Soli per il mondo. Bambine e bambini emigranti tra Otto e Novecento (Vanna Nuti, Giulia Di Bello)

Immagini della community

Soli per il mondo. Bambine e bambini emigranti tra Otto e Novecento (Vanna Nuti, Giulia Di Bello)

La realtà della migrazione, oggi costituita da adulti e minori prevalentemente extraeuropei, ha interessato massicciamente anche la storia dell'Italia...

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Soli per il mondo. Bambine e bambini emigranti tra Otto e Novecento (Vanna Nuti, Giulia Di Bello)"

pubblicata 13/07/2012 | Fulvio7
Iscritto da : 27/06/2012
Opinioni : 161
Fiducie ricevute : 6
Su di me :
Buono
Vantaggi buon libro sulla situazione dei bambini nell'Ottocento
Svantaggi si occupa solo del panorama italiano trattando poco il tema dell'obbligo scolastico
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Bambini girovacghi, figuranti, lustrascarpe. Soli per il mondo"

Questo volume per opera di Di Bello e Nuti è un classico di quel filone della storia dell'infanzia che si occupa in particolar modo di minori non accompagnati, di lavoro minorile e normative con grandissima attenzione al panorama storico italiano soprattutto di due secoli fa. Ecco quindi che il libro fa luce su quanto l'infanzia, come dimensione degna di attenzione e cure, è conquista assai recente risalente a poco più di un secolo fa. Prima di allora bambini e bambine erano proprietà dei genitori e quindi liberi, quest'ultimi, di poter vendere i propri figli e ricavarne beni economici, oppure di mandarli a lavorare fin da piccolissimi. Ecco dunque che il libro mostra ilf enomeno ottocentesco dei bambini girovaghi nelle maggiori capitali del mondo, figuranti e lustrascarpe comandati da un padrone, oppure bambini, ancora più sofrtunati, costretti a lavorare in fabriche e opifici, spesso rimanendo uccidi dagli enormi pericoli della fabbrica. Insomma, bambini soli per il mondo nel disinteresse delle politche statali che spesso peensavano più a salvaguardare il buon nome dello stato piuttosto che a salvauardare la salute di quest bambini, Ve lo consiglio

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 459 volte e valutata
67% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • DoloresClaiborne pubblicata 14/07/2012
    bene ^_^
  • epy pubblicata 13/07/2012
    grazie
  • Delicia pubblicata 13/07/2012
    grazie dell'info se vuoi passa pure da me, ciao
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Soli per il mondo. Bambine e bambini emigranti tra Otto e Novecento (Vanna Nuti, Giulia Di Bello)

Descrizione del fabbricante del prodotto

La realtà della migrazione, oggi costituita da adulti e minori prevalentemente extraeuropei, ha interessato massicciamente anche la storia dell'Italia tra Otto e Novecento: il volume indaga le caratteristiche dell'infanzia migrante, le sue convinzioni di esistenza, le politiche sociali apprestate, la stessa rappresentazione letteraria di questo fenomeno.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788840006741

Tipologia del prodotto: Libro

Autore: Giulia Di Bello, Vanna Nuti

Numero totale di pagine: 298

Alice Classification: Scienze Sociali

Editore: Unicopli

Data di pubblicazione: 2001

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 03/05/2010