SDA

Opinione su

SDA

Valutazione complessiva (478): Valutazione complessiva SDA

 

Tutte le opinioni su SDA

 Scrivi la tua opinione

SDA e Poste Italiane... Si salvi chi può!

1  14.08.2009

Vantaggi:
.  .  . mette alla prova il self - control dell'essere umano .  .  .

Svantaggi:
.  .  . crea un forte mal di testa e attacchi di bile .  .  .

Consiglio il prodotto: No 

Dettagli:

Costi:

Affidabilità dei servizi:

Tempi di consegna:

Tempi di prelievo:

continua


Danilore

Su di me:

Iscritto da:14.06.2009

Opinioni:5

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 2 utenti Ciao

Ciao a tutti,
nelle prossime righe vi racconterò un’esperienza ai limiti dell’incredibile che è mi è capitata con il Corriere Espresso SDA.
Va bene, direte voi, di questi tempi è un po’ come sparare sulla Croce Rossa… ma proprio per questo motivo voglio premettere che:
1. NON è la prima volta che succede un fatto di questo tipo con i servizi forniti da QUESTO Corriere;
2. la pazienza dell’essere umano è GRANDE, ma ha un limite: se la prima volta posso “capire” i “loro” problemi, la seconda volta comincio a innervosirmi… e la terza volta, quando si supera ogni limite di rispetto per il cliente, mi sento autorizzata a diventare una BELVA feroce!
Bene, veniamo alla storia in questione…
Tutto cominciò quando io e mio marito decidemmo di acquistare un kit di pannolini lavabili on-line da un negozio di Verona (www.babymio.it; a proposito, scriverò prossimamente la nostra opinione sulla sezione dedicata a questi prodotti, prima li dobbiamo provare sul campo!).
Trattativa precisa, ordine perfetto… insomma, tutto procedeva nel migliore dei modi.
Il giorno della spedizione (era sabato), il mittente mi aveva persino inviato un’e-mail in cui mi comunicava il codice identificativo del pacco, spedito tramite Poste Italiane con servizio Pacco Celere 3.
Quello che non sapevo, è che questo servizio è in realtà gestito da SDA.
E lì sono cominciati i dolori… infatti, i giorni passavano, ma del pacco non c’era nessuna traccia, nemmeno l’avviso del passaggio del corriere. C’erano solo i primi dubbi che si addensavano nella mia testa come un bel temporale all’orizzonte.

Preoccupata, ieri mattina (giovedì) decido di consultare il servizio on-line di Poste Italiane dove, inserendo il codice della spedizione, si può avere IN TEMPO REALE la “mappatura” del pacco: ebbene, questo risultava essere già passato DUE volte sotto casa mia…!
Chiamo allora l’Ufficio Postale del mio paese, per sapere se “per caso” il pacco è in giacenza da loro… negativo.
Anzi, l’impiegata mi spiega, come se fosse la cosa più normale del mondo, che il Corriere “quando non trova il destinatario, non passa a consegnare la merce all’Ufficio Postale tutti i giorni: aspetta di fare un po’ di cumulo, 10-20 pacchi, e solo allora lasciano la merce alle Poste. Da lì poi parte l’avviso del postino, eccetera eccetera…”.
“Ma allora, cosa devo fare? Voglio solo sapere che fine ha fatto il MIO pacco!” dico io.
“Provi a sentire la SDA, loro sicuramente le sapranno dire se il Corriere passa dalle parti di casa sua oggi…”.
Ma per mettersi in contatto con SDA, si deve fare il numero a pagamento 199-eccetera-eccetera…. A quel punto, dato che “verba volant, scripta manent”, decido di inviare una e-mail a SDA, che vi riporto integralmente.

“Buongiorno, La presente per comunicarVi quanto segue.
In data 8 Agosto u.s. mi è stato spedito un pacco con servizio PACCO CELERE 3; quello stesso giorno, il mittente si era premurato di comunicarmi, oltre all’avvenuta spedizione, il numero identificativo della consegna: XXX.
Non avendo ad oggi ricevuto nulla, ho deciso di consultare il servizio on-line di POSTE ITALIANE dove, inserendo il codice della spedizione, si può risalire allo stato della consegna.
Vi riporto quindi di seguito la situazione della spedizione del pacco XXX:
- 08/08/2009: accettazione ufficio postale
- 10/08/2009: smistato HUB impianto automatico (Bologna – Sala Bolognese)
- 11/08/2009: in consegna (Venezia)
- 12/08/2009: in consegna (Venezia)
- 12/08/2009: destinatario non disponibile (ferie)
- 13/08/2009: destinatario non disponibile (ferie)
Ora, tengo a precisare quanto segue:
- ieri, 12 Agosto, non mi sono allontanata da casa per l’intera giornata, né tantomeno ho ricevuto ALCUNA notifica dell’avvenuto passaggio del Corriere;
- oggi, 13 Agosto (sono le ore 9:50 circa), le “notizie in tempo reale” sulla consegna del mio pacco XXX riportano nuovamente che non è stato possibile consegnare il pacco in quanto il destinatario risulta “NON DISPONIBILE” perché “IN FERIE”, sebbene io sia nuovamente a domicilio per l’intera giornata.
Inoltre, ho appena verificato che nemmeno questa volta è stato consegnato l’avviso di passaggio del Corriere.
Certa di un Vostro cortese e sollecito intervento per la risoluzione di questa spiacevole situazione, porgo cordiali saluti. Firmato…”

Incredibile ma vero, SDA mi risponde:
“Egr. Signore/Gentile Signora,
in riferimento alla sua richiesta di informazioni, siamo spiacenti di comunicare che infosda@sda.it risponde alle esigenze dei clienti che utilizzano prodotti della Società SDA Express Courier. Per ricevere informazione circa la Sua richiesta, La invitiamo a contattare il Customer Services di Poste Italiane al Numero 803.160, canale previsto per tutti i prodotti di Poste Italiane, comprese le spedizioni postacelere e pacchi. Ringraziandola per l'attenzione che vorrà prestare alla nostra indicazione, porgiamo cordiali saluti.
SDA EXPRESS COURIER S.P.A.”

Già qui, cominciavo ad avere I primi attacchi di bile…
Ma come! Se è un servizio che Poste Italiane dà in concessione a SDA, dovrebbe essere l’Azienda che “gestisce” le consegne a rispondere dei problemi… o no?
A quanto pare, non lo sanno nemmeno loro…
Ma adesso viene il bello.
Chiamo il numero verde di Poste Italiane 803.160… e inizia la mia “mission impossibile” per riuscire a comunicare con un operatore… infatti:
- il tempo di selezione lasciato all’utente dalla voce guida dopo il fatidico “prema il tasto X” è di 10 centesimi di secondo: anche tenendo il dito fra la cornetta e l’orecchio, pronto a scattare sul tasto di selezione, la scelta non viene “registrata”! Ecco quindi che la voce guida comunica, con tono compassionevole (della serie: ma quanto sei imbranato che non riesci neanche a premere un tasto sul telefono…!) “la scelta che ha effettuato non è corretta: la preghiamo di richiamare”. E allora, richiamiamo!
- riesco finalmente a seguire la combinazione di tasti corretta (me l’ero scritta su un foglietto di carta… circa 5 passaggi) ma a quel punto, l’operatore mi dice che per risolvere il mio problema, devo in realtà contattare un altro operatore… nel frattempo, la linea era caduta 3/4 volte, probabilmente per una tempesta di meteoriti;
- quando alla fine riesco a comunicare con l’operatore giusto, questo mi dice che ha assoluto bisogno dell’indirizzo del mittente… COOOSA? “Mi scusi, ma se dal codice della spedizione vede il MIO indirizzo, dovrebbe vedere anche quello del mittente, no?”. Dall’altra parte della cornetta sento un certo imbarazzo… “Va bene” dico io, esasperata “se non si può fare altrimenti, adesso glielo trovo…”. E cade nuovamente la linea… ma sono talmente fuori di me che non cedo!
- richiamo, ed ecco il colmo dei colmi: “Signora, mi deve perdonare, ma in questo momento ho il terminale che non funziona… non potrebbe richiamare più tardi?”. MA ALLORA, PERCHE’ HAI RISPOSTO SE LO STRUMENTO DEL TUO LAVORO NON TI PERMETTE DI LAVORARE…!?!
- alla fine, dopo aver digitato la sequenza corretta, dopo aver trovato l’operatore “giusto” e soprattutto con un terminale funzionante, e dopo aver comunicato gli estremi della spedizione, mi viene data la fatidica notizia: “sembra” che il mio pacco sia in giacenza al centro intermodale SDA di Marghera.
Come sarebbe, “sembra”?
“Eh, signora, cosa vuole che le dica…” mi risponde l’operatrice di Poste Italiane “…se vuole, io da qui posso farle lo svincolo della giacenza prima che il pacco torni al mittente…”.
COSA? COME?
“Scusi, può spiegarsi meglio?”
“Io le svincolo il pacco, così loro lo portano all’Ufficio Postale di zona e lei va a ritirarlo lì…”
“Ma se non sono nemmeno passati a consegnarlo a ME, quel benedetto pacco!”
“Eh, signora, cosa vuole che le dica…”
“Senta, le dico io una cosa: lasci il pacco lì dov’è… posso andare a ritirarlo io di persona?”
“Ah, se per lei non è un problema, può andare di persona… altrimenti, ci può richiamare, e procediamo con lo svincolo”.
“Va bene, grazie… eventualmente ci risentiamo”.

Chiamo l’SDA di Marghera per assicurarmi che il pacco sia fisicamente presente nel loro magazzino… L’orologio segnava le 11.30, e ho continuato a chiamare, chiamare, chiamare, senza che NESSUNO rispondesse, fino alle 12.32… a quel punto, ecco che qualcuno dall’altra parte del filo risponde:
“SDA: i nostri uffici sono aperti dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30. Per informazioni può chiamare il numero 199-eccetera-eccetera…”.
Ma allora volete la guerra?
E guerra sia!
Inferocita, chiamo l’199-eccetera-eccetera, e dopo le solite combinazioni di tasti, mi risponde un essere umano… (beh, è già qualcosa, penso io).
“Buongiorno: senta, volevo un’informazione su un pacco che mi è stato spedito con servizio Pacco Celere 3… c’è stato un problema con la consegna del vostro corriere…”
“Mi dispiace, per queste informazioni deve chiamare Poste Italiane, 803.160”.
“Signorina, mi scusi, ho già chiamato Poste Italiane, volevo solo sapere se è in grado di confermarmi la presenza di questo pacco al centro intermodale di Marghera, di modo che possa andare a ritirarlo di persona…”
“Mi dispiace, deve chiamare Poste Italiane, 803.160”.
“Le ripeto che ho già chiamato Poste Italiane! Mi è stato detto che sembra che questo pacco sia in giacenza al centro SDA di Marghera…”
“Mi dispiace, deve chiamare Poste Italiane, 803.160”.
“Ma mi vuole ascoltare…?!? Voglio solo sapere se il mio pacco è lì…”
“Deve chiamare Poste Italiane, 803.160”.
“Ma almeno può dirmi se oggi pomeriggio è aperto l’Ufficio SDA di Marghera?”
“Chiami Poste Italiane, 803.160, io non posso aiutarla”.
“Ma sta scherzando? E’ un servizio che fornite VOI e io devo chiamare Poste Italiane? E’ il VOSTRO corriere che non è passato per la consegna, e ora il mio pacco è in un VOSTRO centro di smistamento, dove nessuno risponde al telefono! Io voglio solo sapere se questo pomeriggio l’SDA di Marghera è aperto…!!!”
“Per avere queste informazioni chiami Poste Italiane, 803.160”.
Fortuna che pensavo di aver parlato con un essere umano…

Ore 16.00.
Con mio marito, al quale spiego quasi piangendo la situazione, decidiamo di partire alla volta di Marghera, centro intermodale SDA.
Arrivati lì, ci accoglie la Segretaria che, annusata la situazione, si premura di dirci che:
- si scusano dell’inconveniente, ma d’altra parte è Agosto (!!!);
- c’è poco personale… è Agosto…;
- le consegne, in Agosto, sono ridotte al minimo;
- ovviamente, devono dare precedenza alle consegne di SDA… quelle di Poste Italiane vengono dopo (ma forse questo non succede solo in Agosto).

Siamo allibiti.
Ritiriamo il pacco, che almeno è tutto intero, e lasciamo quel posto con la speranza di non doverci tornare mai più.
Inutile prendersela con la povera Segretaria, che come tutti quelli che sono al di là del bancone devono sempre cercare di conciliare l’inconciliabile… in fondo, lei non c’entra nulla.

Però è RIDICOLO che sulla mappatura on-line in tempo reale venga riportato che il Corriere è passato non una, ma DUE volte, quando in realtà non l’ha fatto, senza lasciare un avviso… a tutti gli effetti, si tratta di una comunicazione FALSA.
Mi viene da pensare che, comunque, SDA, dichiarando di aver tentato due volte la consegna, potrà ritirare la percentuale pattuita con Poste Italiane per un servizio che, a tutti gli effetti, NON ha offerto.
Ma soprattutto è incredibile come NESSUNO, né Poste Italiane né SDA, si assuma la responsabilità di questi eventi.
Abbiamo perso una giornata intera per non ricevere alcuna informazione certa sulla posizione nello spazio e nel tempo di un pacco che conteneva, pensate, dei pannolini!
E se fossero stati farmaci, o documenti legali? Forse si sarebbe optato per un altro servizio di trasporto…
Fatto sta che:
- il mittente ha pagato un servizio di spedizione che NON è stato fornito;
- SDA ha pubblicato informazioni FALSE sulla mappatura del pacco;
- il destinatario ha perso tempo, denaro e serenità per: telefonare ad entrambe le Aziende per avere spiegazioni sulla situazione; sopportare comunicazioni contorte da parte delle stesse, che altro non hanno fatto che scaricarsi responsabilità l’una con l’altra; infine, percorrere chilometri per recarsi all’Ufficio SDA di zona, con la speranza di trovarlo aperto, e soprattutto nella speranza di trovare il SUO pacco e di poterlo ritirare pur senza la cartolina del passaggio del Corriere.

Concludendo… non è la prima volta che ci capita un evento del genere, sempre con SDA. Stavolta però sono stati superati TUTTI i limiti…
Spero che qualcuno, prima o poi, intervenga per mettere un pò di ordine... perché alla fine, è sempre il cittadino che ci rimette.

Un abbraccio,
Dani da Venezia.


Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
bonty9

bonty9

13.11.2009 11:14

In genere mi sono arrivate opinioni positive su sda....ma a quanto pare è sembre la stessa musica... scarica barile gli uni con gli altri...

b_sergioadsl

b_sergioadsl

14.08.2009 19:21

forse non avevano la gondola x arrivare da te. scherzo eh ! ci sono capitato pure io con SDA, e qui a Roma la gongola non serviva.

johnkoenig

johnkoenig

14.08.2009 13:43

Ti capisco molto bene... siamo tutti vittime

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su SDA è stata letta 4847 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"molto utile" per (100%):
  1. micmigli
  2. bonty9
  3. johnkoenig
e ancora altri 2 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.