Mi vendo (bene) ma non sono in vendita (Lorenzo Cavalieri)

Immagini della community

Mi vendo (bene) ma non sono in vendita (Lorenzo Cavalieri)

Nel mondo del lavoro di ieri ognuno aveva il suo "posto al sole" stabile e rassicurante. Oggi non basta conoscere il proprio mestiere per farsi scegli...

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

2 opinioni degli utenti

Opinione su "Mi vendo (bene) ma non sono in vendita (Lorenzo Cavalieri)"

pubblicata 12/08/2017 | flyzmarco
Iscritto da : 12/08/2001
Opinioni : 101
Fiducie ricevute : 217
Su di me :
BUONI CONSIGLI ANCHE A PAGINA 2!! RIDUCETE IL COLORE O MEGLIO ANCORA IMPOSTATE LO SCHERMO IN BIANCO E NERO!!! E' UN VERO TOCCASANA PER GLI OCCHI E PER LO STRESS!!! Grazie staff per il premio di giugno! Sono un 33enne!! Benvenuti!! Ciao!!
Ottimo
Vantaggi Scorrevole, pieno di ottimi consigli per farsi largo nel mondo di oggi.
Svantaggi A tratti un po' ripetitivo.
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Ottimi consigli su come trovare clienti e lavoro"

C'era una volta il posto sicuro e garantito; era sufficiente un titolo di studio, una specializzazione, che il piu' era fatto per trovare un lavoro che ti garantiva un reddito a vita. Ma i tempi cambiano e il concetto di fedeltà sta sempre piu' passando di moda, sia nelle relazioni sociali che in quelle lavorative. Proprio per questo per farsi strada è necessario metterci qualcosa di nuovo, distinguersi dalla massa, tutti i giorni.
Esattamente come non è sufficiente fare un buon prodotto ma è necessario un buon marketing per venderlo, cosi da un punto di vista personale non basta ciò che siamo in grado di fare ma bisogna mettersi sulla piazza e trovare un lavoro o dei clienti, anzi, fare in modo di essere scelti. Non esiste piu il diritto al lavoro ma lavoriamo perchè qualcuno, imprenditore o cliente, ha scelto noi e non altri. Insomma, la parola d'ordine è competizione! Proprio per questo è necessario curare quello che a tutti gli effetti è il marketing personale per un dare un qualcosa in piu, farci apprezzare e farci ricordare in modo che il nostro nome sia associato a qualcosa di positivo. Non tutti i soggetti saranno interessati dal self marketing: nei posti di lavoro dove la competitività è bassa (come un impiegato pubblico) o alta visibilità (ad esempio siamo i farmacisti dell'unica farmacia della zona); in tutti gli altri casi è invece necessario stilare un piano, preoccuparsi di come gli altri ci vedono, curare non solo il nostro look ma anche i nostri profili online (che devono essere aggiornati di frequente) e curare le relazioni anche se queste sottraggono tempo alla famiglia.
Occorre essere consapevoli che non possiamo essere dei tuttologi quindi è necessario ritagliarsi un ruolo, una identità e questo serve per essere credibili agli occhi degli altri; e non basta un pezzo di carta, sono gli altri che devono dirci se siamo bravi ed in cosa abbiamo sbagliato per migliorarci e per fare questo è necessario porre le domande nel modo giusto, in modo che la risposta non sia solo un si/no ma che spinga l'altra parte a fare un discorso maggiormente articolato. Come detto precedentemente, per evitare di confondere chi abbiamo davanti è opportuno differenziarci, e perche questo? Perche il mercato è sovraffollato ed è necessario rispondere alla domanda: "che cosa ti rende unico, speciale, diverso dagli altri?". Tuttavia è necessario ricordarsi che essere di nicchia rischia di precluderci affari in settori non troppo distanti dal nostro oltre al fatto che non tutte le attività sopportano specializzazioni troppo elevate. Inoltre la nicchia implica l'aspettativa di un prodotto davvero speciale e diverso dagli altri. Insomma, specializzarsi dove possibile e con criterio.
Oltre alle competenze è necessario fare in modo di essere scelti e ricordati; sapendo il cervello delle persone è pieno di stimoli, ecco che una rivoluzione della semplicità è importante per fare in modo che il nostro nome venga richiamato associandolo ad un valore, ad un emozione, a una parola, a uno slogan. Essere chiari, essenziali in modo da essere inquadrati facilmente aiuterà l'altra persona a ricordarsi di noi e perchè no, nel proseguire la relazione professionale ed essere "richiamati".
Proprio per questo non possiamo trascurare il cosidetto "effetto alone" o "effetto forca"; cosa sono?! Purtroppo o per fortuna, da una o piu caratteristiche se ne deducono altre che potrebbero essere vere oppure no; per esempio, vedendo un ragazzo bruttino che indossa occhiali spessi ci fa pensare di avere davanti una persona intelligente, riflessiva, che ha voti alti a scuola; e anche se scopriamo che in realtà non studia mai, è sempre al giro circondato da amici e ha voti bassi, da quelle caratteristiche iniziali siamo stati indotti ad intuirne altre, positive (effetto alone) o negative (effetto forca); sapendo che un tratto positivo richiama alla positività e un tratto negativo richiama la negativa, si puo' utilizzare tale "psicologia" per avere una marcia in piu' rispetto ai nostri concorrenti.
Non si puo' non parlare di CV e dell'errore che fanno moltissime persone in cerca di lavoro: quello del curriculum unico da mandare a destra e sinistra senza tenere in considerazione l'azienda che lo riceverà e soprattutto quello di scrivere il piu possibile passando da "tuttologi"; un selezionatore non dedica piu di 40 secondi alla lettura del CV e quindi è importante scrivere non troppo e nel modo giusto le competenze ed esperienze in modo che siano vicine alle esigenze dell'azienda selezionatrice, senza barare (e qui l'autore dispensa moltissimi consigli in merito). Senza dimenticare la fase del colloquio e di tutte le domande a trabocchetto che possono essere fatte e che potrebbero tagliarci le gambe se non rispondiamo nel modo appropriato (e anche qui esempi di domande e consigli su cosa dire non mancano).
Insomma, un bel manuale di circa 170 pagine e dal costo contenuto (circa 10 euro) per farsi largo in un mondo sempre piu' competitivo ed affollato. Consigliato.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 367 volte e valutata
88% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • RebelMe pubblicata 12/10/2017
    molto interessante, eccellente!
  • sonya32 pubblicata 09/10/2017
    Eccellente
  • ludosti pubblicata 05/10/2017
    eccellente opinione. il manuale poi ha un costo contenuto. grazie!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "Mi vendo (bene) ma non sono in vendita (Lorenzo Cavalieri)"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Mi vendo (bene) ma non sono in vendita (Lorenzo Cavalieri)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Nel mondo del lavoro di ieri ognuno aveva il suo "posto al sole" stabile e rassicurante. Oggi non basta conoscere il proprio mestiere per farsi scegliere, bisogna saperlo raccontare, costruendo un'efficace "strategia di marketing personale". Lorenzo Cavalieri ci insegna a trasformare passioni e competenze in una narrazione vincente e "acquistabile".

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788867311828

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Autore: Lorenzo Cavalieri

Numero totale di pagine: 176

Alice Classification: Gestione e Servizi Ausiliari

Editore: Vallardi A.

Data di pubblicazione: 2013

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 09/04/2013