Milano

Immagini della community

Milano

> Vedi le caratteristiche

77% positiva

155 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Milano"

pubblicata 19/04/2017 | sydney74
Iscritto da : 09/12/2016
Opinioni : 14
Fiducie ricevute : 1
Su di me :
Buono
Vantaggi efficienza in tutti i servizi pubblici, città a misura d'uomo,
Svantaggi aria pesante e umida, le zanzare tutto l'anno, la puzza di fogna d'estate
non valutata
Bellezze naturali
Ospitalitá
Attrazioni
Gastronomia
Efficienza trasporti pubblici

"Milano... quel grande paesone che non ti aspetti!"

Foto che ritrae l'inizio del Naviglio

Foto che ritrae l'inizio del Naviglio

Salve a tutti,
provo a scrivere una recensione su di una città in cui abito da qualche anno ma che ho sempre amato da bambina...

Città che vanta una storia considerevole alle sue spalle.
Fondata dai Celti fu occupata da varie popolazioni tra cui i Galli e in seguito i Romani che lasciarono tracce ancora oggi evidenti in città. E' stata distrutta e ricostruita nei vari secoli, già nel 539 avvenne la sua prima distruzione con la guerra gotica. Successivamente fu preda dei Longobardi che la saccheggiarono e la spogliarono dei suoi averi. Solo nel 774 finì il regno longobardo con l'arrivo di Carlo Magno che divenne il primo Imperatore del Sacro Romano Impero.
Nei secoli successivi fu contesa da francesi e spagnoli fino alla pace di Cateau-Cambrésis che riconosceva i diritti spagnoli sul Ducato di Milano. Le cose peggiorarono nel 1629 con la peste che segnò profondamente la città.
Il XVIII secolo vide Milano passare dalla dominazione spagnola a quella austriaca che continuò fino all'epoca napoleonica. L'arrivo di Napoleone Bonaparte suscitò un'ondata d'entusiasmo nei milanesi che videro in lui la realizzazione dei nuovi ideali rivoluzionari francesi tanto attesi durante il periodo conservatore degli Asburgo. L'esercito repubblicano entrò a Milano il 15 maggio e, dopo circa un anno di disordini di ispirazione giacobina, ne seguì la costituzione della Repubblica Cisalpina nel 1797. Essa tuttavia non ebbe vita facile perché, partito Napoleone, Milano ricadde nel giacobinismo e non riuscì a opporre alcuna resistenza al ritorno degli austriaci nel 1799 che intrapresero una cieca repressione. Dopo la nomina di Napoleone a primo console, grazie alla vittoria sul campo di Marengo, Milano torna ad essere il fulcro politico e culturale d'Italia, grazie alla fondazione del Regno d'Italia, con capitale proprio il capoluogo lombardo.
Alla caduta del Bonaparte, Milano tornò sotto il dominio austriaco, non più come ducato, ma come capitale del Regno Lombardo-Veneto, e vi rimase fino al 1859 quando in seguito alla seconda guerra d'indipendenza, entrò a far parte del Regno di Sardegna che divenne Regno d'Italia dal 1861.
Tra il XIX e XX secolo, Milano conobbe un forte sviluppo industriale e terziario che rallentò a cause dei due conflitti mondiali che vide la città piegarsi alla distruzione causata dai vari bombardamenti che non risparmiarono neanche le opere monumentali.

Dopo una breve storia della città, mi sembra giusto indirizzarvi su cosa vedere in città...
La maggior parte delle cose da vedere si trovano nel centro storico. Sicuramente è da andare a visitare il Duomo, simbolo della città e situato nell'omonima piazza. Restando in zona da visitare c'è Palazzo Reale e il Museo del 900 ricco di opere d'arte. Sempre in piazza da vedere la Galleria Vittorio Emanuele II, piena di negozi griffati e ristornati costosi.
Altro monumento è il Castello Sforzesco, originariamente concepito come struttura esclusivamente militare, fu poi ridisegnato come elegante corte per i signori della città. Restando in tema di monumenti religiosi sicuramente non può mancare una visita alla basilica di Sant'Ambrogio, considerata la seconda chiesa più importante della città, ed il complesso ospitante la chiesa di Santa Maria delle Grazie con visita al Cenacolo leonardesco, dichiarato patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.
Altro luogo di notevole interesse artistico è il Cimitero monumentale, che ospita le tombe dei cittadini milanesi più illustri.
La città inoltre è ricca di musei e gallerie d'arte, tra cui la famosa pinacoteca di Brera che assieme al museo Poldi Pezzoli e alla pinacoteca Ambrosiana costituisce la rete delle più famose gallerie d'arte milanesi. A queste aggiungiamo la Triennale di Milano, sede di esposizioni di arte moderna insieme al PAC. Da non perdere la Pinacoteca di Brera nell'omonimo quartiere. Ma ci sono tantissimi musei e gallerie d'arte ovunque.
Per gli amanti del verde da andare a visitare Parco Sempione, Parco Ravizza, i Giardini Pubblici, Parco delle Basiliche e molti altri parchi più estesi appena fuori città. Non è da dimenticare il Naviglio con la Darsena appena ristrutturata.

Il centro di Milano è ricco di palazzi, costruiti soprattutto nei secoli XVII e XVIII come dimore private delle maggiori famiglie della città; gli stili architettonici rappresentati nel centro cittadino sono moltissimi, dal neogotico, barocco, liberty e al razionalismo del dopoguerra. Tra i sontuosi palazzi vanno ricordati Palazzo Marino (ora sede dell'Amministrazione Comunale, Palazzo Litta, Palazzo Belgioioso, o addirittura interi quartieri, come quello intorno a via Monte Napoleone o a Corso Venezia, che sono composti di palazzi nobiliari molto belli.

Milano è senza dubbio una città che ti avvolge e ti travolge dal suo continuo evolversi e dalla sua dinamicità, che si può amare o odiare ma non ti lascia indifferente.

La città dell'aperitivo, del mordi e fuggi, delle banche, di piazza affari, della moda, del design, delle fabbriche, dei grandi studi legali, dell'economia che gira, del qui il lavoro si trova, dei mezzi pubblici efficienti, del tutto funziona, del lavoro guadagno pago pretendo, dei portieri, delle tate, dell'inglese se non lo sai sei fuori, della cotoletta, dello zafferano, del panettone...

Oggi purtroppo Milano ha subito un arresto e qualcosa è cambiato... Il degrado si è appropriato della città, che pur facendo tanti sforzi per restare quella di un tempo, soffre la crisi globale. I negozi aprono e chiudono con una velocità da far invidia ad Hamilton, quelli che restano si decentrano perchè gli affitti sono esorbitanti, ci sono tantissimi bivacchi sotto i portici del centro con tutto quello che ne comporta...

Ma nonostante tutto Milano resta un luogo da visitare e capire con tutte le sue sfaccettature. Dal riso al salto alla cotoletta, dall'aperitivo vista Duomo al gelato sul Naviglio, dalle boutique di via Montenapoleone alle grandi catene di abbigliamento, dal vecchio tram alla bicicletta in affitto.
Sicuramente non è una città noiosa, ricca di eventi e manifestazioni di ogni genere che lasciano aperto un mondo a i tanti viandanti che decidono di passare per questo luogo...

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 43 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • dolcefatina81 pubblicata 19/04/2017
    io ci vivo da 13 anni e ancora non mi sono abituata ✿ ❤ ❅ ✌
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Milano

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 28/07/2000