Un pasticcio...ben riuscito

5  30.01.2008

Vantaggi:
tutti

Svantaggi:
ti vien voglia di mangiarne uno dopo l'altro !  !  !

Consiglio il prodotto: Sì 

chaplin82

Su di me:

Iscritto da:13.01.2008

Opinioni:15

Fiducie ricevute:43

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 80 utenti Ciao

Ma come? Tra i dolci tipici pugliesi, e leccesi soprattutto, Ciao aveva dimenticato di inserire la "meraviglia delle meraviglie", il re dei dolci di Lecce, il PASTICCIOTTO!!!!

È stato amore a prima vista, l'ho divorato con foga, e ogni mattina non manca nella mia colazione.

Il Pasticciotto leccese è un semplicissimo dolce di pasta frolla, di forma ovale, che racchiude nel suo scrigno una semplice, ma meravigliosa crema pasticcera. La sua superficie è dorata, grazie allo spennellamento di bianco d'uovo prima della cottura in forno.
Per "godere" appieno della sua bontà bisogna addentarlo appena sfornato, in modo da assaporare tutto il profumo della crema ancora calda e la consistenza friabile della pasta frolla.

Un pasticcio…ben riuscito
E pensate che questa meraviglia è nata per caso (come tutte le cose buone): più di 260 anni fa, nel comune di Galatina, un paesotto vicino Lecce, un abile pasticcere, un tal Nicola Ascalone, proprietario della pasticceria Ascalone, mise insieme pasta frolla e crema che gli erano avanzati, e li mise in un piccolo contenitore in rame, di forma ovale. Secondo lui ne uscì un "pasticcio" e lo offrì ad un suo concittadino passato di lì per caso.
Deliziato da questo dolce, il passante ne chiese un altro per portarlo a casa, ma ahimè, quello era l'unico e il solo.
La voce si sparse e il buon Nicola si adoperò per farne altri, molti altri, per soddisfare le tante richieste del "pasticciotto di Ascalone".Sono passati tanti anni e questo semplice "pasticcio" è stato riconosciuto come dolce tipico del Salento.
Col passar del tempo, vi sono state molte variazioni in tema:
  • Torta pasticciotto (lo stesso procedimento, però in una teglia da torta)
  • Pasticciotto ripieno di crema e amarene
  • Pasticciotto con crema e Nutella (non poteva mica mancare!!!)
  • Fruttone

Quest'ultima variante è diventata a sua volta un dolce tipico: il Fruttone è preparato con una base di pasta frolla; il ripieno è composto da pasta di mandorla amalgamato con marmellata di mele cotogne (o anche altre marmellate) e il tutto viene ricoperto da un sottile strato di sfoglia e, per finire, uno strato di cioccolato fondente.Vi riporto la ricetta
Ingredienti:
°° Pasta frolla
°° Crema pasticcera
°° Formine ovali

PREPARAZIONE:
Preparare la pasta frolla (la ricetta classica la potete trovare ovunque) e farla riposare 30 minuti.
Preparare la crema pasticciera (sempre seguendo una classica ricetta, o la vostra preferita) e farla intiepidire.
Mettere la palla di pasta frolla sulla spianatoia spolverata di farina, col mattarello formare una sfoglia spessa 7-8 millimetri quindi, imburrare gli stampini, spolverarli di farina eliminandone l'eccesso.
Con la pasta frolla coprire fondo e pareti degli stampini e bucherellarla con le punte della forchetta.
Riempire di crema pasticciera fino all'orlo e con un altro pezzo di pasta frolla coprire come fosse un coperchio facendo aderire bene.
Spennellate col bianco d'uovo leggermente battuto e mettere gli stampini in forno già caldo a 170° e far cuocere per 10 minuti; aumentare la temperatura fino a 200° e far cuocere fin quando la superficie dei pasticciotti sara' divenuta color ambra chiaro.
Togliere gli stampini dal forno, attendere che i pasticciotti si raffreddino, quindi toglierli dagli stampini delicatamente.

Se non disponete di formine (ovali o rotonde) potete fare la variante Torta Pasticciotto, diponendo la pasta frolla in una teglia con i bordi bassi, riempiendo di crema fino all'orlo, e ricoprendo con un altro strato di pasta frolla a mò di coperchio. Spennellare con il bianco d'uovo e infornare. I tempi di cottura sono leggermente più lunghi, ma la bontà è la stessa!!!!


E se ancora non vi ho convinto, vi riporto una testimonianza di Gino Anchora, un giornalista e docente, che così descrisse il Pasticciotto.

La seduzione ha cambiato casa: dopo piazza Vecchia ci sono ancora languide carezze che si possono raccogliere in altre parti del borgo antico. Per averle, non c'è bisogno di carta di identità. In via Vittorio Emanuele da secoli si ingravidano uova, zucchero, latte e farina. È la miscela del pasticciotto, uno sformatino nemmeno troppo bello a vedersi che sprigiona una dolcezza a lungo cercata, il sogno di un abbraccio infinito con una vulva affettuosa. Non si sa da dove venga. Probabilmente era manifattura araba che vi stillò il profumo dei gelsomini, la calma frescura dei pini del Libano e il sole che si riverberava nelle lucenti tessere d'oro dei minareti. Il nome è maschile ma ciò che sprigiona - la seduzione - è femminile. Il Devoto-Oli non lo menziona, preferisce il diminutivo pasticcino che, nel nostro caso è - però - molto riduttivo. Deriva da "pasticcio" che rimanda a disordine o confusione nel lavoro. Ma anche qui siamo su una falsa pista perché non si "ingravidano" sconsideratamente uova, zucchero, latte e farina. Bisogna intanto amare tutta quella materia naturale, poi titillarla, come si fa con una bella donna, tentarla con lunghe e appassionate carezze. Trasmetterle l'energia sensuale che scivola dalle braccia e giunge al cuore, mentre si amalgama l'impasto stendendolo sul piano, pronti a giacergli accanto, con i muscoli eccitati, dando e ricevendo piacere, fin quasi all'orgasmo. Il pasticciotto porta nel suo ventre tutto ciò, la sintesi primordiale degli elementi innamorati, il peccato lussurioso o il frutto proibito con cui l'uomo si sublima e si avvicina pericolosamente al Cielo. Mangiarne, significa ingoiare Dio, che non è, come nel cerimoniale cattolico, la ricerca della trascendenza, ma una congiunzione carnale con la vita.

Buon Pasticciotto a tutti

Alla prossima
Lidia
Fotografie per Pasticciotto Leccese
  • Pasticciotto Leccese Fotografia 6477402 tb
  • Pasticciotto Leccese Fotografia 6477403 tb
  • Pasticciotto Leccese Fotografia 6477404 tb
Pasticciotto Leccese Fotografia 6477402 tb
Pasticciotto
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
JiMorris

JiMorris

27.03.2010 00:25

sembra delizioso

Cassandra68

Cassandra68

26.02.2009 14:06

complimenti per la ricettina che mi piacerebbe preparare..un saluto cassandre.

Gae_990

Gae_990

22.07.2008 18:36

Mmmmmmh, deve essere buono!! Opinione eccellente comunque!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Leggi di più su questo prodotto
Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Pasticciotto Leccese è stata letta 5379 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (20%):
  1. Gae_990
  2. vampiro89
  3. deahapy
e ancora altri 22 iscritti

"molto utile" per (79%):
  1. JiMorris
  2. cobra79
  3. Sailortronky
e ancora altri 95 iscritti

"utile" per (1%):
  1. iI_mohicano

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.