The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011)

Altre foto

The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011)

Valutazione complessiva The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011) 12 opinioni | Scrivi un'Opinione | Poni una domanda

... Questa prima descrizione iniziale non potrebbe che far pensare ad una mera operazione nostalgica riservata ad uno sparuto gruppo di cinefili; peraltro chi non avesse mai sentito parlare di "The Artist" ben potrebbe anche pensare ad una roba tipo "Corazzata Potemkin" (con conseguente commento ... Leggi l'opinione





Attendi ....
Valuta questo prodotto:  
 
 


1-5 di 12 opinioni    
> Mostra tutte le 12 opinioni per The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011)
Opinione Diamante   Capolavoro di poesia pura, una gioia per gli occhi e per il cuore
Scritta da Inti

Vantaggi: copione, fotografia, costumi, ambienti, cast, musiche: tutto è perfetto ed incantevole
Svantaggi: solo chi non ama il Cinema potrebbe trovare veri difetti in questo film gioioso e divertente

"Mio fratello è figlio unico perché non ha mai criticato un film senza mai prima vederlo": non so se a qualcuno (a parte il grande e compianto Rino Gaetano) sia mai capitato di giudicare un film senza prima averlo visto; personalmente, mi capita spesso di ... Leggi l'Opinione

Gli utenti Ciao hanno valutato questa opinione mediamente Eccellente
Eccellente

01.02.2014
Croce e delizia di un divo del cinema (muto)
Scritta da marcunz

Vantaggi: Tematiche molto interessanti -- Il cast -- La fotografia
Svantaggi: E' un film muto ed in bianco e nero

LA TRAMA Hollywood, anno 1927. L'attore George Valentine( Jean Dujardin) è un divo, un attore del cinema muto di successo. Un giorno viene fotografato casualmente insieme ad una sua fan, Peppy Miller (Bérénice Bejo). La foto che li ritrae va a fini ... Leggi l'Opinione

Gli utenti Ciao hanno valutato questa opinione mediamente Eccellente
Eccellente

20.12.2011
Storia ragionata del silenzio
Scritta da brest

Vantaggi: La rivitalizzazione di un'arte perduta.
Svantaggi: Sebbene 'quasi' muto, il film andrebbe ascoltato: possiamo ancora riuscirci?

Nella Hollywood argentata dei tardi anni Venti, il divo del cinema muto George Valentin assiste con sgomento scetticismo all’introduzione della pista sonora su pellicola, e contemporaneamente all’ascesa astrale della ballerina Peppy Miller (Bérénice Bejo) ... Leggi l'Opinione

Gli utenti Ciao hanno valutato questa opinione mediamente Eccellente
Eccellente

13.01.2012
Opera minimalista ma di grande sapienza
Scritta da marak76

Vantaggi: originale, calibrato, molto gradevole
Svantaggi: è muto! bisogna saperlo fin dall'inizio!

Dico immediatamente la cosa che avrei voluto sapere durante la visione di questo film, perchè me lo son chiesto, dopo i primi 5 minuti, dopo 10 minuti, dopo mezz'ora, fino a quando ciò messo una pietra sopra ed ho abbandonato la questione. ovvero: ma q ... Leggi l'Opinione

Gli utenti Ciao hanno valutato questa opinione mediamente Eccellente
Eccellente

05.01.2013
L'artista
Scritta da Ciobin

Vantaggi: bellissimo film
Svantaggi: nessuno

Sempre grazie al cineforum che frequento sono riuscita a vedere questo film che mi intrigava molto al di là dei premi che poi può aver vinto. Non ero andata al cinema a vederlo perché sapevo perfettamente che l’avrei visto poi al cineforum. ** TRAMA ** A ... Leggi l'Opinione

Gli utenti Ciao hanno valutato questa opinione mediamente Eccellente
Eccellente

09.01.2013
Link Sponsorizzati

Confronta i prodotti simili con The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011)

  • The Manchurian Candidate
    (+) L'ossatura da fanta-thriller con riferimenti all'attualità; ritmo, epilogo, Streep & Schreiber. (-) Superficialità dei passaggi narrativi, morale da guerra fredda, l'usura del valoroso Washington. (*)
  • Truman Capote: a sangue freddo (Bennett Miller, 2005)
    (+) Soprattutto il felice equilibrio tra perfezione formale ed equidistanza morale, più un Philip Seymour Hoffman 'quasi' da Oscar. (-) Il personaggio di Capote vampirizza il baricentro narrativo, e toglie qualche guizzo al nucleo dichiarato del film, che dovrebbe essere il rapporto tr (*)
  • They - Incubi dal mondo delle ombre (Harmon, R.)
    (+) Fotografia e qualità delle immagini; regia; la protagonista è molto carina; poter consigliare agli amici di non guardarlo (-) Fotografia e qualità delle immagini sprecate; averlo visto (*)
  • Tutta la vita davanti (P. Virzì - Italia 2008)
    (+) delizioso tratteggio dei personaggi comprimari, bella prova degli attori (-) inconcludenza della figura protagonista, banalizzazione di tematiche e dispersività della sceneggiatura (*)
  • Tandem (L. Pellegrini)
    (+) Ridere e riflettere... (-) Riflettere su quanto possono essere precarie le coppie... (*)
  • The Bourne Supremacy
    (+) l'ottima recitazione di Matt Damon (-) troppo movimentato (*)
  • Transformers (M. Bay - USA 2007)
    (+) Trama, film, animazione, personaggi (-) Tutti i mezzi utilizzati sono General motors (*)
  • The Dreamers - I sognatori (B.Bertolucci)
    (+) La regia impeccabile, le scene madre di film indimenticabile, la colonna sonora, la bellezza dei corpi, uno stimolo per la mente (-) Il '68 tanto osannato ma poco presente (*)
  • The Cell - La cellula
    (+) qualche discreto effetto speciale e qualche interessante visione onirica durante i viaggi nella mente (-) trama banale; recitazione scadente; nel complesso, un’ora e tre quarti buttati (*)
  • Training Day
    (+) ---- (-) ---- (*)
(*) Opinioni dei membri di Ciao


Se sei il produttore o distributore di The artist (M. Hazanavicius - Francia 2011), clicca qui