La musica in testa (Giovanni Allevi)

Immagini della community

La musica in testa (Giovanni Allevi)

Questo libro non è l'autobiografia di Giovanni Allevi che, musicista e filosofo timido, non avrebbe mai pensato di scriverne una. La sua storia però, ...

> Vedi le caratteristiche

85% positiva

11 opinioni degli utenti

Opinione su "La musica in testa (Giovanni Allevi)"

pubblicata 20/04/2012 | Silky1980
Iscritto da : 15/04/2012
Opinioni : 1
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Buono
Vantaggi Interessante, divertente, curioso
Svantaggi nessuno
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"La musica in testa di Giovanni Allevi..."

La musica in testa (Giovanni Allevi)

La musica in testa (Giovanni Allevi)

Giovanni Allevi racconta in questo delicato libro che a dieci anni mentre si trova in casa sua scopre il pianoforte e in quel preciso istante incontra la musica. Da quel momento Giovanni Allevi ha la musica in testa. In questo libro il pianista si racconta come un personaggio di un piccolo romanzo ricco di curiosità.

La STORIA:

Il protagonista è un giovane pianista, Allevi appunto, e il suo primo incontro con il pianoforte avviene all’età di dieci anni. Allevi racconta che ill padre e la madre hanno un passato da musicisti, lui clarinettista, lei è una cantante lirica. Giovanni è quindi abituato alla musica e a sentirne parlare. Il pianoforte però rimane un qualcosa di misterioso per lui e di inaccessibile, poichè l'uso è riservato esclusivamente alla sorella maggiore di Giovanni. Gli è stato insegnato che la musica è una cosa seria, non un gioco.
Un giorno però Giovanni riesce a trovare una piccola chiave d’argento, la chiave che apre il pianoforte. Da questo momento in poi Giovanni scopre un nuovo mondo e inizia la sua avventura nella musica. E' un bambino fuori dal comune, intelligente, che da autodidatta scopre le prime nozioni musicali. La timidezza di Giovanni è però evidente e anche la sua difficoltà a relazionarsi con gli altri e con il mondo esterno. E' un bambino solitario, un brutto anatroccolo e non viene considerato dai compagni.
Viene naturale tifare per lui e allo stesso tempo sorridere un pò conoscendo già il suo futuro successo. Come è già ben noto però Giovanni nonostante la timidezza e le difficoltà di comunicazione sviluppa sempre di più il suo talento musicale. La passione per la musica continua ad aumentare e questa permette a Giovanni di viaggiare magari anche senza i soldi e magari per un concerto per poche persone. E' Milano però a veder muovere i suoi primi passi importanti nella musica, anche se con una iniziale fatica e qualche delusione...
A mio parere Giovanni Allevi in questo libro si presenta ai nostri occhi come un uomo solitario, forse anche un pò strano, ma capace attraverso la magia della sua musica di superare il suo limite, quel muro di silenzio e a riuscire così a comunicare con il mondo intero con semplicità e dolcezza.
La certezza è che a quel bambino di dieci anni, quella piccola chiave ha aperto la porta del suo destino di artista e ha soddisfatto la sua esigenza di comunicare agli altri il suo essere.
Dal mio punto di vista è questo un libro che fa sognare e comprendere meglio Giovanni Allevi sia come musicista, ma anche come uomo.

Giovanni Allevi - La musica in testa
Edizioni Rizzoli 2008

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 707 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Rossella1978 pubblicata 20/04/2012
    Non sapevo che avesse scritto un libro anche lui
  • misslucy pubblicata 20/04/2012
    bella recensione per un libro interessante
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "La musica in testa (Giovanni Allevi)"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : La musica in testa (Giovanni Allevi)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Questo libro non è l'autobiografia di Giovanni Allevi che, musicista e filosofo timido, non avrebbe mai pensato di scriverne una. La sua storia però, che lo ha portato dal pianoforte scordato di una scuola di provincia al fedele Bösendorfer con cui oggi registra i suoi successi, è davvero eccezionale. Ma è solo il filo conduttore di queste pagine che sono un doveroso omaggio, una dichiarazione d'amore alla "strega capricciosa" che ha monopolizzato la sua vita: la musica, che ha sempre preteso da lui dedizione assoluta. Da quando si sono incontrati ha plasmato il suo pensiero, ha assorbito ogni energia. Per la musica, Allevi ha lavorato come cameriere, come supplente, ha distribuito volantini sui Navigli milanesi. Per lei è volato a New York a conquistarsi una possibilità nel tempio mondiale del jazz. E anche adesso che sono arrivati i dischi di platino, il tutto esaurito dagli Stati Uniti fino alla Cina, le collaborazioni con orchestre internazionali, la musica non gli dà pace e bussa nella sua testa per liberare, attraverso le sue mani, la propria voce. Perché Giovanni Allevi ringrazia questa entità tiranna, che una volta lo ha persino portato a guardare il mondo attraverso il vetro di un'ambulanza? Perché grazie a lei ha potuto esprimere emozioni e sentimenti oltre la barriera della parola. In questo libro racconta il pensiero e l'intenzione che animano la sua musica, in un libro che intreccia vita e filosofia e vibra della freschezza di uno sguardo che non vuole smettere di stupirsi.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788817022033, 9788817031240

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Giovanni Allevi

Numero totale di pagine: 218

Alice Classification: Musica

Editore: Rizzoli, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Data di pubblicazione: 2008, 2009

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 13/09/2010