Opinione su "Nana (Ai Yazawa)"

pubblicata 16/10/2013 | Zus93
Iscritto da : 10/06/2013
Opinioni : 235
Fiducie ricevute : 9
Su di me :
Ottimo
Vantaggi Regala tante emozioni...
Svantaggi Non tutte queste emozioni sono positive! XD
molto utile
Qualita' grafica
Qualita' delle storie
Simpatia/credibilita' dei personaggi
Reperibilita'
Prezzo

"Tante lacrime..."

Nana è il capolavoro della celebre mangaka Ai Yazawa.
Che dire? Veramente tante lacrime...
La storia inizia su un treno per Tokyo, in ritardo di cinque ore; è qui che le due protagoniste si incontrano, ed hanno moltissime cose in comune. In realtà non così tante, eccetto l'età e il nome: Nana.
Nana Komatsu è una ragazza capricciosa ed infantile, va via di casa per trasferirsi a Tokyo, dove vivono il suo fidanzato e i suoi amici. in realtà, principalmente il suo scopo è quello di diventare indipendente.
Nana Osaki è completamente diversa: cantante di un gruppo rock ormai distrutto, quello dei Blast, si trasferisce a Tokyo nella speranza di potere tornare ad avere successo; lì vive anche Ren Honjo, colui che era il suo fidanzato, il suo unico ed immenso amore, il quale aveva lasciato i Blast per unirsi ai Trapnest, un gruppo di immenso successo.
Le due ragazze si troveranno ad affittare un appartamento insieme, così nascerà una profonda amicizia che andrà al di là del tempo.
Nana Komatsu continuerà a cercare lavoro, subirà delusioni d'amore e casini del genere, mentre Nana Osaki scoprirà che i membri del suo gruppo l'hanno seguita a Tokyo, così inizierà la loro carriera da gruppo rock, in eterna rivalità con i Trapnest.
Non crediate che sia una trama leggera, perché mi rendo conto che detto così lo sembra.
Non lo è affatto.
Non voglio fare spoiler, ma ci saranno problemi di droga, una gravidanza indesiderata, tradimenti, si vedrà anche la lenta distruzione di sé stesso di un giovane ragazzo, Shin... saranno realtà molto crude. Come anche la musica: non è più soltanto un piacere, servono soldi per vivere...
Il manga è infatti classificato come seinen proprio per i contenuti forti.
Sia il manga che l'anime sono arrivati in Italia, sebbene l'anime non soddisfi a pieno le aspettative dei fan, poiché ad un certo punto si interrompe, lasciando tutto irrisolto.
L'anime ci regala delle canzoni stupende: la prima opening e la prima ending sono meravigliose e sono anche canzoni che canteranno spesso nel corso dell'anime; Nana Osaki, con i Blast, debutterà con "Rose", cantata, in realtà, da Anna Tsuchiya che doppia Nana in Giappone, mentre Reira, la bellissima cantante dei Trapnest, canta "A Little Pain", cantata in realtà da Olivia Lufkin che doppia la cantante nella versione giapponese.
Sia la seconda opening che la seconda ending non mi piacciono per niente.
Non saprei dire se consigliarvi di guardarlo, dipende quanto e come siete sensibili, comunque a me è piaciuto molto. Veramente emozionante...

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 501 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • antony644 pubblicata 16/10/2013
    ottimo
  • Delicia pubblicata 16/10/2013
    io sono abbastanza sensibile e credo che mi piacerà, opi. scritta davvero molto bene, ciao
  • amaltea13 pubblicata 16/10/2013
    non sono un'amante dei fumetti, però la tua opinione è bella. grazie e buona settimana. ciao
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Nana (Ai Yazawa)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Caratteristiche Tecniche

Autore: Ai Yazawa

Ciao

Su Ciao da: 07/01/2003