perché Sanremo è Sanremo?

3  26.02.2012

Vantaggi:
perfetto per staccare la spina, da non prendere troppo sul serio

Svantaggi:
nessuno

Consiglio il prodotto: Sì 

melamela

Su di me:

Iscritto da:12.02.2012

Opinioni:22

Fiducie ricevute:1

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 1 utenti Ciao

E anche quest'anno mi ritrovo a guardare il festival di Sanremo con quel misto di morbosa curiosità e modeste aspettative in un lampo, un guizzo, un barlume di creatività che possa emergere da quell'enorme blob di pubblicità, gossip e improbabili scoop a cui il festival ci ha abituato ormai da decenni. Ecco allora che anche quest'anno si ritrova a condurre sul palco l'inossidabile Gianni Morandi, contornato dalla presenza dell'ennesima bambolona straniera e dalla figura di "rottura" di quest'anno, Rocco Papaleo, nel ruolo del giullare di corte. Il tanto strombazzato intervento di Celentano, annunciato già da setttimane più che altro per i rumors sul suo compenso faraonico dato in beneficenza, si è risolto in un monologo interminabile durante la prima serata, che a mio parere ha rallentato ulteriormente il già arrancante ritmo della kermesse, e un intervento più leggero nella serata di chiusura. Celentano ha parlato di tutto e di niente, una parte del pubblico si sarà forse sentito offeso dai suoi sproloqui sul dover chiudere delle note testate giornalistiche cattoliche, ma questo è il gioco bellezza, basta che se ne parli. E se la valletta è bloccata da dolori al collo e la prima serata non può calcare la scena, ecco arrivare in soccorso le due vallette dell'edizione precedente, Belen Rodriguez e Elisabetta Canalis. La Canalis riesce a sbagliare qualsiasi tipo di nome, la Rodrguez è bellla come il sole e balza alle cronache per il suo tatuaggio inguinale. In Italia non si parlerà d'altro per giorni, nel bene e nel male. Ma le canzoni, che ci hanno comunicato le canzoni del festival di quest'anno?
Storie di incomunicabilità in una storia d'amore, di rapporti complicati, di difficoltà di vivere, qualche rarissimo momento di cantautorialità (vorrei dire grazie a Samuele Bersani e alla sua - apparente - leggerezza).
Sono contenta che il podio sia stato di tre donne, due delle quali mi hanno convinto davvero; Arisa e Noemi mi sono davvero piaciute. La canzone vincitrice mi ha lasciato invece perplessa. Un'interpretazione energica per un testo scontato, la difficoltà ad andare avanti delle persone anziane in un periodo di crisi come questo.
Sembrava volesse dire "votatemi, dai, che sono buona e capisco i vostri problemi".

Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
Cara.mella

Cara.mella

26.02.2012 12:48

Sono d'accordo con te sul podio e quasi su tutto il resto!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Sanremo 2012. Tra grandi nomi e colpi di scena riparte il Festival della Canzone Italiana. è stata letta 104 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"molto utile" per (100%):
  1. Cara.mella

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.