Opinione su

Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

Valutazione complessiva (182): Valutazione complessiva Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

8 offerte a partire da EUR 6,75 a EUR 9,87  

Tutte le opinioni su Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

 Scrivi la tua opinione


 


3MSC - In arrivo per il 9 febbraio il seguito…

4  23.11.2005 (28.12.2005)

Vantaggi:
Libro che fa sognare…

Svantaggi:
…il risveglio è brusco, la storia è ingiusta

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Contenuti

continua


flymax

Su di me: Diffidate delle opinioni completamente positive. Nessuno è perfetto.

Iscritto da:08.06.2004

Opinioni:136

Fiducie ricevute:10

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 6 utenti Ciao

Finalmente l'ho finito, finalmente sono arrivata all'ultima pagina...per me, è stata una sofferenza, sarò una voce al di fuori dal coro, forse, ma leggere questo libro ad un certo punto è stato come girare un coltello in una piaga...Non c'è stato un motivo preciso, non ho rivissuto un qualcosa, non ho legami particolari con i personaggi, anche se Babi è stato un tempo un mio soprannome, credo che la sofferenza sia dovuto alla storia, che ho ritenuto ingiusta.

Prima di proseguire la lettura, vi avverto che citerò alcuni fatti…se non l'avete già letto, vi rovinerò la sorpresa della lettura…E questo libro va letto d'un fiato, senza conoscerne una riga!
Preciso anche che non sono riuscita a farmi un'opinione precisa, non c'è un "bello" o un "brutto" definitivo per me, c'è solo qualche consiglio e qualche rilievo da fare. Credo sia comunque un libro che merita di essere letto, ma con alcune controindicazioni.

La storia in breve: Babi, ragazza romana di buona famiglia, benestante, ottima studentessa di una scuola privata, tipa tranquilla, un po' timida, non ha mai dato pensieri ai propri genitori. La sua vita scorre tra la scuola, le amiche tutte firmate, le feste in ambienti di lusso, le serate in casa in vestaglia. Step, è un violento, un picchiatore, ha finito la scuola ma non si iscrive all'Università, né lavora, passa le giornate con gli amici al bar, al biliardo, sempre in moto, la stessa con cui partecipa a gare clandestine, sempre correndo, sempre rischiando la vita, per dimostrare di essere vivo.
Due mondi assolutamente diversi, ma finiscono per incontrarsi e innamorarsi. Non è un rapporto semplice, ognuno appartiene al proprio mondo, e come i poli opposti si attraggono, si respingono anche. Eppure si trasformano entrambi. Babi diventa donna, irriconoscibile agli occhi dei genitori, irrequieta, ma innamorata. Step diventa romantico e svela l'origine traumatica del suo essere violento e picchiatore. Il culmine del romanzo è nella loro prima volta, quando assolutamente innamorati, raggiungono insieme il posto degli innamorati, su su…Tre metri sopra il cielo.
Tutto fila liscio finchè…il tempo e l'ambiente esterno non li logora: litigi, discussioni, entrambi disorientati nel mondo dell'altro, l'incomprensione che si scatena tra di loro ogni volta che scendono da quei tre metri…e finchè non muore Pollo, il migliore amico di Step ed il ragazzo di Pallina, la migliore amica di lei, di Babi. Muore durante una corsa finita male, e Step si sente in colpa, perché quella sera era ad una stupida festa nello chic degli amici di Babi…
Qualcosa si rompe in loro…e Babi lo lascia, rudemente, per telefono…E Step si chiede se mai tornerà in quel posto lassù…già conoscendo la risposta.

I primi capitoli sono un'escalation continua di emozioni, l'incontro-scontro dei due protagonisti, la descrizione dei loro diversi ambienti, i loro incontri, gli sguardi intensi, il detto-non detto, le difficoltà con le famiglie e gli amici, le fughe nella notte, fino alla loro prima volta, così tenera e romantica. Il tutto raccontato con un linguaggio semplice, diretto, tipico dei giovani, ma anche estremamente poetico.
Gli ultimi due capitoli invece sono il brusco risveglio della storia, in quelle poche pagine si spiegano troppi avvenimenti, e così repentinamente: la velocità della scrittura però dà il senso della sofferenza che entrambi hanno provato, ed in poche pagine si concentra tutto il succo del romanzo, rivalutandolo.

Non ho un'opinione unica su questo libro, dipende da come lo si guarda.
Per gli adolescenti, è un bell'Harmony, un po' più sostanzioso e senza happy end. Le scene sono bene descritte, sono esattamente le parole che piacciono alle ragazzine per sognare e immedesimarsi in Babi: il bello del quartiere, il duro, il più ambito che sceglie proprio lei, i batticuore che la bloccano, le prime scoperte del sesso, le fughe dal mondo dei grandi, la prima volta...tutto molto ben scritto.
Oltretutto la caratterizzazione dei personaggi è talmente banale, che sicuramente qualcuno vi si riconosce...I personaggi sono abbastanza standard: il bello e tenebroso, l'amico, la studentessa di buona famiglia ma timida, l'amica meno timida, la mamma cattiva, il papà succube della mamma cattiva, il fratello di lui imbranato, la professoressa acida e zitella…

Gli adolescenti però sono ben descritti, e rappresentati con una propria identità, mentre i genitori sono inconsistenti, assurdi, inesistenti, dei "farlocchi" proprio...e questo, non a caso, piace ai giovani perchè rispecchia la loro mentalità ed il loro scontro con la generazione maggiore.
In sostanza, il libro dice proprio quello che i ragazzi vogliono sentirsi dire, senza però insegnarli altro di più.

La storia ha poi dei finti colpi di scena che ci si può aspettare, come la morte del migliore amico di lui che interviene decisivo nel romanzo...C'è sempre qualcuno che muore o sta male nei grandi romanzi! Ed ovviamente non è un happy end....e che che ne dica lo scrittore, ha scelto questa fine perchè così si è tenuto aperto lo spazio per il numero 2 (questa è una furbata che non mi è piaciuta) non perchè "i ragazzi devono imparare che non tutto finisce bene".
Se era grande amore non finiva così...

Ed ecco perché considero la storia ingiusta, non insegna nulla di buono. Non dà una spiegazione plausibile, un'intermediazione tra ragazzi e genitori, non spiega che vi è sempre l'altra faccia della medaglia. E soprattutto dà un'interpretazione errata dell'amore.
I tre metri sopra al cielo non sono un posto esclusivo, si raggiungono sempre, da 12 anni a 90 anni, non è questione di sesso, non è questione di essere incoscienti, giovani e belli, è semplicemente questione di amare sinceramente...allora il cielo è lì, a portata di mano!

Ma poi, si può mollare uno STEP per un ALFREDO??? Solo perchè Step ha visto sua madre tradire il padre e la famiglia, perché non lo ha difeso nemmeno in tribunale? Per questo rimarrà violento a vita? E Babi non era così forte e così innamorata da capirlo? Le piace di più la vita comoda con un Alfredo ricco e tranquillo che arrivare di nuovo tre metri sopra al cielo con il suo Step?

Per il prossimo 9 febbraio è in arrivo il numero 2, si intitlerà "HO VOGLIA DI TE", come anticipa lo scrittore nel suo blog:
http://www.feltrinelli.it/BlogItem?item_id=1087

Se io fossi la Vita, vorrei davvero che andasse così…

"E' passato un anno…E' di nuovo in arrivo il Natale. Le luci sono già accese per le strade, si respira già quell'aria di festa e di shopping sfrenato, ed il freddo si fa più intenso. Non c'è ancora la neve.
Step si guarda in giro, sembrano tutti felici, no, lui non lo è. E' stato un anno duro, di ripresa, di leccarsi le ferite nella propria tana, di raccogliere cocci e pensieri. Si è iscritto all'Università, ma solo per accontentare suo padre, non può diventare un bocconiano come suo fratello Paolo, sarebbe incoerente, come il suo pesciolino, no?
La maggior parte del tempo lo passa da Sergio, il meccanico. Già proprio lui. Sergio non può fidarsi di Mariolino, in questo lavoro ci vuole passione, ma deve lasciare qualcosa a suo figlio. Così lui e Step si sono messi in società ed hanno ingrandito il garage: Sergio ci mette i soldi, e Step il lavoro.
Così adesso hanno addirittura un piccolo "racing team": partecipano alle corse regionali, fornendo assistenza e materiale. Step organizza il tutto, mentre Sergio continua il normale lavoro dell'officina. Ma non corrono.
Step non corre più. Ha ancora la sua moto, non la venderà mai, ma non corre più. Ogni volta che accelera gli si para davanti la faccia di Pollo "Aho, non te scordà de me…"
Pollo, quanto gli manca il vecchio amico. E quanto manca ancora a Pallina, sembra non farsene una ragione. Pallina adesso disegna, è diventata già una fumettista, anche se non ha ancora finito il corso all'istituto di grafica. Ed è riuscita a modo suo a far rivivere Pollo: nelle pagine del suo fumetto, in edicola, si vede un ragazzo col giubbotto in sella ad una moto…ed i tratti del viso sono proprio i suoi. Pallina gli ha anche regalato delle tavole originali, le ha appese in camera.
E l'amore? No, non ha più toccato quei tre metri, le storie si susseguono, banali ed insipide, ma non ha più ritrovato la sua Babi…

Babi vive con Daniela, sua sorella. Sono riuscite a convincere i genitori che per studiare meglio Babi aveva bisogno di tranquillità, così hanno un piccolissimo appartamento per conto loro. E Raffaella può invitare ogni sera i suoi amici a casa per il bridge. Tanto va a trovarle ogni giorno, le chiama almeno tre volte al telefono e gli rifornisce sempre il frigorifero. In fondo, sono ancora a casa.
Daniela sta ancora con Palombi, ed è una tragedia per Babi e la bolletta del telefono.
Babi sta ancora con Alfredo, anche se…Forse l'amore maturo e consapevole è proprio così, a volte piatto e noioso, forse è solo il periodo di intenso studio di Babi, o forse il primo lavoro di Alfredo che come laureato deve fare gavetta e mettersi in vista. Lavora in uno studio associato di avvocati, e si sa, la concorrenza è dura all'inizio.
Babi studia talmente tanto che non ha più tempo per le amiche…nemmeno per Pallina, ammesso che si possano dire ancora amiche. Sono talmente cambiate entrambi, che quando si trovano, non riescono nemmeno a conversare del più e del meno.
Un anno di cambiamenti, un anno di domande: ma davvero non tornerò più lassù, sopra il cielo?

7 dicembre. Domani è festa e Babi non vede l'ora di tornare a casa stasera. Speriamo che Dani sia tornata ed abbia preparato qualcosa.
Ha talmente fretta che ha acceso tutto d'un fiato l'auto, senza aspettare tutte le spie del cruscotto…e adesso il motore fa uno strano rumore. Forse è il gelo della serata.
Certo che Cat abita proprio lontano. Si sono trovate per scambiarsi gli appunti di due diversi esami, non pensavano di fare così tardi, e adesso si ritrova in questa parte della periferia che non conosce, sperando di non perdersi.
O di rimanere a piedi. Semaforo rosso e Babi scala le marce e frena, ma la Polo non ci sente, non tiene il "minimo" come ha detto papà, accidenti, si spegne. Calma. Babi riprova, questa volta aspetta tutte quelle spie colorate, dai forza, il motorino d'avviamento ci prova, ma il motore non si accende. O cavoli. Riprova ancora. Niente.
Uffa. Aspettiamo un po', magari passa. Chiama Dani.
"Ciao, sono in ritardo."
"Di quanto?"
"Non lo so. L'auto mi si è fermata. Non parte più.
"Come non parte più?? Chiamo papà che ti venga a prendere, dove sei?"
"No lascia stare, che poi mamma si agita e ricomincia con la solita storia…Vivere da sole non vi fa bene eccetera eccetera…Se non parte, chiamo l'aci e ti richiamo, ok?"
"Sei in un posto sicuro almeno?"
"Si, si", fingendo sincerità.

Suona il telefono in officina. Step è rimasto ancora lì da solo, a preparare la moto di Simone per domenica. Chi cavolo sarà a quest'ora?
"Step? Meno male che ci sei. Ho bisogno di un favore urgente."
"Dimmi Luca, se posso…"
"Ho un'altra chiamata aci in corso, ma stasera ho tutti i carri fuori, tutti stasera rimangono bloccati! Mi scoccia perdere la chiamata…non puoi andare tu? Ti passo tutta la riparazione…"
"Non sono autorizzato, poi Sergio mi mena."
"Dai, me la sbrigo io con Sergio, che poi avanzo un pezzo di ricambio da lui. Eppoi è una ragazza…non puoi rifiutarti!"
"E ti pareva…Vabbè, dammi l'indirizzo, va".
"Grazie, avanzi una birra"
"Facciamo due"

Step si infila il giubbotto, il cappellino con il marchio del team e sale sul furgoncino col gancio da traino. Speriamo bene.
Segue le indicazioni di Luca, per una Polo grigia…ma dove cavolo si è bloccata questa? Ad un semaforo?
Ferma il furgone proprio davanti all'auto, con gli indicatori di pericolo accesi.
Scende e va dietro al furgone, per prendere il gancio.
Nel frattempo la ragazza scende dalla Polo.
"Buonasera. Per fortuna è arrivato. L'auto non parte più. Non so perché."
"Buonasera" ancora di spalle.
"Beh, faccio io un tentativo e se non parte l'aggancio".
Si gira. Oddio. Quello sguardo, quei capelli…E' lei.
Trattiene il respiro per mezzo secondo, sospeso nel vuoto, un dolore antico riaffiora. Poi il cuore batte all'impazzata, sempre più forte.
Se solo facesse silenzio, sentirebbe un altro cuore lì vicino, battere ancora più forte del suo…"

Questa è solo una mia interpretazione, magari a qualcuno piacerà.
Leggetelo ascoltando "Incantevole" dei Subsonica...fa più effetto.

Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
LYA77

LYA77

24.04.2006 12:38

...bravissima, avvero....è il seguito che sarebbe piaciuto a tutti..

hope83

hope83

23.11.2005 20:29

deve esserti piaciuto proprio tanto il libro... Sai a volte sono proprio i finali "ingiusti" che ci fanno rimanere una storia nel cuore. Io non credo che ci sarà un Happy End neanche nel secondo libro perchè sarebbe un pò scontato no? E poi ti immagini Step e Baby sposati, con dei bambini e che invecchiano insieme? Io no! Cmq complimenti, davvero una bella opione e soprattutto originale.

bessa75

bessa75

23.11.2005 14:19

ne sto prenotando un po' per Natale da regalare!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento
Compara i prezzi ordinate per Prezzo
Ragazzi #oltre i 13 anni Moccia Federico

Ragazzi #oltre i 13 anni Moccia Federico

Tre metri sopra il cielo

€ 7,50 Lafeltrinelli.it 53 Valutazioni

Costi di sped.: Disponibile

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Lafeltrinelli.​it

Tre metri sopra il cielo Federico Moccia

Tre metri sopra il cielo Federico Moccia

Tre metri sopra il cielo, il Libreria dei ragazzi di Federico Moccia edito da ...

continua

€ 7,65 Inmondadori.it 35 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,90

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Inmondadori.​it

Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

Tre metri sopra il cielo ​(Federico Moccia)

Pagine: 319, Edizione: Feltrinelli, Copertina flessibile, Feltrinelli

€ 8,50 amazon.it libri 481 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,80

Disponibilità: Generalmente spedito in 24 ore.​.​.

     Al negozio  

amazon.​it libri



Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia) è stata letta 3375 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (25%):
  1. LYA77
  2. bessa75

"molto utile" per (63%):
  1. Vito77
  2. Minik
  3. epy
e ancora altri 2 iscritti

"utile" per (13%):
  1. hope83

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.