Non tornerai mai più (Hans Koppel)

Immagini della community

Non tornerai mai più (Hans Koppel)

Venerdì sera. Ylva sta tornando a casa dopo un drink con i colleghi, l'iPod nelle orecchie e la musica ad alto volume. A un tratto un'auto la affianca...

> Vedi le caratteristiche

60% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Non tornerai mai più (Hans Koppel)"

pubblicata 31/08/2015 | Ely90_90
Iscritto da : 24/09/2014
Opinioni : 382
Fiducie ricevute : 152
Su di me :
Se non merito Eccellente, lasciatemi un commento per capire il motivo! Grazie ^.^ (Non si migliora altrimenti) // Scrivo anche altrove /// *GRAZIE* per il premio come "Argomento del Mese" *.*
Soddisfacente
Vantaggi Originale, Scorrevole, Ben Scritto,.....
Svantaggi Non saprei
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"Non male, ma pensavo meglio....."

dal mio instagram @viaggiatricepigra

dal mio instagram @viaggiatricepigra

TRAMA

Venerdì sera. Ylva sta tornando a casa dopo un drink con i colleghi, l'iPod nelle orecchie e la musica ad alto volume. A un tratto un'auto la affianca, cogliendola di sorpresa. Conosce la donna al volante e l'uomo sul sedile posteriore, anche se non li vede da anni, da quando da Stoccolma si è trasferita nella cittadina in cui ora vive con Mike, suo marito, e la figlia Sanna. Quando i due le offrono un passaggio, ha un attimo di esitazione ma non se la sente di rifiutare. Ringrazia e sale. Poi il buio. Quando riprende i sensi, Ylva si ritrova imprigionata in una cantina, legata a un letto, gli occhi puntati su un televisore fissato al soffitto. Allora capisce: quello che vede sullo schermo è il giardino di casa sua e lei si trova a pochi metri da lì. A breve Mike inizierà ad allarmarsi per la sua assenza e Sanna a chiedere perché la mamma non torna. Un gioco sadico che i suoi aguzzini le infliggono tra sevizie di ogni tipo. Una violenza cieca, in apparenza. Se non fosse per quell'episodio del passato che Ylva ha cercato in ogni modo di dimenticare, ma che qualcuno, evidentemente, ha ancora ben impresso nella memoria.
(da Amazon)

* ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^

AUTORE

Hans Koppel è lo pseudonimo dello scrittore svedese Petter Lidbeck.
Nato nel 1964, vive a Stoccolma ed è autore di libri per bambini e romanzi satirici. Ora sei mia è il secondo titolo di una trilogia thriller iniziata con il bestseller internazionale Non tornerai mai più (Piemme, 2012) e tradotta in 15 paesi, che ha valso all’autore la candidatura al Best Swedish Crime Novel Award.
(da http://www.edizpiemme.it/autori/hans-koppel)

* ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^ * ^

OPINIONE

Un libro particolare e che riesce a discostarsi da molti thriller per la sua originalità.
Anche in questo vediamo la prospettiva da più "occhi", anche se la 'protagonista' è Ylva, una donna che viene rapita e tenuta prigioniera dai suoi aguzzini, iniziando un gioco lungo e sadico in cui la tortiureranno sia fisicamente, che psicologicamente, mostrandole infatti attraverso una televisione la sua casa, dove sua figlia e suo marito vivono ignari di tutto.
Oltre a lei vedremo al storia dalla prospettiva del marito, che da un giorno all'altro si trova immischiato in questa faccenda, e persino
Altri occhi che arriveranno ogni tanto, apparendo come un fulmine per scomparire altrettanto rapitamente, saranno quelli degli amici, della madre di Mike, anche della polizia che non saranno di alcun aiuto e vedremo il ciniscmo che spesso si nasconde dietro alla divisa (realistico perchè non tutti i poliziotti sono 'perfetti' come in molti altri thriller, e quì ne mostra un aspetto magari cinico, ma da non tralasciare).
Altre voci fuori dal coro sono di un giornalista (mediocre) e un suo amico, fissato con una storia legata al suo passato, che scopriremo essere collegata al presente e anche ad Ylva.

Insomma, una storia che racconta tutto, velocemente e senza troppi indugi, tranne i segreti....quelli dovremmo faticare per scoprirli, anche se li indovineremmo quasi subito.
Un libro forte, ma non 'raccapricciante'; infatti non si accanisce sugli aspetti brutali per scioccare il lettore. Ci pensa già la storia a farlo capire.
Veloce perchè racconta in un 300 pagine le avventure di un'anno.
Dalla scomparsa in poi di questa donna che non ha altra scelta che aggrapparsi alla speranza per sopravvivere, e in contrasto il mondo esteriore che, purtroppo, va avanti anche senza di lei.

Purtroppo una enorme pecca è il finale, che chiude tutto in brevissimi e pochi capitoli (anche se ci sarà una breve notizia che farà sorridere il lettore e pensare:"ben gli stà!").
Come la velocità in cui racconta il tutto, potrebbe essere scritto più con calma.

Ma nonostante questo, un libro davvero originale e piacevole, nonostante sperassi in qualcosa di leggermente migliore.
Un triller che ormai si trova a poco (è del 2012) e che consiglio di leggere.

Da quello che so, è il primo di una trilogia che sto già cercando per scoprire i collegamenti, perchè, dalla lettura, immaginavo fosse autoconclusivo.
Quindi una buona notizia per chiunque voglia iniziarlo senza troppo impegno: si piò leggere anche da solo.
Spero di avervi incuriosito.....se lo leggete, fatemi sapere i vostri pareri a riguardo ^.^


[Lo scrivo anche quì:
Se avete critiche/suggerimenti, non fatevi scrupolo a scrivemeli nei commenti o in un MP....solo così si può migliorare ^.^ ]
[Questa opinione è mia personale di cui mi riservo il diritto di copiarla in parte o tutta, e/o di modificarne il contenuto per altri siti/blog o altro]

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 331 volte e valutata
70% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • ciccio8484 pubblicata 08/09/2015
    Eccellente opi passerò domani per valutarla
  • Mats1990 pubblicata 01/09/2015
    Ottima opi!
  • sonya32 pubblicata 31/08/2015
    Eccellente
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Non tornerai mai più (Hans Koppel)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Venerdì sera. Ylva sta tornando a casa dopo un drink con i colleghi, l'iPod nelle orecchie e la musica ad alto volume. A un tratto un'auto la affianca, cogliendola di sorpresa. Conosce la donna al volante e l'uomo sul sedile posteriore, anche se non li vede da anni, da quando da Stoccolma si è trasferita nella cittadina in cui ora vive con Mike, suo marito, e la figlia Sanna. Quando i due le offrono un passaggio, ha un attimo di esitazione ma non se la sente di rifiutare. Ringrazia e sale. Poi il buio. Quando riprende i sensi, Ylva si ritrova imprigionata in una cantina, legata a un letto, gli occhi puntati su un televisore fissato al soffitto. Allora capisce: quello che vede sullo schermo è il giardino di casa sua e lei si trova a pochi metri da lì. A breve Mike inizierà ad allarmarsi per la sua assenza e Sanna a chiedere perché la mamma non torna. Un gioco sadico che i suoi aguzzini le infliggono tra sevizie di ogni tipo. Una violenza cieca, in apparenza. Se non fosse per quell'episodio del passato che Ylva ha cercato in ogni modo di dimenticare, ma che qualcuno, evidentemente, ha ancora ben impresso nella memoria.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788856622218, 9788856642544

Tipologia del prodotto: BB, BA

Autore: Hans Koppel

Traduttore: G. Giordano

Numero totale di pagine: 316

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Editore: Piemme

Data di pubblicazione: 2012, 2014

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/06/2012