

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Joseph Roth

Traduttore: L. Terreni

Numero totale di pagine: 196

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Adelphi

Data di pubblicazione: 2007

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/03/2010