Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)

Immagini della community

Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)

Scritto intorno alla metà dell'Ottocento, "Hard Times" è uno dei romanzi più rappresentativi dei poderosi cambiamenti nel modo di produrre e di lavora...

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)"

pubblicata 25/02/2011 | USNEWLINE
Iscritto da : 01/09/2009
Opinioni : 107
Fiducie ricevute : 41
Su di me :
...E venne il tempo in cui il lupo accarezzò la luna...e nella magica notte levò a lei il suo eterno canto d'amore....
Ottimo
Vantaggi ...La goia del buon leggere....
Svantaggi ...???...
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"...Piantate nient'altro...estirpate tutto il resto...."

Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)

Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)

Premetto di essere un pò prevenuta.... ^_^
Amo Charles Dickens...amo la sua letteratura....amo i suoi personaggi....amo i suoi libri....

E questo è sicuramente uno dei libri più noti dello scrittore inglese, insieme a Christmas Carol ( di cui ho già ben parlato), Oliver Twist, David Copperfield....e credo che sia, inequivocabilmente, il più bello....

"Tempi difficili" è stato pubblicato per la prima volta nel 1854 ed è un "romanzo sociale", mette cioè in evidenza le problematiche, i disagi, le sofferenze della popolazione operaia (a vantaggio della nuova classe sociale, i capitalisti) durante la cosiddetta "crescita industrale", o rivoluzione industriale, che dir si voglia.

Il romanzo non è ambientato a Londra (non era infatti volontà dello scrittore inimicarsi il suo pubblico, che, chiaramente, non era solo di ceto operaio) ma a Coketown (letteralmente "Città del carbone"), un'immaginaria città industriale, una città di FATTI, solo di FATTI, dove nulla lasciava intendere sogni, immaginazione, felicità. Non c'era infatti tempo da perdere in queste "infruttuose emozioni", l'unica cosa che veramente contava era il tempo, e il denaro che esso, assieme al lavoro, può portare a chi investe e dirige il mercato.

Direttamente dal libro, infatti:
« Coketown, verso la quale si recavano Gradgrind e Bounderby, era un trionfo di fatti: in essa non c'era nemmeno l'ombra di fantasia [...]. Era una città con mattoni rossi o, per meglio dire, di mattoni che sarebbero stati rossi se fumo e cenere lo avessero permesso: così come stavano le cose, era una città di un rosso e di un nero innaturale come la faccia dipinta di un selvaggio; una città piena di macchinari e di alte ciminiere dalle quali uscivano, snodandosi ininterrottamente, senza mai svoltolarsi del tutto, interminabili serpenti di fumo. »

Il libro è suddiviso in tre parti:

1) LA SEMINA
2) MIETERE
3) IL RACCOLTO

Ognuna di queste parti, come si può ben intuire, è ispirata al versetto "ciascuno di noi raccoglie quello che ha seminato" (Galati, 6:7).
Dickens infatti, vuole che questi titoli servano da guida alla comprensione di ciò che andrà poi a descrivere più ampliamente.

I personaggi che compaiono nel romanzo sono:

- Thomas Gradgrind (padre): è un utilitarista, fondatore del sistema scolastico di Coketown. "Eminentemente pratico" è la descrizione che spesso ricorre nel romanzo, ed in effetti è qualcosa a cui aspira. Rappresenta la severità e il rigore dei Fatti, delle statistiche e di altre materie matematiche.

- Josiah Bounderby: rappresenta l'obiettivo principale degli attacchi di Dickens alla supposta superiorità morale dei ricchi. E' un opulento industriale, banchiere e commerciante dal carattere presuntuoso, sempre intento a ricordare che è un uomo sorto dai bassifondi che si è fatto da solo, una versione che verrà contraddetta dalla madre alla fine del libro, umiliandolo pubblicamente.

- Louisa (Lou) Bounderby (nata Gradgrind): è la primogenita di Thomas Gradgrind. La rigida educazione ai fatti l'ha resa incapace di esprimere chiaramente le proprie emozioni, una condizione che le impedirà di opporsi alla proposta di matrimonio di Bounderby e che la farà vivere in uno stato di costante apatia e depressione.

- Cecilia (Sissy) Jupe: è la personificazione dell'immaginazione, della speranza e della fede. Grazie alla sua alta moralità e al suo buon cuore ha una grande influenza sulla famiglia Gradgrind.

- Stephen Blackpool: rappresenta l'onestà e la rettitudine.


Un capolavoro della letteratura inglese dell'800.
Studiato a scuola lo scorso anno, continuo a leggerlo tutto'oggi perchè....il piacere del buon leggere, almeno per il mio modesto parere, fa di nome Charles Dickens!!!!


Buona lettura
A presto

Pamela


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 903 volte e valutata
75% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • renato55 pubblicata 01/03/2011
    E'almeno da prendere inconsiderazione.. la tua recensione è eccellente
  • Svergolo pubblicata 27/02/2011
    Interessante!
  • bibbybibby pubblicata 26/02/2011
    buona opinione
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Tempi difficili. Ediz. integrale (Charles Dickens)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Scritto intorno alla metà dell'Ottocento, "Hard Times" è uno dei romanzi più rappresentativi dei poderosi cambiamenti nel modo di produrre e di lavorare che vanno sotto il nome di rivoluzione industriale. Esso pone al centro di uno sfaccettato intreccio narrativo la vita di patimenti e di impotente ribellione di due operai, Stephen e Rachael, non più giovanissimi. La loro vita non-vita si consuma nella simbolica città di Coketown, una città fittizia dietro la quale occorre individuare però la città di Preston, vicino Manchester, colta in un momento storico-sociale determinato, quello dei drammatici scioperi che vi ebbero luogo tra il 1853 e il 1854.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788854120334

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Charles Dickens

Curatore: M. Martino

Numero totale di pagine: 288

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Newton Compton

Data di pubblicazione: 2010

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/03/2010