Fulvio Tomizza

5  04.06.2008

Vantaggi:
Un grande scrittore

Svantaggi:
-

Consiglio il prodotto: Sì 

DoloresClaiborne

Su di me: "...e quanto ai riccioli di polvere, vadano a farsi fottere!"

Iscritto da:13.02.2008

Opinioni:2527

Fiducie ricevute:320

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 12 utenti Ciao

Fulvio Tomizza è nato nel 1935 in Istria, a Materada di Umago, "una parrocchia - ha scritto egli stesso - comprendente una decina di frazioni, che, pur distante soltanto sette chilometri dalla costa e quindi da una civiltà prettamente veneta, ha tutti i caratteri dell'Istria iterna, contadina, mistilingue".

Vivendo la fanciullezza in quella terra di frontiera, durante la seconda guerra mondiale, Tomizza ragazzo assiste a molteplici dolorosi eventi, che avrebbe poi rivissuto nei suoi scritti.

Compiuti gli studi classici a Capodistria, frequentò l'Accademia di Arte drammatica di Belgrado, finchè, in seguito alla spartizione dell'Istria in zona A sotto amministrazione italiana e zona B sotto quella jugoslava, nel 1955 si trasferì definitivamente a Trieste.

La sua attività di scrittore ebbe inizio col romanzo, "sulle vicende appena vissute", "Materada" (1960), il quale richiamò subito l'attenzione della critica, e inserì l'autore nella corrente europea degli scrittori "di frontiera", presentandolo quale continuatore ideale del gruppo degli "scrittori triestini", da Svevo a Slataper, a Stuparich.

Nel '63 usciva "la ragazza di Petrovia", nel '65 "La quinta stagione" e nel '66 "Il bosco di acacie", romanzi tutti che seguono le vicissitudini della stessa gente istriana dapprima nei campi di raccolta per profughi sull'altopiano carsico, poi in terra di bonifica nella bassa friulana.

Nel frattempo Tomizza aveva composta una tragedia carsica, "Vera Verk" (in cui è revocato un fatto di sangue, che pare sia avvenuto nell'Istria del 1930, con un linguaggio lirico ed esaltato, che riecheggia, fra gli altri, D'Annunzio), e più tardi, con un romanzo largamente autobiografico, "L'albero dei sogni", otteneva il Premio Viareggio, mentre coi successivi, "la città di Miriam" del '72 e "Dove tornare" del '74, la sua fama andava sempre più affermandosi, fino ad ottenere con "La miglior vita" il Premio Strega 1977.

Nel 1980 ha ricevuto il "Premio dello Stato austriaco per la letteratura europea", riservato al complesso di un'opera "che abbia rafforzato la coscienza europea".

Fotografie per Fulvio Tomizza
  • Fulvio Tomizza Fulvio Tomizza
  • Fulvio Tomizza Fulvio Tomizza
  • Fulvio Tomizza Fulvio Tomizza
  • Fulvio Tomizza Fulvio Tomizza
Fulvio Tomizza Fulvio Tomizza
Fulvio Tomizza
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
amaltea13

amaltea13

05.06.2008 19:57

Lo conosco perchè Materada di Umago non è distantissima ed è un autore molto noto. ciao

maxx-66

maxx-66

05.06.2008 14:39

non lo conoscevo....cercherò in rete qualcosa a riguardo...ciao

sk8ergirl87

sk8ergirl87

05.06.2008 12:51

non sapevo neanche che esistesse cmq buona opinione

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Fulvio Tomizza è stata letta 1336 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"molto utile" per (100%):
  1. macas
  2. testoevoto
  3. amaltea13
e ancora altri 12 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.