Opinione su

Ti parlerò di te. Incontro con l'uomo che vede dentro di noi (Giovanni Benincasa)

Valutazione complessiva (15): Valutazione complessiva Ti parlerò di te. Incontro con l'uomo che vede dentro di noi (Giovanni Benincasa)

 

Tutte le opinioni su Ti parlerò di te. Incontro con l'uomo che vede dentro di noi (Giovanni Benincasa)

 Scrivi la tua opinione


 


un brutto libro su Mario Azzoni

1  19.04.2002

Vantaggi:
i diritti d'autori per chi l'ha scritto

Svantaggi:
è spazzatura

Consiglio il prodotto: No 

Dettagli:

Contenuti

Qualià Materiale

continua


bnddmn

Su di me:

Iscritto da:17.01.2002

Opinioni:78

Fiducie ricevute:22

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 9 utenti Ciao

Avete mai sentito parlare di Mario Azzoni ? questo personaggio viene raccontato e intervistato in questo libro intervista scritto da tale Giovanni Benincasa (presentato sul risvolto di copertina come autore di programmi Rai).
Mario Azzoni (d’ora in poi MA) ha recentemente acquistato fama crescente, tanto che diversi settimanali (qualche mese fa anche L’Espresso) gli hanno dedicato articoli più o meno celebrativi.
Il personaggio viene definito nel libro sinteticamente come bioterapeuta e pranoterapeuta, anche se, come dirò, i presunti poteri di quest’uomo vanno ben oltre.
La mia compagna mi ha costretto a leggere questo libro, prestatole da una sua collega, la quale a sua volta ha avuto un contatto diretto, come “paziente”, di MA ; e come tutti i pazienti esce sconvolta dalla visita a cui MA sottopone i suoi pazienti.
Secondo quanto racconta il libro (che viene confermato da questa limitata testimonianza indiretta in mio possesso), MA è dotato da poteri diagnostici straordinari che gli consentono di fare un dettagliato quadro sanitario (passato presente e futuro) del paziente: tutto ciò gli è possibile perché MA vede e ascolta delle entità invisibili che ci accompagnano e gli parlano illustrandogli dettagli dello stato fisico del paziente che spesso il paziente stesso ignora e che si rivelano sistematicamente confermati.
Tali entità vengono grosso modo rappresentati come angeli custodi individuali.
Il libro intervista si spinge oltre, arrivando a sostenere una sorta di immortalità dell’uomo che dopo la morte fisica sopravviverebbe sotto forma di queste entità con le quali MA è in contatto.
Il tutto a mio parere è classificabile nel genere del paranormale, senza voler dare accezioni negative al termine.
Ho provato a interpellare via e-mail il CICAP (centro italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale) e mi rispondono che se devono confutare tutti i libri del genere che si trovano in libreria non farebbero altro tutto il tempo; comunque sul sito cicap.org si confutano diversi personaggi del paranormale ma non si fa alcun cenno a MA .
Non entro più oltre nel dettaglio del messaggio del libro, ma dedico il resto della opinione a stroncare sonoramente la forma e lo stile del libro: è una schifezza illeggibile.
Non si capisce la struttura logica dei capitoli: apparentemente è un excursus cronologico dall’infanzia di MA ad oggi, ma poi si perde continuamente in flash e parentesi slegati dal resto: il ritmo è continuamente spezzettato anche da citazioni brevi che non c’entrano nulla con il contesto.
Un intero capitolo è dedicato a illustrare una serie di improbabili e istrioniche teorie per spiegare il fenomeno: il capitolo serve solo ad aumentare il numero totale di pagine e si può tranquillamente saltare.
La maggior parte del libro si dilunga a narrare una serie di episodi di guarigioni miracolose, con un tono assolutamente irritante e ripetitivo: il tizio aveva un disturbo così e così, che nessun medico riusciva a diagnosticare o a curare e invece MA appena vede il tizio fa una diagnosi precisa che si rivela incredibilmente esatta, e rivelatrice di dettagli che solo il paziente stesso può sapere (e a volte neanche lui); a volte alla diagnosi seguono alcune sedute terapeutiche che miracolosamente risanano il paziente.
Altre volte MA fa diagnosi di mali incurabili e si limita a prevedere il giorno del decesso con precisione.
Tutto il libro ha il tono di certe stampa spazzatura, tipo catena di S.Antonio o giornaletti dedicati alle mete di pellegrinaggio religioso.
Non entro nel merito della veridicità degli episodi citati, ma il libro rende un pessimo servizio al personaggio che racconta, ponendolo sul piano del guaritore miracoloso; il signor G. Benincasa è ben lungi dall’essere in grado di scrivere un saggio o una storia che risulti almeno leggibile, se non proprio accattivante.
D’altronde sul sito Mondadori, alla pagina di presentazione del libro si dice di Benincasa che è autore Rai che tra l’altro ha collaborato in tutti i recenti programmi TV di Raffaella Carrà : questo spiega tutto.
Se potete evitate il libro; se proprio volete leggerlo non dedicategli più di un pomeriggio.


Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
dolanf

dolanf

20.05.2011 23:31

Analisi accurata sia dal punto di vista tematico che da quello espositivo. Perfetto.

majavestida

majavestida

01.09.2009 17:33

Trovo la tua opinione assolutamente personale e poco razionale. Ti permetti di giudicare spazzatura qualcosa che molte persone hanno provato sulla loro pelle traendone giovamento e salvezza e questo rende la tua critica quasi simile alla tua definizione: "spazzatura". Essere scettici qualche volta significa anche avere il coraggio di provare, allora prova a metterti in lista per andare a guardare in faccia la persona che tu giudichi un ciarlatano e poi magari potrai davvero esprimere la tua opinione. P.s. il CICAP da Azzoni c'è stato e se ne sono andati non avendo trovato nulla di sopetto e sopsettabile. Saluti e salute a questo punto ;o)

macy75

macy75

02.07.2007 00:49

Anzichè vivisezionare i libri, ti consiglio leggerli assaporando tutto ciò che possono darti di bello, anche se dubito fortemente che tu possa cogliere queste sottigliezze della vita. Ps dici che ti è passata la voglia di leggere e scrivere su ciao.com; magari fra un po ti torna. a mio parere è meglio che non ti torni!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Ti parlerò di te. Incontro con l'uomo che vede dentro di noi (Giovanni Benincasa) è stata letta 21018 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (12%):
  1. dolanf
  2. majavestida

"molto utile" per (82%):
  1. ERIKA3
  2. Angie60
  3. paomarras
e ancora altri 11 iscritti

"Fuori tema" per (6%):
  1. macy75

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a Ti parlerò di te. Incontro con l'uomo che vede dentro di noi (Giovanni Benincasa)