Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Immagini della community

Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Collana: Oscar classici greci e latini

> Vedi le caratteristiche

93% positiva

4 opinioni degli utenti

Opinione su "Le filippiche (M. Tullio Cicerone)"

pubblicata 23/03/2012 | Jordik
Iscritto da : 23/03/2012
Opinioni : 1
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Buono
Vantaggi Riflessivo.
Svantaggi Poco chiaro in alcuni passaggi (dipende dalla traduzione)
inutile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"Un'orazione che costò la vita a Cicerone."


43 a.C. Cicerone pronuncio contro Antonio suo rivale un'accesa orazione, che ricordarono quella di Demostene contro Filippo il Macedone, colui che aveva privato la Grecia della libertà. Aulo Gellio le chiamò Antoniane. Cicerone era appena giunto a Roma dopo un'assenza di cinque mesi, e Antonio aveva convocato il Senato, invitando alla seduta lo stesso Cicerone per sapere se poteva contare sulla sua solidarietà; ma Cicerone non si presentò e Antonio inveì contro di lui; così Cicerone si presentò in Senato e pronunciò la prima Filippica. In essa Cicerone si dichiara non ostile nei riguardi di Antonio, ne loda alcuni atti, altri ne condanna e finisce col dichiararsi devoto alla causa della libertà e della repubblica: come si intuisce, il tono è in generale ancora conciliante e Cicerone ancora esitante. Questo spiega il fatto per cui il giorno dopo Antonio riconvocò il Senato per ribattere al discorso di Cicerone e incriminarne la condotta: Cicerone non si presentò alla seduta, ma ritiratosi nei dintorni di Napoli pensò e scrisse la II Filippica, un'implacabile requisitoria contro Antonio. Poi ne scrisse altre due "infuocate" dove attaccava completamente Antonio.
Allegoricamente quella di Cicerone ,paladino della libertà, è una grande accusa mossa contro Antonio, il quale lo raggiungerà nella sua Villa presso Formio, e farà tagliare da dei sicari le sue mani, la sua testa e la sua lingua.
Tutte queste parti del corpo saranno poi appese nel tribunale romano come ammonimento a chi volesse muovere una critica.
Con Cicerone moriva l'ultimo grido della Repubblica romana.

"Cedant arma togae" le armi cedano alla toga. Un insegnamento che doverebbe essere dato oggi soprattutto ai giovani.. il diritto, le parole sono più forti della violenza.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 717 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
inutile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • alexvers pubblicata 23/03/2012
    inutile se copiata
  • supercocco78 pubblicata 23/03/2012
    Copiata da http://www.parodos.it/books/le_filippiche.htm
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Le filippiche (M. Tullio Cicerone)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: Oscar classici greci e latini

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788804418016

Tipologia del prodotto: Libro

Numero dei volumi/tomi: 2 volumi

Categoria commerciale: tascabile

Autore: M. Tullio Cicerone

Numero totale di pagine: 768

Alice Classification: Letteratura Greca e Latina: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 1996

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 11/03/2010