Patate

Immagini della community

Patate

> Vedi le caratteristiche

97% positiva

102 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Patate"

pubblicata 16/09/2005 | Marucci
Iscritto da : 17/08/2005
Opinioni : 7
Fiducie ricevute : 4
Su di me :
Pur avendo ormai passata la mia giovane età, qui in CIAO cerco di far conoscere a tutti l'esperienza della mia terza età.....
Ottimo
Vantaggi Moltissimi per la salute.
Svantaggi No
molto utile

"Patate lesse, una vera delizia..."

Con la fame che avevammo in tempo di guerra, durante la 2° guerra mondiale, le patate erano uno degli alimenti che costavano meno e si poteva averli per mangiare direttamente anche dal nostro orto.
Sarà perchè sono stata abituata fin da piccola a mangiarle ogni giorno questo "semplice" alimento che ora non posso fare a meno di mangiare ogni sera le patate lesse.

Ci sono alcuni che rifiutano mangiare le patate a causa del suo alto contenuto amidaceo. Ma si dovrebbe tener presente che la patata dà poche calorie. Per esempio, considerate questo paragone: una patata di buona grandezza ha circa 100 calorie, una frittella dolce, circa 200.

Le patate poi sono una buona fonte di vitamina C. Una patata di media grandezza cotta al forno ha circa 15 milligrammi di vitamina C. Poi ci sono presenti anche le vitamine A e B. come il Ferro, il calcio, il magnesio, il fosforo ed il potassio.
Secondo un libro scentifico, è stato affermato che le patate "contengono tanti minerali e vitamine da poter sostenere sufficientemente la vita per un periodo di tempo, anche se non è disponibile nessun altro alimento".

Comunque per preservare la massima quantità possibile di vitamine e minerali è buona norma bollire le patate con le loro bucce. La cottura a pressione e nel forno distrugge solo un po' di questi elementi alimentari, mentre sbucciando le patate, quindi bollendole, ne risulta la perdita quasi della metà di vitamina C. Se si fà il purè di patate se ne distrugge ancora di più di vitamina C.

Ecco perchè quando c'era poco o niente da mangiare le patate sono state un fattore importante nella sopravvivenza di intere nazioni, in particolare di quelle nell'Europa orientale.

Io non resto mai a "secco" di patate, perchè ne ho sempre una bella scorta. Per mantenerle belle anche per tutto l'inverno, la temperatura del deposito dovrebbe essere fresca intorno a 4,4 °C. Se fosse più fredda, potrebbe causare un indesiderabile sapore dolce; se fosse più calda, potrebbero germogliare e avvizzire. Le tenebre, un po' di umidità e la ventilazione sono pure l'ideale per mantenerle bene eliminando così l'eccesso di umidità e di calore dalle patate vive.
Di solito d'inverno le lascio fuori da casa dove la temperatura è più fresca.

Nessuno può stancarsi di mangiare patate perchè cè la possibilità di variare molto nel servirle.
A tavola da pranzo possiamo servirle con un piatto pieno di fumanti patate cotte al forno. Rompendo la sottile buccia, liberiamo il vapore e l'invitante aroma. In mezzo al contenuto spalmare poi un po' di burro diventa ancora di più un boccone veramente gustoso.

Non è possibile che la famiglia se ne stanchi mai, sebbene l'umile patata compaia ogni giorno nella lista delle vivande. Qualsiasi buon libro di cucina ci offre una varietà di ricette alle voci "bollite", "al forno", "in umido", "fritte", nonché una varietà di insalate. Altre ricette, che costituiscono una sfida per il cuoco, ma un diletto per il commensale, comprendono i "supplì di patate", e molte altre.

Certo, il metodo più semplice è quello che faccio io, cioè di bollire le patate. Prima le pulisco, poi le risciacquo bene nell'acqua, oppure le lascio con la buccia.
Poi le metto in una padella con sufficiente acqua da coprirle, aggiungo sale e faccio bollire finché diventano tenere, per venti o trenta minuti.
Basta infilare una forchetta e si prova subito a che livello è giunta la cottura. Poi scolo l'acqua e togliendo il coperchio le asciugo sul fuoco, scuotendo leggermente la padella. Anche le bucce delle patate preparate in questa maniera diventano abbastanza gustose.

Ancora più squisite sono le patate quando son cotte al forno. Prima le taglio a metà per largo anziché per lungo. Le passo del grasso sul lato tagliato e le pongo con il lato tagliato a contatto della superficie di cottura. le faccio quocere per trenta-trentacinque minuti e poi sono pronte.
Si possono servirle anche con burro e prezzemolo sminuzzato o anche con burro e succo di limone per fare qualcosa di diverso.

Un altro modo di gustare le patate intere cotte al forno è quello di tagliarle in cima e d'infilarvi dentro qualche salsiccia fritta o cotta al forno o qualche cipolla imburrata.

Non vi è venuta l'acquolina in bocca?
Buon appetito con le PATATE!!!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 24804 volte e valutata
78% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • aglieglie pubblicata 30/08/2007
    grazie per i consigli, ottima opinione
  • TITTYTALK pubblicata 09/02/2006
    HAI SCRITTO UN'OPINIONE MOLTO COMPLETA E DETTAGLIATA....STASERA: PATATE AL FORNO!
  • hidrangea pubblicata 02/10/2005
    A chi non piacciono le patate?
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Patate

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 01/11/2003