Maia (Gabriele D'Annunzio)

Immagini della community

Maia (Gabriele D'Annunzio)

Collana: Oscar tutte le opere di G. D'Annunzio

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

2 opinioni degli utenti

Opinione su "Maia (Gabriele D'Annunzio)"

pubblicata 05/08/2010 | DoloresClaiborne
Iscritto da : 13/02/2008
Opinioni : 3466
Fiducie ricevute : 644
Su di me :
"...e quanto ai riccioli di polvere, vadano a farsi fottere!"
Ottimo
Vantaggi *****
Svantaggi -
utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"Inno alla vita"

Maia (Gabriele D'Annunzio)

Maia (Gabriele D'Annunzio)

O Vita, o Vita,
dono terribile del dio,
come una spada fedele,
come una ruggente face,
come la gorgòna,
come la centàurea veste;
O Vita, o Vita,
dono d'oblìo,
offerta agreste,
come un'acqua chiara,
come una corona,
come un fiale, come il miele
che la bocca separa
dalla cera tenace;
O Vita, o Vita,
dono dell'Immortale
alla mia sete crudele,
alla mia fame vorace,
alla mia sete e alla mia fame
d'un giorno, non dirò io
tutta la tua bellezza?

Chi t'amò sulla terra
con questo furore?
Chi ti attese in ogni
attimo con ansie mai paghe?
Chi riconobbe le tue ore
sorelle de' suoi sogni?
Chi più larghe piaghe
s'ebbe nella tua guerra?
E chi ferì con daghe
di più sottili tempre?
Chi di te gioì sempre
come s'ei fosse
per dipartirsi?
Ah, tutti i tuoi tirsi
il mio desiderio scosse
verso di te, o Vita,
dai mille e mille vòlti,
a ogni tua apparita,
come un Tìaso di rosse
Tìadi in boschi folti,
tutti i suoi tirsi!

(Gabriele D'Annunzio - "Inno alla vita" da Maia)

In questi versi, all'inizio della Laus Vitae, il poeta canta il suo inno alla vita con un'ebbrezza più abbandonata e spontanea che non nelle posteriori costruzioni mitologiche-allegoriche.
In essi, in fondo, s'esaurisce il significato genuino del poema: l'ideale di un'anima che vive come diecimila; l'ansia di possesso della vita in tutte le sue forme, cioè della "bellezza del mondo", l'esclusione da questa vitalità, istintiva e protesa a una pura gioia dei sensi, di ogni problematica spirituale.

La msequenza si svolge in lunghe strofe incalzanti, con un ritmo febbrile; le immagini affiorano e scompaiono, portate dall'onda del canto, nella ricerca continua di sensazioni sempre nuove e di un ritmo complesso e vario come la vita.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 3342 volte e valutata
63% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • luma23 pubblicata 02/08/2012
    recensione molto utile!
  • Princy1974 pubblicata 12/08/2010
    Come sempre in questi casi spererei in qualche tua riflessione personale, le mie valutazioni vorrebbero essere di incoraggiamento a migliorarti ma vedo che prosegui per questa strada. Trovo i tuoi rapporti freddi ed impersonali e mi dispiace.
  • melusina pubblicata 08/08/2010
    Bellissima Poesia!!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Maia (Gabriele D'Annunzio)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: Oscar tutte le opere di G. D'Annunzio

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788804393481

Tipologia del prodotto: Libro

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Gabriele D'Annunzio

Numero totale di pagine: 544

Alice Classification: Letteratura Italiana: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Mondadori

Data di pubblicazione: 1994

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/12/2009