Opinione su "Stella di Natale"

pubblicata 15/09/2003 | johnny_82
Iscritto da : 15/09/2003
Opinioni : 14
Fiducie ricevute : 1
Su di me :
Ottimo
Vantaggi pianta molto attraente
Svantaggi moooolto pochi
molto utile
Periodo fioritura:
Ideale per:
Difficoltà coltura:
Esposizione:

"Quella stella del 2000"

eh sì, le mie Stelle di Natale compiono 3 anni......
il segreto? niente di che.

Iniziamo col dire che questo tipo di pianta, contrariamente a quanto si creda, non è poi così delicata ed effimera...basta non trattarla come un soprammobile od una reliquia da altare. Mi sento anche di smentire le lunghe liste di cure da "offrire" alle nostre Poinsettia, spesso troppo soffocanti per le stesse tanto da non produrre alcunché, se non lo stress del proprietario.

NON ci si deve far abbindolare dai librettini che
ci dà il fioraio sui quali sembra che la Stella sia una pianta che solo Marina Ripa di Meana sia in grado di far rifiorire...basti pensare che queste piante, nel loro habitat formano delle siepi! Il
clima da noi non è poi così differente, viste soprattutto le ultime estati.

Allora, bando alle ciance ed iniziamo subito con queste DUE REGOLETTE per prendersi cura in maniera semplice delle Euphorbiae.

Premetto che io ne posseggo 5 delle quali 3 sono ad albero, ma non c'è distinzione per quanto riguarda il comportamento da tenere.

Le stelle di Natale, appena acquistate, devono essere poste ALLA LUCE DIRETTA DEL SOLE (ovviamente
in casa), stando attenti a non metterle davanti a
finestre che di solito vengono aperte per aerare la stanza. Se queste piante vengono posizionate lontano dalla luce diretta otterremo il solito effetto di perdita di foglie, ingiallimento e riduzione della pianta in stecchi....inoltre un bel NO anche alle
vicinanze di termosifoni e stufe di ogni genere.

Stare attenti alle correnti d'aria non significa tenere le stelle sotto la teca di vetro, sono nocive le CORRENTI FREDDE (ricordarsi sempre che la temperatura sotto 15-17 gradi è rischiosa.

L'acqua va data con parsimonia, senza affogare il tutto....meglio ripetere più volte alla settimana durante la fioritura, evitando ristagni ed attendendo che il terreno si asciughi.....NON CHE COMPAIANO LE ZOLLE!

La caduta di foglie ci sarà pian piano, è normale,
finché resteranno solo le brattee rosse e qualche foglia.

Siamo in marzo/aprile.....la stella è ancora in casa
, se la temperatura esterna di notte non scende sotto i 15°C è arrivato il momento di spostare la stella fuori, in un luogo illuminato a luce diretta
(il sole di aprile non brucia).

La potatura NON va effettuata tutti gli anni, ve lo chiederà la stella stessa. Se verso la metà di aprile ci sono ancora i fiori allora occorre potare per dare forza ai nuovi piccioli che usciranno da ogni buchetto che hanno lasciato el foglie che sono cadute a loro tempo.

La potatura si fa con forbici dal taglio netto, quindi ben affilate.....possibilmente non ci deve essere stato tagliato il fustino del DASH!
Il cosiglio dei 10 cm dalla base E' ERRATO. Si deve potare la stella facendo attenzione di tagliare un centimetro al di sopra delle gemme a fiore che sono quelle situate sulla parte ESTERNA dei rami.....quelle interne produrranno solo foglie che impedirebbero il passaggio della luce sulle brattee e la mancata colorazione.

Io non ho mai messo la stagnola.....non esiste.
Occorre, con una spugnetta imbevuta d'acqua fredda,
frenare l'uscita del lattice tamponando il taglio.

Lasciate la stella dov'è, ad anni alterni rinvasare con terriccio SOFFICE (non va bene l'universale da
3 euro - 80 litri della COOP) variando di 2-3 cm il diametro del nuovo vaso.

Dopo una settimana noterete le foglioline nuove, concimate con del chelato di ferro, per evitare che esse ingialliscano e cadano.

In prossimità dell'estate spostate le stelle in un luogo luminosissimo che abbia sole diretto SOLO in una parte della giornata, meglio la mattina....posizione ad-hoc è certamente SUD-EST.

Bagnare regolarmente e quando la temperatura esterna diventerà inferiore a 15° riportare le stelle in casa in posizione moooolto illuminata. A questo punto è fatta! Le giornate si scorciano da sole,
non c'è bisogno del sacco nero della spazzatura per 15 ore consecutive.....se ci pensate quante ore di sole ci sono in media in inverno? quante di buio?

Se avrete seguito questi consigli, che sono pochi al di là della lunghezza dell'articolo, verso dicembre.....la stella non ha il timer quindi potrebbe farlo anche a gennaio/febbraio fiorirà colorando a poco a poco le foglie superiori di un rosso intenso. Concimare col concime per stelle di natale una volta a settimana e ripartire da capo.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 10674 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • hidrangea pubblicata 04/11/2007
    La mia è in buona salute e sta colorando le bratteee
  • Romario pubblicata 15/09/2003
    Interessante
  • facosta pubblicata 15/09/2003
    Grazie dei preziosi, ma semplici consigli. Chissà che quest'anno non riesca a farla seccare come al solito? ciao
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Stella di Natale

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 19/12/2000