Lettera a un bambino mai nato. Audiolibro. 4 CD Audio (Oriana Fallaci)

Immagini della community

Lettera a un bambino mai nato. Audiolibro. 4 CD Audio (Oriana Fallaci)

Scritto e pubblicato agli inizi degli anni Settanta quando infuriavano le polemiche sull'aborto, Lettera a un bambino mai nato è oggi considerato un c...

> Vedi le caratteristiche

92% positiva

62 opinioni degli utenti

Opinione su "Lettera a un bambino mai nato. Audiolibro. 4 CD Audio (Oriana Fallaci)"

pubblicata 28/11/2006 | ERMINIA01
Iscritto da : 24/01/2006
Opinioni : 97
Fiducie ricevute : 43
Su di me :
Accettabile
Vantaggi può far riflettere
Svantaggi tanti troppi
molto utile

"Monologo"

Oriana Fallaci nasce come giornalista fin dall'età di 16 anni inizia la carriera giornalistica, particolarmente diventerà una inviata di guerra, nel 1975 scrive il suo primo libro diverso dall'inchiesta giornalistica lettera ad un bambino mai nato. Raccontare il libro fondamentalmente è semplice è un monologo, dove l'autrice rivolgendosi al figlio che sta aspettando gli prospetta la vita, gli racconto con una sorta di favole tutto quello di più squallido la vita può offrire. Bisogna tenere conto che il libro è stato scritto nel 1975 dove per una donna, essere sola, non sposata, con relazioni passeggere, è come essere rea confessa del peccato di anticonformismo.

" Non sono mai stata pronta ad accoglierti, anche se ti ho molto aspettato.Mi son sempre posta l'atroce domanda: e se nascere non ti piacesse? E se un giorno tu me lo rimproverassi gridando:"Chi ti ha chiesto di mettermi al mondo, perché, mi ci hai messo, perché?". La vita é una tale fatica,bambino.E una guerra che si ripete ogni giorno, e i suoi momenti di gioia sono parentesi brevi che si pagano un prezzo crudele. Come faccio a sapere che non sarebbe giusto buttarti via, come faccio a intuire che non vuoi essere restituito al silenzio? Non puoi mica parlarmi. La tua goccia di vita é soltanto un nodo di cellule appena iniziate. Forse non é nemmeno vita ma possibilità di vita. Eppure darei tanto perché, tu potessi aiutarmi con un cenno, un indizio."

Vorrei raccontarvi questo libro cercando di isolarmi il più possibile dal mio pensiero personale, ma non ci riesco assolutamente, certo io ho la fortuna di vivere nel nuovo millennio con vedute e realtà completamente diverse dagli anni settanta, però io non riesco a comprendere la visione della donna descritta nel libro.

La vita non è di certo un'isola felice e sono pienamente d'accordo quando la Fallaci dice che "e i suoi momenti di gioia sono parentesi brevi che si pagano un prezzo crudele" però non riesco a concepire tutto lo squallore e cattiveria che lei vede nelle persone che la circondano, non accetta l'aiuto di nessuno ed è pronta a condannare tutti coloro che la circondano, a partire dall'uomo con cui a concepito questo figlio.

Non viene fatta una scelta ecco forse è questo che più mi crea difficoltà nel capire, infatti durante i monologhi che la protagonista a con suo figlio viene raccontata la storia clinica, quindi viene messo in evidenza il rischio di perdere il bambino, per questo la donna verrà messa a riposo forzato, fino a quando lei decide di interrompere questa situazione per di più intraprendendo un viaggio fortemente sconsigliato da un medico, il risultante è evidente il bambino muore.

Ecco che nasce la mia perplessità, lei che prima decidere di far nascere questo bambino e poi gli dice che se vuole vivere "deve lottare da solo" forse perché sono madre, ma come è possibile ragionare così, neppure negli anni settanta concepisco un ragionamento simile.

L'autrice intraprende una serie di domande, si chiede se è giusto o sbagliato mettere al mondo un figlio, non voglio dirvi come la penso su tale argomento, una cosa è sicura pone molto interrogativi, forse troppi, ponendo la sua visione nera della vita, insomma secondo me la vita và vissuta, si nei momenti brutti ma anche in quelli belli e felici, il problema è solo nel saperli vivere e soprattutto essere cosciente delle conseguenze, però mi dispiace io non rinuncio alla felicità pur pagando qualunque cifra nel futuro.

Ripeto sicuramente era meglio se io questa opinione non la scrivevo, però io non sono riuscita a considerarlo un romanzo bellissimo come viene considerato dalla critica, prima per la visione sicuramente troppo crude della vita, secondo perché io odio chi piange sul latte versato.

Concludendo non lo sconsiglio assolutamente, soprattutto a quelle donne che hanno dovuto scegliere…

Naturalmente è impeccabile il modo scorrevole di scrivere di Oriana Fallaci

E come sempre che devo dire avevi ragione tu era meglio se proprio non lo leggevo…..

Grazie a tutti e scusate !!!!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1917 volte e valutata
86% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • DolceLettrice pubblicata 18/05/2007
    Se ti va leggi la mia opi
  • DolceLettrice pubblicata 18/05/2007
    Io sono un'ostetrica e ti assicuro che ne ho viste di tutte, vedi, a volte una madre ha molta dualità dentro di sè e secondo la vita che a vissuto o ha passato, affronta la gravidanza in modo personale.. questo è solo un libro, ma è normale sentirsi minacciate da un mondo orribile e allo stesso tempo desiderarlo.. capita spesso. Ottima opi. Ciaoo
  • Yarjs pubblicata 10/12/2006
    Bellissimo libro
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Lettera a un bambino mai nato. Audiolibro. 4 CD Audio (Oriana Fallaci)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Scritto e pubblicato agli inizi degli anni Settanta quando infuriavano le polemiche sull'aborto, Lettera a un bambino mai nato è oggi considerato un classico della letteratura di tutti i tempi. Attraverso il monologo di una donna che aspetta un figlio e si rivolge con toni ora teneri ora drammatici al bambino che porta in grembo, Orfana Fallaci affronta il dilemma di dare o non dare la vita, arrivando a cogliere il significato più pieno dell'esistenza. Dalla voce di Oriana Fallaci, registrata nel 1993, una lettura del celebre romanzo accompagnata da commento musicale.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788817027373

Tipologia del prodotto: Audiolibro

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Oriana Fallaci

Alice Classification: Letteratura Italiana: Testi

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Data di pubblicazione: 2008

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 16/12/2005