Tootsie (Dvd)

Immagini della community

Tootsie (Dvd)

Regia: Sydney Pollack - Cast: Bill Murray, Charles Durning, Dabney Coleman, Dustin Hoffman, Jessica Lange, Sydney Pollack, Teri Garr

> Vedi le caratteristiche

94% positiva

14 opinioni degli utenti

Opinione su "Tootsie (Dvd)"

pubblicata 21/08/2017 | Eidos81
Iscritto da : 13/04/2016
Opinioni : 87
Fiducie ricevute : 113
Su di me :
"L'anima se ne sta smarrita per la stranezza della sua condizione e, non sapendo che fare, smania e fuor di sé non trova sonno di notte né riposo di giorno, ma corre, anela là dove spera di poter rimirare colui che possiede la bellezza." (cit. Platone)
Ottimo
Vantaggi Un classico del cinema
Svantaggi -
Eccellente
Qualità Video (DVD):
Qualità Audio (DVD):
NUMERO SOTTOTITOLI
ETA' MINIMA
Trama

"Tootsie di Sidney Pollack"

Tootsie (Dvd)

Tootsie (Dvd)

TOOTSIE: PREMESSA


Tootsie è un film diretto da Sidney Pollack uscito nelle sale più di trent’anni fa, precisamente nel 1982, da subito apprezzato e diventato un cult del cinema. Dustin Hoffman per di più stava vivendo il suo periodo d’oro, annoverandosi come uno degli attori di punta di Hollywwod, interpretando film di notevole calibro che hanno fatto la storia della settima arte.
Avendo sempre ammirato Pollack come regista, non mi sono lasciata scappare l’occasione di tenere nella mia piccola videoteca anche questo titolo. La prima volta l’ho certamente visto in TV, in una delle tante occasioni in cui vengono rispolverate vecchie pellicole. Il periodo in cui l’ho recuperato risale a quando per gli studi, ho frequentato il DAMS, stavo preparando gli esami di cinema, per alcuni sarà considerato un percorso di studi superficiali, c’era anche chi pensava che studiare le arti era un lusso, ma non era e non è così. Ognuno segue le proprie inclinazioni e propensioni solo così si può costruire il proprio futuro, sapendo fare ciò che si sa fare, e la crisi ce lo ha dimostrato. Scusate la digressione, ma mi viene spontaneo quando parlo delle mie scelte di studio.
Amando l’arte ho poi amato di riflesso il cinema, e tutti abbiamo bisogno di assecondare il Bello che l’essere umano crea e che ci allieta le pesantezze della vita, e a volte un film, una commedia ci aiutano ad evadere, a sognare, a fantasticare, a divertirsi, a pensare. E così per un certo periodo mi sono dedicata ai film per così dire di vecchia data, scoprendo grandi registi e attori che magari nel presente conosciamo solo per qualche film più leggero e che hanno perso forse un certo spessore, vedi il pur sempre grande De Niro.
Dustin Hoffman l’ho potuto apprezzare grazie ai suoi primi lavori, come in capolavori quali Il Laureato e soprattutto Kramer contro Kramer (che consiglio a tutti i papà), capendo il suo alto valore di attore. Tootsie invece ricordo di averlo visto per la primissima volta da bambina quindi con un occhio più ingenuo, privo della giusta dote d’osservazione che meritava. E grazie ad una rivista di cinema e tv che al tempo di tanto in tanto regalava con una piccola aggiunta di prezzo dei DVD dei film più importanti, ho approfittato per rivederlo e tenerlo nella mia collezione.

TOOTSIE: LA TRAMA


Dustin Hoffman interpreta Michael Dorsey un attore che cerca di farsi largo nel duro mondo della recitazione, ha però un solo grande difetto: un caratteraccio che gli ha reso difficile far decollare sul serio la sua carriera come effettivamente meriterebbe. Nelle prime scene infatti vediamo Michael insegnare recitazione a degli studenti, mettendo subito in luce la sua immensa conoscenza su questa arte, e la sensibilità che ha nel cogliere le sfumature nei giovani talenti, per poterli perfezionare al meglio. Nel contempo lo vediamo interpretare innumerevoli caratteri, proprio per sottolineare una volta di più le sue capacità, durante diversi provini che però vanno tutti a finir male. Il suo carattere poco accondiscendente e anche irrispettoso invece viene evidenziato quando contesta le scelte del regista, decidendo di lasciare su due piedi le prove e la rappresentazione perché trova stupide le sue decisioni.
Trovando fatica a trovare produttori e registi che accettino di scritturarlo data l’ormai brutta reputazione, un giorno si trova un’occasione che non si lascia scappare, il ruolo per una serie tv, una soap ambientata in un ospedale. Avendo perso anche l’opportunità per un ruolo maschile che gli era stato promesso dal suo agente, per dimostrargli che può ancora lavorare approfitta del personaggio femminile principale che è ancora vacante, decidendo di travestirsi da donna e proporsi.
La sua interpretazione e il suo atteggiamento irriverente fa colpo sulla produttrice e il regista che subito lo vogliono per la parte.
Il nome che ha dato al suo alter ego femminile è di Dorothy Michaels, giocando con il suo vero nome, e riesce a conseguire sin da subito un gran successo di pubblico rendendo popolare il programma. Se la vita di Micheal dal punto di vista lavorativo finalmente prende quota, quella privata diventa davvero caotica dovendo tener segreta la sua identità sotto i riflettori e fuori, dato che per di più si innamora di una sua collega sul set, Julie Nichols interpretata da Jessica Lange. Pollack approfitta anche per creare situazioni comiche e imbarazzanti, come un corteggiatore che vuole a tutti i costi sposare Dorothy/Micheal.
Dopo aver passato dei giorni fuori con Julie, si innamora sempre più di lei, trovando insostenibile continuare ad essere Dorothy con lei, volendo di fatto avere una storia vera con lei, e non essere più la sua confidente amica nei panni di una vecchia signora.
Pur assaporando il tanto agognato successo Micheal non vuol più interpretare il ruolo della direttrice dell’ospedale, desiderando lasciare la serie tv, cosa che però il contratto non gli consente. Ad un certo punto gli si presenta l’opportunità di svelare tutto, sia per non perdere la donna che ama, e sia per tornare ad avere una vita meno scombinata.
Per un disguido tecnico devono girare in diretta la puntata così né tagli né montaggi potranno fermare le intenzioni di Michael, che nel bel mezzo dell’episodio rivela la sua vera identità, sfruttando una fantomatica trama tipica da soap, così davanti a tutti dice che si è finto sua sorella deceduta per continuare il suo sogno di dirige un ospedale, ma che è in realtà suo fratello. In un primo momento rimane solo, ma tenta di recuperare cercando Julie e dicendole che l’unica ragione per cui si è finto Dorothy era solo per lavorare e che non aveva intenzione di ferire o prendere in giro nessuno. Lei lo guarda e capisce la sua sincerità e tra una battuta e l’altra alla fine lo perdona e iniziano ad avere una storia reale e sincera.
Tootsie: gli attori principali

  • Dustin Hoffaman nel ruolo di Michael Dorsey/Dorothy Michaels.
  • Jessica Lange nel ruolo di Julie Nichols.
  • Bill Murrey nel ruolo di Jeff Slater.
  • Sydney Pollack nel ruolo di George Fields.
  • Geena Davis nel ruolo di April Page.

SYDNEY POLLACK


Di Sydney Pollack ho già avuto modo di parlarne nella mia opinione sul film The Interpreter, perciò non mi ripeterò, e vi lascio i film che vi consiglio se vorrete approfondire la conoscenza di questo grande regista:
  • Come eravamo (The Way We Were) (1973)
  • I tre giorni del Condor (Three Days of the Condor) (1975)
  • La mia Africa (Out of Africa) (1985)
  • Il socio (The Firm) (1993)
  • The Interpreter (The Interpreter) (2005)

Francamente vi sconsiglio i suoi due remake non all'altezza degli originali: Havana (remake di Casablanca) e Sabrina il remake del film di Billy Wilder con Audrey Hepburn e Humphrey Bogart.

DUSTIN HOFFMAN


Dustin Hoffman ha certamente attraversato più generazioni, e per un ruolo o per l’altro tutti lo conosciamo. E’ un attore di grande talento che ha dato un notevole contributo alla storia del cinema:
Personalmente il film in cui lo apprezzo di più è Kramer Contro Kramer, dove Hoffman suo malgrado si ritrova ad essere un padre single e a crescere suo figlio perché la padre li ha abbandonati sentendosi imprigionata nel ruolo di madre e moglie. Inizialmente i due Kramer papà e figlio dovranno affrontare tutte le difficoltà del caso, essendo stato il tipico padre assente preso solo dal lavoro, ma la bellezza del film sta proprio nel vedere scena dopo scena il meraviglioso legame che i due creano, coordinandosi alla perfezione nel loro quotidiano. Il titolo non vuole solo riprende lo “scontro” padre figlio, ma il Kramer contro Kramer è anche la lotta tra lui e la moglie quando rifà ritorno. I due genitori andranno in tribunale per la custodia del figlio, e anche se lui ama moltissimo il figlio alla fine capirà che un bambino così piccolo ha sempre bisogno della madre. Nel mentre vi consiglio quindi anche questo film, è di un’infinita tenerezza, ed è bello vedere padri che costruiscono sinceri legami con i propri figli.
Tra gli altri suoi lavori vi consiglio:
  • Il laureato (The Graduate), regia di Mike Nichols (1967)
  • Il maratoneta (Marathon Man), regia di John Schlesinger (1976)
  • Kramer contro Kramer (Kramer vs. Kramer), regia di Robert Benton (1979)
  • Rain Man - L'uomo della pioggia (Rain Man), regia di Barry Levinson (1988)
  • Sleepers, regia di Barry Levinson (1996)
  • La giuria (Runaway Jury), regia di Gary Fleder (2003)
  • La versione di Barney (Barney's Version), regia di Richard J. Lewis (2010)

TOOTSIE CONTENUTI DEL DVD

Il DVD, almeno nella versione in mio possesso , va subito detto non contiene contenuti speciali, cosa che poteva essere gradita, magari con qualche scena tagliata, o un dietro le quinte, perciò si ha a disposizione solo il minimo indispensabile, perciò le opzioni lingue:
  • italiano mono, francese mono, tedesco mono, inglese 5.0, spagnolo mono.
    I sottotitoli tra cui scegliere sono davvero un’infinità:
  • italiano, inglese, arabo, bulgaro, cecoslovacco, danese, ebraico, finlandese, francese, greco, indi, islandese, norvegese, olandese, polacco, portoghese, spagnolo, svedese, tedesco, turco e ungherese.
  • La durata del film è di 112’.
  • Formato 16:9.
  • Audio: Dolby Digital.

TOOTSIE: LA MIA OPINIONE SUL FILM

Tootsie è uno di quei classici film che in un modo o nell’altro ritroviamo spesso proposti dal mondo del cinema, dove un gioco di ruoli e personaggi la fanno da padrone, dove ci si può divertire a vedere come un personaggio regge il gioco, evitando di essere scoperto e come è capace di cambiare se stesso.
E’ certamente un film piacevole che rientra nella commedia, ma Pollock tenta di non banalizzare la trama offrendo anche spunti di riflessione tramite il personaggio di Dorothy/Micheal che sa farsi valere fuori e dentro il set, come non accettare tutto passivamente e saper far sentire la propria voce quando è necessario, e cosa più importante che bisogna sempre lottare per il proprio scopo, anche e soprattutto quando questo è difficile.
Micheal come dirà anche in una delle sue battute sta mettendo alla più alta delle prove il suo talento d’attore interpretando non solo una donna, già di per sé difficile essendo un uomo, ma portare questo personaggio ovunque, spingendosi al di fuori della parte per lavorare e continuare a lavorare.
Quando lo vidi da bambina era perché mi divertiva il gioco del travestimento, tutto con molta leggerezza, un uomo che si finge una donna per ottenere una parte, e poi costretto a mantenere il ruolo anche in diverse circostanze. Da adulta l’ho apprezzato proprio per la bravura di Dustin Hoffman, e per la trama in sé, più intelligente e curata rispetto ad altre commedie con protagonisti giochi di ruolo.
Lo consiglio intanto perché se si ama il cinema non si può non guardarlo, è ben scritto, girato e recitato, ha il suo lato divertente, chi almeno una volta nella vita non ha fantasticato di interpretare un nuovo se stesso, e perché semplicemente ne vale la pena, certo poi la soggettività di ognuno di noi dirà la propria.

Buona visione da Eidos!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 242 volte e valutata
92% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Antani91 pubblicata 01/10/2017
    Diamante meritato davvero!
  • flyzmarco pubblicata 18/09/2017
    Complimenti per il diamante!!
  • epizumia pubblicata 18/09/2017
    Ma tu guarda, proprio ieri mi ricordavo di questo film e mi ripromettevo di rivederlo asap! :-) Lo adoro... Hoffman qui è eccelso!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "Tootsie (Dvd)"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Tootsie (Dvd)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Regia: Sydney Pollack - Cast: Bill Murray, Charles Durning, Dabney Coleman, Dustin Hoffman, Jessica Lange, Sydney Pollack, Teri Garr

Caratteristiche Tecniche

Genere: Comico e Commedia

Formato: Dvd

EAN: 8013123097200

Regia: Sydney Pollack

Cast: Bill Murray, Charles Durning, Dabney Coleman, Dustin Hoffman, Jessica Lange, Sydney Pollack, Teri Garr

Ciao

Su Ciao da: 25/06/2000