Sydney Aquarium, Sydney

Immagini della community

Sydney Aquarium, Sydney

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

1 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Sydney Aquarium, Sydney"

pubblicata 09/10/2016 | CHEZIAOTTO
Iscritto da : 18/07/2007
Opinioni : 313
Fiducie ricevute : 180
Su di me :
Un abbraccio Cristiano a tutti I componenti di questo meraviglioso Sito! Che Geova vi benedica per il vostro cuore a Lui dedicato Umberto Polizzi (CHEZIAOTTO)
Ottimo
Vantaggi magnifico
Svantaggi la lontananza
Eccellente
Qualità
Rapporto qualità prezzo
Collocazione
Orari di apertura
Interesse

"Sydney l'Aquarium e non solo..."

Sydney Aquarium, Sydney

Sydney Aquarium, Sydney

Prefazione


Molti di voi sanno da tanto tempo oppure lo stanno scoprendo da poco che dal 1982 vivo in Australia, precisamente abito nelle periferie di Melbourne, cioè a St. Albans circa 20 Km. dal centro. Melbourne, come tutte le metropoli dell'Australia, sono a spazio libero per cui le case subito in periferia sono a un piano o al massimo di due. Comunque sono italiano, sono nato a Lucca.
Cosa faccio in Australia?
Ho lavorato per il "GLOBO" giornale edito a Melbourne di lingua italiana. Ora sono giornalista per il mensile "LA VOCE DELL'EMIGRANTE" con edizione in Italia ed è distribuito a tutte le Ambasciate Italiane all'Estero e a privati. Da oltre 15 anni scrivo per la Rivista Bimensile "SILARUS" ITALIANA edita in Italia. Quasi tutti sapete che sono un cristiano Testimone di Geova.
Come in Italia, dove per 19 anni feci il "pioniere regolare" con 5 figli a carico e ho pure fatto il Sorvegliante Viaggiante in Toscana, ora sono sempre pronto al servizio della Teocrazia anche in Australia, lo faccio per santificare il Nome di Geova e testimoniare che presto il Regno di Dio prenderà il potere sulla terra la quale diventerà il Paradiso che era all'inizio, senza malattie, vecchiaia e senza la morte.
Benché svolgo il mio servizio cristiano in una Congregazione inglese per il fatto che
mia moglie e il figlio "australiano" preferiscono la Congregazione nella loro lingua, i testimoni di Geova australiani quando trovano di casa in casa qualcuno che parla italiano mi invitano per andare con loro dai miei connazionali, per cui molto del mio tempo lo adopero in questo modo e come meglio posso testimoniando la Verità agli italiani in Australia.
Spesso io e mia moglie visitiamo le persone per parlare del Regno di Dio anche a molti Km da casa nostra nell'interno del Paese con i coala e i canguri! La zona è piena di fonti sorgive di acqua minerale frizzante: un vero paradiso terrestre.
Spesso ci fermiamo anche per ammirare le meraviglie australiane, una di queste è l'Aquarium di Sydney, (Sea Life Sydney Aquarium) che da Melbourne si può raggiungere prendendo un volo low cost!

L'Aquarium, storia e contenuti


Il Sydney Aquarium ora si chiama Sea Life Sydney Aquarium, è un pubblico acquario situato nella città di Sydney.
Si trova ad est della città, nel lato di Darling Harbour a nord del ponte di Pyrmont.
SEA LIFE Sydney Aquarium contiene una grande varietà di vita acquatica australiana, vi segnalo qui sotto ciò che si può visualizzare nel suo interno:
  • più di 700 specie di pesci
  • più di 13.000 singoli pesci
  • moltissime creature marine e di acqua dalla maggior parte delle acque dell'Australia
  • l'acquario dispone di 14 zone a tema
  • il Jurassic Seas
  • il Discovery Rockpool,
  • lo Shark
  • Un coccodrillo è stato aggiunto nel 2008.
  • leoni marini australiani
  • foche australiani
  • otarie della Nuova Zelanda
  • piccoli pinguini

Molto belli sono i tunnel di vetro con un lungo il percorso che passano sotto le vasche e che danno davvero un punto di vista molto particolare e dove si può camminare ammirando la più grande barriera corallina del mondo. I visitatori incontrano animali unici per ciascun habitat, tra cui squali, razze, pinguini e pesci tropicali, ecc... Di questa particolarità ho pensato di mettervi molte foto.
L'acquario è stato progettato da architetti australiani e ha costato quasi due anni per finirlo.
L'acquario di Sydney è stato aperto nel 1988, ed è uno dei più grandi acquari del mondo. E 'considerato come uno delle migliori attrazioni turistiche di Sydney con oltre il 55% dei suoi visitatori ogni anno provenienti da oltreoceano.

Non mancate di visitare lo zoo


Se avete intenzione di visitare qualcos'altro a Sydney, fate un giro del porto in battello o in traghetto. Non ve ne pentirete. Prendete il traghetto per andare allo zoo di Taronga. Non tutti i turisti che vengono in Australia hanno il tempo di vedere la boscaglia australiana e la sua fauna selvatica. Perciò un giorno allo zoo può essere una bella avventura nella “campagna” australiana.
Nello zoo c’è la tipica fauna australiana, dai canguri ai koala e dagli ornitorinchi ai dinghi. Lo zoo è situato quasi al centro di Sydney, a pochi minuti di traghetto dal terminal vicino al teatro dell’opera.
È considerato uno dei migliori al mondo. Mentre siete nella zona del porto, godetevi gli spettacoli offerti gratuitamente da un’ampia varietà di artisti: acrobati, aborigeni che suonano il didgeridoo (un tipico strumento a fiato degli aborigeni) o una jazz band.

Sydney, città portuale piena di vita


COSA vi viene in mente quando sentite il nome “Sydney”? Pensate immediatamente allo straordinario teatro dell’opera che sorge proprio all’ingresso del porto, con le sue coperture che sembrano vele di uno yacht spiegate al vento o enormi conchiglie? A seconda dei vostri interessi, questa potrebbe essere l’immagine che si affaccia alla vostra mente.
Sydney — la porta dell’Australia — è considerata da molti una delle città più affascinanti del mondo. È la capitale del Nuovo Galles del Sud, lo stato più popoloso del continente. La capitale della nazione, però, è Canberra, situata circa a metà strada fra Sydney e Melbourne.
Gli abitanti di Sydney sono in genere persone amichevoli e tranquille. Sydney è nota per almeno tre rimarchevoli caratteristiche:
  • (1) un porto naturale che si spinge molto all’interno,
  • (2) un imponente ponte sopra il porto con un’unica campata
  • (3) un teatro dell’opera che non ha uguali.

Il clima è temperato, con una temperatura media di 22°C nel mese più caldo, febbraio, mentre nel mese più freddo, luglio, la temperatura media è di 12°C. In Australia le precipitazioni sono piuttosto irregolari e imprevedibili, ma a Sydney si aggirano in media sui 1.140 millimetri all’anno, concentrate per la maggior parte nei mesi estivi (da dicembre a marzo).

Da colonia penale a fiorente città con attrazioni spettacolari


In paragone a molte altre famose città del mondo, Sydney è una città molto giovane. La sua storia ebbe inizio poco solo poche centinaia di anni fa, nel 1770, quando il capitano James Cook, esploratore inglese, fece il suo storico sbarco a Botany Bay. (Ora sulla sponda settentrionale di Botany Bay è situato l’aeroporto internazionale di Sydney). Navigando per qualche miglio in direzione nord, oltrepassò una profonda insenatura, un porto naturale, che chiamò Port Jackson. Così non passò in mezzo ai due promontori che introducono nel porto.
Poi, nel 1788, arrivò dall’Inghilterra il governatore Arthur Phillip con la Prima Flotta e un carico di galeotti inglesi. Approdò a Botany Bay per fondare una colonia, ma decise che il luogo non era adatto. Allora prese tre imbarcazioni scoperte e fece vela verso nord in cerca di un posto migliore.
Proprio a pochi chilometri di distanza scoprì la baia sorprendentemente ampia e profonda che Cook aveva oltrepassato. In un famoso dispaccio a lord Sydney, ministro dell’Interno inglese, Phillip comunicò le sue impressioni su Port Jackson: “Abbiamo avuto la soddisfazione di trovare il più bel porto del mondo, in cui mille navi da guerra possono navigare in tutta sicurezza”. In onore di lord Sydney, Phillip chiamò la piccola baia Sydney Cove (“cove” significa baia) e vi pose il primo insediamento. Il nome Sydney è rimasto.
Tutti i condannati di sesso maschile vennero sbarcati e cominciarono immediatamente a disboscare il terreno e a tirar su ripari di fortuna. La flotta trasportava molti galeotti e un certo numero di mogli e figli, e tutti dovettero arrangiarsi in questa nuova “patria” forzata che distava migliaia di chilometri dal loro paese nativo. Nei successivi 20 anni l’insediamento consisté di tende provvisorie e abitazioni temporanee — in molti casi semplici capanne e tettoie — poiché in origine doveva essere solo una colonia penale. Nel 1810, comunque, arrivò a Sydney il governatore Lachlan Macquarie, che rimase in carica 11 anni durante i quali la colonia subì una rapida trasformazione.

La città inizia a prendere forma


Sotto la guida di Macquarie un architetto venuto insieme a lui dall’Inghilterra, assistito da un galeotto emancipato che pure era architetto, progettò molti edifici a Sydney e dintorni. Grazie a questo il campo dei forzati assunse subito un carattere permanente. Naturalmente la manodopera non mancava poiché c’erano tanti forzati. Per di più abbondava anche l’arenaria, che era l’ideale per costruire.
La scrittrice Portia Robinson descrive in un suo libro la rapida trasformazione della colonia: “Visitatori, coloni liberi, ufficiali, soldati, gli stessi forzati che arrivarono nel Nuovo Galles del Sud negli ultimi anni del decennio di Macquarie [1810-21] e che si aspettavano di trovare la dissolutezza, l’ubriachezza e la licenziosità che in Gran Bretagna si credeva fossero comuni nella colonia, rimasero sbalorditi dal grado di ‘civiltà’. Al posto delle capanne e delle tettoie videro palazzi ‘che avrebbero fatto bella figura ad Hannover Square . . . strade lunghe quanto Oxford Street’, chiese ed edifici pubblici sontuosi, strade e ponti, negozi ed esercizi di ogni sorta, linde casette per i lavoratori, belle carrozze per i ricchi . . . ‘da quel che si vedeva tutto poteva essere tranne che una colonia penale’”.
Così, quando nel 1821 il governatore Macquarie se ne andò, a Sydney c’erano già 59 edifici di arenaria e 221 di mattoni più 773 case di legno, oltre alle case e agli edifici pubblici di proprietà del governo. La Sydney di oggi, con una popolazione di più di quattro milioni di abitanti, rende omaggio all’inventiva dei galeotti, dei coloni liberi e delle loro famiglie e alla lungimiranza dei primi governatori della colonia.

Lo ‘splendido e ampio porto’ di Sydney


Benché gli abitanti di Sydney si riferiscano familiarmente a Port Jackson come al porto di Sydney (Sydney Harbour), il porto propriamente detto consiste di tre parti: Middle Harbour, North Harbour e Sydney Harbour. Nel porto sfociano i fiumi Parramatta e Lane Cove.
Sydney Harbour è uno dei più bei porti naturali del mondo, con un litorale frastagliato che si estende per 240 chilometri. La distanza effettiva in linea retta dall’ingresso del porto al punto in cui si congiunge con il fiume Parramatta è di 19 chilometri e l’area complessiva coperta dall’acqua è di 54 chilometri quadrati. La profondità dell’acqua vicino al porto è una delle principali caratteristiche di quest’ultimo: nel punto più basso è profonda 47 metri. L’accesso al porto dall’Oceano Pacifico è straordinario: vi si entra passando in mezzo a due ripidi promontori: North Head e South Head. I promontori distano l’uno dall’altro quasi due chilometri e mezzo e non ci si rende conto di tutta l’ampiezza del porto se non quando si è dentro. Questo spiega perché il capitano Cook non esplorò meglio quella che pensò fosse solo una delle tante baie.
Nel 1788 il governatore Phillip avrebbe detto del porto di Sydney: ‘Per estensione e sicurezza è superiore a qualsiasi altro che io abbia mai visto, e i navigatori più esperti che erano con me sono stati perfettamente d’accordo che era uno splendido e ampio porto, con fondali abbastanza profondi per le navi più grosse e spazio sufficiente per accogliere, in assoluta sicurezza, qualsiasi numero di navi’.

L’Harbour Bridge: un capolavoro di ingegneria


Già nel 1815 si era presa seriamente in considerazione la necessità di un ponte che attraversasse il porto da nord a sud, ma i primi disegni di un ponte di cui si abbia notizia apparvero solo nel 1857. Nella sua struttura attuale il ponte si estende da Dawes Point sul lato meridionale del porto a Milsons Point sulla riva settentrionale, nel punto esatto suggerito la prima volta! È uno dei ponti più lunghi del mondo con una sola campata. Ci vollero nove anni per costruirlo e costò quasi 20 milioni di dollari australiani: una somma enorme nel periodo della grande depressione al principio degli anni ’30. Venne ufficialmente aperto al traffico il 19 marzo 1932.
La massiccia arcata centrale è lunga 503 metri e la sua cima torreggia a 134 metri sopra il livello dell’acqua. Lo spazio sotto il ponte è di circa 50 metri, per cui possono passarci tranquillamente i più grandi transatlantici. L’impalcato stesso è largo 49 metri e in origine vi passavano una ferrovia a doppio binario, una linea tranviaria a doppio binario, un piano stradale a sei corsie e due passaggi pedonali. Nel 1959 Sydney sostituì le vetture tranviarie con autobus, così al posto delle rotaie del tram furono costruite corsie per il traffico stradale. Ora ci sono otto corsie per macchine, autobus e camion. Il ponte, comprese le rampe d’accesso, è lungo circa 1.150 metri.
Negli anni ’80 il traffico stradale sul ponte era diventato così congestionato che si cominciò a pensare a un altro sistema per attraversare il porto. Questa volta fu più pratico passare sott’acqua. Perciò nell’agosto 1992 venne aperto nel porto un tunnel a quattro corsie.
Una passeggiata sul ponte offre una veduta panoramica di Sydney. Sul lato settentrionale del porto, sulle pendici boscose, c’è lo zoo di Taronga, sul lato opposto del porto e quasi sotto il ponte, su Bennelong Point, c’è l’inconfondibile Teatro dell’Opera di Sydney e il spettacolare Sea Life Sydney Aquarium
Sono certo che la permanenza a Sydney vi soddisferà, poiché è davvero una città piena di vita situata su un porto incredibile nella distesa azzurra del Pacifico meridionale. E chissà, potranno anche mettere un altro gamberetto sul barbecue per voi!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 737 volte e valutata
95% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • inshallah pubblicata 14/11/2016
    Argomento trattato con indubbia cura e competenza. :-)
  • er_meio pubblicata 09/11/2016
    eccellente suggerimento
  • AlexPG pubblicata 09/11/2016
    Sono stato in tutti questi posti in un viaggi a Sydney due anni fa :D Veramente una bella città, mentre Melbourne mi manca, anche quella bellissima città. Spero di rifare un passaggio Down Under :D
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Sydney Aquarium, Sydney

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 31/08/2011