Melbourne

Immagini della community

Melbourne

> Vedi le caratteristiche

93% positiva

18 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Melbourne"

pubblicata 08/12/2008 | CHEZIAOTTO
Iscritto da : 18/07/2007
Opinioni : 324
Fiducie ricevute : 184
Su di me :
Un abbraccio Cristiano a tutti I componenti di questo meraviglioso Sito! Che Geova vi benedica per il vostro cuore a Lui dedicato Umberto Polizzi (CHEZIAOTTO)
Buono
Vantaggi Alcuni ci sono!
Svantaggi Anche questi ci sono!
molto utile
Bellezze naturali
Ospitalitá
Attrazioni
Gastronomia
Efficienza trasporti pubblici

"Vivo in Australia, nelle periferie di Melbourne."

Melbourne, in Australia.

Melbourne, in Australia.

Sono nato a Lucca ( Regione Toscana) nel 1930 e ora vivo in Australia, abito nelle periferie di Melbourne, cioè a St. Albans circa 20 Km. dal centro. Melbourne, come tutte le metropoli dell'Australia, sono a spazio libero per cui le case subito in periferia sono a un piano o al massimo di due.

UNA sempre crescente fiumana di persone vengono a stabilirsi ogni anno in Australia. Nell’anno terminato circa 185.000 nuovi venuti cominciarono qui una nuova vita..
Dalla seconda guerra mondiale più di due milioni e mezzo di persone si sono trasferite in Australia da altri paesi.
Nel 1946 l’Australia aveva una popolazione inferiore a sette milioni e mezzo di abitanti. Oggi, venticinque anni dopo, ha una popolazione di oltre dodici milioni e mezzo di persone. Ciò significa un aumento di quasi il 70 per cento nel periodo postbellico!
Più di metà dei nuovi arrivati sono di nazionalità inglese. Il resto vengono da oltre trenta diversi paesi, fra cui Grecia, Italia,(come me) Iugoslavia, Germania, Olanda, Turchia e Libano.
Un crescente numero proviene anche dagli Stati Uniti. Negli anni sessanta circa 20.000 Americani si stabilirono permanentemente in Australia, e il totale annuo si avvicina ora a 5.000.

Il territorio


Melbourne, ha due milioni e quattrocentomila abitanti: Sydney, nella Nuova Galles del Sud, due milioni e ottocentomila; Perth, nell’Australia Occidentale, 650.000; e Adelaide, nell’Australia Meridionale, 770.000. Pertanto oltre metà dell’intera popolazione del paese abita nelle quattro maggiori città di questi quattro stati!
Con tutto questo spazio e con così poca gente, le distanze fra le città sono notevoli. Quasi mille chilometri separano Melbourne da Sydney. Il volo transaustraliano da Perth a Sydney copre una distanza come quella che c’è fra Londra e Cipro. Tuttavia in Australia non ci sono barriere doganali ai confini degli stati.
Poiché il paese è situato in parte nei tropici e in parte nella zona temperata, è sempre estate in qualche parte dell’Australia.
Anche nei mesi invernali, quando negli stati del sud è possibile andare a sciare sulle nevi del monte Kosciusko o sul monte Buller, la gente del Queensland a nord passa le ore libere sulle sabbiose spiagge e in acqua.

Situazione religiosa


I nuovi arrivati non sono fuggiti in Australia per sottrarsi alla persecuzione religiosa, motivo per cui molti emigranti andarono in America anni fa. Ma quelli che vengono in Australia vi trovano la libertà religiosa.
Al tempo del censimento del 1966 quasi 4 milioni di Australiani indicarono di essere anglicani o aderenti alla Chiesa di Inghilterra. Circa 3 milioni si definirono cattolici o cattolici romani. E molti altri sono di altre fedi religiose. Ma, in modo interessante, un milione e trecentomila persone dissero o di non avere nessuna religione, o diedero una risposta vaga, o non risposero affatto a tale domanda del censimento. Perché?
Un sondaggio Gallup fatto in tutta la nazione fornisce un’indicazione. Riferendosi a questo sondaggio, l’Herald di Melbourne del 5 aprile 1969 disse: “Alcune delle fondamentali credenze della chiesa cattolica romana sono rigettate da circa un terzo che asseriscono d’essere cattolici romani”. Essa aggiungeva: “Di quelli che asseriscono di far parte dei principali gruppi protestanti, meno di metà credono nella vita futura, mentre solo 1 su 4 crede nell’inferno e nel Diavolo”. Invece di professare di appartenere a una religione le cui credenze non possono accettare, molti Australiani negano dunque qualsiasi legame religioso.
È significativo, d’altra parte, che l’87 per cento degli Australiani credono nell’esistenza di Dio. E molti di essi hanno amore per la Parola di Dio. Fra questi i testimoni di Geova fanno molte eccellenti conversazioni sulla Bibbia riguardo al meraviglioso proposito di Dio di introdurre un governo giusto per la benedizione dei suoi ubbidienti servitori. Molte decine di migliaia di ministri dei testimoni di Geova sono ora attivi in Australia.
Il numero di australiani che convivono prima di sposarsi è passato dal 5 per cento negli anni ’60 a oltre il 70 per cento nel 2003. — UNIVERSITÀ DI MELBOURNE, AUSTRALIA.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 3815 volte e valutata
56% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • oriuccia86 pubblicata 11/03/2009
    wow... quando sento parlare di australia ne rimango sempre incantata
  • fchurch pubblicata 19/02/2009
    opinione molto dettagliata, ciao Daniela
  • marina1987 pubblicata 02/01/2009
    paradiso terrestre,,,,,,,,,,,,,,
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Melbourne

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 28/07/2000