Lama Tagliente (Dvd)

Immagini della community

Lama Tagliente (Dvd)

Numero dischi: 1 - Durata: 129' - Regia: Billy Bob Thornton - Cast: Billy Bob Thornton, John Ritter

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Lama Tagliente (Dvd)"

pubblicata 09/05/2017 | byron2011
Iscritto da : 02/02/2010
Opinioni : 217
Fiducie ricevute : 934
Su di me :
Ottimo
Vantaggi due ore di pathos
Svantaggi nessuno
Eccellente
Qualità Video (DVD):
Qualità Audio (DVD):
NUMERO SOTTOTITOLI
ETA' MINIMA
Trama

"UN DRAMMA DELLA VITA"

Lama Tagliente (Dvd) Cofanetto e dischetto sul mio pc

Lama Tagliente (Dvd) Cofanetto e dischetto sul mio pc

Buongiorno Amici di Ciao.it si profila un mese di maggio molto impegnativo dopo un altrettanto Aprile colmo per lo più di festività e ponti, ma ho avuto modo di ritagliarmi qualche attimo da dedicare a Voi per scrivere questa opinione.

Tempo fa, in occasione di un pranzo a casa mia, come si usa solitamente fare, gli invitati portano un pensiero al padrone di casa (una bottiglia di vino, dei dolci, una pianta ecc.), uno di questi, l'amico d'infanzia Marco , si presentò con una cassata siciliana,quella di ricotta, glassata di zucchero e fasciata di pistacchio, per chi la conosce, di cui io sono particolarmente ghiotto,

accompagnata da un trittico di DVD , dicendo :

uno di questi ce lo vediamo dopo mangiato, mentre sorseggiamo il caffè

ovvio che ci siamo visti il contenuto di uno di questi DVD, ovvero il film LAMA TAGLIENTE .

Vincitore del Premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale nel 1997 a Billy Bob Thornton

attore, regista e sceneggiatore ed altri premi quali Independent Spirit Award, Edgar Award, Writers Guild of America Award -

Come si legge su Wikipedia il lavoro trae origine dal cortometraggio Some Folks Call it a Sling Blade di George Hickenlooper del 1994


__________IL PRODOTTO__________

Naturalmente per necessità di copione essendo questa opinione inserita nella home in DVD devo parlare prima del soggetto dominante, ovvero lo strumento, che contiene il film, chiamato Digital Versatile Disc , il comune dischetto in policarbonato di 120 mm , con buco centrale di 15 mm per l'incastro nel lettore, su cui sono incise elettronicamente le immagini, con una capacità di 140 minuti in formato MPEG-2

Il double face del disco, vede sulla facciata primaria, il titolo del film in caratteri cubitali e relativo titolo originale, l'immagine di un ragazzo accompagnato da un adulto che trasportano sacchi, come avrete modo di vedere nelle foto, di mia esclusiva proprietà, che allego alla presente opinione, la parte opposta a specchio invece ospita le immagini e audio incise, che verranno riprodotti con apposito lettore per la visione, sullo schermo più opportuno.

Questo prodotto in definitiva il cosiddetto DVD è custodito in una elegante custodia con sovracopertina colorata, in comune plastica rigida della misura standard 19x13,5x1 cm .

__________PACKAGING__________

La custodia di plastica che allego alla presente opinione, presenta nella sua parte superiore la scritta a caratteri cubitali Vincitore PREMIO OSCAR migliore sceneggiatura non originale con a fianco la statuetta dorata che rappresenta il premio. Il sottofondo è rappresentato da un uomo che cammina sulla strada al calar del sole, sulla sinistra, sempre in alto le scritte UN UOMO SEMPLICE e UNA SCELTA DIFFICILE.

Alla esatta metà della copertina una fascia color ocra contiene le seguenti scritte :

Billy Bob Thornton
LAMA
TAGLIENTE

Nella parte bassa sullo sfondo si un tramonto un ponte su cui un uomo sembra oseervare l'infinito ed il viso di profilo dell'interprete principale.

Infine al centro della base la scritta in bianco indicante la casa produttrice MIRAMAX .

Sul dorso sempre l'indicazione della casa produttrice , l'immagine del ragazzo e dell'adulto, il titolo, l'indicazione del supporto.

Sul retro della custodia nell'angolo alto a sinistra il titolo in italiano LAMA TAGLIENTE e quello originale Sling Blade , una breve sintesi del film che riporto nel successivo capitolo dedicato alla trama

Sulla destra l'immagine dei due proptagonisti.

Al centro una carrellata di fotogrammi relativi al film.

Infine i titoli vari come di seguito riportato :

A MIRAMAX FILM/THE SHOOTING GALLERY presentano SLING BLADE , titolo originale, gli attori che riporto successivamente nel cast, regia di Billy Bob Thornton , musiche di Daniel Lanois con la supervisione di Barry Cole , scenografia Clark Hunter , montaggio Hughes Winborne , fotografia Barry Markowitz , produttore esecutivo Larry Meistrich , produttori Brandon Rosser & David L. Bushell

Concludono i dati tecnici

Genere Drammatico, thriller
Durata 129 minuti
Formato 1.85:1
Audio Italiano, inglese
Sottotitoli italiano
Produzione USA 1996
Film per tutti
Distribuito da Eagle Pictures S.p.A Milano
DVD in commercio dal 2011

__________IL CAST__________

Karl Childers interpretato da Billy Bob Thornton

Frank Wheatley interpretato da Lucas Black

Linda Wheatley interpretato da Natalie Canerday

Doyle Hargraves interpretato da Dwight Yoakam

Vaughan Cunningham interpretato da John Ritter

Dr. Jerry Woolridge interpretato da James Hampton

Bill Cox interpretato da Rick Dial

Charles Bushman interpretato da J.T.Walsch

Scooter Hodges interpretato da Brent Briscoe

Frank Childers interpretato da Robert Duvall

__________TRAMA__________

Il film ha inizio con l'immagine della sala di un manicomio criminale dove i reclusi trascorrono il loro tempo di relax.

Charles Buschman un maniaco sessuale recluso per vari omicidi, racconta alcuni episodi della sua vita a Karl Childers, anch'esso recluso per aver ucciso la madre e l'amante quando aveva appena 12 anni.

Nel frattempo il Direttore del manicomio, il Dr. Jerry Woolridge , riceve due studentesse universitarie che devono fare un articolo per il loro giornale intervistando appunto Karl Childers ,prossimo ad essere dimesso dopo aver scoNtato la pena di 28 anni che gli era stata comminata all'epoca del duplice omicidio.

Il Dottore dice alle studentesse che devono solo ascoltare e non domandare e neppure fotografare.

La pseudo intervista ha luogo in una stanza semi buia alla luce di un piccolo abatjoure, perchè, più che di una intervista, si tratta di un soliloquio di Karl che racconta il perchè della sua reclusione e della lunga pena in quel manicomio.

La storia di quel ragazzo, non voluto dai genitori e per questo tenuto in una baracca fuori dalle mura domestiche.

Andato raramente a scuola era deriso dai compagni per il suo modo di fare chiuso e distaccato.

La famiglia viveva nelle ristrettezze per cui Karl indirettamente ne subiva le conseguenze.

Il proprietario della segheria dove lavorava il padre di Karl aveva un figlio di nome Jess , molto arrogante e violento, che dava fastidio a tutte le ragazzine del villaggio e che era invaghito della madre di Karl , cosa che gli ripeteva sempre ogni volta che lo incontrava a scuola.

Una sera, mentre Karl stava nella sua baracca, in attesa che la madre gli portasse da mangiare e gli leggesse qualche brano della Bibbia , d'improvviso sente dei rumori provenienti dalla casa, esce e si avvicina alla finestra e vede la madre stesa per terra senza indumenti e Jess sopra di lei , a quel punto, prende la falce poggiata in veranda ed entra in casa colpendo Jess alla testa, quasi decapitandolo ed uccidendolo, la madre reagisce chiedendole perchè ha ucciso Jess .

A questo punto Karl capisce che alla madre non dispiaceva quello che Jess gli stava facendo, si infuria ancora di più e colpisce anche lei alla testa con la falce ancora grondante del sangue di Jess , ucidendola .

Non è pentito di quello che ha fatto ed ha scontato la giusta pena, il tempo gli è servito per imparare a leggere, gli ha anche fatto comprendere leggendo la Bibbia che bisogna rifuggire l'odio, in fondo la reclusione gli ha dato in questi anni una casa, cibo caldo ed un buon letto dove dormire.

Al terminedella intervista la studentessa gli domanda

Pensa di uccidere ancora Karl ?

la risposta di Karl In verità non so, non ho motivo di uccidere nessuno

A questo punto Karl viene dimesso, con se ha solo alcuni libri che tiene legati con una cinta.

Torna a Middlesberg la sua città natale appena distante appena 20 miglia dal manicomio criminale.

Con lo scorrere dei titoli iniziali si vede Karl che si incammina verso il centro del paesino, tenendo sotto braccio i pochi libri che ha portato con se.

Si ferma ad un Frosty Cream e chiede di mangiare qualcosa , su consiglio dell'inserviente si fa portare una porzione grande di patatine a bastoncino fritte.

Mentre le sta mangiando, seduto davanti ad una lavanderia a gettoni, esce un ragazzino che trascina pesanti sacchi di biancheria appena lavata.

I due fanno conoscenza e Karl si offre per aiutare il ragazzino che si chiama Frank Wheatley .

Frank vive con la madre che lavora in un supermercato ed è orfano di padre, morto in un incidente ferroviario.

Mentre si recano a casa del ragazzo si scambiano alcune confidenze e Karl , alla domanda di Frank dove vivesse, gli risponde che ancora non ha una residenza fissa, in quanto è appena uscito dal manicomio criminale, dove era stato rinchiuso per aver ucciso e, riconosciuto di infermità mentale, aveva scontato la pena nell'ospedale psichiatrico anzicchè in prigione. Adesso era uscito perchè ritenuto guarito.

Arrivato acasa di Frank i due si congedano dandosi appuntamento per una prossima occasione.

Dopo aver vagato in lungo e in largo Karl fa ritorno al manicomio e va dal Dr. Woolridge che lo aveva dimesso la mattina.

Vorrebbe tornare nel manicomio, ma il dottore gli dice che non si può, perchè adesso è un uomo libero e può fare quel che gli pare.

Ma Frank non conosce la libertà, forse ne ha paura.

Il dottore cerca di reindirizzarlo verso il padre che vive ancora a Middlesberg , poi si rende conto che il rapporto non è mai esistito e allora lo porta a casa sua, per una sera lo fa cenare con la sua famiglia e dormire nella camera della figlia, per presentarlo l'indomani al gestore di una officina meccanica, suo amico, avendo verificato nel corso della reclusione le capacità innate di Karl nel di riparare piccoli motori.

La mattina dopo lo presenta a Bill Cox il proprietario della officina ed al suo aiutante Scooter Hodges a cui racconta la storia di Karl che i due conoscevano già.

Cox accetta di farlo lavorare nell'officina e gli offre anche un posto dove dormire nel retro bottega.

Il primo giorno vola via e Cox è molto soddisfatto del lavoro di Karl .

La seconda sera dopo il lavoro Karl va a casa di Frank , il ragazzino conosciuto il giorno della sua uscita dal manicomio e si incontrano di nuovo.

Insieme vanno al discount dove lavora la madre, così Karl approfitta per comprare del dentifricio e altre cose.

Al discount Karl fa la conoscenza di Linda Wheatley , la mamma di Frank e anche del direttore del discount Vaughan Cunningham .

Mentre la madre parla con Frank , il direttore del discount viene a sapere che Karl è appena uscito dal manicomio.

Quando Frank ritorna gli dice che la madre gli offre di sistemarsi nel loro garage in quanto non utilizzato.

Prima di andare a casa passano ad un laghetto che è il nascondiglio segreto di Frank , si siedono e comincino a chiacchierare, Frank gli racconta la sua breve storia e'''Karl''' di rimando la sua, gli dice che la madre è morta e che il padre non ne vuole sapere di lui.

Quando Frank gli chiede come è morta la madre, Karl risponde che non ha bisogno di sapere certe storie perchè è ancora un ragazzo e deve pensare solo a cose belle.

Frank dice che sente molto la mancanza di un padre e che se anche la madre è molto affettuosa lui li vorrebbe avere tutti e due. Gli racconta che la madre ha un fidanzato, tale Doyle Hargraves che lavora nell'edilizia e spesso sta da loro, ma pur non mancandogli il denaro non li aiuta mai, inoltre secondo il ragazzino non è buono ed è cattivo con la madre.

Durante le chiacchiere karl viene a sapere che , il direttore del discount, è omosessuale.

Un'altra terribile confessione di Frank è quella sulla vera morte del padre, che non è stata a causa di un incidente ferroviario, ma di suicidio, perchè a detta del ragazzino essendo stato licenziato e non avendo avuto la possibilità di mantenerli ha pensato bene di farla finita.

Ad un certo punto Frank chiede al suo nuovo amico se era vero che aveva ucciso qualcuno e se erano persone cattive, la risposta di Karl dimostra quanto sia cambiato dentro, perchè dice che adesso è cresciuto ed ha capito che non bisogna uccidere nessuno.

La sera sul tardi Karl riprende le sue cose nel retro dell'officina,che poi sono solo i pochi libri che ha portato con se dal manicomio e si trasferisce a casa della famiglia Wheatley .

Mentre Karl attende davanti la porta di casa dei Wheatley arriva Vaughan anch'esso atteso , che gli chiede di fare due chiacchiere il giorno dopo a pranzo.

A casa c'è anche Doyle , il fidanzato della madre di Frank il quale comincia a fare domande con fare supponente a Karl . Il tono sprezzante ed offensivo infastidisce il ragazzo che è rimasto con loro in salotto.

L'uomo lo interroga sul suo fermo e vuole sapere se ha fatto a pezzi qualcuno, lo prende in giro sulla sua infermità mentale. Il discorso assume toni violenti, per cui Karl e Frank se nevanno in garage, che diventerà la dimora del nuovo ospite.

Il giorno dopo Vaughan e Karl pranzano insieme ed in questa occasione il direttore del discount gli racconta parte della sua storia e del legame di amicizia che ha con la famiglia Wheatley e che è omosessuale, inoltre gli apre gli occhi sulla cattiveria di Doyle e sulle angherie, che sarà costretto a subire se rimarrà a vivere nel garage.

Una sera, dopo cena, Doyle organizza una rimpatriata con la sua band a casa, anche se Linda non è d'accordo perchè è stanca, dopo una dose eccessiva di musica rock, che infastidisce anche il vicinato come al solito causa una buona dose di alcolici, Doyle si ubriaca e dopo una discussione sui pezzi musicali realizzati , caccia tutti fuori di casa compresi Vaughan e Karl .

A questo punto interviene Linda che essendo casa sua decide lei chi deve andare e chi restare, la cosa degenera e dopo che Doyle spintona violentemente Linda il piccolo Frank e Vaughan reagiscono costringendo l'uomo ad andare via. Karl , presente al fattaccio, ha assistito silenzioso senza intervenire.

La notte Linda rimane pensierosa in cucina e, quando Karl entra, scambiano due chiacchiere, lei vorrebe fargli conoscere una sua collega del dicount in occasione di una cena organizzata da Vaughan a casa sua. Tra le chiacchere ci scappa la confessione completa di Karl sul fatto che lo condusse al manicomio criminale, Linda rimane basita, lei conosceva la storia essendoci cresciuta ascoltandola, ma considera l'uomo una persona buona che la vita ha punito più del dovuto.

Durante la cena da Vaughan Karl fa la conoscenza di Melinda con la quale fanno due passi e si conoscono. Il giorno dopo all'officina Melinda si presenta con un mazzo di fioriche offre a Karl per ringraziarlo della passeggiata delle sera prima.

Al ritorno dal lavoro Karl e Frank vanno al solito nascondino sul lago a chiacchierare ed in questa occasione emergono altre storie del terribile passato di Karl tra le quali quella del seppellimento, su ordine del padre, del fratellino nato prematuro.

Una mattina Doyle sembra rinsavito e chiede scusa per l'accaduto a Linda, Frank e Karl e promette che non accadrà mai più. Ma gli astanti sanno che non è così e prima o poi riaccadrà.

Un giorno finalmente Karl accontenta Frank e va a giocare a football americano con i suoi amici e grazie ad una sua apertura durante la partita permette a Frank di realizzare un touch-down . Il ragazzo è entusiasta e durante il ritorno a casa ne parlano dicendo che il padre faceva altrettanto quando giocava, attirando su di se la difesa avversaria per liberare l'ala alla meta.

Ormai è giunto il tempo per Karl di andare a trovare il padre che vive in una casa ai margini del paese, rivede la baracca in cui aveva vissuto da bambino fino a quando non uccise sua madre e l'amante, poi entra in casa e trova il padre che mezzo ubriaco vaneggia seduto in una poltrona circondato da sporcizia e bottiglie di wisky.

Karl gli dice di essere il figlio, ma il vecchio risponde di non avere figli.

Nonostante si offra di sistemargli il giardino soffocato dalle erbacce il padre lo ricusa di nuovo e lo invita ad andarsene. Ad un certo punto Karl rinfaccia al padre l'uccisione del fratello nato prematuro, di cui lui stesso è stato involontariamente il carnefice, per cui aveva pensato di uccidere il padre stesso, ma adesso ritiene che non sia più necessario perchè, se rimarrarrà seduto su quella poltrona ad unbriacarsi, prima o poi morirà ed il mondo si libererà di lui. Uscendo per andare via, passa nel posto dove aveva seppellito il corpicino del fratello, e carezza dolcemente la pietra sotto la quale giace.

Una notte Karl entrando improvvisamente nella camera da letto, dove dormono Linda e Doyle , chiede che vuole essere battezzato, fra lo stupore dei due ottiene che faranno richiesta al Pastore evangelico del paese il giorno dopo.

Il battesimo in acqua avviene presto alla presenza di tutti gli amici che Karl ha acquisito nel paese.

Dopo la cerimonia Linda, Frank e Karl tornndo a casa trovano Doyle che invita la donna ad andare a comprare del pollo fritto per il pranzo. I tre uomini restano a casa a vedersi una partita di football alla TV.

Rimasti soli Doyle approfitta per chiarire certe cose con Frank e quando dice che Karl deve andare via da quella casa il ragazzino reagisce e Doyle gli mette le mano addosso allora Frank interviene bloccandolo intimandogli di non toccare Frank .

Il ragazzino fugge via e Karl raccoglie le sue cose dal garage per andare via, in quel momento torna Linda che gli chiede perchè non resta a mangiare con loro, la donna non sa cosa è accaduto e non capisce che Karl le sta dicendo addio.

Karl raggiunge il ragazzino al nascondiglio vicino al laghetto e si dicono addio anche se la loro amicizia rimane indissolubile, l'uomo però ottiene una promessa dal ragazzino, quella di non tornare a casa, ma di andare dall'amico Vaughan , poi va dallo stesso Vaughan al quale chiede un favore, ovvero di andare a prendere Linda e portarla a casa sua e gli lascia i suoi risparmi da dare alla donna.

La notte Karl passa dall'officina dove lavora e prende una lama che affila rendendola molto tagliente, dopo va nella casa di Linda dove trova il solo Doyle nel frattempo ubriaco come al solito e gli chiede come si fa a
chiamare la polizia, ricevendo da Doyle l'ovvia risposta che per farlo basta il telefono.

Poi Doyle chiede che deve fare con quella lama che ha in mano e Karl gli risponde che è venuto per ucciderlo, allora Doyle per nulla preoccupato glidice che per chiamare la polizia deve fare il numero 911 al telefono e di portare anche un'ambulanza ed anche un carro funebre severamente vuole ucciderlo.

Karl si avvicina all'uomo e gli vibra colpi alla testa con la lama affilata che ha in mano.

Poi si avvicina al telefono e chiama la polizia dicendo che ha ammazzato Doyle Hargraves con la lama di un tosaerba nella casa di Linda Wheatley , poi si siede a tavola è fa colazione con biscotti e mostarda.

Il film si conclude come era cominciato nella grande sala del manicomio criminale dove rivediamo nuovamente Charles Buschman che racconta a Karl le sue solite avventure da maniaco sessuale e gli chiede come era lì fuori nel mondo.

Karl gli dice che ha conosciuto un ragazzo con il quale ha fatto amicizia e che il mondo per lui era troppo grande, poi quando Charles gli chiede chi ha ucciso e nomina il ragazzo Karl gli dice di nominare più il ragazzo e gli dice anche che non ha più voglia di ascoltare o parlare con lui.

Sulle note che accompagnano l'immagine di Karl che guarda pensieroso al di là della finestra il mondo che non lo ha accolto scorrono i titoli di coda di un film sulla drammaticità della vita per taluni aspetti.

__________CONCLUSIONE E RIFLESSIONI__________

Come ho scritto in premessa ho visto questo film in compagnia di amici a casa mia e per questo è stato facile alla fine discuterne per tirarne fuori il succo critico.

Prima di affrontare il lato critico però parlo, per obbligo di copione, del prodotto, oggetto di regalo, come scritto in premessa in un trittico di DVD , di cui non so il prezzo, ma per esperienza personale, essendo stato acquistato alla Feltrinelli come riferitomi, farà parte di quelle offerte 3 DVD al prezzo di €.15 dunque siamo di fronte ad una spesa di €.5 cadauno, che reputo conveniente, considerato che solitamente questi DVD costano mediamente dai 10 ai 15 euro ciascuno.

Qualità ottima sia dal punto di vista audio che video , un menù scarno, ma non mi aspettavo di più, in fondo quando si acquista un DVD si vuole vedere il film e dunque la qualità video ed audio sono il massimo desiderabile, al limite la possibilità di ascoltarlo in lingua originale può essere un valore aggiunto, e questo ce l'ha con sottotitoli in italiano, anche se il doppiaggio in italiano è ottimo .

In definitiva un buon prodotto ad un prezzo conveniente alla portata di tutte le tasche, ma la differenza la fa il contenuto e questo dipende dai gusti .

Passiamo alla analisi critica .

Non è un film semplice, se avete letto attentamente la trama la vicenda racconta la storia di una persona richiusa in un manicomio criminale per circa 28 anni , dall'età di12 anni fino al compimento di quasi 40 anni, una intera infanzia e parte della maturità, sotto controllo, senza poter vivere il mondo.

Ma Karl è un ritardato mentale, nato e vissuto come un animale in una baracca, costrettovi da genitori senza umanità, a mio avviso è la vittima.

Scopre all'età di 12 anni la madre che si accoppia con un giovane arrogante , figlio del capo di suo padre, e li uccide entrambi .

Una giustizia terribile , ma giusta, lo condanna ad una reclusione in un manicomio data la sua inabilità mentale, ma una società assurda lo sbatte in un mondo che non conosceva, senza un minimo di assistenza.

Sa molto di americano questo film, ma nella sua terribile verità mostra il lato umano anche nel ritardato, che trova in un ragazzino il calore di un affetto che manca ad entrambi.

Il regista/attore protagonista Billy Bob Thornton è stato eccezionale in ambedue i lavori, ha realizzato un grande film nella sua semplicità , senza cadere nel retorico e nel pietismo, dotandolo di una interpretazione superba .

Nella storia quando il violento Doyle mette le mani addosso a Linda e a Frank fa riesplodere come in un flash back il ricordo delle violenze subite nella sua infanzia e la violenza ritorna ad essere padrona della scena .

In fondo questo uomo, che parla poco è un buono, sicuramente più buono dei cosidetti buoni , ma ad un certo punto ha il coraggio e la forza di liberare le vittime dell'arroganza del cattivo di turno , sacrificando se stesso e la libertà o forse cercando la fuga da un mondo che non lo accetta o non lo può accettare.

Nonostante la lentezza , il film scorre rapido, tenendo l'attenzione di chi lo guarda sempre viva, non si avvertono pause e le oltre due ore passano senza annoiarsi, sempre presi dal pathos che il racconto emana .

C'è un pò di thriller nella drammaticità degli eventi fino alla conclusione finale, che in fondo appare scontata, ma senza visioni splatter .

Thornton che si cala nei panni di Karl si snatura fisicamente, ma la sua interpretazione è superbamente credibile .

Gli altri interpreti, a parte il giovane Lucas Black nella parte di Frank , sembrano quasi delle comparse, ma tutte si muovono bene nella scena.

Le musiche accompagnano alla grande le azioni, ma quello che merita, d'altronde il film ha vinto l' Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, è proprio la scena, eccezionale sia negli esterni, che negli interni.

Il mio giudizio e quello degli amici, che lo hanno visto assieme a me, è senza'altro positivo , sia per il contenuto della storia, molto drammatica, che per l'interpretazione degli attori su cui spicca quella di Billy Bob Thornton .

Concludendo ve lo consiglio , senza aspettarvi un kolossal, ma un film dai contenuti drammatici che potrebbero anche essere la fotografia non proprio tanto lontana dalla realtà dei nostri giorni.

Un ringraziamento a quanti hanno avuto la forza di leggere questa lunghissima opinione, ma chi mi conosce sa che la sinteticità non fa parte del mio bagaglio di recensionista, ed un saluto affettuoso e alla prossima opinione.

Byron2011

Didascalie delle foto di mia esclusiva proprietà allegate :

1) - Cofanetto e DVD sul mio pc
2) - Cofanetto aperto con DVD all'interno
3) - Cofanetto intero con fronte e retro e DVD
4) - DVD sul tavolo
5) - Retro del cofanetto sul tavolo


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1256 volte e valutata
98% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Rosyma pubblicata 19/08/2017
    Eccellente
  • sarad12 pubblicata 16/08/2017
    Eccellente descrizione, grazie
  • catina56 pubblicata 23/07/2017
    eccll
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "Lama Tagliente (Dvd)"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Lama Tagliente (Dvd)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Numero dischi: 1 - Durata: 129' - Regia: Billy Bob Thornton - Cast: Billy Bob Thornton, John Ritter

Caratteristiche Tecniche

Regia: Billy Bob Thornton

Cast: Billy Bob Thornton, John Ritter

Produttore: Miramax Films

Numero dischi: 1

Anno di Uscita: 2011

Consigliato: Tutti

EAN: 8031179932528

Formato: Dvd

Durata: 129'

Formato Video: Wide Screen

Formato Audio: Dolby Digital 5.1

Sistema: Pal

Area DVD: Area 2 (Europa/Giappone)

Titolo Originale: Sling Blade

Lingue: Italiano, Inglese

Sottotitoli: Italiano

Genere: Drammatico

Ciao

Su Ciao da: 04/01/2012