I CALDI E SCOPPIETTANTI AMORI DI ASIULETTA

4  11.02.2008

Vantaggi:
v .  opinione

Svantaggi:
v .  opinione

Consiglio il prodotto: Sì 

Asiuletta

Su di me: Ogni volta che torno capisco perché me n'ero andata. - Quando ho tempo scrivo sul blog http://isolan...

Iscritto da:22.03.2006

Opinioni:1053

Fiducie ricevute:382

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 100 utenti Ciao

♥ I CALDI E SCOPPIETTANTI AMORI DI ASIULETTA ♥

Cari amici ciaoini (e non), ormai mi conoscete già da un po', e dalle mie opinioni avrete sicuramente appreso anche qualcosa riguardo le mie stravaganti passioni, dai trucchi saccheggiati nell'oramai noto negozietto della Pupa ai film d'amore strappalacrime davanti ai quali si consumano i miei fazzoletti e il mio cuore, dai viaggi avventurosi in cerca di Castelli antichi e misteriosi alle serate trascorse cantando a squarciagola le canzoni di Venditti e De Andrè.

Eppure non vi ho ancora parlato della mia più grande passione, una passione ardente, scoppiettante, scottante, che arde e danza e brucia e soprattutto che mi tenta, mi chiama, mi richiama, mi tormenta e giorno per giorno mi invoca. Una passione che più che consumarmi vuol essere consumata, che più che divorarmi vuol farsi divorare: in una parola il grande amore della mia vita.

♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥

Non posso non renderne partecipi proprio voi, perchè è un amore troppo importante, focoso, appassionato e vivace per essere taciuto così! E soprattutto è un amore felice e spensierato, perchè non chiede di essere ricambiato, non si domanda come, quando, dove, e soprattutto non invia quarantotto fastidiosi sms per cercare di accordarsi sul luogo dell'incontro! Infatti il mio amore è sempre lì, ad aspettarmi, appollaiato sul ripiano del supermercato, ammiccante, talvolta (anche se molto raramente) perfino scontato!
Certo, mi direte voi, è un amore un po' fedifrago, visto che va nella bocca di tutti, ed è perfino bisex, perchè sta sia con le donne che con gli uomini. Ma ormai, ai giorni nostri, tutto questo non dovrebbe turbarci più di tanto.
Ah, dimenticavo: è anche un amore che vuol essere pagato, però vi assicuro che è abbastanza economico di questi tempi spendere al massimo un paio d'euro per una notte di fuoco!

♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥

Ebbene sì, cari amici, è giunta l'ora di svelare questo mistero, di farvi conoscere finalmente il nome del mio amore, di gridarlo gioiosamente al mondo. Vi dirò chi ha consolato le mie lacrime davanti ai filmoni, sera dopo sera... Chi ha allietato i miei noiosi studi, pomeriggio dopo pomeriggio... e chi sbriciola sulla mia tastiera, adesso, mentre vi scrivo.
Qui, così, senza fronzoli, eccolo, ve lo presento, è lui:

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥ POP CORN ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

Pop , il nome, vuol dire "saltare".
Corn , il cognome, vuol dire mais .
Ma non lasciatevi ingannare dal serioso nome inglese.
Non pensate di poter conoscere e giudicare così facilmente il mio amore!
In realtà è un tipo
Fotografie per San Carlo Pony Pop Pop Corn
San Carlo Pony Pop Pop Corn Le mani nei pop corn
io e mio fratello all'assalto...
imprevedibile e particolare... Un tipo che sa presentarsi in mille forme diverse, mai uguali, sempre più originali!
La sua storia, la sua natura, il suo carattere e la sua formazione sono molto più complessi di quanto possa sembrare, e per conoscerli davvero dobbiamo fare un salto indietro, molto molto tempo fa...
Biografia di un Pop Corn

Il mio amore è davvero un matusalemme: in base al rinvenimento di alcuni fossili infatti si pensa che fosse già conosciuto nell'antico Egitto, tanto da dubitare che si tratti della famosa manna di Mosé.
La prima datazione ufficiale però risale intorno al 1500, quando Cortés, in Messico, entrò a contatto con gli Aztechi, che ne mangiavano abitualmente e per di più avevano tra le loro cerimonie l'incoronazione di pop-corn, rito con cui intendevano, si dice, favorire la fertilità.
Secondo gli scritti dell'epoca, Cortés affermava che questi indiani scaldassero il mais finchè non scoppiava, e la stessa testimonianza è stata riportata anche da Cobo durante i suoi viaggi in Perù, cento anni più tardi.
E' sul finire del 1800, durante l'epoca della Grande Depressione, che i pop corn prendono ulteriormente piede perchè sono uno dei pochi sfizi che tutti possono concedersi senza dover sostenere una grande spesa.
I pop corn hanno anche sopraffatto i dolciumi (a causa della carenza di zucchero e, al contrario, dell'abbondanza di mais) durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale.
Da allora, alimentati dalla tv e dall'abitudine di distribuirli al cinema, sono entrati nell'immaginario collettivo come classici accompagnatori della visione di film, oppure più di recente come cibo sfizioso per arricchire party o aperitivi.

La formazione

Dopo aver parlato degli avvenimenti legati alla vita del pop corn, non posso non raccontarvi qualcosa riguardo la formazione... C'è chi si è formato nelle università nostrane, chi ha preferito studiare all'estero ma restando entro i confini europei, chi è finito in America.
Il nostro pop corn, invece, si è formato in una padella.
Per preparare i pop corn si utilizzano metodi differenti, tra i quali si può scegliere anche in base al proprio gusto, dalla padella piena d'olio bollente in cui si fanno saltare alla padella unta con del burro, alle più moderne macchinette che utilizzano l'aria, fino al microonde in cui inserire i sacchetti di carta col mais all'interno.
Di solito poi devono essere salati e serviti caldi, perchè così sono più buoni.
Purtroppo fare i pop corn non è facile come sembra, soprattutto quando si è esigenti come me!
Infatti il mio pop corn ideale per eccellenza è quello che si acquista di solito nei Warner Village Cinemas, caldo, morbido, leggero, imburrato e salato, il cui odore e sapore inebriante riempie i miei sensi in modo estatico.
Purtroppo a Genova non c'è neppure un Warner Village, e al suo posto ci sono altri multisala dove forse si stanno attrezzando, ma sicuramente non hanno raggiunto lo stesso livello di qualità. Oltre a questo c'è da annotare che il cesto di pop corn del Warner Village si trova al modico prezzo di 5,90 € e per una consumatrice folle come me questo equivarrebbe alla bancarotta.

E' per questo motivo che mi tocca arrangiarmi qua e là con vari tipi di pop corn, più o meno buoni, a volte fatti in casa, altre volte nel microonde, e altre ancora acquistati al supermercato.
I pregi? Quelli del supermercato non sono bruciati (almeno in teoria), sono già pronti, si trovano in comode buste che possono essere richiuse e conservate (quando mai me ne è avanzato uno?), tutto sommato sono abbastanza buoni.
Il mio prossimo acquisto intelligente sarà una macchina per fare i pop corn, e poi vediamo se riuscirò a battere il Warner Village!

Comunque, tra i vari tipi di pop corn che ho provato (praticamente tutti quelli esistenti, di ogni marca, e di ogni gusto, anche al formaggio o al sale marino o al caramello o al cioccolato), proprio ieri sera ne ho sgranocchiato alcuni che non avevo sotto i denti ormai da un po' di tempo...

San Carlo Pony Pop


La confezione

Questi pop corn sono venduti in buste da 130 grammi.
Sulla parte anteriore della confezione, bianca, c'è il logo della San Carlo, subito sotto la foto di un enorme pop corn (no, non posso resistere a quel suo sguardo languido!) e ancora più in basso una bella striscia blu con su scritto "Pony Pop - Pop corn originali leggermente salati".
Il retro della confezione è diviso verticalmente a metà.
A sinistra troviamo qualche informazione sulla San Carlo, l'elenco degli ingredienti, la data di scadenza, e l'importante invito al riciclaggio della confezione, per rispettare l'ambiente.
A destra c'è un'appetitosa panoramica degli snack San Carlo disponibili, ma non posso guardarla oltre perchè è una visione dolorosa, molto dolorosa!!!
Gli ingredienti

♥ Granoturco
♥ Olio vegetale
♥ Sale
♥ Esaltatore di sapidità: glutammato monosodico

Luogo di produzione, prezzo, sito Internet

I pop corn sono prodotti nello stabilimento di Roverbella (MN) dalla San Carlo Gruppo Alimentare S.p.a.
Il prezzo è di 1,85 €, e vi assicuro che è molto esagerato!
Il sito Internet è www.sancarlo.it (mai visitato).
I pop corn

I miei amori, di cui ora sicuramente avrete scoperto qualcosa in più, sono molto differenti fra loro, non solo nella forma (i chicchi di mais scoppiano ognuno in modo diverso dall'altro, e a seconda di quanto e come si aprono, assumono forme differenti, bizzarre e più o meno grandi) ma anche nel sapore.
I pop corn della San Carlo hanno un buon sapore, indubbiamente, anche se non possono competere con quelli del Warner Village...
Sono leggermente salati, il che crea un contrasto con la dolcezza del mais rendendoli davvero buonii e particolari, in questo senso un po' diversi da altri.
Non sono duri ma neppure morbidissimi, anzi sono piuttosto croccanti.
Anche il profumo è indiscutibilmente inebriante.
Creano un'elevata dipendenza, c'è da ammetterlo. Sono uno snack sfizioso e croccante da masticare e con cui giocherellare fra i denti, e una volta cominciato non si finisce più!
Io ne vado letteralmente matta, e devo sentirli miei in ogni modo!

Le fasi della degustazione

Infatti non li mangio mai allo stesso modo, al contrario la degustazione (mia) attraversa più fasi:
Preliminari: prendo un pop corn, lo avvicino al naso, inspiro profondamente, lo poso delicatamente sulla punta della lingua, lentamente ritiro il camaleontico accessorio in bocca e piano piano mastico, cercando di assaporarlo tutto.
Sesso sfrenato: consiste nell'afferrare una manciata di pop corn (tanti da riempire la bocca), ovviamente quando si è soli altrimenti potrebbe sembrare un gesto poco fine, e calarli tutti nelle proprie fauci. A questo punto la bocca è piena di quel meraviglioso sapore, e allora si mastica ferocemente finchè sono pronti per essere ingoiati.
Coccole finali: sono quelle che faccio alla busta quando, in lacrime, mi accorgo che sono quasi finiti. Prelevo gli ultimi pop corn rimasti, li assaporoo come fosse l'ultima cosa che mangio, e infilo la testa nella busta per non lasciare neppure una briciola. E' vivamente consigliato di non camminare mentre si ha la testa infilata nella busta, perchè si rischia di incontrare ostacoli...
Pregi

♥ Sono già pronti
♥ Si possono conservare
♥ Hanno un buon sapore, e sono più che invitanti
♥ Sono leggermente salati, quel tanto che basta per renderli gradevolissimi
♥ Uno tira l'altro

Difetti

♥ Il prezzo: con la stessa cifra compero tre buste da 100 g di pop corn non di marca ma altrettanto buoni
♥ La morbidezza: niente a che vedere con quelli appena fatti
♥ Ovviamente non sono caldi
♥ Non sono imburrati
♥ Ne ho trovati tre o quattro letteralmente carbonizzati. Il problema è che li mangiavo per inerzia, senza neppure guardare cosa mettevo in bocca, quindi potete immaginare la scena (corsa verso il bagno con un bicchiere d'acqua in mano, e bocca piena di disgustosissimo carbone!)
♥ Nella busta mettono sempre anche i chicchi non scoppiati... questo però è un difetto relativo perchè c'è della gente matta che li mangia, pur sapendo che fanno male... indovinate chi? Ma la vostra Asiuletta, naturalmente!
Conclusioni

Tirando le somme, questi pop corn li comprerei una volta ogni due o tre mesi, giusto per variare un po' nella dieta (...).
Infatti anche se mi piacciono e sono sottilmente diversi da altri, restano pur sempre un prodotto non fresco, non fatto sul momento, e quindi insoddisfacente per chi come me è abbastanza esigente in merito e pretende calore, morbidezza, fragranza.
Oltre a ciò, costano più di quanto sarebbe normale solo perchè sono di marca rinomata.
Però sono buoni... sono proprio buoni!
Quindi non posso non consigliarveli!
In ogni momento... davanti alla tv, sui libri, mentre scambiate messaggi con un amico, per merenda, come dopo cena, come spuntino di mezzanotte... io son capace di mangiarli anche al mattino!

♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥

E ora, dopo aver messo a nudo il mio cuore svelandovi le più erotiche avventure delle mie papille gustative, vi auguro buona scorpacciata di pop corn, e chiudo questa celebrazione con un piccolo motto preso in prestito dalla Nutella:

che mondo sarebbe senza pop corn?
Curiosità

♥ Come scoppiano i chicchi di mais?

All'interno del chicco, ma anche all'esterno, c'è una certa quantità di umidità. Quando oviene riscaldato e l'acqua evapora, si genera una pressione che porta ad una piccola esplosione, la cui forza è tale da ribaltare l'interno del seme.

♥ Perchè alcuni chicchi di mais (le c.d. "vecchie zitelle") non scoppiano?

Ci sono due teorie al riguardo:
1) insufficiente umidità per creare il vapore necessario perchè si abbia l'esplosione;
2) presenza di una falla interna che fa uscire l'umidità, per cui non si raggiungerà m ai la pressione sufficiente (teoria Hamaker)

Nota per i lettori

Ho diviso l'opinione in paragrafi, come spesso faccio, per consentire una più agevole lettura.
Se vi state ancora chiedendo se la vostra Asiuletta è un po' matta, dopo averne conosciuto tali e così spinte fantasie erotiche, vi rispondo prendendo a prestito una bellissima poesiola di Aldo Palazzeschi:
e lasciatemi divertire!!!
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
omdamea

omdamea

21.05.2014 15:37

Il titolo mi aveva fatto immaginare rivelazioni infuocate... inconfessabili, ma ho gradito molto l'estro dell'invenzione. Complimenti vivissimi. ;-)

SangueImpazzito

SangueImpazzito

29.12.2008 16:22

hai delle fantasie erotiche sui pop corn??? oddio...a me i popcorn si incastrano sempre tra i denti..mi da un fastidioooo

Etherial_Lady

Etherial_Lady

23.12.2008 00:26

*__* SEI GENIALISSIMAAA!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su San Carlo Pony Pop Pop Corn è stata letta 1905 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (70%):
  1. omdamea
  2. Etherial_Lady
  3. ste1972greta
e ancora altri 108 iscritti

"molto utile" per (30%):
  1. SangueImpazzito
  2. traveller55
  3. parachut3s
e ancora altri 45 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.