Titanic 3D

Immagini della community

Titanic 3D

Un film di James Cameron. Con Leonardo DiCaprio, Kate Winslet, Billy Zane, Kathy Bates, Frances Fisher. Drammatico, USA 1997, 20th Century Fox, durata...

> Vedi le caratteristiche

89% positiva

25 opinioni degli utenti

Opinione su "Titanic 3D"

pubblicata 24/04/2012 | MattBradshaw
Iscritto da : 24/04/2012
Opinioni : 6
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Soddisfacente
Vantaggi Storia indimenticabile, effetti speciali spettacolari
Svantaggi La tecnologia 3D può dare di più
utile

"Sempre bello da vedere ma mi aspettavo qualcosa in più dal 3D"

A mio avviso il film era e resta spettacolare anche in 2D, speravo in qualcosa in più dalla tecnologia 3D applicata ad un vecchio film, alla fine più di qualche pezzo di ghiaccio non esce dallo schermo, e lo stesso identico effetto ho potuto averlo con il mio televisore 3D guardando un semplice bluray.
Ritengo comunque resti uno dei più bei film di tutti i tempi 3 o 2D.

Per chi non l'avesse mai visto o non se lo ricordasse ecco la trama:
Nel 1996 il cacciatore di tesori Brock Lovett e la sua squadra esplorano il relitto del Titanic alla ricerca di una collana di diamanti conosciuta come Cuore dell’Oceano, che dovrebbe trovarsi nella cassaforte di un uomo d’affari americano, Caledon “Cal” Hockley. Rinvenuta la cassaforte, la squadra vi trova invece il bozzetto di una donna nuda con indosso la collana riportante la data del 14 aprile 1912, la notte in cui il Titanic si scontrò con un iceberg nell’Atlantico settentrionale.
Venuta a conoscenza del ritrovamento del disegno, Rose Dawson Calvert, un’anziana donna sopravvissuta al naufragio di 84 anni prima, contatta Lovett e dichiara di essere la modella ritratta; in seguito Rose e sua nipote Lizzy Calvert vanno a trovare Lovett e il suo team a bordo della nave da recupero. Quando Lovett le domanda se sia a conoscenza del destino della collana, Rose parla del suo viaggio sul Titanic, rivelando di essere altresì Rose DeWitt Bukater, una passeggera ritenuta morta nell’affondamento.
Nel 1912 la diciassettenne passeggera di prima classe Rose sale a bordo della nave a Southampton assieme al suo fidanzato Cal, figlio di un magnate dell’acciaio di Filadelfia, e a sua madre Ruth DeWitt Bukater. Ruth non perde occasione per far pesare a Rose l’importanza del fidanzamento con Cal, dato che l’imminente matrimonio risolverà i segreti problemi finanziari dei DeWitt Bukater. Sconvolta, Rose pensa di suicidarsi saltando dalla poppa della nave ma viene fermata da Jack Dawson, un artista vagabondo. Scoperta insieme a Jack sulla poppa, Rose dice a Cal di essere scivolata mentre stava sporgendosi dalla nave per guardare le eliche e di dovere la vita a Jack che l’ha salvata dalla caduta. Cal invita Jack a cena per la sera seguente, su richiesta di Rose, per dimostrargli la sua gratitudine. Jack e Rose sviluppano una timida amicizia, sebbene Cal e Ruth guardino con sospetto il giovane. Dopo la cena Rose si unisce segretamente a Jack per partecipare a una festa in terza classe.
Assecondando il divieto di Cal e Ruth di rivedere Jack, Rose tenta di respingere le continue avance di quest’ultimo, ma presto comprende di essersi innamorata e così lo incontra a prua della nave durante quello che a posteriori si rivelerà essere l’ultimo tramonto sul Titanic. Essi si recano nella cabina di Rose e lei chiede a Jack di ritrarla nuda con solo indosso il Cuore dell’Oceano, il regalo di fidanzamento di Cal. Sfuggiti alla guardia del corpo di quest’ultimo, i due fanno l’amore nella stiva della nave e poi, dal ponte di prua, assistono alla collisione della nave con un iceberg e ascoltano per caso gli ufficiali e gli ingegneri di bordo che parlano dell’estrema gravità della situazione, cosa questa che induce Rose ad avvertire sua madre e Cal. Mentre la nave sta affondando, Cal trova nella sua cassaforte il disegno di Jack e un beffardo biglietto di Rose assieme alla collana. Infuriato, Cal ordina alla sua guardia del corpo di infilare di nascosto la collana nella tasca del cappotto di Jack. Accusato di furto, Jack è arrestato, portato nell’ufficio del capitano d’armi e ammanettato a un tubo nella stiva, mentre Cal si mette in tasca la collana. Rose, che non crede nella colpevolezza di Jack, fugge da Cal e da sua madre che nel frattempo si era messa al sicuro su una scialuppa, libera Jack appena in tempo da evitargli l’annegamento a causa dell’acqua che sta invadendo la stiva.
Una volta che Jack e Rose raggiungono il ponte, Cal persuade Rose a imbarcarsi su un’altra scialuppa, affermando di aver già disposto per la salvezza sua e del ragazzo. Dopo l’imbarco di Rose, Cal rivela a Jack che gli accordi presi sono validi soltanto per lui. Mentre la scialuppa di Rose viene calata, lei capisce di non poter lasciare Jack e salta di nuovo a bordo del Titanic per riunirsi a lui. Infuriato, Cal prende una pistola e li insegue nella sala da pranzo di prima classe che si va allagando. Dopo aver esaurito le munizioni Cal realizza con disappunto di aver dato a Rose il suo cappotto con la collana in tasca. Essendo ormai la situazione del Titanic disperata, ritorna sul ponte e si imbarca su una scialuppa con il pretesto di avere con se una bambina.
Jack e Rose tornano sul ponte superiore; tutte le scialuppe sono partite e i passeggeri rimasti cadono in mare mentre la poppa della nave, che nel frattempo si è spezzata in due tronconi, si innalza a picco sull’acqua. Quando il troncone di poppa è quasi a 90 gradi sul filo dell’acqua, Rose e Jack si aggrappano in cima alla poppa aspettando di esser sommersi completamente dall'acqua dell'oceano; in seguito Jack aiuta la ragazza a mettersi in salvo su una testiera di un letto in legno che tuttavia può reggere il peso di una sola persona. Aggrappato all’orlo del pannello, Jack assicura Rose che lei morirà di vecchiaia, al caldo nel suo letto. Nel frattempo, il quinto ufficiale Harold Lowe, al comando di una scialuppa per la ricerca di superstiti, trae in salvo Rose, ma non riesce a raggiungere Jack prima che muoia per ipotermia. Rose e gli altri sopravvissuti sono presi a bordo del Carpathia; la ragazza, che durante il viaggio si nasconde a Cal, all’arrivo a New York, proprio mentre è in vista della Statua della Libertà, scopre di avere in tasca il gioiello che Cal cercava. Una volta sbarcata nasconde la sua vera identità e declina alle autorità portuali le generalità di una tale Rose Dawson; con quel nome sarà da allora conosciuta in America.
Al termine del suo racconto Rose riferisce anche del destino di Cal, mai più rivisto da allora e suicidatosi dopo aver perso ogni avere nel crollo di Wall Street del 1929; poi si reca sul ponte di prua della nave di Lovett e lì, estratto il Cuore dell’Oceano, rimasto in suo possesso fin dal giorno del naufragio, lo getta in mare. Mentre è apparentemente addormentata nel suo letto (la scena, pur senza dirlo esplicitamente, suggerisce che la donna sia alla fine dei suoi giorni), le foto sul cassettone sono la testimonianza visiva di come ella abbia vissuto una vita libera ispirandosi a Jack. Di nuovo giovane, Rose si vede assieme a Jack sullo scalone del Titanic. I due si baciano appassionatamente, mentre le altre vittime del naufragio li acclamano e si congratulano con loro.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 450 volte e valutata
38% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
inutile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • sampion pubblicata 11/06/2012
    come già detto copiata spudoratamente
  • alex22g pubblicata 24/04/2012
    copiata ;(
  • Danix91 pubblicata 24/04/2012
    copiata da wikipedia e c'è solo il riassunto... non capisco come fanno gli utenti a valutare senza leggere l'opinione
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Titanic 3D

Descrizione del fabbricante del prodotto

Un film di James Cameron. Con Leonardo DiCaprio, Kate Winslet, Billy Zane, Kathy Bates, Frances Fisher. Drammatico, USA 1997, 20th Century Fox, durata 194 min.

Ciao

Su Ciao da: 16/04/2012