Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Immagini della community

  • Le filippiche (M. Tullio Cicerone)
  • Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Collana: Oscar classici greci e latini

> Vedi le caratteristiche

Contenuti
Layout:
Qualità Materiale
Reperibilità

Opinioni degli utenti

Filtra per
Tipo di opinione
  • Opinioni con foto (1)
  • Mini Opinioni (1)
  • Opinioni standard (4)
Valutazione
  • (2)
  • (3)
Ordina per Utilita
  • Utilita
  • Valutazione del Prodotto
  • Data

Ottimo

“Le Filippiche”

pubblicata 14/09/2015

Vantaggi*****

Svantaggi-

Demostene, il sommo oratore greco, aveva pronunciato contro Filippo di Macedonia, invasore della Grecia, le famose orazioni Filippiche. Cicerone volle essere il Demostene latino. Quando, dopo l'uccisione di Cesare, Antonio divenne dittatore crudele e rozzo, tutto diverso da Cesare magnanimo...

> Leggi l'opinione

Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

Hai trovato utile questa opinione? Si 0

Ottimo

“LE FILIPPICHE (Cicerone)”

pubblicata 18/03/2007

VantaggiUn grande dell'antica letteratura latina.

Svantaggi/

Cesare fu ucciso il giorno delle Idi di marzo del 44 a.C. Ma già due personaggi si contendevano il potere: Marco Antonio, magister equitum di Cesare e Ottaviano, figlio adottivo di Cesare. Cicerone, tramite un’abile manovra politica, cercava di allontanare Ottaviano da Antonio, ricondurre...

> Leggi l'opinione

Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

Hai trovato utile questa opinione? Si 0

Buono

pubblicata 09/05/2010

Le filippiche sono delle orazioni deliberative. In queste orazioni si rifà a Demostene che scrisse le orazioni a Filippo di Macedonia. Si chiamano Filippiche perché sono grande orazioni. Sono 14 orazioni contro Antonio. Alla morte di Cesare a Roma si crea una situazione particolare, c’erano Ottaviano e Antonio. Antonio voleva prendere il posto di Cesare. Cicerone si schiera apertamente dalla parte di Ottaviano. Però successe la stessa cosa che successe con Catilina. Quando ottaviano fece il secondo triumvirato con Antonio e Lepido, Antonio vuole la “testa” di Cicerone. Questa volta Cicerone non fu esiliato ma venne ucciso dai Sicari di Antonio che gli decapitarono le mani e la testa.

Hai trovato utile questa opinione? Si 0

Buono

“Filippiche”

pubblicata 12/12/2011

VantaggiFacile lettura

SvantaggiPer chi non conosce bene la storia romana non sarà...

Gli studi classici che ho svolto mi hanno imposto la lettura di quest'opera ciceroniana di non facile lettura. Innanzitutto va analizzato il titolo: una ripresa delle Filippiche di Demostene, ma questa volta indirizzate ad Antonio. Quindi l'opera è un'invettiva a colui che Cicero considera un...

> Leggi l'opinione

Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

Hai trovato utile questa opinione? Si 0

Buono

VantaggiRiflessivo.

SvantaggiPoco chiaro in alcuni passaggi (dipende dalla trad...

43 a.C. Cicerone pronuncio contro Antonio suo rivale un'accesa orazione, che ricordarono quella di Demostene contro Filippo il Macedone, colui che aveva privato la Grecia della libertà. Aulo Gellio le chiamò Antoniane. Cicerone era appena giunto a Roma dopo un'assenza di cinque mesi, e Antonio...

> Leggi l'opinione

Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

Hai trovato utile questa opinione? Si 0

Informazioni sul prodotto : Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: Oscar classici greci e latini

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788804418016

Tipologia del prodotto: Libro

Numero dei volumi/tomi: 2 volumi

Categoria commerciale: tascabile

Autore: M. Tullio Cicerone

Numero totale di pagine: 768

Alice Classification: Letteratura Greca e Latina: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 1996

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 11/03/2010