Lakeview Holiday Park, Te Anau

Immagini della community

Lakeview Holiday Park, Te Anau

Hotel - One Te Anau-Manapouri Road, PO Box 81, Te Anau

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

1 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Lakeview Holiday Park, Te Anau"

pubblicata 23/02/2016 | CHEZIAOTTO
Iscritto da : 18/07/2007
Opinioni : 305
Fiducie ricevute : 178
Su di me :
Un abbraccio Cristiano a tutti I componenti di questo meraviglioso Sito! Che Geova vi benedica per il vostro cuore a Lui dedicato Umberto Polizzi (CHEZIAOTTO)
Ottimo
Vantaggi bellissimi posti
Svantaggi no
Eccellente
Rapporto qualitá prezzo
Qualitá
Assistenza al cliente
Collocazione
Arredamento

"Spettacoli da mozzafiato"

Lakeview Holiday Park, Te Anau

Lakeview Holiday Park, Te Anau

Lasciati ai secoli i problemi di Icaro, godiamoci le possibilità che questo tempo tecnologico ci offre per giungere a godere le meraviglie della creazione da una posizione di estremo vantaggio.
Stamane amico mio, sono di buon umore, ed è forse questa la ragione che non voglio assolutamente scoraggiarmi a scrivere. Certo avevo preso una piega con le osservazioni del mio precedente scritto sull’ aquila regina, se vola o non vola che qui mi avrebbero definito ‘boring’ cioè per dirla all'italiana un vero ‘rompiscatole’ e ‘scocciatore’.
Con il naso appiccicato ad una vetrina di una TRAVEL AGENCY,
che sarebbe poi Agenzia di Viaggio, vi erano poste in bella vista alcuni ‘brochure’ di gite organizzate per ogni parte del mondo.
Volete fare un voletto con me? Se sì, prima vi racconto una mia precedente esperienza turistica.
"Periodicamente, quattro giorni all'anno, la compagnia di bandiera della Nuova Zelanda, effettua voli turistici a prezzi modici sia per la Nuova Zelanda che per l'Antartide.
In compagnia di mia moglie, e suocera, iniziai un viaggio verso l'"ottava meraviglia del mondo”. All'inizio, già nella fase organizzativa, c'era da mandar tutto a monte per via di quei concetti e di quelle opinioni che si diversificano fra il carattere pratico del maschio, sempre semplice e precario nelle sue faccende più comuni, dal carattere ‘femminile’ che riesce a complicare tutto e a preventivare tutto di ciò che potrà essere utile o non essere utile, con il portarsi dietro le cose più impensate riempiendoti, le valigie, le... tasche e scatoline varie.
E, guai a metterci il becco in quelle cianfrusaglie inutili e confuse.
Correresti il rischio anche di essere accusato di crudeltà mentale e crearti un rimorso per tutto il periodo della gita e oltre. Non ti toglieresti più di dosso il marchio del maschilista crudele, superficiale, dalle sfumature persino sadiche perché di questo saresti accusato da quella vasta classe componente il sesso debole in eterna conflittualità con l'elemento banale e giuggerellone che è il maschile.
Lasciate le discusse valigie in albergo, ci affrettammo di seguire un gruppetto di turisti come noi in visita a questo remoto angolo dell'Isola del Sud nella Nuova Zelanda, la dodicesima isola del mondo in ordine di grandezza.
Eravamo diretti in visita al Fiordland National Park un'isolato angolo sud occidentale del paese che costeggia il mare di Tasmania, quasi a volerlo contenere dalle sue terribili mareggiate che si abbattono come staffilate perenni innalzando, alte nel cielo, spruzzi d'acqua gelida e inebriante di iodio.
Al di là di questa tremenda vastità oceanica, per oltre 1.900 chilometri avevamo lasciato l'Australia.
Ci trovavamo ora in un mondo diverso. Diverso nei colori e nel profumo dell'aria carica di ossigeno di questo Parco di natura alpestre che si estende da nord a sud lungo la costa per 260 chilometri circa. Essendo tagliato da una dozzina di fiordi, il Parco sviluppa una costa lunga quasi 1.600 chilometri.Il solo modo possibile per visitare la maggioranza dei fiordi è ancora la barca o l'idrovolante.

Spettacoli da mozzafiato


Solo nel 1953 fu completata una strada lunga centoventi chilometri che porta fino all'imbocco di uno dei fiordi più spettacolari che la natura ci abbia donato:
Milford Sound.
Uno spettacolo a mozzafiato ci viene rappresentato dai laghi gemelli, Manapouri e Te Anau dai quali si può accedere al parco.
- Belli, di una lucentezza variegata a seconda del riflesso della natura circostante, questi due gioielli naturali a volte appaiano come due occhi tristi per l'eterna loro solitudine di cui soffrono.
Sembrerebbero offesi da tanta trascuratezza da parte dell'uomo che concede loro solo un'istantanea di ammirazione alla loro infinita bellezza circonfusa da tanta pace.
Sono, inoltre, circondati da monti ammantati da foreste di faggi fino a quota 900 metri, quasi a comporre un volto, un'espressione vitale, mentre in alto fino all'estremità alta del monte, un oscuro manto di velluto verde si adagia per attenuarne i contorni irregolari a graziare un' immagine ove si legge il trascorrere dei secoli.
Proseguendo verso il nord di questi laghi, fra le spregiudicate curve a "U" di improvvise discese e salite, ci troviamo con il fiato mozzato e lo stomaco in gola nell'incantevole valle del fiume Eglinton.
Mai che si fosse disturbata un solo istante, la mia dolce metà. A lei neanche le terribili ondate del mar di Tasmania sulle fiancate della leggera motobarca l'avevano scomposta. Mentre esploravamo i fiordi sbalottati come fuscelli e sentivo prossima una fine tragica fra quelle selvagge ondate dagli spruzzi ghiacciati, lei sgranocchiava placida e compiaciuta un panino con la mortadella.
" Ne vuoi un po’ darling...?”, accennò indisturbata l'esile e imperturbabile creaturina, “ ...se vuoi puoi finirlo!" -concluse. Non capisco come la madre l’abbia potuta prima partorire e poi allevarla...! Grandi sono i misteri imperscrutabili e fuori della percettibilità e la sensibilità di noi bruti maschi.
Fece appena in tempo a ritirare il braccio proteso verso di me con il panino semi divorato che le rovesciai ai piedi anche quello che avevo mangiato la sera precedente.
Niente. Niente la disturbava. Non le faceva effetto mai niente.
Ciò che speravo era che non ci fosse concesso scendere dal ‘Bus’, altrimenti si sarebbe riempita di ciotoli, semi, conchigliette, sassolini, rametti di varie forme e intrecciature varie e foglioline da poi serbare nel ‘garage' sicché io, per conservare questi cimeli raccolti in una precedente escursione, ho dovuto parcheggiare la macchina sulla strada. Mah! Dovrò smetterla di criticarla...Se non altro per non essere tacciato di crudeltà mentale...”
Beh! Dove eravamo arrivati?
“Sì, perché vedete, ogni tanto uno sfogo devo pur prendermelo per non scoppiare... ! “Ma lei che vita coduce- mi chiese il medico di famiglia- per avere una pressione così strambalata...?”
“Lasciamo perdere..., dottore! La mia guarigione sarebbe un’intera confezione di strichinina a chi dico io...!”

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 652 volte e valutata
92% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • ma16ry90 pubblicata 23/06/2016
    che bella opinione, grazie
  • Dan91 pubblicata 19/03/2016
    eccezionale
  • EDIZIONI.AZZURRA7 pubblicata 07/03/2016
    la tua opinione è straordinariamente eccellente!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Lakeview Holiday Park, Te Anau

Descrizione del fabbricante del prodotto

Hotel - One Te Anau-Manapouri Road, PO Box 81, Te Anau

Caratteristiche Tecniche

Tipo: Hotel

Indirizzo: One Te Anau-Manapouri Road, PO Box 81, Te Anau

Città: Te Anau

Stato: Nuova Zelanda

Ciao

Su Ciao da: 19/07/2006