Opinione su

Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella)

Valutazione complessiva (60): Valutazione complessiva Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella)

 

Tutte le opinioni su Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella)

 Scrivi la tua opinione


 


Non spiattellare mai a un uomo i tuoi segreti.

4  19.09.2004

Vantaggi:
E’ un libro divertente .

Svantaggi:
L’inizio è coinvolgente .  Verso il finale, a mio parere, perde un po’ di brillantezza, ma non è poi un grande svantaggio .

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Contenuti

continua


elixa

Su di me: La mia ragazza guida così male che quando c'è lei al volante il navigatore satellitare, non parla. P...

Iscritto da:26.07.2003

Opinioni:172

Fiducie ricevute:104

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 37 utenti Ciao

Ognuno nella sua vita ha dei segreti.
Ammettiamolo: nessuno racconta tutto quello che fa e in particolar modo tutto quello che pensa né ai genitori, né agli amici, né al partner e tanto meno ai propri datori di lavoro.
Ma a conti fatti alcune non sono vere e proprie bugie, sono piuttosto mezze verità, oppure piccole omissioni, o ancora grandi balle :oP
Come si può andare a dire alla propria amica che si è sognato di fare sesso con lei? Specie se sai che è eterosessuale? Non che ci sia nulla di male, ma non si può di certo.
Come si può dire al proprio fidanzato che non ti piace il Jazz quando sai che lui ne va matto? Che porti due taglie in più d’abbigliamento di quelle che hai dichiarato? Che il perizoma che ti ha regalato lo trovi scomodissimo e ti da un fastidio bestiale? Senza contare che è pur sempre di due taglie in meno. Che lo consideri alla stessa stregua di Ken (il fidanzato di Barbie)?
Come puoi confidare alla migliore collega di lavoro che i suoi regali fatti all’uncinetto sono finiti in un armadio perché a te non piacciono?
No pur di non ferire queste persone in ognuno di noi si mantengono dei piccoli o grandi segreti.
Come puoi ammettere con tutti che quegli abiti firmati li acquisti nei negozi di usato?
E’ impossibile essere completamente sinceri se sul posto di lavoro innaffi la pianta della tua collega con l’aranciata perché la proprietaria è piuttosto B. D. (da frase rubata ad Aldo Giovanni e Giacomo: Bastarda Dentro).
Oppure ammettere davanti al tuo capo che la sua tazza preferita l’hai rotta tu.
O meglio ancora confessare che la fotocopiatrice il più delle volte la distruggi tu. E quella fotocopia di un bel sederino, che è appeso alla parete del tuo ufficio, come puoi ammettere che è il tuo? Come puoi dire di aver falsificato il tuo curriculum pur di ottenere quel posto di lavoro?
Noooooo questi sono segreti da custodire insieme alle delusioni e ad altro.
A meno che non ci si chiami Emma Corrigan.
Emma è una normalissima ragazza inglese 25enne.
Si trova a Glasgow per un incarico che dovrebbe portarla ad una promozione; da semplice assistente nel settore marketing della Panther Corporation passerebbe a Responsabile Marketing.
Il suo trampolino di lancio è quell’incontro alla Glein Oil per definire un accordo promozionale della nuova bevanda al sapore di mirtillo della Panther Corporation.
Basta una stretta di mano, il grosso è già fatto e anche Emma potrebbe superare questa prova, ma…
Ma a quanto sembra per la Glein Oil l’accordo non è per nulla definito. Infatti iniziano a tornare sui loro passi e Emma entra in crisi.
Nel tentare di recuperare il recuperabile riesce a mandare in fumo la sua occasione.
Presa dalla foga di spiegare, fa fare una bellissima doccia con la “Panther Prime” (nome della bevanda in questione) al direttore marketing della Glein Oil.
Ed ecco sfumare davanti ai suoi occhi la sua speranza di una promozione.
Delusa se ne torna all’aeroporto e aspetta il suo volo.
Guarda caso una delle hostess la nota al bar dell’aeroporto e sente quello che racconta per telefono alla sua amica.
Impietosita decide di offrirle un volo più comodo e la invita ad accomodarsi in prima classe.
Al suo fianco un uomo piuttosto burbero nei modi.
Il volo inizia ed ecco che a quel punto la tranquillità di Emma inizia a minarsi fino ad arrivare a vero e proprio panico quando incappano in una turbolenza.
Emma con molta delicatezza si aggrappa alla mano dello sconosciuto e inizia a sciorinare tutti i suoi segreti sia personali sia di lavoro. Lui si dimostra gentile e disponibile e non si lamenta. Il volo atterra regolarmente a Londra (città dove si svolge la storia) ed Emma si può finalmente rilassare realizzando che ha spiattellato ad uno sconosciuto tutti i suoi segreti più intimi. L’unica cosa che la consola è che è proprio uno sconosciuto e che mai più lo rincontrerà.
Passa un fine settimana discreto con le novità che nella sua vita entreranno.
La richiesta di Connor di andare a vivere insieme, l’incubo del pranzo dai genitori per festeggiare il compleanno della madre e i suoi dubbi.
Al lunedì mattina ritorna in ufficio. Il fermento è nell’aria, sta per arrivare il proprietario fondatore della Panther Corporation. Ed ecco che Emma si ritrova di fronte Jack Harper.

Jack Harper si concede un viaggio in incognita a Glasgow. Ufficialmente lui risulta a Parigi.
Quale proprietario della Panther Corporation può concedersi di viaggiare in prima classe.
Al suo fianco è seduta una donna che si fa passare per una donna d’affari, ma non è altro che Emma Corrigan che le racconta di tutto.
Il lunedì mattina si reca presso la filiale di Londra della società e nel visitare i vari settori della ditta, nell’ufficio marketing si ritrova di fronte niente po’ po’ di meno che Emma.
Da questo punto in poi il libro inizia a presentare situazioni simpatiche e ironiche più per Emma che per Jack.

Bene ora che ho riassunto i primi due o tre capitoli del libro, lascio a voi la curiosità di scoprire come prosegue questo libro consigliandovi sentitamente di leggerlo perché è divertente e in alcune situazioni a volte assurdo, ma che ha un fondo di vita reale.
Vale realmente la pena leggerlo.

Elixa vede:
E che speravate che non ci fosse questo post scritum?
Mai. Se un libro, oltre a una buona storia, mi riesce a regalare anche spunti di riflessione troverete sempre questa piccola postilla.
Vede in Emma una donna insicura di se stessa, con dei vissuti che la portano a sentirsi inadeguata nella società.
Il suo difficile rapporto con i genitori causato principalmente dalla cugina Kerry che entra nella sua vita a 10 anni. Orfana di entrambi i genitori viene affidata ai Corrigan che iniziano a mettere in disparte la loro unica figlia per accentrare la loro attenzione su questa nipote brillante e piena di successi.
La lotta di Emma per poter essere considerata come una figlia modello, ma quella lotta verrà persa in mille e un tentativo di dare un significato alla sua vita.
I cambiamenti che la nuova situazione portano nella vita di Emma permettendole di renderla più piacevole, più vivibile mista al coraggio di ribellarsi a quello standard di “essere quella che gli altri si aspettano che sia”.

In Kerry il tentativo di tenere sempre vivo l’interesse dei genitori di Emma su di se e spiazzare regolarmente la cugina.

La stupidità dei signori Corrigan che non si accorgono di essere in procinto di perdere la loro unica figlia per una persona che soffre di manie egocentriche.

Vede la superficialità di Jamina, una delle coinquiline di Emma, che come unico scopo nella vita ha solo quello di farsi mettere al dito un anello da una persona importante e incastrarla nel matrimonio.
Le sue menzogne e la sua paranoia trasmessale dalla madre per cose molto superficiali.
Il suo fermarsi all’esteriorità delle persone e di se stessa.
La sua estrema superficialità nei rapporti umani e la voglia di vendetta, ma verso chi?

Lissy, la migliore amica di Emma, che nasconde al mondo intero la sua passione per la danza così perché se ne vergogna. Eppure è un avvocato affermato. I suoi piccoli timori. E altro.

Jack Harper che inizia a scoprire un mondo diverso da quello in cui lui è abituato a vivere: il mondo della gente comune. Un altro mondo che lo porterà a valutare una fascia diversa di mercato per i suoi nuovi prodotti.
Un uomo che dentro di se nasconde dei grandi segreti e che non riesce a trasmettere a Emma perché ha paura che questi grandi segreti vengano svelati.

Vede la difficoltà della vita, anche se alleggerita da questa storia ben scritta.
Vede la sua vita in grandi linee riflessa e caspita a volte non è un bel vedere.

Oh Elixa sinceramente vede ben altro, ma finirebbe per raccontarvi tutto il libro e questo non è il suo scopo.

Alla prossima lettura.
Un sorriso.
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
febbraio81

febbraio81

03.10.2008 20:18

Mi piegavo in due dalle risate mentre lo leggevo!!!

aghy79

aghy79

27.10.2006 03:00

oggi mi è capitato sott'occhio...se avessi letto prima la tua opi l'avrei comprato,brava!

illusioni

illusioni

25.08.2006 16:15

bello bello e molto divertente. Mi è piaciuto il tuo mod di recensirlo. Ciao ^_^

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella) è stata letta 2469 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (29%):
  1. giusi79
  2. gategate
  3. micky1977
e ancora altri 18 iscritti

"molto utile" per (67%):
  1. lavinia94
  2. illusioni
  3. raggio1981
e ancora altri 45 iscritti

"utile" per (4%):
  1. febbraio81
  2. aghy79
  3. paperellaquack

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a Sai tenere un segreto? (Sophie Kinsella)