Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)

Immagini della community

Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)

Editore: Capcom - Sviluppatore: Capcom - Genere: Horror - Età consigliata: 18+

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

4 opinioni degli utenti

Opinione su "Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)"

pubblicata 07/03/2017 | dani54e
Iscritto da : 18/01/2015
Opinioni : 452
Fiducie ricevute : 101
Su di me :
Buono
Vantaggi Ottima ambientazione
Svantaggi Una trama altalenante
Eccellente
OPZIONI
DIFFICOLTA'

"Resident Evil 7 un nuovo e ottimo inizio"

Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)

Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)

Era il 1996 quando il primo Resident Evil pubblicato dalla capcom arrivò sulla prima PlayStation, dando ulteriore fama e denaro alla casa sviluppatrice. Da allora sono usciti un sacco di capitoli della serie, sequel, remasterd e spinoff, fino ad arrivare a Resident Evil 5 e 6 due giochi che con le atmosfere dei primi capitoli avevano ben poco. Ma dopo questi giochi Capcom ha capito che doveva ricominciare da capo ritrovare quella originalità e unicità che distingueva i suoi primi capitoli e nel farlo ha deciso anche di abbandonare il "cavallo di battaglia" che caratterizzava i suoi precedenti giochi, ossia gli zombi. Resident evil 7 Biohazard è il nuovo inizio della saga di capcon, ed è un ottimo inizio perché mi è piaciuto molto.

Informazioni generali

Genere: survival horror
Modalità: single-player
Sviluppatore: capcom
Distributore: capcom
Motore grafico: RE Engine
Data di uscita: 24 gennaio 2017
Trama

Il gioco parte con delle registrazioni video nelle quali Mia la moglie del protagonista del gioco, dice a suo marito che spera di rivederlo presto appena avrà terminato il suo lavoro di babysitter per una famiglia nel Louisiana, ma in un messaggio successivo dice a suo marito di non cercare di dimenticarsi di lei. A distanza di 3 anni da questi messaggi, Ethan il marito di Mia riceve una email nel quale li dice di raggiungerlo nella casa della famiglia Baker.
Opinione trama

Come si può capire dai primi minuti della trama nessuno dei vecchi protagonisti della serie Resident Evil è protagonisti di questo nuovo capitolo, ma non solo perché non sono presenti neanche i soliti cattivi della serie come gli zombi, che sono stati sostituiti della "simpaticissima" famiglia Baker, una famiglia con dei personaggi che mi ricordano un po la famiglia Sawyer di non aprite quella porta.
I giochi di Resident Evil non si sono mai distinti per dei personaggi carismatici, specialmente gli ultimi, ma questo settimo e nuovo capitolo è l'opposto. Proprio i cattivi, cioè la simpatica e adorabile famiglia Baker è davvero simpatica ed ironica nella sua follia.
Se la trama vista dal punto di vista dei personaggi e delle atmosfere il gioco convince con questo senso constante di tensione, dovuto sopratutto alla ambientazione cupa e claustrofobica, per il resto purtroppo si dimostra altalenante e anche ripetitiva con il passare delle ore.


Gameplay

Questo Resident Evil 7 nonostante i cambiamenti, rimane comunque un Resident Evil? La mia risposta e si. Come ho detto, nonostante i cambiamenti anche nel gameplay come il passaggio della telecamera dalla terza persona alla prima che rende il tutto può realistico e d'impatto, questa scelta della visuale riporta anche ai tipici comandi del genere, ossia i classici comandi per spostarsi per abbassarsi e con cui si possono interagire con gli oggetti, aprire terminati cassetti, armadi ecc, e un realistico sistema di sparo con le armi da fuoco. Ma nonostante questo rimane comunque un Resident Evil con più analogie con il primo capitolo (ambientato anche esso in una casa) che i restanti capitoli della serie, lo si può vedere nel design della casa che è progettata quasi come un puzzle con porte con enigmi da aprire puzzle da risolvere per sbloccare determinati passaggi, o anche le tipiche armi ed equipaggiamento presenti nel primo e nei successivi giochi. Insomma il tutto è stato progettato per dare una sensazione di freschezza ad una serie che sentiva fin troppo i peso degli anni, però mantenendo quello spirito che caratterizza il marchio della Capcom e in particolare i primi capitoli della serie.
Come ho detto i classici zombi di Resident Evil non ci sono più, o meglio ci sono ma sono stati rivisitati, infatti i membri della famiglia Baker pur essendo super forti e veloci non sono altro che gli zombi di questo nuovo capitolo e dei nemici temibili non solo per la difficoltà di gioco che si deciderà di usare, ma anche per le ambientazioni in cui gli si dovrà affrontare e per il comportamento che attueranno durante la lotta. Ma questi nemici non si dimostrano ostici solo nelle sfide boss, infatti inseguiranno il protagonista per tutta casa e per tutto il gioco e molto spesso di dovrà nascondere da essi, proponendo anche parti di gioco stealth.

Gli enigmi del gioco non sono difficili, più che altro è una piccola scocciatura il backtraking ossia il dover tornare in stanze già esplorate per prendere terminati oggetti che in precedenza non si potevano prendere, per sbloccare una porta in un altra ala delle casa. Come ho detto è una piccola scocciatura ma indispensabile per aumentare le ore di longevità del gioco.
Un'altra cosa che mi è piaciuta di questo gioco sono le sequenze animate interattive, cioè sequenze animate nel quale il proprio personaggio può muoversi e interagire con ciò che lo circonda.
Bene anche per il crafting degli oggetti, nei precedenti Resident Evil bastava ingerire la mitica erbetta per recuperare un bel po' di salute ma ora la cosa inizia ad avere più senso perché non si potrà ingerire l'erba per recuperare la propria salute ma andrà unita ad una soluzione chimica per creare un vero e proprio medicinale. Questi prodotti chimici sono la base del crafting poiché da esso si realizzano numerosi oggetti oltre che i medicinali si potranno creare munizioni potenziate steroidi per la forza e molto altro.
Comparto tecnico

Da punto di vista grafico Resident Evil 7 se la cava, anche se qualche texture soprattutto del terreno delude un po'. Si poteva qualcosa in più sulla grafica considerando anche che la maggior parte degli ambienti sono molto stretti, e quindi gli sviluppatori avrebbero potuto concentrarsi di più sui dettagli. La risoluzione grafica di 1080p è ottima e anche il framerate è costante, non ho riscontrato cali o altro, non ricordo neanche di aver riscontrato bug e quindi sul gioco è stato svolto un ottimo livello di pulizia.

L'audio è ottimo, uno dei migliori nel panorama horror, e contribuisce in buona parte a donare quella immersività e realismo che ho citato prima, dal rumore dei passi dei nemici, che oltre a rendere tesa l'atmosfera permettono di farsi un'idea di dove sia il nemico, o rumori di fondo come l'acqua che gocciola e le travi di legno che si assestano e rendono il l'atmosfera più elettrizzante. Purtroppo l'unico difetto dell'audio sta doppiaggio in particolare in quello del protagonista Ethan che è doppiato da Renato Novara noto per aver doppiato Ted Mosby della serie How I Met Your Mother, ma io me lo ricordo sopratutto per aver doppiato ottimamente Edward Elric protagonista della serie anime Fullmetal Alchemist, tutto questo per dire che Novara è un ottimo doppiatore di film serie, Tv e anima, ma non è adatto per un videogioco sopratutto per uno a stampo horror.
Longevità

La durata di Resident Evil 7 si aggira intorno alle 10 - 15 ore, che sono ottime considerando che si tratta di un gioco a tema horror. Inoltre la maggior parte del tempo sarà impiegata a cercare determinati oggetti in giro per la casa.
Conclusione

Resident evil 7 è sia un ritorno alle origine dei primi episodi dove la componente horror era la cosa principale, ma è anche un modo diverso di vedere la serie e di approcciarsi ad essa. Comunque il passato di sei capitoli si sente sia nel design degli ambienti che nella trama soprattutto nella seconda parte. Nonostante ciò rimane il miglior horror del 2017, un gioco che consiglio agli amanti del genere.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1175 volte e valutata
96% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Ciobin pubblicata 14/05/2017
    eccellente
  • flyzmarco pubblicata 27/04/2017
    Complimenti!
  • davidenet pubblicata 20/04/2017
    ECCELLENTE opinione complimenti
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Resident Evil VII: Biohazard (Xbox One)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Editore: Capcom - Sviluppatore: Capcom - Genere: Horror - Età consigliata: 18+

Caratteristiche Tecniche

Marca: Capcom

EAN: 5055060965924

Sviluppatore: Capcom

Genere: Horror

Età: 18+

Anno di pubblicazione: 2016

Ciao

Su Ciao da: 03/03/2017